(Esibizionismo libero) Fare l'amore in luoghi pubblici, credo sia una fantasia di molti, e credo qualcuno questa fantasia la abbia pure realizzata, magari scopando in luoghi pubblici ma appartati, vie, angoli dei strada affollati, bagni pubblici, o semplicemente in parchi e spiagge. Io feci molto di piu, con la complicita' di un'uomo maiale di nome Guido di sessantacinque anni, siamo riusciti a divertirci come matti, sfidando il pericolo di un'arresto per atti osceni in luogo pubblico. Conobbi Guido, in una delle mie mille avventure notturne, quando d'estate, fa troppo caldo per riuscire solo a dormire la notte, e allora si esce per una passeggiata rinfrescante. Le mie passeggiate d'estate sono state molte, specie notturne, e non mi sono mai fatta mancare qualche avventura. Fu durante una di queste avventure notturne, che conobbi quest'uomo Guido, un vero maiale come piaceva a me. L'uomo ha subito avuto una buona intesa con me,ci siamo trovati come si dice in questi casi, e abbiamo deciso di avere una storia. A quel tempo, mi mettevo insieme a chi unque senza problemi, chi se ne fregava se poi le storie, finivano nel giro di pochi mesi o poche settimane, l'importante era godere insieme finche' fosse durata la relazione. Una di queste relazioni, fu appunto con quest'uomo sessantacinquenne, amante dell'esibizionismo come me. Ci incontrammo in un parco della mia zona, facemmo l'amore su una panchina e da quella notte per circa un mese esatto, ne combinammo di ogni. Scopare davanti la gente che ti guarda eccitata, e una cosa incredibile, e ti da un piacere mai provato su questa terra. Ci organizzammo dunque, e decidemmo, dato di giorno lui lavorava, di incontrarci solo di notte, e di fare l'amore dove capitava. Come primo logo per il via, decidemmo il posto dove ci eravamo conosciuti, la strada battuta da auto del mio quartiere di Baranzate.

Io con addosso il mio intimo di ricorrenza, reggiseno nero a coppe dure, un perizoma nero striminzito che poco o nulla copriva, calzea rete nere autoreggenti con reggicalze sempre nere, lunghi capelli sciolti biondi lisci, truccata bene non pesantemente sul mio bel visetto da bimba, ai piedi, zoccoli di legno a zeppa alta neri unghie di mani e piedi ben smaltate di rosso. Il mio uomo invece, aveva indossato solo un paio di calzoni corti e una canotta dato il caldo non c'era problemi a girare a quel modo, ai piedi un paio di ciabattone da mare. Non proprio elegante, ma adatto a cio che dovevamo fare. Ci siamo dunque messi dietro un'edicola chiusa che c'era al lato sinistro dell'incrocio proprio dove il semaforo fa stoppare le auto, e all'arrivo delle macchine da lontano, ci siamo dati da fare, l'uomo si e denudato completamente restando con addosso solo le ciabatte, io in intimo, ci siamo messi contro la salacinesca abbassata dell'edicola, in bella vista degli automobilisti li fermi allo stop, a gambe larghe braccia tese contro la saracinesca, ho lasciato che il mio uomo, mi dimostrasse tutto il suo amore davanti a tutti. Mi allargo' le natiche con le sua manone calde e sudaticcie, e me lo infilo' dentro con un solo colpo, facendomi sobbalzare in avanti, mentre il suo bel cazzo grosso e duro, mi apriva in due il culo entrandomi dentro e scivolando unto di vaselina. ho sospirato e goduto forte, mentre Guido, iniziava a stantuffarmi avanti e indietro, voltai la testa per baciarlo in bocca, e con la coda dell'occhio, guardavo le poche auto li ferme ad attendere il semaforo verde e gli uomini all'interno che erano incollati a noi con lo sguardo. Erano cosi' presi, che qualcuno, rimase fermo anche dopo il verde. Io godevo come la puttana che ero, mentre il mio amore, mi dava la sua prova piu bella davanti ad altra gente. la coda di auto inizio' ad allungarsi, e qualcuno suono' anche il clacson suppongo per dire agli altri di spostarsi. fu bellissimo venire sfondata in culo mentre altri osservavano allo stop. udo, che iniziavano a farmi succhiare i loro cazzi e a scoparmi a turno tenendomi bene occupata. Fu una notte lunghissima, che passammo quasi tutta in strada, a tratti ci nascondevamo dietro qualche Camion li parcheggiato, per riprendere fiato, e per non farci beccare da qualche pattuglia di passaggio. Poi tornavamo immezzo la strada a fare i maiali. Guido ebbe un'idea niente male, mi fece salire in auto con lui, andammo al semaforo stoppandoci al rosso, scendemmo dall'auto, e a gambe larghe, sdraiata a pancia sotto sul cofano caldo della sua macchina, mi inculo' nuovamente, mentre altre auto si affiancavano e accodavano aspettando il verde, godendosi lo spettacolo che gli offrivamo. Fu meraviglioso, godere inculata dal mio uomo, davanti a tutti quelli che si fermavano al semaforo e fu meraviglioso anche, ascoltare la melodia di clacson che approvava il nostro amore. Fui riempita di calda sborra, e feci il pieno di cazzi in una sola nottata.

Attendemmo qualche giorno prima di avventurarci nuovamente di notte per fare altre scopate. Due giorni dopo, decidemmo di prendere il Bus alla fermata di Via Grassi a Roserio a Baranzate. Io sempre con il mio completino intimo, coperta stavolta da un lungo spolverino in pelle lucida, e da degli stivaloni lunghi fino a meta' coscia, con la zeppa, e il mio uomo, soliti pantaloni corti maglietta a mezze maniche e scarpe di tela leggere. Ci sedemmo e attendemmo la partenza del mezzo dal capolinea. Ero eccitatissima come la volta scorsa, e avevo il cuore che mi batteva a mille, mentre il mio uomo, era tranquillissimo e mi sorrideva baciandomi. salirono due senegalesi credo, che mi fissarono prima di sedersi ai loro posti poco distanti da dov'eravamo noi. Li guardai, erano mulatti, alti e magri, vestiti con della roba sporca pantaloncini e maglietta, uno aveva in testa un berretto con visiera. Tornai a baciare il mio Guido, tenendoli d'occhio con lo sguardo. Non ci muovemmo subito, ma facemmo un po di percorso come due passeggeri qualunque, data la tarda ora, fortunatamente non saliva molta gente, e le fermate furono poche e rade. Gli unici passeggeri a parte noi due, erano quei due senegalesi che continuavano a fissarci borbottando nella loro lingua straniera, ma non li considerammo molto. Ero in trepida attesa del segnale del mio uomo, per fare l'amore con lui. Iniziavo ad eccitarmi troppo e avevo una voglia matta di cazzo da soddisfare. Guido sorridendomi e baciandomi piu volte, mi disse ccdi calmarmi che a breve avremmo iniziato il nostro rapporto, voleva solo essere sicuro che non ci mettessimo nei guai. Una volta accertato che tutto era come doveva essere secondo lui, L'uomo mi diede il via finalmente. intanto era salita altra gente, altri ragazzi di colore questa volta neri, e tre signori anziani. Mi alzai dal mio posto, per sedermi sulle ginocchia del mio uomo, sbottonandomi lo spolverino, e baciandolo appassionatamente.

Gli occhi dei passeggeri erano tutti su di noi, compresi i tre signori anzianotti, e questo mi mandava fuori di testa dal piacere. aiutata anche dal mio uomo, facemmo scivolare giu lo spolverino, rimanendo con addosso solo l'intimo, sempre seduta sulle gambe del mio uomo, baciandolo sulla bocca e con le braccia attorno al suo collo. L'tmosfera inizio' subito a scaldarsi, e le voci dei passeggeri iniziavano a farsi sentire, i ragazzi senegalesi che borbottavano tra di loro e ridevano, e i tre signori anzianotti, che commentavano alla loro maniera, ricordo uno dei tre dire in un milanese che non so trascrivere: "Robe de matt, non ghe miga piu pudore ne... te li che adess se l'ingroppa." sempre piu eccitata da tutto questo, ho tirato fuori il cazzo di Guido dai boxer gia bello duro, e ho iniziato a masturbarlo piano, mentre lui faceva altrettanto con il mio tirandolo fuori dal perizoma, senza smettere di baciarci ovviamente. Tutto sotto gli occhi degli altri, mentre il Bus proseguiva la corsa e senza che l'autista dicesse nulla. Passammo a fare sul serio, scesi dalle gambe del mio uomo, mi misi con le mani ben serrate sul corrimano vicino la macchinetta obliteratrice dei biglietti, allargai le gambe, e attesi che Guido, si alzasse, posizionandosi proprio dietro di me, abbracciandomi con entrambe le braccia attorno alla vita, e spingendo il suo cazzo duro tra le mie chiappe. Sentii uno dei vecchietti borbottare: " Tel li che la ciula..." ma lo disse credo in modo non offensivo, lo guardai e vidi che mi sorrideva, quindi non davamo affatto fastidio, non davamo fastidio nemmeno al gruppetto di ragazzoni extracomunitari, che erano molto interessati e si godevano la scenetta scherzando e facendo immagino, battutine nella loro lingua ma che non capimmo. Tornai con la testa al mio uomo, che mi stava dando la sua seconda prova d'amore, mentre il suo bel cazzo mi si infilava nel culo, gemetti e sospirai forte. Inizio' a stantuffarmi avanti e indietro senza sosta facendomi morire dal piacere. Fu davvero spettacolare, mentre ora il Pullman faceva una breve fermata, facendo salire altra gente. Salirono dei ragazzi italiani di circa trent'anni, che rimasero subito rapiti e stupiti, da cio' che videro. Il mio Guido ci stava dando dentro a farmi godere pompandomi il suo bel cazzo dentro e fuori di continuo, e facendomi gemere a ripetizione. Mi stava dando una grandissima prova d'amore, avrei potuto anche sposarlo in quel momento. Presa com'ero da tutto quel piacere, tenevo un po aperti un po socchiusi gli occhioni guardandomi intorno, e vedendo i passeggeri a loro volta osservarci interessati. Specie i due ragazzi saliti da poco, si avvicinarono chiedendoci se avevamo bisogno di aiuto. uno di loro due si era messo una mano nella patta dei pantaloni, tolsi una manina dal corrimano a cui mi tenevo aggrappata, e accarezzai il rigonfiamento dei pantaloni del ragazzo con la mia manina dalle unghie smaltate. I due ragazzi senza attendere la nostra risposta, di loro iniziativa, mi hanno messo i loro cazzi in mano per farsi masturbare, mentre il mio amore mi scopava a sangue di continuo, e senza sosta. Fu meraviglioso, perche' feci sborrare i due ragazzi in pochi minuti solo con la mia manina, prima che uno dei tre vecchietti, iniziasse a lamentarsi con l'autista, si alzo' e con un vocione da isterico, inizio' a sbraitare che era una vergogna, l'autista non vedeva cosa stavamo facendo? temendo il peggio, Guido decise di fermarsi, stava diventando troppo pericoloso, schiaccio' il bottone della fermata, dicendomi di ricompormi in tutta fretta, che saremmo scesi al volo. Agevolati anche dall'autista che fece lo gnorri, fingendo di non vedere ne di sapere cosa avevamo fatto fino ad ora li dietro. Ci apri' le porte e scendemmo di filata, con addosso solo l'intimo, e lo spolverino sul braccio sinistro, tirata per la mano destra dal mio uomo, filammo a naconderci da qualche parte, mentre l'autobus ripartiva, potevamo ancora sentire le risate dei ragazzi di colore, e le urla del vecchietto che brontolava. Ridemmo pure noi, la situazione da eccitante, era diventata assai comica. Ci siamo nascosti dietro un viottolo, al riparo da lampioni e vie di passaggio. Ci baciammo stretti stretti abbracciati, sborrai e sporcai i pantaloni corti del mio uomo. Ero cotta di lui, lo amavo davvero alla follia, o forse non amavo lui, ma amavo il cazzo suo, come quello di tutti gli uomini con cui sono stata

Fu un'esperienza unica, due uscite notturne, due scopate due sborrate. anche se questa volta non avevo fatto il pieno di cazzi come la volta scorsa per la strada, fu comunque un'esperienza davvero fantastica che non ho mai piu dimenticato. Io e Guido, restammo insieme come gia detto, un mesetto giusto giusto, combinandone altre, e risciando una sola volta l'arresto. Ma ci ando' bene e la facemmo franca. La nostra storia termino' a fine estate, una volta terminato il periodo, io ricominciai a lavorare e ci perdemmo di vista. Come sempre vi invito a scrivermi non sul portale ma su Telegram per scambiare opinioni al contatto @ChrisFemboy
Visualizzazioni: 2 482 Aggiunto: 3 anni fa Utente: