Marta ed il nostro incontro.
Mia moglie fin da quando l’ho conosciuta, ( aveva ventun’anni) era il 27 aprile 1991. non ha mai preso in considerazione mutandine e reggiseno, da quello che mi aveva detto ha smesso di usare la biancheria intima già dai 14 anni, i pantaloni per lei erano tabù, li detestava, comunque quando l’ho conosciuta, (in discoteca), indossava una specie di pantalone che sembrava più una gonna lunghi fino alla caviglia, aperti sui fianchi fino alla vita, leggermente sovrapposti, semitrasparenti, una camicetta della stessa fantasia, quasi trasparente, (s’intravvedevano i capezzoli), ballava sempre attorniata da molti ragazzi, non è molto bella ma molto sexi, anche io ballavo sempre con diverse ragazze. Una sera mise gli occhi su di me, e … non mi mollò più, vestita in quella maniera, fu facile per lei accalappiarmi, quando era davanti alle luci, si vedeva tutto, le sue curve, quello che aveva in mezzo alle gambe. Cominciammo a frequentarci da subito, mi eccitava averla vicino sapendo che non portava mai l’intimo, aveva convinto anche me a non farlo, una sera di giugno eravamo andati a Lignano a cena, finito eravamo andati in spiaggia a passeggiare, ad un certo punto disse: allora cosa aspetti. Io non capivo cosa volesse, continuò: sono qui mezza nuda per te e non mi metti le mani addosso?
Aveva lo stesso vestito della discoteca, mi prese e mi baciò a lungo subito con bacio alla francese palpandomi il cazzo e … tirandolo fuori.
A quel punto infilai le mani dentro a quella specie di pantaloni e cominciai a palpare il culo, la fica, le tette, la sditalinai, era vergine, nel giro di mezzora non lo era più, scopammo per quasi tutta la sera, incuranti che ci vedessero. Da quel giorno lo facemmo ogni giorno per 5 mesi. A qualsiasi ora e dove capitava, il suo abbigliamento abituale era” minigonna o gonna lunga con spacchi fino alla vita, camicette trasparenti o a rete, nient’altro, in inverno quando si andava in montagna, indossava una tuta da sci bianca, sotto niente, logicamente si andava a mangiare, da quelle parti, lei come si sedeva, apriva le cerniere, che potevi farlo da entrambi i sensi, aprendo quella sotto, si poteva vedere il pelo quando ce lo aveva, altrimenti si vedeva il monte di venere rasato, ( e… faceva vedere volentieri), quando abbassava quella sopra, faceva intravvedere le tette ai camerieri, è sempre stata una esibizionista senza pudore, quando avendo avuto la prima figlia ed eravamo al mare, lei … candidamente si piegava per vedere della bambina mostrando a chi stava dietro tutto il panorama, ricevendo apprezzamenti di ogni genere, ( anche … qualche palpata), le situazioni la eccitavano molto, non per niente l’ho sposata, siamo andati avanti così fino ad ora e continueremo.
Prima di sposarci e dopo averla sverginata, ha fatto sesso con dei miei amici, suoi amici, anche con sconosciuti a cui aveva fatto preventivamente vedere le sue grazie, in maniera accidentale, ( per dire il vero l’ho iniziata io a questa pratica, anche se non me lo aveva mai detto, avevo capito quali erano le sue intenzioni, io l’ho solo spinta un po’). Qualche rapporto occasionale è stato consumato anche dopo il matrimonio. Essendo esibizionista, e … non indossando intimo, durante il pranzo, dei matrimonio, quando era sicura che avrebbero visto solo i maschi giovani, (sapevano che sarebbe arrivato questo momento) trovato un posto tranquillo, ( il vestito da sposa era pantaloni e giacca), abbassava i pantaloni mostrando le sue grazie che potevano fotografare a loro piacimento, anche particolari molto sexi e succinti (primi piani). Alla fine della festa, c’era una lotteria riservata a quei maschietti, il vincitore, l’avrebbe scopata prima di me, il caso fu’ che toccò ad un suo cugino che non si tirò di certo indietro. Lo fece nel nostro appartamento, doveva andare avanti fino a mezzanotte e due minuti.
Vi chiederete come faceva col ciclo, le mettevo e … lo faccio tuttora il tampax, ha deciso fin da subito che quello sarebbe stato un mio compito, all’inizio non mi piaceva molto farlo, ma poi.. ho fatto l’abitudine ed ora è una cosa come un’altra, quando sta male ( influenza od altro ), la pulisco io quando va in bagno, facciamo la doccia sempre insieme, ( veramente la pulivo già da tempo, anzi fin da subito anche quando stava bene). Si eccita sempre molto quando delle mani le toccano fica e culo.
Un paio di anni fa, le venne un’idea che mi eccitò molto, prese delle mutandine da donna e … cominciammo ad indossarle entrambi metà giornata ciascuno, poi ce le scambiavamo. Lo facciamo tuttora, le portiamo per tre giorni, poi si ricomincia.
Per i primi vent’anni abbiamo praticato anche il nudismo, dove capitava, in montagna, nei prati, ovunque riuscissimo a farlo, anche dov’era pericoloso, di notte in spiaggia, si eccitava molto all’idea che potessero vederla, era la cosa che la eccitava maggiormente. Un’estate l’ho portata sul Tagliamento dove vanno i nudisti, così era sicura che tanti altri avrebbero visto le sue parti intime, in spiaggia mostrava e mostra sempre le tette. Quando andavamo in giro in barca, era sempre nuda, spesso altri natanti si ancoravano vicino a noi per guardarla a lungo, lei faceva di tutto perché si potesse vedere la figa ed il buco del culo.
Continua tuttora a mettere in mostra dove può, la fica depilata ed il buco del culo, va matta quando le appoggiano il dito sul buco e … magari lo infilano dentro, un paio di mesi fa, mentre eravamo in compagnia di un nostro “amico” a bere un aperitivo, ex gestore del locale che avevamo, lei gli ha detto: se m’infili un dito nel culo, ti faccio un pompino. Io e lui ci siamo guardati, non ci aspettavamo una richiesta del genere in quel contesto, allora gli ho detto: accontentala. Usciti e trovato un posto idoneo, il dito entra velocemente nel culo, immancabilmente l’altra mano finisce sulla figa che masturba energicamente, infilando due dita, poi ..tre, lei dice: piano, non avere premura, se avrai pazienza … potrai infilarmi anche tutta la mano. Così è, le fa avere un forte orgasmo, inaspettatamente finiscono a fare un bel 69, lui alterna il leccare la figa a penetrarla con le dita, intanto lei succhia avidamente il cazzo.
Una cosa che a lei piace molto e me lo fa fare da quando ci siamo conosciuti, è … andare a mangiare ciò che mette sulla e nella figa e sul buco del culo. Penserete che sia pulita quando lo fa e invece … no!
Le condizioni possono essere le più disparate, potrebbe essere appena stata in bagno, non lavarsi da un paio di giorni, o più, quando le gira, si mette il cibo sul corpo ed io vado a mangiare, poi logicamente la lecco bene. Fin da subito, le ho manifestato i miei desideri, tra cui, bere la sua pipì, pulirla dopo aver fatto i bisogni, (con la lingua). Pertanto quando si mette il cibo addosso, dopo aver fatto i bisogni non è … capito? All’inizio era riluttante, non tanto per pulirla con la lingua, (anzi), quanto nel farmi la pipì in bocca, ma nel giro di un mese, era ormai abituata tanto da esigerlo. All’inizio me la faceva ogni volta che aveva bisogno, pertanto diverse volte al giorno, adesso accetta di farla solo ogni due, tre giorni. Prima di sposarci, lo faceva anche davanti agli amici, qualcuno si eccitava qualcun altro, non piaceva la cosa. Dimenticavo, le piace prendere il mio cazzo in bocca specialmente quando è poco pulito, dice che il sapore la fa impazzire, la lascio fare finché vorrà. Però … accetta di prenderlo in quelle condizioni solo se è il mio, dice che io e lei siamo una cosa sola, pertanto è giusto che possiamo usufruire dei nostri umori più intimi, non ci devono essere limiti, qualsiasi sapore abbiano, dimenticavo, mi lecca spesso il culo, anche quando non è molto pulito, il mio sapore è come una droga per lei.
Piuttosto che farsi scopare, preferisce farsi frustare nella figa e sul buco del culo, queste cose le fanno avere diversi orgasmi. Fin da quando l’ho conosciuta, ha sempre asserito di essere stata violentata dal suo ex e dagli amici, ma … quando l’ho presa per la prima volta era vergine, pertanto penso sia stata una frottola, non ho mai potuto constatarne la verità o la falsità.
Visualizzazioni: 3 006 Aggiunto: 3 anni fa Utente: