La storia che vi racconto è realmente accaduta nel 2012, e per privacy modifico leggermene i nomi.
Mi scuso se non scriverò in Italiano perfetto, a scuola non me la cavavo molto bene, ma ci tenevo a raccontare questa bella avventura che mi è realmente capitata.
Mi chiamo Simone ho 42 anni, abito in provincia di Lodi, ai tempi della storia ne avevo 36, sono un appassionato di nuoto, non ho gli addominali scolpiti, ma comunque un bel fisico.
Come ho già detto, tutto inizia nell’estate del 2012, ai tempi lavoravo a Capo Verde come responsabile ti un tour operator in un villaggio, ma la mia esperienza nei villaggi risaleva a molti anni orsono, a quando avevo 20 anni e avevo fatto una stagione in un Venta club a Santo Domingo, mi sono divertito molto, ma poi tornato a casa, mi sono fidanzato con una ragazza e ho trovato il tipico lavoro fisso da impiegato! Tutto fino al 2011, quando dopo un mega fidanzamento la mia storia d’amore è finita e un po’ esaurito ho lascito il mio lavoro ed ho deciso di ripartire per i villaggi turistici, per divertirmi ancora un po’ e dimenticare la mia ex il prima possibile.
A parte questa dovuta premessa, vi racconto questa storia…
Era luglio del 2012 e come ogni mercoledì mattina, mi recavo all’aeroporto dell’isola di SAL ad accogliere i villeggianti provenienti da Milano, dare loro il benvenuto, consegnare i documenti ed accompagnarli al villaggio.
Quella mattina, ho notato subito due belle ragazze dalla carnagione mediterranea che si assomigliavano molto, ma vedendo il loro cognome nella lista, mi sono accorto subito che erano due sorelle dell’est, erano rumene, Antonia la maggiore 28 anni e la sorella minore Alina 26 anni.
Due belle ragazze, anzi Antonia era veramente un gran figa, alta circa 170/175 cm mora con gli occhi azzurri, mentre Alina un po’ più bassina circa 165/170 cm mora occhi marroni e carnagione scura.
Antonia, è molto socievole e attacca quasi subito bottone, ma fin li niente di che.
Alla sera ci troviamo con i colleghi e i villeggianti per il solito brieefing di benvenuto, per parlare delle escursioni e le solite cose del villaggio, si presenta solo Antonia, vestita con dei  shorts in jeans cortissimi, canottiera bianca che metteva in vista il suo bel seno e sandali alti che la facevano sembrare proprio una cavalla, il capelli li aveva legati a coda di cavallo! Varante una mega figa, e io e i miei colleghi non possiamo che notarla.
Dopo la consueta riunione andiamo come al solito al Bar del villaggio e la prima sera non esce quasi nessuno dal villaggio.
Ad un certo punto della serata, mi si avvicina Antonia e con mio stupore comincia ad attaccare bottone…
Cominciamo a parlare delle solita cose tipo il volo, villaggio, bar, poi entriamo più nel personale e mira racconta che abita in provincia di Varese è sposata da un paio di anni con un Italiano e lavoro in un negozio di abbigliamento.
Gli chiedo come mai non fosse li con il suo maritino, e lei mi racconta che il motivo del viaggio era quello di far un po’ divertire sua sorella, ha cominciato a raccontarmi che Alina era con il suo ragazzo da circa 7 anni da quando appena arrivata in Italia, lui non si comportava molto bene, ma la cosa più grave che ogni tanto la tradiva con qualche altra ragazze e lei ci stava veramente male perché era innamorata persa di lui.
Non vi racconto tutti i particolari, se no il racconto durerebbe 20 pagine, poi a tarda sera e qualche cuba libre, era circa mezzanotte, mi ha fatto una richiesta che da una sorella non me lo sarei mai aspettato! Mi ha detto “ Perché non ti scopi mia sorella?” “ Voglio far si che capisca che nella vita può fa a meno del suo ragazzo e voglio che lui lo sappia e capisce cosa si prova ad essere cornuto!”. Io al primo momento rimango un po’ allibito dalla richiesta, non mi era mai capitata una richiesta così diretta, ma ho capito che non scherzava, poi mi ha raccontato che Alina era andata a letto solo con due uomini, il suo attuale ragazzo e il suo primo amore a 16 anni in Romania.
Lei mi dice che è una bella ragazza e che mi avrebbe aiutato!
Ci salutiamo e andiamo a letto a dormire.
Ero rimasto un po’ allibito dalla richiesta, onestamente non mi era mai capitato che una ragazza mi proponesse così direttamente di portarmi a letto la sorella.
L’indomani vado a bermi un caffè a bar della piscina, inizio il turno alle 11, mi vedo arrivare le due sorelle tutte e due in costume a perizoma, Alina la sorellina più puritana lo indossava leopardato, mentre Antonia lo indossava, micro perizoma nero.
Antonia ha un seno fantastico, probabilmente rifatto, mentre Alina una seconda scarsa me un culo da favola.
Mi siedo vicino a loro e Antonia mi presenta subito la sorella e mi accorgo subito che è simpatica e socievole.
Parliamo un po’ e mi racconta che gioca a pallavolo (il culo lo dimostra) da circa 7 anni, lavora come operaia in una ditta di elettrodomestici in provincia di Varese, sono tre sorelle, lei è la seconde, poi c’è Luisa che ha 23 anni e un po’ delle solita cose per attaccare bottone.
Ci diamo l’appuntamento la sera al ristorante e Antonia mi dice, “dai porta anche un amico…”
Mi presento con Roberto, mio collega e compagno di stanza, un bel ragazzo di 26 anni, molto sportivo fisico scolpito, simpaticissimo, immaturo e con il.
Le ragazze si presentano con il solito ritardo tipico delle donne alle 21, Antonia con shorts bianchi, mogliettina scollata nera e sandali con tacco, Alina con shorts in jeans cortissimi a vita alta, canottiera bianca, sandali alti neri e tutte e due truccate in modo perfetto e soprattutto senza reggiseno, con capelli legati a codardi cavallo, veramente due fighe…
Soliti saluti e convenevoli, ceniamo insieme e andiamo allo spettacolo in teatro, io a Simone avevamo una parte. Quindi ci diamo appuntamento al bar al piano superiore.
A mezzanotte le ritroviamo al Bar e cominciamo a parlare, ad un certo punto attorno all’una e dopo un paio di cuba libre Antonia invita Roberto a fare quattro passi, e rimango solo con Alina.
Finalmente riusciamo star soli a parlare tranquillamente anche di qualcosa di serio.
Io gli racconto della mia disastrata vita sentimentale e a qual punto e dopo una altro cuba libre lei comincia a parlarmi della sua vita privata.
Mi racconta de suo ragazzo, che si chiama Carlo è un Italiano suo coetaneo, mi dice che sta bene con lui, ma ogni tanto la cornifica, gli ha già perdonato quattro scappatele, ma m’ultima che gli ha fatto era veramente grossa, ha scoperto che era circa due mesi aveva una storia con una sua amica di pallavolo e la cosa l’ha fatta veramente sta male,  questo viaggio glie lo aveva organizzato la Antonia per farla staccare un po’, perché era un mese che era sempre in casa a piangere.
Mi ha raccontato che era innamoratissima di lui, che in quasi 7 anni di relazione, non lo aveva mai tradito, ma era arrivata ad un punto che non sapeva cosa fare!
Antonia continuava a dirgli di lasciarlo….
Io gli ho raccontato ancora un po’ di me, e come si dice mal comune mezzo gaudio!
Ho passato una bella serate e attorno alle 2,30 ci siamo salutati e siamo andati a dormire.
Torno in camera e trovo Roberto che mi racconta che con la sorella sono andati a fare quattro passi e che ha concluso la serata con una bella limonata.
Il pomeriggio del giorno successivo, dopo il mio solito turno al ricevimento, mi trovo le due sorelle sempre in perizoma, questa volta Alina in azzurro e Antonia leopardato.
Mi siedo vicino a loro e dopo 10 minuti vado con Alina a bere un caffè al bar della piscina, parliamo un po’ e alle 16,00 mi chiamano perché devo giocare a beach volley, colgo l’occasione e invito Alina a giocare con me!
Lei all’inizio è restia, poi io insisto e lei mi dice che non è vestita in modo adatto.
Immediatamente gli recupero una canottiera arancione con il logo della squadra e la convinco a giocare.
A pallavolo se la cava veramente bene, ma vederla saltare e giocare in perizoma era una scena fantastica… veramente un culo da favola! E non ero l’unico io a notalo.
Vinciamo la partita, tutti e due accaldati e sudati ci tuffiamo in mare!
Nuotiamo un po’ insieme, continuiamo i nostri discorsi seri e ci diamo appuntamento per la sera nel dopo spettacolo.
La sera me la vedo arrivare con un vestitino a tubino bianco e rosa, con sandali altissimo, capelli a cosa di cavallo. Si siede in prima fila con quella gran figa della sorelle, anche lei vestita da gara, e la cosa bella che essendo in prima fila si intravedevano le mutandine bianche.
Ci troviamo al solito bar, usciamo a bere qualcosa a Santa Maria, e viene anche sua sorella Antonia  e Roberto.
Facciamo le due di notte, ma anche quella sera va in bianco… mentre il mio amico con la sorella hanno praticamente limonato tutta la sera.
Mi sentivo sempre più preso da lei, per più motivi, il primo è che mi intrigava veramente molto, in più conoscendola sempre di più, mi piaceva veramente anche come ragazza.
Il giorno successivo non la vedo in spiaggia, ma c’è solo Antonia, mi avvicino e mi dice che è rimasta in camera e che aveva avuto un po’ di problemi di pancia. Mi dice va che sulla strada giusta, e mi invita ad andarla a trovare.
Vado subito nella sua stanza la 138, busso e mi apre la porta in perizoma e canottiera bianca senza reggiseno, riamane allibita vedendomi li, pensava che fossi la sorelle e si è messa subito a letto e si è coperta con un lenzuolo. Anche se devo dire che il perizoma era quasi più coprente del costume da bagno che usava in piscina.
Era veramente messa male, si vedeva dal viso che non aveva affatto dormito.
Le porto un the caldo, mi dice che ha già preso un farmaco per la pancia.
Parliamo ancora, lei si apre sempre di più e mi parla anche di sua sorella, mia dice che lei è sempre stata più libertina e non si fa troppi problemi a vedere altri uomini, suo marito ha molti più anni di lei e hanno una storia un po’ particolare...
Era arrivato sabato, la sera è stata in camera, non stava ancora bene e Antonia gli ha fatto compagnia.
Ormai eravamo arrivati a domenica, martedì sarebbe stata l’ultima notte, mercoledì mattina avrebbe preso il volo per Milano e il tutto era finito.
La serata di domenica siamo andati al Pirata, un locale Capoverdiano per turisti abbastanza vicino al villaggio, nel ritorno a piedi in villaggio, finalmente una piccola apertura, ci siamo presi per mano e quando l’ho lasciata di fronte alla camera, mi a dato un tiepido bacio sulle labbra, anche quella sera tiriamo le 2,00 di notte.
Arriviamo a lunedì e ormai il tempo a mia disposizione era poco, trovo come di consueto le sorelle in perizoma in spiaggia, pranziamo insieme, il pomeriggio devo recarmi in un hotel li vicino per risolvere un problema, quindi ci diamo appuntamento per la sera, uscita a 4 a cena per provare l’aragosta in un localino li vicino.
Alle 21,00 ci troviamo, prendiamo il taxi e andiamo in un bel ristorantino che conosco gestito da un Italiano in riva al mare.  
Alina era vestita da gara, vestitino a tubino bianco fiorato, sandali altissimi, truccata benissimo con occhi da gatta. Antonia era veramente esagerata, shorts cortissimi e canottiera bianco, si vedevano le sue tette bellissime, anche lei truccata benissimo, quasi eccessiva sembrava da prostituta, ma gran figa.
Passiamo una bella cena e ci diamo dentro con il vino bianco, in 4 abbiamo bevuto 3 bottiglie, anche la ragazza ci davano dentro con il vino, verso la 1,00 prendiamo il taxi e ci dirigiamo in villaggio.
Ci beviamo un cuba libre a testa nel bar del villaggio, eravamo tutti e 4 belli allegri e ci incamminiamo, verso la stanza delle ragazze .
Arrivati li Antonia, ci guarda e con un sorrisino dice ad Alina, stasera ti sfratto, la tua parte di camera è già occupata. prende Roberto per mano ed entra in camera con lei.
Antonia mi guarda e mi strizza l’occhio.
Prendo Alina per mano e lei disorientata, ci dirigiamo verso la mia camera, eravamo tutti e due abbastanza ubriachi, ad un certo punto la prendo e comincio a limonarla.
Lei all’inizio è restia, poi si lascia di più andare.
Arriviamo alla camera, lei è un po’ titubante ad entrare, io gli dico “non ti mangio mica”.
Entra e continuiamo a baciarci sempre in modo più appassionato.
Lei mi guarda negli occhi e mi dice, “non sono un puttana, io vado a letto solo se provo qualcosa con qualcuno”, “non voglio che tu domani vai in giro a raccontare che ti sei scopato una puttana rumena”.
Gli ho risposto “volevo fare l’amore con te dal primo momento che ti ho vista, che non ti considero  una puttana, ma una ragazza che esce da una storia difficile, che aveva bisogno di qualcuno che la capisce e la comprende”.
Le mi ha detto “da quando mi ha viso in aeroporto sono rimasta subito colpita da te, e che ad Antonia gli aveva detto che ero un bel ragazzo”.
La prendo, comincio ancora a baciarla sempre più intensamente, ci buttiamo sul letto le infilo le mani sotto il vestitino, arrivo alla sua bellissima figa, liscia senza neanche un pelo, gli sfilo il mini perizoma fuxia gli alzo il vestitino e mi fiondo con la lingua sulla sua bellissimo figa, liscia perfetta senza neanche un pelo.
Ha un sapore divino, lei inizia a gridare da piacere, gli sfilo il vestitino e finalmente riesco a vederla completamente nuda nel suo splendore.
Le sue belle tettine bianche e dure, gli lecco i capezzoli che diventavo subito turgidi, a questo punto anche lei perde il controllo...
Mi tolgo immediatamente i bermuda e i boxer e infilo in mio cazzo in quella figa fantastica, comincio a pomparla di brutto. Le si lascia sempre di più andare e comincia gridare e gemire…
La prendo, la giro a pecorina, cosi posso vedere quell’opera d’arte del suo bel culo, ed inizio a pomparla come un animale, gli infilo un dito nel culo, ho un gran voglia di farglielo…
Le mi grida, no ti prego il culo no, li sono ancora vergine.
Penso a chi c’è stato insieme 7 anni senza scopargli un culo così.
La pompo a pecorina per almeno 20 minuti con la mano destra gli tengo la sua bella coda da cavallo lei grida e viene almeno un paio di volte ad un  certo punto  gli riempio la schiena di sborra.
Lei si lascia andare e ci addormentiamo tutti e due nudi.
Preso dalla foga mi rendo conto che l’ho scopata senza nemmeno mettermi il preservativo.
La mattina mi sveglio alle 8,00 e vedermela li tutta nuda era veramente uno spettacolo, la chiamo, alle 9,00 devo andare a prendere servizio al banco dell’accoglienza. Lei si sveglia è ancora  frastornata, mi fa un bel sorriso, ci facciamo una bella doccia insieme, iniziamo a baciarci, avrei una gran voglia di dargli un’altra passata, ma devo proprio scappare al lavoro.
Ci vestiamo velocemente e facciamo la colazione insieme, la saluto con un bel bacio e vado a raccogliere qualche segnalazione.
All’una mi raggiunge, indossa il costume a brasiliana azzurro con un copricostume sempre azzurro a rete veramente molto provocante e mi chiede se andiamo a pranzo insieme.
Non vedevo l’ora perché è anche veramente piacevole stare con lei.
A pranzo parliamo e  imbarazzata mi dice che la serata è stata veramente bella, e che idea mi fossi fatto di lei. Gli ho risposta che eravamo tutti e due giovani e non avevamo fatto niente di male, di star tranquilla che io non giudicavo nessuno. Lei aveva paura che la considerassi una che si concede a tutti.
Nel pomeriggio dopo le 16.00 ci troviamo in spiaggia e ci facciamo un bagno insieme, mentre nuotiamo si avvicina e comincio a baciarla e toccarla in tutti i suoi buchini. Le sorride e mi dice che sembro un bravo ragazzo, ma in realtà sono un porco! Poi mi fa un bel sorriso e dice stasera ti aspetto alle 23.00 nella mia stanza, sfatto io mia sorella.
In quel monto ho un’erezione immane, tanto da dover aspettare per uscire dall’acqua.
Finito lo spettacolo alle 23,00 mi fiondo subito nella sua camera, la mia stasera l’ho lasciata a Roberto, che mi ha raccontato di una scopata da pornostar che aveva fatto con Antonia e stasera voleva fare il bis.
Mi dirigo verso la sua camera, mi bevo un Cialis 100, incontro Antonia, mi dice bravo, sei riuscito a farla sorridere, vai è la ti che aspetta, adesso scappo con il tuo amico, non è niente male è solo un po’ troppo bambino. Busso alla porta, quando apre, rimango allibito, la trovo in mini perizoma e reggiseno fuxia, calze autoreggenti nere e scarpe altissime in plastica trasparente da troia, truccata in modo impeccabile con occhi da gatta, capelli legati a coda da cavallo, un profumo travolgente è veramente sensualissima.
Mi guarda e mi dice, mi dice “ti piaccio? ho esagerato?  mi ha detto Antonia di aspettarti così è che   ti sarei piaciuta, lei con gli uomini si sa fare molto molto più di me!”.
Rimango senza parole, gli salto praticamente addosso, inizio a baciarle, scendo velocemente verso il perizoma, glie lo sposto ed inizio a leccare la sua figa bellissima e saporitissima, gli slaccio il reggiseno, e leggo i suoi fantastici capezzoli, mi spoglio completamente e avvicino il mio cazzo alla sua bocca, lei e distesa sul letto, finalmente apre la sua boccuccia e prende il mio cazzo tutto in bocca, è un godimento vedere quella brava ragazza da faccino angelico succhiarmelo.
Gli sfilo il perizoma e vai di 69.
Ho il cazzo che scoppia, per via anche del Cialis, inizio a pomparla, io sopra lei sotto. Alina continua a bagnarsi sempre di più urla e viene, il la pompo cosi per almeno 20 minuti, sto per venire tolgo il cazzo dalla sua figa e gli sborro copiosamente sulle tettine e qualche schizzo sul viso.
Godiamo come dei pazzi, era tutto il giorno che non facevo altro che pensare a lei.
Ci ripuliamo con un’ asciugamano preso in bagno, ci coccoliamo un attimo, lei mi dice che il suo ragazzo non la scopava mia così. Poi sorridendo è imbarazzata mi dice che il culo lo concederà alla prima notte di nozze a chi la sposa.
In 10 minuti il mio cazzo è di nuovo duro, lei rimane allibita e mi dice ti faccio proprio un bel effetto.
Io la guardo e gli dico che adesso toccava a lei, gli prendo la testa, lei capisce subito ed inizia a farmi un bel pompino. Si impegna molto, non è bravissima, ma fa del suo meglio, ad un certo punto la prendo, me la metto sopra ed inizio a scoparla a smorza candela.
Scoparla vedendola con le scarpe trasparenti con i tacchi e le autoreggenti a smorza candela mi ricordava veramente un prostituta rumena che mi ero scopato in un tour con amici in Svizzera. Lei grida e viene nuovamente, quella sera sarà venuta almeno tre volte.
La metto a pecorina ed inizio a pomparla fino a quando no gli vengo sulla schiena.
Ci ripuliamo, ci coccoliamo ci baciamo e dormiamo nudi insieme abbracciati come una coppia di innamorati.
La mattina ci alziamo, facciamo una veloce doccia insieme, e di corsa la accompagno all’aeroporto con Antonia che per fortuna aveva già preparato la valige.
Siamo anche in ritardo ma ce la facciamo, ci siamo scambiati i numeri di telefono, con l’idea di tenerci in contatto, dato che abitiamo a meno di 70 chilometri . Ci diamo un mega bacio, lei piange qualche lacrima, io la abbraccio e gli prometto che a Natale torno in Italia e vado a trovarla.
Ci scriviamo spesso e dopo qualche giorno mi dice che ha lascito definitivamente il suo ragazzo, questa volta non gli la aveva perdonata e che per farlo ingelosire ha raccontato alle sue amiche di quelle notti passate con me.
Ricomincia la routine quotidiana, penso spesso al quella settimana fantastica e soprattutto a lei.
Ci contattiamo più volte con SMS e ogni tanto anche via Facebook, ma star lontano sei mesi dopo solo una settimana di conoscenza è difficile che si crei una relazione e soprattutto che duri.
All’inizio pensavo a lei come un’avventura, ma conoscendola mi piaceva davvero.
Verso metà ottobre vedo dal suo profilo FB che si frequenta con un uomo sui 50 anni e dalle foto scopro che è un collega di lavoro di sua sorella.
Le scrivo, lei mi racconta che glie l’ha presentato Antonia ed è uno dei sui capi.
Mi ha detto che usciva da poco con lui, però non è convinta di quella storia perché lui ha vent’anni in più di lei ed divorziato, ma il problema più grande è un uomo molto snob, la porta in locali molto lussuosi e alla moda e ma non la mette a suo agio.
Il tempo passa e continuiamo a massaggiarci, ma la cosa di saperla a letto con un altro tra l’altro non tanto bello mi infastidiva sempre di più.
Arriva finalmente dicembre e con un paio di settimane in anticipo torno a casa, guardo il calendario della sua squadra di pallavolo, vedo che gioca in provincia di Novara, mi decido prendo la auto e vado a vedere la partita. Sono vestito bene, sportivo, capelli appena fatti e ben abbronzato.
Arrivo alla partita, la vedo giocare nel suo splendore, con pantaloncini da pallavolo mini, mi veniva in mente la partita di beach volley a SAL.
Aspetto la fine, quando sta per entrare negli spogliatoi la chiamo e la saluto, lei rimane visibilmente sorpresa nel vedermi li, non può fermarsi, ma ci diamo appuntamento nel parcheggio della palestra.
Non so come mai ma è la prima ad uscire, indossa una tutta dell' Adidas blu e scarpe da tennis, ha ancora i capelli bagnati, mi viene in contro nel parcheggio e mi bacia subito in bocca.  Mi dice “cosa ci fai qua?” Gli rispondo “volevo vederti e farti una sorpresa, ti avevo detto che a dicembre sarei venuto a trovarti” le mi dice “non pensava che fossi così importante per te”, ci ribaciamo, mi dice “mi accompagni tu a casa ? è a Varese?” Gli rispondo di “si volentieri…”, ma non resisto neanche 10 minuti, trovo un parcheggio vicino ad un' Esselunga, mi fermo e comincio a baciarla molto intensamente. Le si concede senza esitare, anzi sembrava proprio che lo aspettava! Ci mettiamo sul sedile posteriore dell’auto e la spoglio completamente, è bellissima, ha un mini intimo nero.
Lei  mi apre i pantaloni e si getta sul mio cazzo bello duro e incomincia a farmi un bel pompino.
La metto sopra di me nella posizione a smorza candela e ci scopiamo di brutto, sembravamo una coppia di ventenni, mentre lo facciamo le grida e dice “nessuno mi ha mai scopato come te, quella notte a Capo verde non la dimenticherò mai” alla fine sono talmente preso che gli riempio la sua bella figa con la mi sborra, gli dico “ma adesso non hai un nuovo ragazzo?”, lei mi risponde “si è bravo e premuroso, ma non lo amo, quando scopo con lui chiudo gli occhi e penso a te”, continuiamo a parare per tutto il viaggio e arrivo a casa, mi invita a salire, la notte la passo a dormire da lei e ci facciamo un’altra scopata..
La fine della storia è che a oggi sono passati circa 5 anni da questa storia, mi sono sposato con Alina da 3 anni e abbiamo una bellissima bambina, ho un lavoro come agente di commercio e a Capo Verde per onorare il nostro primo incontro, siamo tornati in viaggio di nozze. Con lei sto da Dio e abbiamo una bella vita sessuale. Il culo me lo ha dato come promesso in viaggio di nozze ed è stato bellissimo…
Lo so che la storia è lunga, ma è reale al 90%

Grazie di averla letta e spero che vi sia piaciuta.
Per chi mi segue metterò la continuazione….
Visualizzazioni: 21 943 Aggiunto: 5 anni fa Utente:
Categorie: Prime Esperienze