Mi chiamo Patrizia, una donna ormai vicina ai quaranta ma che conserva una certa bellezza per la sua età, con le giuste proporzioni negli attributi, tranne forse un lato B particolarmente apprezzato dai maschi che non lesinano complimenti quando mi muovo, come mi è naturale, aggraziatamente.
Sono sposata da oltre vent’anni con Gennaro, che amo come il primo giorno; ed abbiamo due figli, di 18 e 16 anni, coi quali abbiamo un rapporto bello e corretto, per cui non ci sono in casa momenti di attrito e rappresentiamo davvero l’immagine della casa serena, se non felice.
Da molti anni lavoro come infermiera presso l’ambulatorio di Claudio, un dermatologo di 47 anni, uomo assai prestante e che si tiene in perfetta forma; sua moglie Cristina è una ginecologa ed ha l’ambulatorio porta a porta con suo marito; è una bella donna di 45 anni che, quando non è in camice da lavoro, si porta in giro con molta soddisfazione per un seno prepotente e ammirevole, per un sedere alto e compatto, per il bel viso dai tratti rinascimentali e per la cura che dedica a tutto il corpo, sapendo di piacere.
Dalla sua bellezza è affascinato mio marito Gennaro, che la vede comunque raramente quando capita che venga a prendermi al lavoro; ne parla affascinato, istigato, involontariamente da me che spesso spettegolo sulla vita sessuale dei coniugi di cui ho individuato qualche tratto; soprattutto mentre stiamo facendo l’amore e stiamo mettendo in atto pratiche particolare come per esempio quando mi sto facendo penetrare, con gusto, analmente, Gennaro si lancia in fantasie coinvolgenti su quello che farebbe se, al mio posto, di fosse Cristina; quando si esaurisce la carica emotiva del sesso, gli chiedo se parlava sul serio; mi conferma che il suo desiderio è concreto; gli chiedo allora che penserebbe se confessassi una mia passione per Claudio; mi dice che, in condizioni di parità, non avrebbe esitazioni; del mio amore e della certezza del nostro rapporto, ha prove più che sufficienti; se fosse per una serata di follie, realizzerebbe il suo sogno perverso.
I miei ‘pettegolezzi’ a mio marito sui coniugi medici non sono frutto di mia invenzione o di ‘voci di corridoio’ tipiche del pettegolezzo, ma nascono da alcuni appunti, da telefonante e da e mail scambiate, di cui, tra le altre cose, mi occupo per l’assistenza a lui, non solo nell’attività medica ma anche in quella amministrativa; molte volte ho potuto capire che frequentano coppie e gruppi con cui fanno attività di ‘libera sessualità’ e che Claudio è particolarmente attivo, anzi molto ricercato, nei rapporti con l’altro sesso; Cristina, da quel che mi risulta, non è meno vivace, né meno ricercata ed apprezzata, ma si muove più ‘sotto traccia’ e non emerge come figura molto in primo piano, ma agisce da protagonista e dominatrice, nei fatti.
Ma i due non si scatenano solo quando svestono il camice da medico; molte volte ho sentito i loro discorsi quando Cristina viene a raccontare a suo marito con che gusto meraviglioso ha manipolato una vagina particolarmente interessante; cercando elementi patologici che sapeva per certo che non c’erano, ha catturato il punto G e ha spinto la paziente ad orgasmi straordinari che l’hanno obbligata a tacitarla con un lungo e appassionato bacio sulla bocca; lei è tendenzialmente bisessuale e infilare le dita in vagina ad una bella donna le dà un piacere intenso; quando trova quella che accetta un lungo bacio per non urlare, il suo piacere sprizza fino alle stelle e qualche volta gli urli li sentiamo anche dal nostro ambulatorio; una volta l’ho sentita descrivere godendo, anche perché intanto Claudio le stava manipolando la vagina, una penetrazione anale che ha realizzato con una vergine, solo nell’ano naturalmente, e l’ha fatta uscire di senno facendola godere con una doppia manipolazione.
Claudio invece le risponde con episodi che si sono svolti sotto i miei occhi e che mi hanno stuzzicato il piacere fino a costringermi a correre in bagno per una sana masturbazione; in particolare, diventa un artista quando arrivano donne giovani, con seni da esposizione sui quali deve esaminare piccole macchie apparentemente sospette e in realtà, già dalla prima vista, assolutamente innocue; la delicatezza con cui carezza quelle mammelle portandole all’eccesso della libidine, la gioia con cui strofina capezzoli che rende sempre più duri fino a godere solo a guardarli, sono il tema ricorrente delle sue ‘confessioni’ alla moglie che per me significano rivivere la scena in cui l’ho visto trattare con abilità di grande amante e godere di quei seni rivelando una passione smodata per quella parte anatomica; il controllo delle vulve con sospetti di macchie e formazioni varie diventa sempre, per lui, l’occasione per titillare clitoridi sensibili che con pochi colpi portano le pazienti a desiderare di essere possedute seduta stante da quell’uomo che si rivela un amante straordinario; normalmente, mi spedisce fuori, quando decide di copulare lì, sul lettino dell’ambulatorio; nelle ultime occasioni ha deciso di lasciarmi guardare, mentre tira fuori il suo membro grosso fino ad essere formidabile, bello da fare paura, e le ha penetrate decisamente, scatenando una lussuria che controlla abilmente; senza più pudori, mi sono masturbata davanti a loro ed ho raggiunto l’orgasmo insieme alla paziente.
Non gli ho mai consentito di mettermi una mano addosso, rispondendo per le rime a tutti i possibili assalti; in genere si limita a parlare del mio corpo, a lodare i miei seni e a chiedere maliziosamente se non ho bisogno di una controllata contro possibili avvisaglie tumorali; gli rispondo che sto benissimo e che non ho nessuna intenzione di fargli manipolare il mio seno per eccitarsi; la stessa cosa quando accenna al mio sedere e domanda malizioso se per caso voglio farmelo controllare; gli rispondo che il mio didietro fa perfettamente tutte le funzioni che si richiedono e che se ne occupa attivamente mio marito Gennaro che non gli fa mancare niente (’neanche una mazza meravigliosa’ vorrei aggiungere ma taccio per prudenza); naturalmente il suo forcing non si ferma e mi parla spesso del piacere del sesso separato dall’amore; quando gli ribatto che il mio amore per Gennaro comprende anche la fedeltà e che non sono disposta a trasgredire, come sempre mi obietta che il sesso si lava via, l’amore resta intatto, specialmente se si fanno le cose in gioia ed armonia.
Una sola volta le mie difese traballano e mi fanno rischiare la resa; ed è quando, assistendo una paziente, si colloca alle mie spalle, mi pianta tra le natiche il suo sesso che conosco meraviglioso e spinge con forza, in preda ad un’eccitazione che lo porta al massimo dell’erezione; contemporaneamente, la sua mano che scivola delicatamente su una natica promette un piacere irresistibile ed io sento che le mie mutande sono intrise del mio godimento; fortunatamente un movimento brusco per sostenere la paziente lo obbliga a spostarsi e l’incanto si scioglie; quando a sera racconto il fatto a Gennaro, mentre mi sta prendendo da dietro, a pecorina, non solo si eccita di più e sento la sua verga spingere con forza contro l’utero, ma addirittura mi sussurra che sarebbe meraviglioso se lui potesse assaggiare il sedere di Cristina ed io sollazzarmi col manganello di Claudio; subito dopo, lavarsi, asciugarsi e conservare il ricordo negli oggetti di memoria più preziosi; lo mando al diavolo, per ora … “
Non so se abbiano avuto modo di parlare tra di loro o se le antenne di Claudio gli abbiano fatto intuire qualcosa; sta di fatto che improvvisamente mi lascia trovare nella scrivania foto che ritraggono lui e sua moglie in situazioni di apparente normalità, prevalentemente a cena o seduti in salotti eleganti, ma sempre con un’altra coppia dello stesso tipo e della stessa qualità; a mano a mano, le foto si fanno più spinte e vedo lei che manipola il sesso di un altro, mentre quello di suo marito è affidata alla lei dell’altra coppia; qualcuna li ritrae in piena copula, a coppie invertite; sono costretta a fingere di non avere visto, perché le foto sono in un cassetto e se le avessi trovate per caso, presumibilmente non avrei più aperto quel cassetto; invece mi accorgo e so che mi sta osservando, di soppiatto, e che il suo scopo reale era accostarmi a situazioni di ‘scambio di coppia’ che era quello cui Gennaro aveva dichiarato di volere arrivare; quasi certamente, anche nei due medici è insorto il desiderio di fare con noi una di quelle esperienze e mi stanno provocando per registrare la mia reazione.
Reggo per una settimana; ma mio marito capisce che il fuoco di fila del dottore sta avendo effetto perché ogni volta gli piombo addosso più eccitata che mai e lo costringo ad un autentico tour de force per fare fronte al mio smodato desiderio di sesso ma, soprattutto di amore; coglie anche questo, per la sua sensibilità e per la vita vissuta insieme che lo ha condotto a conoscermi perfettamente; mi chiede che cosa ho, per avere sempre tanto desiderio di amore e di sesso; lo guardo brutto e gli chiedo se mi sta prendendo in giro visto che ha manovrato lui per farmi arrivare a quel’eccitazione; mi chiede scusa, perché sa essere molto leale, specialmente se si tratta di confessare colpe o errori; ha effettivamente parla con Claudio e hanno chiarito che Cristina, in genere, non fa problemi, se si tratta di buon sesso, e che lui ha capito che con mio marito ci starebbe assai volentieri; confessa anche che il mio corpo lo attira come la fiamma una falena e che si vorrebbe ‘bruciare’ su di me almeno una volta; hanno concluso che, se io mi convinco ad essere della partita, una serata a quattro, bella e raffinata, può solo rinsaldare un’amicizia, se non si va oltre le righe e viene rispettato l’amore coniugale che lega me a Gennaro e lui a sua moglie; gli chiedo perché mai gli è venuta questa fisima, che ora sembra diventata ossessiva, di fare del sesso ‘trasgressivo’ almeno una sera; mi risponde che la pulce l’ho insinuata lui, con le mie domande sulla sua passione per Cristina e che poi ci ha riflettuto a lungo.
“Patrizia, l’amore tra me e te non è stato, non è e non sarà mai in discussione; siamo abbastanza cresciuto per capire che è solido come una roccia e che niente lo può scuotere; si offre l’opportunità di fare un’esperienza interessante che ci può arricchire, o deprimere se va male; ma comunque sarebbe solo un’esperienza. C’è una bella scena di Totò dove lui, a una bella ragazza che cerca di concupire, dice la battuta, ‘signorina, lei è scapola, io sono scapolo, ci facciamo una bella scapolata’; eco, io la adatto a noi; loro hanno voglia, io ho voglia, se anche tu hai voglia, ci facciamo una serata meravigliosa. Se le cose vanno come devono andare, noi ci portiamo a casa una bella esperienza, senza che il nostro amore venga scalfito; mettiamo quella serata nell’album dei ricordi, forse i più belli, e la lasciamo là; finché la passione tra noi regge, ce ne dimentichiamo; se dovesse scemare per qualsiasi motivo, sapremmo come rinfrescarla, con quella esperienza. Prima che me lo dica tu; se dovesse andar male, io mi impegno a non toccare il nostro amore; mettiamo la serata fra gli errori commessi e la dimentichiamo.”
“Amore, io ho visto come si comporta Claudio quando fa l’amore; e ti assicuro che riesce a far vedere il paradiso alla donna che ama; ho una voglia matta di assaggiarlo, almeno una volta; ma voglio che sia una sola volta, che dopo mi lavo e caccio via tutti i cattivi pensieri; vuoi capire che le mie paure sono di cosa potremmo provare vedendo l’altro / a che fa sesso con un 7° partone differente; sei certo che non diventeresti geloso vedendomi godere tanto con Claudio? Io so che per amore tuo accetterei di vederti godere con Cristina; troppe volte ho sentito che eiaculavi in me con lei nella testa; io non mi sono trovata mai a masturbarmi pensando a lui; riusciremo, se lo facciamo, a rientrare in noi senza sensi di colpe o rimpianti?”
“Cristina, ti sei già risposta; tu hai goduto con me che eiaculavo in te con Cristina nella testa; tu hai già sperimentato la trasgressione; ti assicuro che per me è lo stesso; anzi ti confesso che molte volte, quando ti vedevo godere, pensavo che forse stavi pensando a lui. Ti pare così strano?”
“No, ti sei sbagliato; io ho sempre goduto con te, di te, per te. Ma ti ho già detto che mi piace l’ida di fare l’amore con Claudio; ci sto, fissate come quando e dove; fate affidamento su di; sai che sono puntigliosa e rispetto gli impegni.”
A quel punto, mio marito assume le redini di un progetto nato dalla mia libidine per il mio datore di lavoro e si accorda con lui sui particolari; si accordano per un sabato quando ci sarà facile lasciare i ragazzi per qualche ora e avremo la domenica per recuperare; Claudio vuole ad ogni costo che andiamo con loro, da ospiti, a cena in un famoso ristorante con vista strepitosa sul golfo; che dopo una cena che vuole preziosa per una donna che giudica preziosa, decideranno se andare in uno dei tanti pub della litoranea, in una discoteca o dovunque ci venga voglia; mio marito, inesperto, gli chiede se dobbiamo essere vestiti per l’occasione, Claudio, tra il serio e il faceto, risponde che basta che io abbia un abito che sottolinei la mia bellezza e che sia facile da svestire, quando sarà opportuno.
Decido per un abitino stile tunica, da schiava in qualche modo; ‘niente intimo; non serve a niente ed esalta le tue forme’, suggerisce Gennaro; quando mi provo l’abito sulla pelle nuda, posso solo dargli ragione; lo specchio mi rimanda l’immagine di una donna che io stessa definirei bellissima se non avessi i limiti che ogni donna, specie se in crisi da autostima, ha nel giudicare il proprio corpo e la propria bellezza; Gennaro, senza volerlo, mi carica all’infinito abbracciandomi e sussurrando ch, a quel punto, è anche disposto a rinunciare alla serata e a possedermi lì, sui due piedi, a costo di distruggere il mio abbigliamento; gli ricordo che siamo attesi e che avrà tempo, se davvero lo desidera, di possedere la mia bellezza quando e quanto voglia; raccomandiamo ai ragazzi di guardare un po’ di tele e di andare a letto, montiamo in macchina e ci rechiamo al ristorante.
Loro sono venuti in tassì, dopo averlo concordato, perché noi saremmo venuti con l’auto sufficiente, dopo, per tutti e quattro. A Claudio gli occhi sembrano balzare fuori dalle orbite, quando mi vede senza il camice da lavoro e con quell’abbigliamento da femme fatale; Cristina è splendida nel suo abito semplice e facile da svestire; loro due sono molto casual nei jeans e maglietta che hanno concordato; comincio a sentirmi quasi divina, corteggiata come sono, con grande garbo ma con immensa passione, dal mio datore di lavoro che non perde occasione per toccarmi anche mentre andiamo semplicemente verso il tavolo cenare; Gennaro sembra con avere occhi che per Cristina, di cui ammira estasiato la classe, il garbo, la capacità di essere ‘esplosiva’ pur apparendo ‘dimessa’; la cena è di gran lusso ed è stata ordinata da Claudio con la precisa intenzione di circuirmi anche a tavola; mi offre con le sue mani le ostriche da succhiare con un gesto che a lui suggerisce ben altre cose.
La cena procede in gioia ed allegria veri, io mi sento sempre più attratta fisicamente da Claudio e non batto ciglia quando la sua mano, nascosta dalla tovaglia, scivola tra le mie cosce e va ad artigliare la vulva nuda; con pochi colpi sapienti, come già gli ho visto fare, prende tra due dita i clitoride e in pochi colpi mi strappa un orgasmo straordinario; riesco a nascondere l’uìrlo di goduria sotto un lungo sospiro e mi appoggio al suo petto, mentre godo; Cristina che ci ha osservata, mentre si fa manipolare da Gennaro con grande passione, gli sussurra.
“Sei già partito? Mi pare che la nostra Patrizia sia proprio una meravigliosa donna piena di sorprese!”
Mangiamo solo un piatto di pesce, mentre Claudio non perde attimo né occasione per carezzarmi in ogni modo; le mani, le braccia, il seno sono il suo obiettivo e mi sento avvolgere da un vento di passione quando sento le sue dita scivolare sul seno o sui fianchi; il vino aiuta e i bicchieri sono sempre pieni; ma non mi vuole ubriaca, il mio amante per una sera, e si limita a farmi bere sensualmente dal suo bicchiere, sussurrandomi frasi dolci e sconcezze con un garbo che mi fa eccitare anche quando dovrei risentirmi per le proposte esplicite; ci affrettiamo a concludere perché ormai sappiamo tutti quale sia il nostro traguardo; io so che non vedo l’ora di sentire il suo ‘mostro’ squarciarmi il ventre; credo che gli consentirò tutto, dalla vagina all’ano, dalla bocca ai seni; voglio impazzire e farlo impazzire d’amore, perché ormai il dado è tratto e voglio godere; vedo che mio marito è perso tra le cosce e tra le tette di Cristina, quando mi guarda, lo fa solo per compiacersi come mi lascio andare all’oceano di passione che mi travolge; sono felice e mi sento più sollevata perché sto godendo, della vita, non solo del sesso.
Usciamo dal ristorante, seguiti dallo sguardo di tutti, uomini e donne, perché due meraviglie come noi non passano inosservate e i nostro cavalieri sono senz’altro molto invidiati; alla domanda se scegliamo un pub, una discoteca o casa loro lì vicino, non ho esitazione; andiamo da loro che hanno una casa meravigliosa, affacciata direttamente sul paesaggio unico del golfo; è la prima volta che la vedo e ci ritrovo la ricchezza che si sono costruiti col lavoro, la raffinatezza che hanno quasi connaturata e il garbo con cui si presentano e ci invitano a godere della casa come nostra; ormai spudorata, lo prendo per mano e lo porto verso una camera, che individuo al primo colpo; Cristina decide che faremo l’amore in quattro e conduce mio marito per mno verso la stessa camera.
Il letto è enorme, ci si può stare comodamente in quattro; Claudio mi abbraccia con una passione che non avrei immaginato per una semplice serata di ‘trasgressione’; è quasi amore quello che sento emanare da lui; ed è quasi amore il trasporto che sento verso di lui; quando mi sfila la tunica e la lascia cadere a terra, lo vedo per un attimo stordito; quasi no n crede alla bellezza dei miei seni prepotentemente eretti, a quarant’anni e con due allattamenti alle spalle, dei capezzoli duri e ritti come fusi, del ventre piatto, ad onta di tutto, con l’ombelico che disegna una dolce fossetta al centro, la vulva ancora coperta di una peluria fitta e nera 8non amo depilarmi) e due cosce come colonne d’alabastro.
“Sei incommensurabile; mai mi sarei aspettato tanta bellezza, in un camice da lavoro.”
“Sta’ zitto e spogliati; adesso ho voglia di te!”
Gli impongo, si spoglia anche lui e, quando è nodo, anche io mi lustro gli occhi davanti ad una figura apollinea, come un corpo praticamente perfetto e, soprattutto, un sesso già ritto come un minareto che si erge dal ventre per più di venti centimetri.
“Vattelo a immagine un fusto così, dietro il camice del medico; e quella mazza, sei sicuro che non mi farà male?”
“No, questo è strumento di piacere, di voluttà, di gioia di vita; non può far male, specialmente se lo vuoi davvero in te.”
Siamo ai piedi del letto, accostati al bordo; mi spinge delicatamente e mi rovescia supina, solleva i piedi dal pavimento e se li appoggia sul petto, una mano mi accarezza l’interno delle cosce e comincio a godere, a sbrodolare, a colare; poi si sposta con lentezza esasperante sulla vulva e sento che scava nella peluria folta, mentre cerca le grandi labbra; le accarezza a lungo, in ogni direzione, poi si sposta sulle piccole labbra e raggiunge il clitoride; un brivido intenso, enorme, mi sferza il ventre, il cervello, il cuore ed esplodo nel primo orgasmo quando lo stringe tra le dita e lo titilla un poco; subito dopo è la sua bocca che si cala sulla vulva e comincia a succhiare, a leccare, a mordicchiare tutto l’apparato; urlo senza pudore ormai, e godo come nei momenti più belli con mio marito; lo vedo, Gennaro, alle prese con la vulva di Cristina; allungo una mano sul letto, verso di lui, gli prendo le dita e le intreccio alle mie; l’orgasmo che ne nasce diventa quanto di meglio possa godere;; sento che davvero sto dando a lui l’amore, attraverso le dita, e all’altro passione, sesso e libidine al più alto tasso.
Claudio sale sul letto ed io mi sposto indietro perché tutto il corpo sia sul lenzuolo, lui si china sul mio petto e mi succhia un capezzolo; urlo ancora di piacere e sento la mano di mio marito che mi accarezza una gamba; godo più rapidamente e con più entusiasmo; sposto la testa verso Claudio e raggiungo il sesso, lo prendo tra le mani e lo guardo golosa; mi appare molto più bello di quando l’ho visto di sfuggita, con la lunga asta ben disegnata, tutta bitorzoli e tensioni, con le vene che lo percorrono; muovo la pelle che lo ricopre e lo sento vibrare; amo tenere in mano il fallo e coccolarmelo da vicino, lo faccio sempre prima della copula, con mio marito; ma qui, con una mazza sconosciuta e ricca di promesse, accanto a mio marito che sta montando in vagina Cristina tutti e due mugolando di piacere, è meraviglioso; accosto la bocca con decisione ala cappella e sembra quasi che prenda le misure per ingoiarlo; lo faccio entrare, accompagnandolo con la lingua che carezza, lecca, titilla, gode, e sento i brividi di piacere che scuotono lui, incapace quasi di reagire alla mia iniziativa; si riscuote, si soleva dal lenzuolo e comincia a copularmi in bocca; lo lascio entrare fino all’ugola, fino a soffocarmi e ci metto dentro tutta la passione che posso; mi blocca per non eiaculare e si ritrae rapidamente.
Si distende al mi fianco, per riposare un attimo; immagino che abbia voluto rimandare l’orgasmo e mi stendo a mia volta; sento la mano di Cristina che mi artiglia un seno e mi tormenta un capezzolo; mi giro verso di lei e la guardo negli occhi; sembra chiedermi se voglio; mi giro verso di lei, scarica mio marito e si gira verso di me, lui si colloca alle sue spalle; infilo la mano tra le sue cosce e vado a catturare il fallo di mio marito la cui cappella grufola tra ano e vulva, lo dirigo all’imbocco della vagina e, mentre lui affonda in lei, la bacio appassionatamente; mi artiglia la vulva e infila un dito nella vagina, cerca il clitoride e mi fa godere, di colpo; suo marito, alle mie spalle, mi penetra da dietro e sento il suo ventre sulle natiche quando la sua mazza enorme mi è entrata nel canale vaginale ed è penetrata fino alla cervice de’utero; un doppio piacere mi sommerge, che si amplifica quando lei si china verso di me e si dedica al mio seno.
Sento all’improvviso che Claudio mi ha eiaculato in vagina, mi godo il piacere che gli spruzzi in successine mi procurano, accompagnati dal risucchio di Cristina sui miei capezzoli; poi mi vendico un poco e mi rivolgo a lui apparentemente indignata.
“Per la miseria, neanche mi hai chiesto se sono protetta!”
“Cristina, sei straordinaria in tutto, anche in questo fingerti incavolata; so per certo che la vostra prima volta; ma ti stai comportando come se non avessi fatto altro in tuta la tua vita; nessun imbecille ti crederebbe se dicessi che non sei protetta, il piacere che mi dai avrebbe ottenebrato la mia mente, se non fossi stato certo che sei straordinariamente in gamba; neppure l’esperienza saffica ti disorienta!”
Non posso ribattere e fingermi impacciata; anzi, mi sento gratificata dall’esplicito complimento; chiedo tregua, perché mi da fastidio sporcarmi con lo sperma che cola, vado in un bagno enorme, raffinato, dotato di tutto e mi lavo a lungo delle scorie del suo orgasmo; quando ritorno sul letto, mio marito e Cristina stanno ancora copulando, solo che lei adesso lo cavalca con impeto, vado a leccare, contemporaneamente, i testicoli di lui, obbligato a stare fermo, e la vulva e l’ano di lei che gradisce molto e geme fortemente mentre la mia lingua la solletica sul perineo, porta indietro una mano e mi sollecita ad insistere, gode a lungo e spruzza sul ventre di lui e sulla mia bocca.
Claudio mi solleva per le ascelle e mi porta su una parte libera del letto; mentre mi domanda cosa voglia fare, mi infila sotto le reni tutti i cuscini del letto, capisco che vuole penetrarmi nell’ano, ma da sopra, e lo favorisco adattando i cuscini perché il mio sesso sia all’altezza dl suo; gli chiedo perché non scelga di penetrarmi doggy style, come sarebbe più comodo e bello; mi risponde che ama vedere il mio volto mentre copula e che così può guardare quanto piacere riesce a darmi; abbasso lo sguardo e ammiro il suo sesso che si avvicina al mio ano, mi sembra quasi diventato più grosso e per un attimo esito, poi mi spingo verso di li e sento che entra dolcemente, quasi accarezzando i tessuti interni del condotto rettale; quando avverte che lo sfintere resiste si ferma, mi suggerisce di respirare profondamente, spinge e sento che è tutto dentro, quando avverto i testicoli picchiare con forza contro il coccige.
Mi monta con passione per qualche minuto, poi sento che mi esplode nel corpo uno tsunami di sperma, al quale rispondo con u orgasmo lungo, pieno, corposo; godo per molto tempo, abbandonata a lui e alla sua passione; sento che il sesso si sgonfia e si riduce finché, con qualche spinta, lo espello dal corpo; Cristina immediatamente si precipita su di me, mi rovescia sul letto e viene a leccarmi ano e vulva, aspirando tutto lo sperma che tende a fuoruscire; mi abbandono deliziata alla sua lingua meravigliosa e la sento quasi innamorata del mio sesso; Gennaro la strappa via e la mette a pecorina, per penetrarla anche lui analmente e lei si lascia andare alla passione lo aiuta e si fa penetrare con gusto; mentre mi vado a lavare, Claudio si pè ripreso, mi stende supina sul letto, si siede sul mio stomaco e mi appoggia il sesso fra le tette; solevo le mammelle ai lati e catturo la mazza; copula così, tra i seni, per qualche tempo poi, con una spinta più lunga, fa arrivare il sesso alla mia bocca; catturo la cappella e unisco la fellatio alla ‘spagnola’ che sta praticando; si alza sulle ginocchia, abbandona i sei e mi copula in bocca; lo lascio godersi la copula finché eiacula in gola, direttamente, e vedo che rovescia gli occhi, godendo nella maniera più intensa possibile.
“Doc, è la terza volte che raggiungi l’orgasmo; quanto pensi di resistere, prima di scoppiare?”
“Tu quanti orgasmi hai avuto?”
“Non è una serata in cu tengo il conto degli orgasmi, ma io sono più resistente … “
“Pensa per te; io, quando mi vedo davanti qualcosa di allettante, faccio indigestione; stasera voglio fare indigestione di te … “
Nelle due ore successive della serata, non smette di accoppiarsi; sento il suo sesso dentro e sopra il mio corpo per tutto il tempo, senza interruzione, e gode fino all’orgasmo altre due volte, in bocca e in vagina; Cristina e Gennaro non sono stati da meno e non sono disposti a contare quanti orgasmi hanno avuto; all’una di notte, mi ricordo dei figli a casa e dico a Gennaro che è il momento di abbandonare il campo e di tornare al dovere; resistiamo all’invito di dormire lì e decidiamo di tornare a casa, alla vita nostra di sempre; al momento di lasciarli, Claudio dichiara tutta la sua felicità per avere scoperto una donna così calda e meravigliosa nell’infermiera del suo ambulatorio; Cristina addirittura stravede per le prestazioni di mio marito; chiede infatti scherzosamente quanti fulmini e saette scateniamo quando copuliamo noi; le rispondiamo baciandoci con amoe, segno anch questo che la serata si è chiusa in perfezione, come desideravamo; quando poi il mio dottore mi chiedo se ci sarà una replica, mi allontano verso l’uscita canticchiando.
“Quizas … Quizas … Quizas.”
Visualizzazioni: 15 922 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Prime Esperienze