Nella vita ci sono occasioni che si evolvono in tempi spesso assai lunghi e lascino un segno più o meno marcato; altre invece durano un battito di ciglia e lasciano nella memoria, nel corpo e nel cuore una traccia indelebile: così è stata per me la storia con Max, la più breve di tutte quelle che ho avuto, durata solo un’ora; ma si è rivelata un’ ora indimenticabile.
Si è svolta come tutte le storie di questo tipo, niente di eclatante; ma la personalità di Max ha reso l'incontro molto intenso, soprattutto perché favorita dalla mia assai debole, attratta dalle personalità forti.
Lo avevo contattato in chat, dove, com’era nelle sue abitudini, cercava coppie, proponendosi come bull in rapporti a tre, senza problemi se il lui della coppia fosse operativo o contemplativo, se avesse un ruolo anche attivo o fosse anche bisex.
Io, ormai, mi proponevo come bisex passivo, cercavo qualcuno che mi desse profonde emozioni possedendomi anche con forza; non era facile trovare il partner giusto e a lungo avevo cercato, contattato, chattato; ne avevo scartato molti perché avvertivo che non erano adatti alle mie esigenze; la volta che mi trovai a chattare con Max, avvertii che c’era nel nostro dialogo qualcosa di ineffabile che fece scattare l’interesse di entrambi.
Lo subissai di domande sulle sue esperienze e capii di avere a che fare con un uomo dal carattere deciso, perentorio negli ordini, più che suggerimenti, determinato ad arrivare fino in fondo quando incontrava la persona giusta, insomma il maschio dominante che avrei voluto sentire sventrarmi; lui però dichiarò immediatamente che rapporti con maschi li aveva anche avuti, ma si era trattato per lo più di cuckold con cui agiva solo in presenza delle mogli, qualche volta penetyrandoli analmente, su richiesta e con l’assistenza delle mogli.
Non gli interessava il maschio in sé ma lo accettava solo in funzione del rapporto con la donna; in questo, il suo racconto era sempre fu ricco di dettagli, proposti però in maniera addirittura sobria ed elegante; io prendevo coscienza che sempre più ero affascinato dai suoi racconti, di ammirarlo per la sua capacità di dominare le situazioni e di conquistare le persone; per il mio carattere mite e sottomesso, l’idea che mi dominasse come controllava i maschi dei suoi racconti era il massimo delle aspirazioni; se facevo volare la fantasia, quando mi raccontava della penetrazione reale, momento per momento, non solo delle femmine, in vagina, in bocca o nell’ano, ma anche e soprattutto dei maschi piegati davanti a lui anche fisicamente, mentre le mogli preparavano l’ano alla penetrazione; quando insomma lo sentivo raccontare, avevo quasi la sensazione materiale della sua mazza che mi sfondava lo sfintere e mi squarciava il retto procurandomi un piacere assoluto e indefinibile.
Sin dal seconda o terzo contatto, gli rivelai la vera natura della mia indagine e manifestai la mia ammirazione per lui e per i fatti che mi narrava; feci appello a tutto il mio coraggio e gli chiesi se poteva interessargli l’idea di incontrarmi da solo; come era prevedibile, in un primo momento, quasi sdegnato, respinse la mia proposta; poi, per motivi che non conosceranno mai, forse perché intrigato dai miei modi, avanzò l’ipotesi di un possibile incontro rapido all’interno dei suoi obblighi di lavoro e di piacere.
Faceva il rappresentante di commercio ed aveva assegnata la zona in cui lavoravo io; mi promise che una sera, tornando dai suoi giri di lavoro, se ne avesse avuto la voglia, sarebbe passato nel mio ufficio; a quel tempo, io lavoravo in ufficio, in un capannone nella zona industriale di Padova; alla fine della giornata lavorativa, molto spesso rimanevo da solo fino a tardi ed avevo l’incarico di chiudere; questo particolare mi rendeva facile organizzare eventuali incontri, dopo l’orario di chiusura; lo avevo sperimentato felicemente con una donna con la quale a quel tempo avevo una tormentata relazione, e ci eravamo trovati meravigliosamente.
Alla fine, nonostante le sue perplessità, ci scambiammo i numeri di cellulare e ci ripromettemmo di aspettare l’occasione favorevole, se si fosse presentata; passarono alcune settimane, e io avevo quasi perso di vista il progetto ; anzi, ormai ero rassegnato a non portare in porto l’occasione, come già tante volte mi era capitato di fare buon viso a cattivo gioco e a vedere allontanarsi un proposito su cui avevo ricamato con la fantasia; praticamente, mi ero completamente dimenticato di lui; per questo, la mia meraviglia fu enorme quando, in un pomeriggio di febbraio, mi trovai a leggere sul telefonino un suo messaggio incisivo e perentorio, come era nel suo carattere; ‘stasera, se vuoi, passo da te alle 20; dammi indirizzo’; volevo, si certo che volevo; mi sentii saltare il cuore in gola, dovetti attendere qualche attimo che l’emozione quanto meno si raffreddasse e mi consentisse di fare i gesti giusti; finalmente, mi decisi e riuscii a mandargli l’indirizzo con la raccomandazione di chiamarmi solo dopo la mia autorizzazione; passai il resto del pomeriggio in preda a un’ansia sempre più intensa; la tensione cresceva ad ogni ora, non c’era niente di programmato o di prevedibile, non sapevo proprio come si sarebbe potuto sviluppare questo incontro.
Finalmente, dopo che tutti se ne furono andati, gli mandai il messaggio che lo avvertiva che la strada era libera e poteva raggiungermi; orientarsi nella zona in cui mi trovavo non è però facile, per nessuno e, dopo una decina, di minuti chiamò di nuovo; io risposi col cuore in gola, nel timore che quell’incontro su cui ormai tutto il mio essere era concentrato dovesse all’improvviso saltare, per un qualsiasi motivo; udii con grande gioia la sua voce rauca e decisa che mi chiedeva ulteriori informazioni sulla destinazione; non era neppure tanto lontano, ma il navigatore lo fuorviava e dal tono della voce sentivo che era infastidito; lo guidai fino a che vidi la sua auto, che mi aveva descritto, entrare nel parcheggio e fermarsi.
Lo vidi scendere; era alto come me, anche lui sui cinquant’anni; moro, coi capelli grigi e il viso serio, i lineamenti spigolosi e vissuti; entrò con sicurezza, mi porse la mano senza dire altro, poi si guardò attorno come per capire dove era capitato; l’ufficio era molto illuminato, con grandi finestre velate da tende non troppo opache; mi chiese bruscamente che tipo di attività vi si svolgesse, risposi brevemente ma lui sembrava perplesso; capii che si chiedeva dove fosse possibile trovarsi in intimità; gli dissi di seguirmi, entrammo in un altro ufficio immerso nella penombra; un po' di luce filtrava dal lampione esterno attraverso i pannelli delle tende e altra luce proveniva dalle spie accese dei server che ronzavano nella penombra.
Appena entrato, si tolse subito il cappotto e lo pose sull’attaccapanni; io ero, come era presumibile, teso come una corda di violino e mi chiedevo cosa sarebbe successo adesso, cosa avremmo fatto, come mi avrebbe posseduto; non ebbi il tempo di riuscire a decidere come comportarmi, perché con un gesto secco, assolutamente imprevisto e forse imprevedibile, di colpo aprì la patta dei pantaloni ed estrasse il membro che, ancora quasi del tutto moscio, risultava però notevole e mi procurò immediata,mente un piacere intense che i scosse il ventre, immaginandomelo tutto ritto spaccarmi l’ano e penetrarmi fino in fondo nel ventre.
Non mi aspettavo un inizio così repentino, senza preamboli; quello che avevo sognato era un rapporto più pacato, dolce, lungo, in cui lui avesse con me un comportamento da vero amante, mi accarezzasse, mi baciasse, mi facesse sentire la sua forza di dominante, prima di passare direttamente al possesso vero e proprio; in qualche modo, avevo sognato l favola della bambina che aspetta il principe azzurro, solo che il mio si doveva presentare con un enorme fallo ritto e doveva infilarmelo con forza in bocca, fino a violentarmi la gola e, successivamente, nell’ano fino a sfondarmi l’intestino; mi trovavo invece di fronte ad un uomo deciso, anche se dai modi molto garbati, quasi eleganti, da signore, che faceva trasparire da ogni movimento, anche il più insignificante, il suo ruolo Alfa, del dominatore che non chiede, ma prende, che non da, ma elargisce; in realtà, per il mio carattere, questo era esattamente l’atteggiamento che preferivo; io chiedevo di essere sottoposto, di essere dominato, non con masochistica violenza, ma con maschia determinazione; volevo essere posseduto da un maschio vero.
Mi prese per una spalla, mi spinse verso il basso e, senza avere neppure il tempro per riflettere, mi trovai in ginocchio con davanti agli occhi l’oggetto del mio desiderio, che avevo sognato per giorni, il suo membro lungo più di venti centimetri e largo come una lattina piccola, ritto come un obelisco e bellissimo da vedere; non mi diede tempo per fermarmi ad ammirarlo, perché senza esitare mi spinse la punta contro le labbra, me le fece aprire e mi cacciò il randello in bocca, senza violenza, in realtà, ma con una decisione che lo fece arrivare fino in fondo e mi provocò qualche conato controllato egregiamente.
Ero frastornato, non ero preparato a una evoluzione così rapida dell’incontro; non era passato che un minuto, da quando era entrato, e già mi trovavo nel pieno di una fellatio; come mi succede sempre, quando ho la fortuna di avere un membro in bocca, persi ogni cognizione di me stesso e mi abbandonai ad un’estasi via via più intensa e coinvolgente; il suo pene era decisamente notevole e durissimo, ideale per la mia libidine che esplodeva in quel momento; non si era abbassato i pantaloni, ma aveva solo sbottonato la patta da cui usciva il membro e i testicoli; ed io ero incantato a guardare la cappella enorme, aperta fungo sull’asta, e ad assaporarne la dolce consistenza quasi di frutto maturo, di freschezza della seta sulla pelle liscia, di entusiasmante potenza per come mi riempiva la bocca.
Dopo qualche istante mi impose seccamente di spogliarmi; felice di obbedire ad un maschio così autorevole, freneticamente in un attimo mi denudai sotto il suo guardo distratto; si era seduto, mi accovacciai fra le sue gambe e continuai il mio trattamento al suo randello meraviglioso che adesso viaggiava tra le mie mani che lo accarezzavano tutto, dai testicoli grossi come prugne lungo l’asta nodosa, nervosa, piena di vene che vi disegnavano strani ghirigori; la mia lingua che lo accarezzava, lo lambiva, lo insalivava tutto per renderlo più scorrevole, dalla cappella dolcissima, lungo il bastone forte fino ai testicoli; alla mia bocca che si apriva oltre ogni limite umano per farsi penetrare dalla mazza che andava a lambire l’ugola, lì in fondo, provocandomi qualche fastidio che immediatamente controllavo con la mia esperienza; ero felicissimo di lasciarmi dominare, possedere, violentare da quel bastone che imperversava nella mia bocca; ma anche da lui, che mi teneva la testa a mi guidava secondo il piacere che la mia lingua e la mia bocca gli procuravano.
C’era un silenzio quasi irreale, rotto solo dal ronzio dei computer e, ogni tanto, dal rumore di risucchio che provocavo involontariamente quando assorbivo la sua mazza dentro la bocca e gli strappavo gemiti di piacere succhiando la cappella; non riuscivo a interpretare il suo comportamento, a capire che idee avesse per la testa; rimaneva tranquillo e fermo, mi guardava, intanto armeggiava col cellulare e non so se scattava delle foto o se mandava messaggi a qualcuno addirittura lavorava mentre mi possedeva in bocca; questa specie di distacco mi disorientava ma anche mi intrigava.
Ma era talmente bello succhiare quel fallo che, come mi capita di solito, persi ogni pudore; benché le ginocchia mi dolessero a contatto col pavimento, alzai il sedere in modo che potesse vederlo, e lo feci ondeggiare sculettando; il gesto quasi involontario era il segnale implicito che volevo essere posseduto nell’ano, non volevo accontentarmi di prenderlo in bocca; per la verità, la cosa fu così istintiva che neanche saprei dire perché mi venne di fare questa mossa; non so neanche se lui l’avesse notata; comunque, a un certo punto mi fermò, mi fece alzare e si alzò anche lui, prese la sedia e la girò, ‘appoggiati qui’, disse; docilmente obbedii e mi disposi a novanta gradi col sedere bene esposto; sapevo che mi avrebbe sodomizzato e sapevo anche con chiarezza che, in fin dei conti, era quello l’obiettivo a cui avevo mirato sin dai primi approcci che avevamo avuto; il desiderio di sentire quella mazza sfondarmi il retto e penetrarmi nel ventre era irresistibile, anche se la condizione dell’ambiente, la mancanza di lubrificante e il timore di essere penetrato ‘a secco’ qualche perplessità me la suscitavano.
Non ero spaventato come la prime volta quando una mazza terribile e meravigliosa sverginò il mio didietro con manovre lunghe, elaborate e dolorose, accettate da me con l’entusiasmo di chi vuole ad ogni costo sentirsi sottomesso ad un fallo potente e prepotente; non potendo prevedere come avrebbe agito, gli chiesi timidamente se aveva del lubrificante, mi zittì e si dispose dietro di me; sbirciavo dietro a guardare ma intuivo solo la sua sagoma nella penombra; sentii l’umido della saliva colare sull’ano, il dito che la spalmava e il calore del pene che forzava; come sempre, l’attimo in cui entra dà una sensazione ineffabile, mi sentivo aprire e invadere, ma il calore del glande e la morbidezza della pelle a contatto con le mucose davano un brivido dolce e lascivo; durò un istante, perché dallo sfintere violentato venne una fitta lancinante.
Mi irrigidii, cacciando un grido soffocato; per un attimo, mi venne in mente l’episodio dello sverginamento e mi prese un poco di ansia perché temevo che si potesse ripetere l’estenuante calvario che aveva caratterizzato la mia prima volta; provai a divincolarmi, ma non ci riuscii; ‘sta fermo!’ sibilò, mi prese per i fianchi, mi posizionò meglio il sedere e riprese a spingere; lo sentivo millimetro per millimetro entrare nel canale rettale, lento ma deciso; ed io ero invaso da un misto stranissimo di dolore, di paura, di entusiasmo e di piacere diffuso che mi percorreva tutto il corpo; stringevo i denti, mentre sentivo che mi forzava rabbiosamente lo sfintere dilatandolo al di là di ogni limite naturale possibile; temevo mi lacerasse i tessuti interni dell’intestino e mi procurasse ferite dolorose e sanguinose; ma il piacere che mi si diffondeva in tutto il corpo era impareggiabile ed impagabile; sapevo che, per ottenerlo, dovevo accettare qualche piccola sofferenza; in un attimo mi imposi di lasciarmi andare, di spingere il mio ano incontro a lui e cosi in due o tre colpi si fece strada e arrivò fino in fondo.
‘Non mi ha fatto poi tanto male’ pensai; e cominciai a sentire sempre più intensamente piacere sotto i suoi colpi; lo estraeva quasi del tutto e poi lo affondava decisamente fino in fondo; quando era arrivato al termine possibile della penetrazione, spingeva ancora come se volesse immergere ogni millimetro della sua verga; avvertivo Il calore del suo pube sulle natiche e cominciavo a entrare nell’estasi.
Non durò molto; mi schiaffeggiò più volte le chiappe, poi si chinò di più su di me appoggiando le mani sulle mie spalle; lo sentii ansimare, gemere e alla fine urlare; stava eiaculando dentro e questi urli di godimento mi diedero un piacere particolare; rimase dentro per un po' poi lo estrasse e io ripiombai nella realtà; chiese dov’era il bagno ed andò a ripulirsi; io mi rivestii; apparve, prese il suo cappotto e si avviò all’uscita; non feci a tempo neanche a domandargli se gli era piaciuto che mi disse ‘ciao, ci sentiamo’ e uscì.
Non mi contattò più e rispose freddamente ai miei messaggi.
Non lo rividi più.
Visualizzazioni: 2 489 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Gay e Bisex