Arriva come sempre ad ogni fine anno, la classica cena aziendale, una noia mortale, parlare di lavoro anche fuori orario, però il bere e il mangiare era gratis e quando il gomito si alzava, si finiva sempre per parlare di puttanate.
Quella sera le avevamo sia io che la mia compagna, lei in centro città, la sua ditta aveva riservato un club dove facevano apericena e poi discoteca, la nostra invece era vicino a casa, un ristorante di cacciagione, dove servivano pasti pesanti e vino non da meno.
Ci telefonammo prima che fossi uscito da lavoro, lei sta prendendo il treno, per raggiungere la sua miglior amica, poi sarebbero andate insieme alla festa, io invece sarei passato da casa a farmi una doccia e poi al ristorante, “ Mi raccomando, torna a casa senza mutandine! “, le dissi scherzando, lei mi rispose che non le aveva nemmeno messe nella borsa del cambio, “ Che brava puttanella che sei amore!”, avevo aggiunto.
Tornai in ditta, ero rimasto l’ultimo a rientrare, passai dall’ufficio per portare i fogli della giornata, entrai e c’era ancora lei, la segretaria che stava finendo le ultime cose prima di andare a casa, era una ragazza in carne, le tettone sempre portare con una grande scollatura, mi ero spesso immaginato di infilarci il cazzo nel mezzo e da parte sua, con la sua faccia da maiala, sembrava starci, “ Che ne dici se passi da me e andiamo insieme alla cena?”, le proposi, “ A che ora?”, mi rispose, “ Beh facciamo alle sette così ho il tempo di darti il pisello prima di cena! “, si mise a ridere, ma annui.
Tornai a casa, un messaggio della mia compagna, “ Vado bene cosi? “, in allegato c’era la sua foto insieme a quella dell’amica, tutte e due con vestitini corti, “ Che belle troiette che siete, mi raccomando tutte e due senza nulla sotto! “, le risposi, due minuti dopo arrivò un’altra foto, la didascalia diceva “OVVIO”, aprii l’immagine ed erano bellissime, tutte e due con una gamba alzata per farmi vedere meglio, anche i vestitini tirati su e le loro due nelle fichette già calde, tutte rasate, ero già arrivato a casa, allora mi tirai giù i pantaloni con il mio cazzo barzotto, scattai una foto e la inviai.
Poco dopo la mia lei mi inviò un’altra foto di lei seduta sul treno con le gambe aperte, mentre il vagone pieno poteva vedere la sua fichetta, “ Che brava puttana che sei amore “ le risposi subito, arrivò anche un altro messaggino, non era lei ma la sua amica “come vorrei che il tuo cazzo fosse qui dentro”, questo diceva, l’immagine che apparve subito dopo, si vedeva lei che si allargava la fica, affianco alla mia lei, sul treno che le portava alla festa, “ Tesoro sei proprio una brava puttana anche te, mi raccomando fai scopare la tua amica e dacci dentro anche te! “, mi rispose con un bacio.
Presi e andai a farmi la doccia, il mio cazzo era sempre più duro, presi il telefono e scattai una foto, la inviai subito alla mia collega che mi doveva raggiungere, subito dopo un messaggino, “Arrivò sono vicina”, l’emoticon con la faccina golosa, finito di fare la doccia, sentii suonare il campanello, mi misi l’asciugamano intorno alla vita, ed andai ad aprire, era lei...
“ Ciaooo, belloccia, vieni vieni entra! “, era vestita con un vestitino corto nero, ne uscivano le gambe poco dopo la fica, dalla scollatura generosa si vedevano le sue enormi tette e il vestitino risaltava sul suo culone, “ Chissà se quell’asciugamano casca? “, mi disse con la sua aria da porca, la feci accomodare sul divano, io di fronte a lei, il cazzo già barzotto alla vista di tutta quella porcaggine, “ Tipo così?! “, facendo scivolare a terra l’asciugamano che mi copriva il cazzo proprio di fonte a lei, “ Esatto! “, mi disse dirigendosi con la bocca al mio cazzo, un secondo dopo aveva le palle in bocca, le succhiava, poi passò alla mia asta, leccandola e infilando ogni centimetro di cazzo in gola, “ Che brava cagna succhiatrice che sei! “, la tenevo per la testa mentre mi spompinava.
Dopo due minuti di un gran bel pompino, le levai il cazzo dalle mani, le tirai su le gambe e vidi che era senza mutande sotto quel vestitino nero, “ Sei proprio una cagna in calore! “, lei si prese le gambe, le teneva su come dal ginecologo e io mi fiondai con la testa nel mezzo, era già fradicia, ma mia lingua passava dentro e fuori la sua fica, le mie dita la sditalinavano, prima una, poi due, alla fine tre dita dentro la fica, e il pollice dentro il culo, “ Scopami porco! Riempimi di sborra! “, mi sedetti sul divano anch’io, presi e la feci accomodare sul mio cazzo, si voleva mettere di fronte a me, “ No le cagne come te vanno inculate!”, la feci girare e lei mi prese il cazzo, lo puntò al suo culo e se lo infilò in un sol colpo, “ Oddio, come mi piace! “, le tirai fuori le tette, mentre mi stava cavalcando, erano enormi arrivavano alla sua bocca, la costrinsi a succhiarsele, un capezzolo nella mia mano per strizzarlo con violenza, l’altro nella sua bocca, con l’altra mano la masturbavo, le dita erano diventate quattro, sentivo il mio cazzo che le strusciava nel culo attraverso la fica, “ Voglio che mi sborri in bocca! “, gemeva mentre parlava, poco dopo stavo per venire, lei si alzò, lo prese tra le tette, con una bellissima spagnola e appena la mia cappella fini nella sua bocca sborrai, ne avevo un monte ma lei ingoiandola ad ogni spruzzata la ingurgitò tutta, solo alcune gocce finirono sulle poppone, “ Ora te ne starai sborrata tutta la sera! “, le ordinai.
Presi il telefono, aprii la fotocamera, e le feci una foto, lei con le tettone, gocciolanti di sborra, mi guardava da maiala, le offri una birra, ne presi una anch’io e andai a vestirmi, nel mentre lei si sistemò, dalla scollatura si vedeva ancora le gocce della mia sborrata, chiusi casa e andammo verso la cena, “ Ora dovrai guadagnarti un’altra bella chiavata!, stai ai miei ordini “, e le infilai le dita nella fica, lei si era messa comoda e si gustava il ditalino mentre guidavo, ci vedevano dai mezzi più grandi o dalle case, “ Ti stanno vedendo tutti quanti sei cagna! “, lei mugolò ancora più forte.
Accostati la macchina lungo strada, presi il telefonino e cominciai a riprendere, qualche scatto ogni tanto, la mano era praticamente dentro la sua ficona, quattro dita facevano dentro e fuori di lei e il sedile era mezzo, “ Che brava puttana vogliosa sei anche te! “, mi fermai, lei mi guardava come se a un cane gli si togliesse l’osso, aveva voglia di essere scopata ancora, “ No mia cara troietta, devi aspettare... “, inviai tutto alla mia fidanzata che doveva essere quasi arrivata col treno alla stazione, “Una collega mi ha chiesto un passaggio!”, aggiunsi come messaggio alla fine, ripartimmo ma eravamo praticamente arrivati, due minuti dopo parcheggiamo nel parcheggio del ristorante, sentii vibrare il telefono poteva essere solo la mia fidanzata e infatti, comparse tre messaggi il primo “Bravo maiale, chi è questa puttana?”, il secondo “Noi siamo arrivate, ma due ragazzi c’hanno chiesto se i posti affianco i nostri erano liberi...”, il terzo una foto, la mano della mia fidanzata, avvinghiata al cazzo del ragazzo affianco, tutta sborrata con il cazzo ancora un po’ duro sotto un giubbotto, che brava troia che è pensai tra me e me, ero fiero di avere una fidanzata a cui piaceva così tanto scopare, “Brava troia, e la tua amichetta niente sega?, peccato che tutta quella sborra non sia finita nella tua gola, ma niente solo una maiala che lavora in amministrazione in ditta”.
Scesi di macchina, il buio del parcheggio non mi faceva vedere niente mi diressi dalla parte della mia collega, anche lei stava scendendo, “Mettiti a pecora!”, le ordinai, lei si girò in un attimo, le tirai su il vestito e fiondai due dita nella fica e il pollice nel culo, “ Brava puttana obbiediente!, ti piace essere chiavata all’aperto dove tutti posso vederti e approfittare di te! “, lei mugolava di si mentre le mie dita si muovevano, presi il telefono, e le scattai una foto mentre la masturbavo, poi tolsi la mano da quel paradiso, le schiaffeggiai il culo “ Rivestiti che dopo ti porto in un bel posto! “, chiusi la macchina e ci incamminammo al ristorante, alcuni colleghi dentro, altri fuori a fumare, mi fermai per un messaggio della mia fidanzata, una foto della sua amica, alle prese con un pompino al ragazzo affianco sul treno, subito dopo “Lei era messa meglio, ha potuto succhiare, a me mi avrebbero denunciato ????”, sorrisi, “Vabbè amore vorrà dire che te ne scopi due insieme, al ristorante, che dici?, intanto io...” e le inviai la foto della mi collega appena fatta, mentre la masturbavo nel parcheggio, arrivai davanti alla porta del ristorante accesi la sigaretta e cominciai a chiacchierare con chi c’era, poi mi diressi dentro visto che gl’antipasti erano già in tavola.
Appena finito gli antipasti, un messaggio della mia compagna, era un video, durava circa un minuto lo apri ed era bellissimo, lei in bagno, che stava finendo un pompa ad uno mentre questo le veniva in bocca, stava in ginocchio con la lingua di fuori in attesa delle ultime spruzzate che le stavano finendo in gola, con gl’occhi che guardavano in camera, si vedeva che il video lo aveva fatto lui, “Spero sia solo l’antipasto amore!”, le risposi, il mio cazzo si era indurito all’arrivo dei primi, affianco a me la mia collega allungava le mani sul mio cazzo e io le infilavo le dita nella fica di tanto in tanto, decisi che dopo i primi le avrei fatto prendere il mio cazzo in bocca un’altra volta e così feci, la presi in bagno anche lei, le tenevo la testa per i capelli, quando le lasciavo prendere aria dalla pompa che mi stava facendo, le davo della cagna a lei piaceva, si masturbava la fica, sentivo che godeva, le sue mani impasticciate di umori le portava alla mia bocca, il gusto della sua fica era buonissimo, prima di venire accesi la fotocamera e ripresi il tutto, compresa la sborrata che quasi la soffocava, “ Dopo ti porto a scopare, troia! “, le dissi poi inviai tutto alla mia fidanzata che un minuto dopo mi rispose, “ Come vorrei che anche qua mi trattassero come quando te mi tratti da cagna, vorrei essere lì a farmi sentire la tua puttana!”, parole bellissime, mentre tornavo al tavolo pensavo quanto amo quella donna della mia compagna.
Terminavano anche i dolci, caffè e ammazza caffè, non avevo bevuto molto, volevo essere lucido per il dopo cena, ormai erano passate le undici, scriverti un messaggio alla mia compagna, “ Come sei messa amore? “, visualizzò il messaggio ma non rispose subito, poco dopo mentre stavamo uscendo mi arrivò un messaggio dalla sua amica, anche lei ormai era diventata un gran troia, un video più lungo circa due minuti, riprendeva una saletta non utilizzata, i mobili erano sparsi ovunque, il video cominciava con l’amica “ Vedi Marco, siamo messe bene! “, parlava al ritmo dei colpi di cazzo che le stavano dando, poi girò l’inquadratura, la puntò verso la mia fidanzata, era seduta con un bel cazzo nel culo, godeva alla grande “ Ti amo, amore miooooo! “, urlava verso la fotocamera, un tipo la stava per possedere nella fica, in una bellissima doppia, lei si fermò per farlo entrare, poi ripresero a fotterla insieme, un cazzo nella fica uno nel culo, “ Tieni riprendi tutto! “, l’amica passò il telefono a uno di fronte a se, lei si mise a succhiarli il cazzo, mentre a pecora appoggiata a un divanetto, divaricava le chiappe prima che un mulattino, con davvero una bella fava, lo togliesse dalla sua fichetta e lo spingesse pian piano del suo culetto oramai non più vergine “ Ohhhh, come è grossoooo “ il video s’interruppe, il mio cazzo scoppiò sugli attenti, era di marmo nemmeno la sigaretta che stavo fumando mi calmava, “ Mettetevi in ginocchio tutte e due nude a bere tutta la sborra che riuscite! “ risposi alla amica della mia fidanzata.
Salimmo in macchina, io e la troia della mia collega, “ Spogliati, ti voglio completamente nuda, ti porto in un bel posto! “, lei non vece un verso, una volta nuda cominciai a toccarla, prima le tettone, poi la fica, poi il culo, in quest’ultimo riuscii a infarcì due dita, lei mugolava, ansimava e cercava di allungare la mano al mio cazzo, “ Fermati e scopami! “, urlava “ No mia cara cagna, devi aspettare! “, le rispondevo.
Poco dopo arrivò un nuovo messaggio sul telefono, un ennesimo video, sapevo cosa conteneva, ma stavo per arrivare al parcheggio che avevo scelto per castigare la cagna, un parcheggio dove c’erano gente pronta a scopare di tutte le razze, dove ragazze come la mia fidanzata, la mi amica e la mia collega vanno portate per soddisfare le loro voglie.
Parcheggiammo in mezzo al piazzale, scesi di macchina e sboccai il telefono, vidi il video che un ragazzo aveva ripreso con il telefono della mia fidanzata, si vedevano tutte e due, nude in ginocchio, a prendere schizzate di sborra da tutti e quattro i maschietti coinvolti, per poi succhiare i cazzi ad uno ad uno una volta finito di spruzzare, il mulattino aveva proprio un bel cazzo, tutte e due se lo dividevano con la bocca mentre si stava afflosciando, erano completamente ricoperte di sborra, quel che non era nella loro bocca, era sui capelli o sulla faccia, “ Siete due bellissime troie, prendete il numero del ragazzo mulatto, voglio farlo partecipare alle nostre cene! “, risposi al messaggio, poi apri lo sportello del passeggero, era lì nuda non capiva cosa stessi per fare, tirai fuori il mio cazzo duro e subito dopo lei prese a succhiarlo, ed un istante dopo ecco quello che volevo, comparvero due ragazzi dall’ombra, un africano giovane e l’altro era italiano della mia stessa età, la mia collega li vide, per un attimo si staccò dal mio cazzo preoccupata, “ Non ti preoccupare, che ora arriva il bello della serata! “, le dissi poi le rificcai il cazzo in bocca, “ buona sera a voi! “, dissi verso i due nuovi amici, “ Buonasera!, possiamo guardare? “, mi chiesero, “ Ancora meglio, dovete aiutarmi a scopare questa bella cagna “, le staccai il mio cazzo dalla bocca, la feci alzare e la portai nelle loro grinfie, la mia collega mi guardava preoccupata, ma appena l’ebbero a portata di tiro, cominciando a toccarla e baciarla dappertutto, anche lei si cominciò a sciogliersi e a darsi da fare, mentre l’africano le bacia a le tette, gli sbottono i pantaloni cominciando a ravanargli il cazzo, prima con la mano nelle mutande poi lo tirò fuori, un cazzo bello grosso sarà stato sopra i venti centimetri abbondanti, nero e massiccio un minuto dopo lo aveva in bocca, non riusciva a prenderlo tutto entrava la cappella e mezza asta ma se lo stava godendo, il ragazzo italiano invece era dietro le leccava la fica, con due dita dentro poi passava al culo, dopo un minuto se lo sfilo anche lui dai boxer puntò alla sua fica e lo infilò in un sol colpo da quanto era bagnata, “ Che bella collega puttana che ho! “, bofonchiò qualcosa, “ Vieni anche te a scoparmi! “, mi urlò sfilandosi il cazzo del nero di bocca, io presi il telefono, feci una foto e la mandai alla mia ragazza e alla sua amica, “ Poi vi porterò qua, ma ora devo sbattermi la collega per bene! “.
Andai dietro la macchina, presi una coperta che tenevo sempre con me, la stesi a terra ed invitai il ragazzo di colore a stendersi, un volta steso notai ancora di più in cazzo che aveva, era enorme “ credo che griderai, mia troia! “, dissi a lei che stava godendo a colpi del l’altro ragazzo, andai verso di loro presi la mia collega per una mano e la portai davanti al cazzo nero lei si chinò per ricominciare a succhiarlo, io dietro di lei avevo il suo culone in faccia, la sua fica aperta cercava cazzo, le spurai sul buco del culo, poi infilai due dita dentro, ci sputai ancora e entrò anche il terzo dito, “ Sei pronta cagnetta! “ la feci girare e mentre mi guardava la facevo scendere, arrivò a sentire il cazzo del nero e se lo stava per mettere nella fica, scesi anch’io lo presi in mano e lo puntai al suo culo, “ Ora vai giù...”, lei ubbidì, il cazzone stava sparendo pian piano nel suo culo, fino quasi in fondo poi si buttò all’indietro, perfetto, presi il telefono e cominciai a riprendere, il nero la stava già fottendo e a lei piaceva, “ Oddiooooo, mi sfonda il culoooo!, un nero mi sfonda il culo in un parcheggio, siiiiiii! “ diedi il via anche all’altro ragazzo, che lo ficcò subito nella fica, continuavo a riprendere mentre arrivò un’altro video dalla mia ragazza, la stavano fottendo bene quella cagna della mia collega, mi diressi alla sua bocca, appena arrivato davanti alla sua faccia spinsi in gola il mio cazzo, succhiava avidamente anche il mio sembrava che ne volesse altri pensavo mentre la troia venne dopo un “ Ahhhhhh, Siiiii!, fottetemiiii! “, lo sciacquettio delle stantuffare nella fica si sentiva benissimo, poi “ Io sto per sborrare “, disse il mio coetaneo, “ Anchio “ ribatte il nero, “ veniamo tutti insieme in questa cagna in calore! “, dissi e poco dopo la riempiamo di sborra dove la stavano chiavando.
Lei si distese sulla coperta, era completamente ricoperta di sborra, dalla sua fica e dal suo culo usciva piano e le colava sulle coscie, la mia in bocca le colava invece sulle tette, era bellissima, una bellissima cagna, interruppi il video e andai da lei “ Tieni asciugati, e bevi, sei stata proprio brava, poi rivestiti che ti porto a casa. “, andai da i due ragazzi, gli ringraziai e chiesi i loro numeri, magari quello dell’africano mi sarebbe servito per le mie due troie preferite, rimontammo in macchina lei si distese e si addormentò dopo un paio di curve, aprii il telefono e vidi il video della mia ragazza, si autoriprendeva, il bel cazzo del mulatto le stava vendendo nella fica, poi lo sfilava appena aveva finito e lei si riprendeva la fica che gocciolava di sborra calda, comparve la nostra amica, che con una gran leccata alla fica della mia compagna, raccoglieva tutto e lo ingurgitava, il mio cazzo tornò di marmo, la chiamai, “ Ciaoooo , amore, ci vieni a prendere?, noi ci siamo divertite un monte e siamo un po’ stanchine, si dorme a casa nostra ok? “, mi rispose tutta contenta e soddisfatta, “ Certo amore, lascio a casa la cagna e arrivò a prendervi. “
Tornammo a casa tutti felici e soddisfatti, la mia collega mi scrisse dopo averla riaccompagnata, le faceva male tutto, ma era soddisfatta, mentre tornavamo a casa feci vedere il video alle due puttanelle, “ Amore, anch’io voglio essere chiavata cosiiii, anche te amica vero?, guarda che bel cazzo grosso è quello “, “ bhe, riceverlo sarebbe un vero piacere, magari però a casa.” ribattee la nostra amica, “ Vedrò di organizzarvi una bella cena con sborrata! “, aggiunsi io, risero e furono molto entusiaste, appena arrivati a casa ci fiondammo nel letto nudi ed esausti, sapevamo di cazzo, fica e di sesso sfrenato, ci addormentiamo tutti abbracciati, io, la mia compagna e la sua amica!.

Racconto di fantasia
imarchino52@gmail.con
Visualizzazioni: 4 477 Aggiunto: 3 anni fa Utente: