Da quel giorno Ada volle che io mi vestissi solo da femmina, mi comprava l'intimo più sexy e provocante possibile andava addirittura nei sexy shop a comprare l'intimo per me, io ero innamoratissimo e l'accontentavo sempre e a forza di accontentarla cominciavo anch'io a trovarmi bene nel vestirmi da femmina, Ada volle anche farmi crescere i capelli fino ad arrivarmi fin dopo le spalle e poi mi portò dalla sua parrucchiera che mi fece la testa piena di grossi riccioli, lentamente intanto vedevo che il mio effeminamento proseguiva e il mio corpo diventava sempre poù rotondo, il mio viso sempre più femminile e una domenica mattina nello svegliarmi sentii qualcosa all'altezza del mio petto, alzai la maglietta e notai due piccole protuberanze, Ada dormiva ancora ma la svegliai, ero emozionato e avevo le lacrime agli occhi
"Cosa c'è amore?"
"Ada guarda il mio petto?"
"Wow ti stanno spuntando due belle tettine, adesso puoi anche portare anche dei miei abiti, oggi ne provi qualcuno va bene amore?"
"Se lo vuoi tu lo farò"
"Ma non devio accettare sempre quello che ti dico, se ti dico di ammazzarti lo faresti?"
"Ada ti amo da impazzire"
"Anch'io amore mio anch'io, senti domani sera faccio venire due mie amiche trans, sei pronto? o devo dire pronta?"
"Sai Ada mi sentirei non ancora pronta a parlare al femminile"
"Ma se hai detto pronta?"
"Ma nooo hai sbagliato?"
"No tesoro hai detto pronta!"
"Non lo sò, forse piano piano mi abituerò, magari a volte parlerò ancora di me al femminile maaa..."
"Ho capito tesoro"
"Grazie"
"Però questa sera ti vestirò con un mio abito di un film, sarai sexyssima tesoro"
"Magari mi piacerà e mi abituerò a sentirmi femmina"

Ci alzammo a fatica dal letto facemmo una lunga e sostanziosa colazione poi uscimmo di casa mano nella ,mano e andammo a fare quattro passi in una via commerciale passammo davanti ad un sexy shop e Ada vide un corpino in plastica che si adattava perfettamente al corpo umano e all'altezza del petto aveva due tette della 5 misura, Ada mi prese per mano e mi condusse nel negozio, si fece spiegare come funzionava e intanto il commesso mi aveva messo gli occhi addosso e mentre continuava a spiegare aveva iniziato a rivolgersi a me
"Mi piacerebbe vederlo addosso si potrebbe?"
"Certo, ne prendo uno e insieme al tuo amico scendiamo glielo metto e alla fine risaliamo e vedi l'effetto"
"Non potrei scendere anch'io"
"Vorrei farle una bella sorpresa signorina"
"Va bene aspetterò quà"
Io ed il commesso scendemmo lungo una scala abbastanza agevole una volta arrivati tolsi la camicia e abbassai la gonna"
"Deve torgliersi anche la maglietta sotto"
Cribbio togliendo la maglietta il commesso avrebbe visto anche le mie protuberanze, ma ormai ero lì e la tolsi, subito vidi i suoi occhi fissarmi le piccole tettine, prese il corpino e fece in modo che combaciasse perfettamente al mio corpo, io nel vedermi con quelle tette mi emozionai ma lui fù lesto a venirmi dietro ed allacciare il corpino, una volta fatto il commesso mi venne davanti, il suo viso era cambiato ora i suoi occhi mi fissavano e i suoi occhi mi facevano capire che mi voleva, mi venne subito diertro mi abbracciò stretto e con un colpo solo mi penetrò, io cercai di divincolarmi ma ero ancora ottuso dall'emozione nel vedermi con le tette, per lui fù facile ad avermi, mentre mi teneva dentro il suo cazzo mi girò il viso e mi baciò sulla bocca, io non riuscivo a reagire ero sopraffatto dalla meraviglia, dalla sorpresa che mi ero dato così facilmente al commesso, cominciò a muoversi dentro di me e per non far sentire che gemevo mi girò la testa e mentre mi scopava mi baciava e aveva pure messo la sua lingua nella mia bocca.
"Siete pronti? manca molto? urlò Ada ma io non potei rispondere
"Manca poco signorina" disse il commesso
La scopata andò avanti ancora per un pò ma infine finalmente il commesso sborrò per terra e mi lasciò libero.
Salimmo insieme e alla vista del mio corpino sul petto Ada si commosse dal piacere
"Ma sei bellissima così"
"Si Ada mi vedo bene"
"Mi scusi ne compro due"
"Benissimo, sta veramente bene il suo amico"
Il commesso prese un'altro corpino e lo mise in una busta, l'altro ce l'avevo addosso e quella sensazione di avere delle tette mi illanguidii, mi eccitò.
Stavamo per uscire quando il commesso mi chiamò
"Senti se vuoi qualcos'altro vieni pure, se ti farai scopare ancora te lo regalerò, ciao"
Visualizzazioni: 3 394 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Trans e Travestiti