Dopo che mia moglie ha avuto su mia insistenza un primo rapporto sessuale con un altro maschietto le cose tra noi sono cambiate, e cambiate di molto.
Io sono un cuckold e la cosa è confermata. Mia moglie diceva che quando le chiedevo di andare con qualche altro in realtà non lo volevo, perché il mio essere cuckold era una posa. Dopo però la prima esperienza io mi sono reso conto di essere un vero cuckold e questo fatto ha portato mia moglie a una diversa consapevolezza delle sue fantasie sessuali, e non solo fantasie. Si è praticamente disinibita completamente: la sua cultura cattolica, pur non essendo lei praticante, la portava a una certa chiusura nei confronti del sesso. Nei suoi rapporti con me era completamente disinibita, non esisteva alcun tipo di preclusione: sesso in qualsiasi modo e in qualsiasi luogo, meglio se col pericolo di essere visti. Con la recente esperienza è crollato un altro tabù, per cui lei adesso non esclude il rapporto anche con altri. Il fatto che io abbia dimostrato che la cosa mi fa piacere aggiunge quel dipiù che aumenta l’eccitazione e il desiderio di esperienze nuove. Questo non vuol dire che mia moglie vada in cerca di uomini, ma non esclude che, se capita, si possa concretizzare.
Siamo andati in vacanza in un villaggio turistico in Turchia e il nostro bungalow era immerso nel verde, in un boschetto di agrumi, bellissimo. Il boschetto era curato da un giovane, bellissimo anche lui. Cosa ne pensi? ho chiesto a mia moglie e lei mi ha risposto che dovrà pensarci.
La nostra vita nel villaggio era piuttosto libera, quando lei era in spiaggia io magari ero al bar per una birra. L’appuntamento fisso era per l’aperitivo all’ora di cena: ci cambiavamo nel nostro bungalow e poi andavamo in uno dei tanti bar.
Un giorno un po’ prima dell’aperitivo ricevo un messaggio sul cellulare: è la foto della sua figa con la didascalia “se vieni in silenzio ti faccio un regalo”. Mi avvicino al bungalow e attraverso la porta aperta vedo mia moglie nuda sul letto con il ragazzo che le lecca la figa mentre lei gli mena il cazzo. Io mi fermo e comincio a menarmi il cazzo perché la scena è stupenda: lei, bellissima, con la faccia arrossata, le bellissime tette bianche, le bellissime gambe abbronzate che mi guarda e che si muove per sentire bene la lingua del ragazzo e che geme fino ad arrivare all’orgasmo con un urlo mentre il ragazzo sborra. Adesso devi andare perché sta per arrivare mio marito, e il ragazzo si alza e si rimette gli shorts. Con un colpo di tosse entro mentre il ragazzo esce e mia moglie si copre con un lenzuolo e mi dice di aver chiesto al ragazzo un consiglio di giardinaggio e che l’indomani ha preso appuntamento con il ragazzo dei massaggi. Non so se è colpa o merito dell’aria di mare o altro, certo è che l’indomani mi sono sistemato nell'altra stanza dopo aver predisposto la telecamera e il monitor per non perdermi il massaggio. E ho fatto bene, perché il massaggiatore, abituato a soddisfare le voglie delle vecchie babbione del villaggio, in presenza di quella stupenda figa di mia moglie, ha dato il meglio di sé. E mia moglie ha ricambiato da par suo. A questo punto l’idea è arrivata da sola: il giorno dopo l’appuntamento con il massaggiatore per mia moglie e la massaggiatrice per me, da fare nella stessa stanza.
Visualizzazioni: 31 638 Aggiunto: 5 anni fa Utente:
Categorie: Racconti Cuckold