Mi alzai, chiedendo a mio zio cosa volesse fare.
"Voglio guardarti. Spogliati."
Ero eccitata, mi sentivo sporca e in colpa, ma ero maledettamente eccitata, sentivo già le mie mutandine bagnate.
Mi tolsi la maglietta, mostrando il seno nudo.
Mi inchinai per togliermi gli shorts, e rimasi così davanti a lui, con solo un paio di mutandine nere a coprirmi.
"Avvicinati"
Mi avvicinai a mio zio, e senza nemmeno darmi il tempo di capire, mi prese il bordo delle mutandine con entrambe le mani e le strappò.
"Apri la bocca"
Aprii la bocca e mi ci infilò le mie mutandine. Sentii il mio sapere sulla lingua.
"Bene, ora prendi la sedia e siediti di fronte a me"
Obbedii, mi misi davanti a lui che era ancora beatamente seduto sul divano.
Ero nuda, bagnata, con le mie mutandine strappate a tapparmi la bocca.
"Apri le gambe"
Spalancai le cosce, abbassando lo sguardo per la vergogna.
Grondavo da quanto ero bagnata ed eccitata.
Lui sorrise, evidentemente soddisfatto.
"Masturbati"
Lo guardai scuotendo la testa.
Me lo disse con il tono più severo. "Ho detto masturbati!"
Mi iniziai a sfiorare le labbra con la mano destra, ero bagnatissima, e per quanto volessi resistere mi fu impossibile non eccitarmi ancora di più.
Mi massaggiai il clitoride, facendo scivolare di tanto in tanto un dito dentro.
Mio zio si sbottonò i jeans, tirando fuori un cazzo che non mi aspettavo, grande, e duro come il marmo.
Iniziò a segarsi guardandomi in mezzo alle gambe, e io ero estasiata, e volevo eccitarlo ancora di più.
Alzai una gamba per mostrargli bene la figa, e iniziai a penetrarmi con due dita, poi tre, sempre più forte, gemendo con le mie mutandine in bocca, guardando lui che se lo menava sempre più velocemente, fin quando sentii il mio orgasmo salire, e squirtai sul pavimento.
Guardando quella scena lui non potè più resistere, si alzò in fretta dal divano e mi prese per i capelli, menandosi il cazzo disperatamente per pochi secondi davanti la mia faccia, fino a sborrarmi su tutto il viso, sulle labbra, sulle mie mutandine ancora in bocca.
Mi guardò con un'espressione goduriosa, prese le mie mutandine dalla bocca, passandomi il dito sulle guance per raccogliere lo sperma e farmelo leccare tutto.
"Ingoialo. Ingoia la sborra dello zio"
Lo feci, e lui sorrise. "Mi divertirò molto con te piccola".

Se volete il continuo, scrivetemi.
Visualizzazioni: 7 450 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Incesti