Lunedì mattina primo giorno di ferie mi sveglio con una piacevole sensazione anche se dovevo aspettare altri tre giorni prima di partire per Formentera visto che quelli erano ancora i giorni di lavoro che mia moglie doveva fare. Al pensiero di mia moglie a lavoro penso allora chi sta con il mio cazzo in bocca apro gli occhi ed effettivamente non era lei che pompava il mio cazzo ma la ragazza alla pari moldava che veniva un paio di volte a settimana a sbrigare le faccende di casa. Devo dire aveva un bel fisico anche se di viso non mi attirava molto, ma sicuramente con il cazzo ci sapeva fare, neanche il tempo di trovare le parole per farle capire che ero sveglio e dirle qualcosa che vedo mia moglie Francesca sulla porta più bella che mai con solo autoreggenti e stivali come da mia fantasia erotica, piccolo inciso Francesca è un figone da paura 40 anni elegante prosperosa mai volgare zoccola solo tra le lenzuola che ho avuto la fortuna di sposare anche se io sono un normale agente di commercio mentre lei fa parte di una delle famiglie più ricche e in vista della nostra città infatti il nostro tenore di vita è dato da lei non da i miei modesti guadagni. Più si avvicinava al letto e più ammiravo la sua maestosa bellezza mentre la ragazza continuava nel suo magnifico pompino, lei mi dice questo è il regalo di compleanno che ti avevo promesso spero sia indimenticabile come io credo ti amo, a quelle parole vedo le stellette da innamorato ed al tempo stesso eccitatissimo scarico non so quanto sperma in bocca alla pompinara che da oltre 20 minuti mi pompava. Capii subito che la ragazza era stata indottrinata da Francesca in base alle nostre fantasie infatti si distese subito sul letto Francesca si mise a pecora e mentre io la scopava leccava la fica alla ragazza che gemeva di piacere. Poi Francesca volle fare la nostra fantasia più ricorrente con lei a smorza candela sul mio cazzo la ragazza sempre a smorza candela sul mio viso rivolta verso Francesca in modo da baciarsi e toccarsi non ricordo quanto tempo rimanemmo in quella posizione ma ricordo solo che alla fine ero pieno di umori delle due sul viso ed all'altezza del mio cazzo. Continuammo ancora per ore a dare sfogo alle nostre fantasie usando la ragazza a nostro piacimento e la sua presenza tra noi non creava disagio era si li con noi ma era come non lo fosse. Una volta finito mia moglie portò la ragazza in un'altra stanza le diede 5000 euro le referenze per andare a lavorare in un'azienda della propria famiglia che si trovava in un'altra città la ringraziò e così scomparve dalla nostra vita.
Visualizzazioni: 5 949 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Confessioni