Dopo quella sera di pioggia arrivò completamente l'estate col gran caldo, in ufficio si stava bene ma appena uscivo per tornare a casa trovavo un muro di calore e quando entravo nella mia auto ero già tutto sudato e il frescore dell'aria condizionata della macchina non bastava a rinfrescarmi visto che casa mia non era lontanissima, arrivato a casa mi facevo una doccia fredda per mettermi a posto, il caldo mi aveva fatto dimenticare Armando, d'altra parte fare sesso con tutto quel caldo si finiva in un mare di sudore.

Una sera che ero sdraiato sul divano a vedere un telefilm mi chiama per telefono proprio lui Armando
"Ciao Ivano ti sei dimenticato di me?"
"Assolutamente no, soltanto che fare sesso con tutto questo caldo mi farebbe stare male"
"Allora non ci vediamo per tutta l'estate!"
"Ma noo tranquillo basta che si abbassi un pò la temperatura e l'umidità"
"Sai Ivano ho comprato della birra, molto buona e anche un pò forte di gradazione, non vorresti provarla, la tengo in frigorifero"
"Non è italiana"
"No è scozzese, è aspetta che guardo"
"No lo sò io è la tennents"
"Si giusto ti piace?"
"Certo è buonissima"
"Allora dai vieni, ho acceso tre ventilatori, non si stà malissimo in casa mia"
"Ok dammi 20 minuti e sarò li da te"
Solo a pensare ad Armando mi aveva eccitato, è un ragazzo bellissimo, quasi ginnico, ha un viso e degli occhi dolcissimi e ha pure un bel cazzo"
Mi preparai in fretta presi l'auto e andai da lui che mi accolse con un gran sorriso e un abbraccio caloroso
"Ciao Ivano solo felicissimo che sei qui, dai siediti sul divano vado a prendere le birre e ce le beviamo"
La casa di Armando è un piccolo bilocale molto intimo con un divano e dei cuscini dalle varie tonalità del rosa, la cucina era anche sala e c'era solo un piccolo cucinotto, c'era una bella camera da letto, i servizi e c'era pure un bel terrazzo rivolto a sud, guardai la casa mentre Armando preparava tutto
"Ti piace la ,mia casa?"
"Molto carina e intima Armando , mi piace veramente, manca solo una cosa per renderla bellissima a mio parere"
"Cosa Ivano"
"Un bell'impianto hifi"
"Mi piacerebbe ma non c'è posto"
"Puoi metterlo in camera"
"Dici?"
"Nelle giornate invernali puoi stare a letto e sentire la musica"
"E' un'idea ma non saprei dove andare a comprarlo"
"Te lo dico io quando deciderai"
"Ecco le birre Ivano, ho portato un pò di patatine come compagne di bevuta"
"Bravo Armando"
Ci scolammo le birre, erano belle fresche e anche se forti scendevano nello stomaco benissimo.
"Armando qualche volta ti vengo a prendere e ti porto a casa mia"
"Và bene ma non far passare ancora un mese mi sei mancato Ivano"
Armando mi venne vicino e ci baciammo, fù un lungo e sensuale bacio dove lui mi mise subito la lingua in bocca poi mentre ci baciavamo lui mi abbassò il pantaloncino e mi fece appoggiare supinamente sul bracciolo del divano, mi fù subito sopra, mi prese le gambe e se le mise dietro le spalle puntò il cazzo e mi penetrò piano piano ma decisamente, una volta che mi fù dentro tutto ci baciammo ancora e ancora poi iniziò la cavalcata dapprima lenta per poi diventare scatenata
"Ohhhhh Armando siii siii ohhhhhhhh"
"Mi sei mancato tantissimo e adesso il mio cazzo vuole rifarsi"
"Scopami allora scopami tesoro scopami"
"Ohhh Ivano che dolce amante sei"
"Siii siii dai dai dai mi piace ohhhhhh"
"Si ti scopo per bene poi ti vengo tutto nel culo, ti faccio femmina"
"Ohhhh sii siii tuytto nel culo la tua sborra siii tutta dentro a me"
"Vedi, avevo troppa voglia e già stò venendo sborro Ivano sborrooooo"
"Siii tutta dentro Armando mio bello tutta dentro alla tua femmina"

Il mio culo si riempì di 9 fiotti di sperma bollente e densissimo, una volta finito lui mi rimase ancora un pò dentro poi gli pulii il cazzo rendendolo come nuovo.

"Ivano ti metto della carta così ti rimane dentro"
"Si bravo la voglio sentire gorgogliare nella mia pancia"

"Ivano ma lo sai che al mio vecchio uomo ogni tanto lo truccavo e vestivo da femmina?"
"Bè allora era un pò effeminato"
"Poca roba, non si notava ma una volta truccato diventava bellissima, una volta abbiamo fatto un capodanno insieme con lui vestito da femmina"
" E nessuno se ne è accorto?"
"Ti giuro nessuno"
"E mentre ballava stando vicini non si vedeva o sentiva il cazzo sotto il vestito?"
"Aveva un cazzo piccolo e quindi era facile nasconderlo nel perizoma, ma tu non sei curioso di provare?"
"Non ci ho mai pensato veramente"
"Ivano hai dei bei lineamenti del viso molto fini, porti i capelli belli lunghi fino alle spalle sei magro con pochi peli ma hai un gran bel culo, staresti benissimo"
"Mah non sono molto convinto Armando"
"Ci stai se la prossima volta proviamo?"
"Vedremo ora devo andare Armando grazie della birra"
"Per me è stato un vero piacere e anche per il mio cazzo ahhhhhhhh"
"Spiritosone ciaoooo"
Visualizzazioni: 2 346 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Gay e Bisex