Ho sempre sognato di vedere mia moglie scopata da un altro ma lei non ne voleva nemmeno sentir parlare. E' sempre stata una donna timida e fedele e non ci pensava nemmeno a farsi vedere trombare da un altro uomo. Lei è sempre stata molto attraente. Giustamente formosa, belle tette e un culo sodo e rotondo. Ci siamo conosciuti giovanissimi e poi ci siamo sposati.Tante volte, mentre mi faceva un pompino o mentre la scopavo ho provato a dirle che sarebbe stato bello per lei avere un altro uccello a disposizione, ma la cosa non la interessava minimamente.Un giorno però venne ospite a casa nostra un mio ex collega che passava per lavoro dalla mia città.Fu naturale invitarlo a cena e a dormire da noi. La cena fu cordiale come sempre e dopo cena ci sedemmo sul divano a bere qualcosa. Fra risate e racconti di avventure personali che andavano sempre più sul sesso, mi scappò una battuta "Scommetto che a mia moglie piacerebbe farti" Lei, arrossì, ma probabilmente colsi nel segno perchè avevo capito che lui le piaceva. L'alcool poi fece il resto e così lei rispose "Certo che mi piacerebbe, ma non so se posso piacere io a lui". Lui ridendo e scherzando rispose "Come potresti non piacermi, sei bellissima e ti sto mangiando con gli occhi!" Mia moglie sentendo quelle parole e confusa dai fumi dell'alcool si aprì la camicetta e fece uscire fuori i grossi seni dal reggiseno "Mangiami con la bocca invece che con gli occhi!" lo sfidò schiaffandogli le tette sul viso. Non credevo ai miei occhi! la mia pudica mogliettina... Il mio collega un po' imbarazzato mi guardò come per chiedere il permesso e vedendo che non reagivo iniziò a leccarle i capezzoli e a mordicchiarli. "MMMM" la sentivo mugolare, mentre armeggiava sulla sua patta dei pantaloni. In un attimo tiro fuori il suo uccello e con le tette ancora al vento si getto su quel cazzo svettante e se lo cacciò tutto in bocca. Era proprio ubriaca, pensai. Intanto lui si stava spogliando del tutto e altrettanto facevo io. Andai dietro di lei e le sollevai la gonna calandole le mutandine che erano già fradice di umori. Inizia a leccarle la fica e il culo con passione la mia lingua saliva e scendeva dal solco delle natiche fino ad arrivare alle labbra grondanti del suo sesso. Ci stava come una cagna in calore, la troia! Un po' mi lasciò fare poi si alzò e si sedette sul mio collega, lasciandosi impalare dal suo grosso cazzone. La vedevo muoversi su e giù e urlare di piacere. Io stavo godendo solo a guardarla. Era il mio sogno che si avverava! Era così bella , con le tette che ballonzolavano e la sua faccia stravolta dal piacere. Mi misi davanti a lei e le ficcai il mio uccello in bocca. Mugolava come un'ossessa, ed io ero al massimo del piacere. La sentii urlare e godere proprio mentre il mio orgasmo arrivo forte e le inondai la bocca di sperma bollente. Ero troppo eccitato per resistere di più. Lei chiuse bene la bocca per non far sfuggire neanche una goccia e poi inghiottì rumorosamente. Si sfilò il cazzo dalla fica e si accucciò fra le gambe del mio amico iniziando a pomparlo e a segarlo . Voleva farlo godere, ma voleva soprattutto far vedere a me quello che faceva. Spalancò la bocca e teneva la cappella appoggiata sulla sua lingua mentre lo segava violentemente. Vidi la faccia del mio amico contrarsi un attimo prima di vedere un fiotto bianco allungarsi sulla lingua di mia moglie, e poi un altro e un altro ancora. La lingua era bianca di sborra, e non era la mia! Era uno spettacolo meraviglioso, la mia mogliettina come una vera troia! Una volta finito, leccò bene fino all'ultima goccia e bevve tutto lo sperma dell'altro. Quando la situazione si calmò non osai chiedere nulla a lei, ma mi guardò come per dirmi "Era questo che volevi? Ora non mi fermo più!" .Infatti il mio collega è venuto sempre più spesso nella mia città e mia moglie è molto contenta di questo!
Visualizzazioni: 180 654 Aggiunto: 5 anni fa Utente:
Categorie: Racconti Cuckold