Ciao a tutti. Io , Alberto , e Grazia, mia moglie, siamo una coppia di neocinquantenni (vedi gli altri racconti scritti).

Io lavoro in una ditta e lei insegna in un istituto di scuola secondaria della città .

Abbiamo una casa delle vacanze lungo la costa Toscana che viene per lo più sfruttata nel periodo estivo da Grazia.

Lei con il lavoro che fa e’ libera di starci due mesi con le figlie (quando ci sono), io la raggiungo il fine settimana e ci rimango due settimane ad agosto nel periodo di ferie.

Andiamo sempre al solito bagno, ormai ci conosciamo un po’ tutti. Abbiamo visto crescere le famiglie, figli, nipoti ecc.

L’ombrellone accanto al nostro e’ di una coppia di Milano della nostra età con un figlio , Gianni, 25 anni, moro , alto 1,90 mt fisico curato da mesi di palestra.

Anche i genitori di Gianni lavorano come me e lo lasciano al mare da fine giugno ad inizio di settembre.

Fra lui e Grazia ho visto che si è creato un buon feeling dato dal fatto, a detta di lei, che durante la settimana non c’è nessuno e lui e’ l’unico con cui può parlare.

La vita di mare di mia moglie si sviluppa così : la mattina lascia andare le figlie al mare (quando ci sono tutte e due ) e fa le faccende, lei si reca al bagno verso le 12.

Il pomeriggio Grazia prima delle 17/17.30 non va mai al mare.

Il fine settimana anche se ci sono io , Grazia non cambia i suoi ritmi.

Mi sono accorto , nei fine settimana, che il pomeriggio anche Gianni arriva poco dopo che è arrivata mia moglie.

La cosa mi insospettisce e mi intriga al tempo stesso. Un sabato pomeriggio mi viene un’idea.

Esco di casa con le figlie verso le 15, lascio mia moglie sul letto a riposare.

All’ombrellone accanto al nostro ci sono solo i genitori di Gianni senza di lui.

Verso le 16 decido di andare a casa, prendo la bici e vado.

Fuori del cancello, un po’ appartata, vedo una bicicletta che non conosco.

Entro in casa, chiudo la porta senza far rumore.

Sento arrivare dalla camera dei piccoli rumori, mi avvicino piano piano.

Appena arrivo sulla porta vedo Grazia nuda in ginocchio con in bocca il cazzo di Gianni.

Mi rendo conto che ha un pisello lungo circa 23 cm e molto largo.

Vedendomi Gianni ha una reazione di coprirsi ma Grazia gli toglie le mani e continua a leccare la cappella arrossata di Gianni.

Io preso dall’eccitazione, mi spoglio ed inizio a masturbarmi.

Grazia fa cenno a Gianni di farmi partecipare.

Lui le risponde: “No”

Aggiunge inoltre: “Guarda come è troia tua moglie e come le piace essere scopata da un cazzo più giovane”.

In più mi ordina :”Non ti devi masturbare ma guardare solamente come faccio godere la cagna di tua moglie”.

Io mi attengo a quello che mi ha detto Gianni e anche Grazia eccitatissima lo asseconda.

Gianni inizia a dirigere il gioco.

Prende Grazia per i capelli con la mano ed inizia a dirigere il ritmo della bocca sul suo cazzo.
Gianni, oltre che dotato e’ molto resistente e dopo un po’ di minuti toglie la bocca di Grazia, la prende e la fa sdraiare a gambe aperte sopra il letto.

Si inginocchia e con le dita inizia ad allargare le labbra della fica , passa dolcemente le dita sul clitoride che inizia a gonfiarsi.
Toglie le dita ed inizia a passare la lingua sulla fica depilata di Grazia che inizia ad ansimare quando con la punta della lingua inizia a masturbarla facendo un lento dentro e fuori dalla fica.

Grazia non resiste, ansima ed inizia a pigiare la testa di Gianni contro le sue labbra gonfie e bagnate.

Non resiste , inizia a genere e mugolare , dopo qualche secondo sbarra gli occhi, irrigidisce le gambe e si abbandona all’eccitazione fino a quando non viene bagnando tutto il viso di Gianni.
Mi rendo conto che Gianni e’ irrefrenabile, non fa riprendere fiato a Grazia, la alza , la gira , la fa mettere a pecorina sul letto.

Io li guardò e sono esterrefatto di come Grazia possa subire quel giovane ragazzo senza comandare lei il gioco.

Ho capito che vuole farle il culo.

Si china su di lei, le prende le abbondanti tette(una 5 di seno) da dietro ed inizia a strizzarle i capezzoli, poi si sposta al suo culo .
Si avvicina, con le mani inizia ad allargarle le chiappe e vedo che il buchetto di Grazia si apre.

Gianni si avvicina con il viso ed inizia a passare la lingua sul buco , lo inumidisce anche grazie agli sputi che ci butta.
In tutto questo periodo il cazzo di Gianni non si è abbassato mai, anzi mi sembra che sia ingrossato ancora di più .

Capisce che Grazia e’pronta, sputa sul suo cazzo e lo avvicina al buco di lei, fa entrare piano la cappella e poi con un colpo secco del bacino la penetra.

Grazia emette un urlo, un misto fra dolore e eccitazione ; Gianni non curante del grido infila tutto il suo cazzo fino alle palle.
Inizia una lento ma costante inculata , alternata con ritmi un po’ più veloci fino a quando non vedo che anche si avvicina a godere.

Grazia non resiste molto di più e urla mentre gode nuovamente....Gianni le schiaffeggia il culo e dopo qualche minuto lo vedo intensificare il ritmo fino a quando non viene con un gemito dentro il culo di lei.

Passa un minuto e mentre lo tira fuori mi si presenta una immagine che me lo fa rizzare molto anche a me.
Gianni ha ancora il cazzo a mezzo tiro, ma quando lo leva dal culo di Grazia vedo che il suo buchetto e’ riempito di una crema calda e molto abbondante che non smette di volare sulle gambe di mia moglie.

Gianni si gira e mi dice: “Ora tocca a te!!!!”.

Io non capisco, vedo avvicinarsi lui e con la mano inizia a toccarmi le palle, sale lungo il mio pisello e inizia a giocare con le dita sulla cappella e con la fessura del mio cazzo.

Si abbassa ed inizia a farmi un pompino; io sono un po’ sorpreso, ma mi abbandono alla sua bocca.
Sento che sto per venire ed anche lui se ne accorge e con una mossa inaspettata, prende per i capelli Grazia e le dice di spalancare la bocca .

La avvicina al mio cazzo e le ordina di leccarmi la cappella; la situazione mi fa eccitare in un modo pazzesco.
Non reggo e inizio a venire , Gianni regge la testa di Grazia e le fa prendere tutto il cazzo fino alle palle .

Sento che ho il cazzo dentro la bocca di Grazia fino alla gola....vengo e non smetto più di venire.

Vedo mia moglie con gli occhi un po’ sorpresa di tutto lo sperma che le riverso in gola.

Sembra che stia soffocando, ma con estrema abilità riesce a inghiottire tutto e riesce anche a ripulire tutta la cappella.

Sono stanco ma contento di quel pomeriggio con il nostro vicino di ombrellone .

Grazia dedica un’ultima leccata al cazzo di Gianni e gli sussurra che presto gli riserverà una sorpresa inaspettata.
Io sento e la guardo , lei mi guarda e senza aggiungere altro mi strizza un occhio.

Chissà cosa accadrà ??

Ci rivestiamo e andiamo tutti quanti al mare sorridenti e ripensando a quel pomeriggio accaldato....
Visualizzazioni: 16 539 Aggiunto: 3 anni fa Utente: