Siamo una coppia 49enne, mia moglie Valeria ancora piacente, un metro e sessanta, ben proporzionata, terza di seno ancora sodo, capezzoli che puntano in alto, vita stretta, occhi verdi e cascata di capelli castani molto seducenti.

Da anni durante i rapporti giochiamo ad immaginare situazioni di sesso a tre, a quattro con uomini, donne o coppie che conosciamo.
Devo dire che l'idea di vederla scopare con un altro uomo mi eccita parecchio, così come immaginare di fare l'amore con lei e qualche sua amica contemporaneamente.
Sta di fatto che sono sempre rimasti desideri mai esauditi per il fatto che non è facile creare l'occasione.

Occasione che si presenta quando nella nostra zona arriva Marco, un giovane farmacista trentacinquenne, un bel ragazzo, atletico, gentile, cordiale che ci sa fare con le persone e che soprattutto piace alle donne. Grazie a queste sue caratteristiche gli affari cominciano ad andare molto bene e anche la mia signora non rimane insensibile al suo fascino.

Io me ne accorgo e comincio a stuzzicarla immaginando di realizzare il desiderio di un rapporto a tre. Lei nega il suo interesse verso il giovane ma comincia a frequentare sempre più spesso la farmacia.

Insospettito acquisto su amazon una spycam da posizionare in casa e senza dirle nulla, alla sera, quando va a dormire, controllo le registrazioni.

Dopo qualche mese, una sera, attendo che si vada a coricare, estraggo la scheda dalla spycam, la inserisco nel computer e comincio a far passare velocemente le immagini registrate fino a quando vedo comparire sul monitor l'immagine di quel bel ragazzone.

Incuriosito ed eccitato, con il cuore in gola posiziono il primo fotogramma, inserisco le cuffie nel computer e mi preparo allo spettacolo.

La cam inquadra la porta di ingresso, l'angolo cottura e il soggiorno con un divano a in bella vista proprio di fronte all'obbiettivo.

Era più o meno l'una del pomeriggio, lei lavorando solo mezza giornata, lo aveva invitato per un caffè.
Si sente il suono del campanello, lei va alla porta, lo fa entrare, due baci sulle guance e dopo i saluti cominciano a parlare del più e del meno mentre aspettano il caffè.

Si sente il borbottio della moka e lei lo invita a sedersi sul divano dicendogli che glielo avrebbe servito. Lui si alza e viene in direzione del soggiorno. Jeans, scarpe da tennis e camicia bianca. Si siede al primo posto vicino al bracciolo del divano sulla destra dell'obbiettivo.

Lei arriva con il vassoio con sopra la tazzina di caffè, lo zucchero e lo appoggia sul tavolino di fronte al divano chinandosi in avanti e offrendogli la vista delle sue meravigliose tette contenute da una canottiera bianca con tre bottoncini sul décolleté lasciati appositamente slacciati. i sui occhi non possono fare altro che sbirciare quel bel panorama.

Lei si siede sul bracciolo alla sua sinistra offrendo alla telecamera una visione perfetta.

Finito il caffè la conversazione continua. Lui le racconta che è un po' sotto pressione per il lavoro e lei risponde avresti bisogno di rilassarti un po', se vuoi ti faccio un massaggino alla cute e senza aspettare la risposta affonda le sue dita affusolate con le unghie smaltate di nero nei folti capelli corvini del ragazzo.

La sua prima reazione è di stupore e poi socchiude gli occhi, reclina la testa all' dietro aprendo leggermente la bocca lasciandosi coccolare dalle dita esperte di mia moglie.

Ad un certo punto lei si alza e dice, "così però sono scomoda" e senza chiedere il consenso si siede sulle ginocchia di lui e ricomincia con il massaggio.
Ora il suo viso è proprio di fronte alle tette di Valeria e non può far altro che osservare quella leggera oscillazione di quelle due splendide poppe data dal movimento del massaggio.

Preso dall'eccitazione dopo qualche attimo le mani di lui si appoggiano sui fianchi di lei e contemporaneamente Valeria prende tra le mani il viso di lui, si china leggermente la testa in avanti e di lato ed incolla le sue labbra a quelle del bel farmacista. Da dietro il bacio sembra appassionato, la testa di lei si muove con piccoli movimenti che lasciano intendere un lavoro di lingua notevole.

Le mani di lui scivolano lentamente sotto la canottiera di lei accarezzandola e scoprendole parzialmente la schiena.

Lei tiene ancora il viso di lui tra le mani e quando le bocche si dividono lei porta la faccia di lui in mezzo alle sue tette abbracciandolo saldamente con le due braccia.

Le mani di lui ora guadagnano terreno verso il seno di lei e dopo poco entrambe le tette vengono strizzate dalle forti mani di Marco. Lei in preda all'eccitazione reclina indietro il capo offrendo alla mia vista una cascata di capelli che vanno a sfiorare le ginocchia di lui.

A questo punto lei comincia a slacciargli i bottoni della camicia guardandolo negli occhi mentre lui continua con le mani a perlustrare il corpo di mia moglie seduta ancora sulle sue ginocchia.

Dopo aver passato con la lingua i capezzoli di Marco, toccato e baciato i suoi prorompenti pettorali, si sposta dalla posizione in cui si trovava e si inginocchia tra le sue gambe. Le dita ispezionano la tartaruga scolpita degli addominali di Marco accarezzandoli e baciandoli, poi le mani si posizionano sulla fibia della cintura e cominciano ad allentare la chiusura. Mentre lo guarda negli occhi in un attimo apre anche il bottone e con movimento lento abbassa la zip.

La mano sinistra entra lentamente all'interno dei pantaloni massaggiando e mordicchiando delicatamente quel rigonfiamento che ancora non si offre alla mia vista. Lui in preda ad un eccitazione evidente, chiude gli occhi e appoggia la testa alla spalliera del divano lasciandosi trasportare dai sensi.

A questo punto lei prende con le due mani pantaloni e boxer tirandolo contemporaneamente verso il basso facendo saltare fuori un grosso cazzo di venti centimetri duro e depilato come un pezzo di marmo.

Lei, felicemente stupita da quella vista eccitante si toglie in un attimo la canottiera scoprendo le meravigliose poppe, sposta il capo di lato e comincia a baciare l'asta del pene.

La mia vista ora è fantastica. Lei inginocchiata mi offre la sua schiena nuda coperta da un manto di capelli ondulati, le tette appoggiate sulle ginocchia la mano destra che impugna il membro duro, la bocca che bacia le palle di lui e la mano sinistra appoggiata sugli addominali di Marco.

Poi improvvisamente solleva il capo è fa sparire quel grosso cazzo nella sua bocca vogliosa.

Vedo la sua testa andare su e giù e ogni tanto sollevarsi per leccare quello stupendo membro che continua a segare mentre guarda negli occhi il suo fortunato amante.

Ad un certo punto si porta in avanti e mette il cazzo in mezzo alle tette offrendogli anche una deliziosa spagnola

I suoi pompini sono strepitosi e questo lo posso assicurare, ne è conferma che dopo qualche minuto Marco inarca la schiena, si contorce e dopo qualche attimo emette un gemito di piacere esplodendo con una copiosa e calda sborrata nella bocca di Valeria.

Lei continua a succhiare il cazzo fino all'ultima goccia di sperma, fino all'ultimo spasmo.
La sua bocca è così piena che non riesce a contenerla tutta, ne lascia colare alcuni fiotti sulle tette e con le mani se la spalma intorno ai capezzoli turgidi.
Dopodiché lo riprende in bocca e continua dolcemente a succhiare la cappella e passare la lingua sul glande provocando a Marco piccoli sussulti di piacere...........
Visualizzazioni: 6 487 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Tradimenti