Eravamo in auto con la mia ragazza e stavamo percorrendo un tratto di autostrada tra Bologna e Milano tutto diritto e molto monotono.
La giornata era calda e il sole si faceva sentire attraverso i vetri.
Lei era vestito con un abitino leggero di cotone, chiaro con dei disegni floreali che la rendevano ancora più bella.
Lo scollo profondo metteva in evidenza il suo seno molto voluminoso, ma sodo, nel quale io mi ci perdevo sempre, da quanto mi piaceva baciarlo.
Io avevo una maglietta e un paio di bermuda larghi.
Viaggiavamo tranquilli ed io guidavo con una mano mentre l'altra l'avevo appoggiata alla sua spalla mentre cantavamo insieme le canzoni che passavano alla radio.
Per rompere la monotonia, feci scendere la mia mano sotto la sua scollatura e trovai il suo capezzolo, che sapevo essere particolarmente sensibile. "Che fai, scemo, pensa a guidare!" mi sgridò lei, mentre io glielo titillavo con le dita.
Ma sapevo che le piaceva e continuai. Anzi feci di più, con un gesto rapido le allargai la scollatura e feci uscire il seno di fuori, coprendolo a fatica con la mia mano.
"Ma sei matto! potrebbero vedermi!"
"Dai, lo so che ti piace farti guardare" le dissi, sapendo di dire la verità.
Lei fece finta di risentirsi un po', poi guardando in giro e vedendo che c'era poco traffico, mi lasciò fare.
In effetti sapevo che la mia Ava (è il suo nome) ama fare la ragazza per bene, ma se si scatena diventa una troia numero uno.
E dicendo "troia" non lo intendo come un'offesa, ma un complimento. Nel senso che sa abbandonarsi ai piaceri della carne come a poche donne ho visto fare e quasi non si pone limiti, donando e ricevendo tutto il piacere possibile.
Tante volte, nelle nostre fantasie, abbiamo parlato di scambio di coppie, di orge, di essere circondata da cazzi che la trapanavano da tutte le parti, e lei solo a sentire ed immaginare queste situazioni si bagnava subito e mi regalava delle scopate da urlo.
Ritornando al nostro racconto, continua a massaggiarle il seno scoperto e lei intanto aveva appoggiato la mano sulla mia gamba.
La nostra velocità era inferiore alla media, per cui iniziarono a sorpassarci tutti, più o meno ignari di quello che stava accadendo nel nostro abitacolo.
Con un gesto rapido, feci scendere lo spallino del suo vestitino e anche l'altro seno venne allo scoperto.
"Daiiiiii!!" disse lei facendo un accenno a coprirsi con il braccio con fare pudico. Ma questo la rendeva ancora più eccitante.
E infatti il mio cazzo stava premendo contro il tessuto dei bermuda.
Fu allora che mi mise la mano sul pacco constatando la mia erezione. "sei un porco!" ma anche quello era un complimento, per come me lo diceva.
Iniziò a massaggiarlo dolcemente cercando di agevolare l'erezione che spingeva facendomi quasi male. Così facendo me lo portò lungo la coscia e la cappella fece capolino dai pantaloncini. Era rossa, paonazza, lucida e brillava alla luce del sole.
Lei sorrise e allargò un po' le sue gambe tirandosi su la gonnellina.
Avevo solo una mano libera ed era sul suo magnifico seno, ma a malincuore lasciai quella presa e appoggiai la mano sulla sua coscia nuda, fino a raggiungere le sue mutandine che erano gia bagnate dei suoi umori. Era eccitatissima!
Lei prese ad accarezzarmi con le dita la cappella e quel poco di carne che usciva dai pantaloni. Non dicevamo più niente.
Le mie dita ormai erano entrate fra le sue mutandine e si erano intrufolate nella sua fica calda e accogliente. Aveva sollevato la gamba sinistra sul cruscotto per agevolarmi e per farmi vedere la sua meraviglia, mentre la sua mano era riuscita ad estrarre il mio cazzo dai pantaloni e lo impugnava in un una lenta e meravigliosa sega. Con l'altra mano, non si copriva più le sue belle tette, ma se le toccava, stuzzicandosi i capezzoli come facevo io prima.
Come era bella la mia troia...avrei voluto che la vedessero tutti e che tutti potessero godere delle sue grazie. Ero il mio orgoglio, il mio fiore all'occhiello...
A volte succede che i sogni si realizzano...avevo notevolmente diminuito la velocità della macchina per non rischiare di perdere il controllo, e un pulmann dell'esercito che avevo superato poco prima, lentamente mi stava sorpassando di nuovo.
Un militare a bordo che stava annoiandosi guardano le macchine scorrere dal finestrino, vide dall'alto della sua posizione, le gambe oscenamente spalancate della mia ragazza e si scatenò il putiferio sul pulman.
Vidi tutti i militari ammassati sul nostro lato a cercare di vedere qualcosa di più.
Ava inizialmente non si era accorta di nulla, teneva gli occhi socchiusi e quando li apriva erano rivolti verso il mio uccello svettante nella sua mano.
Il torpedone cominciò a strombazzare e dai finestrini volavano grida di giubilo. Intanto Ava si era chinata fra le mie gambe con l'intenzione di assaggiare il mio frutto goloso. La sua bocca si avvicinò pian piano e con la lingua inizio ad accarezzare la cappella ruotandoci delicatamente intorno, soffermandosi poi sulla punta e sul buchino dove faceva capolino una goccia di liquido luccicante. La sua lingua se ne appropriò e poi la cappella scomparve tra le sue labbra.
"MMMM...." emetto un leggero mugolio, La sensazione piacevole delle sue labbra umide sul mio uccello mi provoca sempre un brivido di piacere. La lascio fare e sento il mio cazzo scivolare dentro di lei fino in fondo. Rimane così per qualche secondo muovendo la lingua per poi riemergere per riprendere fiato un attimo.
Così facendo, alza lo sguardo verso l'esterno e vede il pulman con i militari appiccicati ai finestrini.
Per un attimo cerca di ricomporsi, ma si rende conto che è troppo tardi... ormai hanno già visto tutto e ormai anche lei era presa dalla voglia di farsi vedere.
Mentre il pulman rimaneva nella corsia centrale al nostro livello, lei incrociò con lo sguardo alcuni soggetti, e come per sfidarli gli sventolò il mio uccello che teneva fra le mani prima di farlo nuovamente scomparire nella sua bocca famelica spalancando ancor più le gambe per mostrare la sua fica aperta e fradicia di umori.
Io non ne potevo più, ero eccitatissimo da tutta la scena e dal meraviglioso pompino che mi stava facendo. Rallenati ancora un attimo, l'avvisai del mio imminetne godimento e lei aumento l'intensità del suo pompino fino a che non esplosi nella sua bocca riversandole schizzi di sperma che si fiondarono in fondo alla sua gola.
Lei tenne stretta fra le labbra l'asta, per non far uscire neanche una goccia e quando le contrazioni furono finite, si trattenne sul mio cazzo per giocando con la cappella e con lo sperma che teneva in bocca.
Poi si risollevò e mostro la bocca oscenamente piena di crema bianca al pulman dei militari che per poco non si ribaltava addosso a noi. Poi gli mandò un bacio provocatorio e li invitò ad unirsi a noi.
Naturalmente tutto a gesti, non ci potevano sentire e io pensavo che scherzasse, tanto se non ci fermavamo come avrebbero potuto raggiungerci?
"Dai, non esagerare!" gli dissi io "quelli sennò ci credono davvero!"
"Ma io non esagero affatto! mi hai portato fin qui, mi hai mostrata a tutti e ora vuoi tirarti indietro? Eh no, caro ora ci fermiamo alla prossima area di parcheggio e mi fai salire su quel pulman. E' da tanto che fantastichiamo su questa cosa, è il momento di metterla in pratica! Ho proprio voglia di farmi scopare da tutti quei bei maschi."
Io ero basito. Un conto è sognare, parlare, un conto è fare sul serio.
Ma ormai era così decisa che effettivamente non potevo che darle ragione. L'avevo portata io fino a quel punto.
Sorpasso di nuovo il pulman, mentre le mostra le sue stupende tette a quei ragazzi dondolandole al finestrino.
Dopo un paio di Km vedo il cartello di un area di parcheggio e metto la freccia in tempo per far capire all'autista le mie intenzioni.
Immediatamente mette la freccia anche lui e a me, confesso, vengono un po' di sudorini pensando a dove ci stavamo cacciando.
Scendiamo con lo svincolo sotto l'autostrada, era un'area molto ricca di vegetazione e ben riparata. Mi fermo in un punto piuttosto lontano e nascosto e il pulman si ferma dietro a noi formando una specie di muro. Ava si era ricomposta un attimo per scendere di macchina ed io pure.
Esce dal pulman un giovane tenente che ci spiega che quella era la squadra di pallavolo del III corpo d'armata e stavano tornando dal campionato nazionale militare che avevano vinto. Lui era il responsabile della squadra e il più alto in grado.
Con un fare educato si presenta "tenente Francavilla, piacere!" " I nostri ragazzi sono rimasti colpiti dalla sua bellezza signorina e siccome hanno vinto il campionato ho promesso loro un premio a scelta. Loro hanno voluto fermarsi per conoscerla, se lei è d'accordo, naturalmente, altrimenti rimonto sul pulman e finisce tutto qui."
"Certo che sono d'accordo" mi anticipa Ava, "anzi, sarò io a salire sul pulman se mi è concesso!".
"Lei sa che se sale, non potrò garantire della sua incolumità, vero?"
"Non si preoccupi, so cavarmela benissimo da sola!" E con queste parole si avvicino alla porta della corriera e bussò al vetro.
Come per magia, con il classico rumore, la porta si spalancò e Ava, la mia Ava, potè salire. Si sentì un boato da stadio.
Riportata la calma, La mia ragazza esordì " Buongiorno ragazzi, complimenti per la vostra vittoria nel campionato, avete scelto il vostro premio?" E tutti "SIIIIIIIiiiiiiiiii!!!" "Vogliamo te!"
"calma calma, uno per volta, chi è il capitano di voi?" Si avvicino un ragazzo di circa 20 anni alto 1,95 con due spalle muscolose e delle mani che sembravano pale. "Sono io!" Ava lo squadrò per bene ammaliata, conoscevo bene quello sguardo stava per partire... Infatti invece di dargli la mano, allungò un braccio per saggiare il suo pacco che, come immaginava era già quasi pronto.
Sfilò in un lampo i pantaloncini e una verga di misura considerevole scattò come una molla. "Wow, sei già in tiro... allora capitano, mi fai assaggiare qualcosa?" così dicendo si chinò e imboccò quel bel bastone in un colpo solo, lo succhiò un po' e poi riemerse "allora non è vera tutta la storia del bromuro che vi danno per farvi calmare i bollenti spiriti!" Ma mentre diceva così già sentiva delle mani che le erano entrate nel vestitino e si erano impossessante di tutto quel ben di Dio che erano le sue tette, altre mani la frugavano di sotto e in un colpo le avevano sfilato le mutandine. Ormai ce li aveva tutti addosso e non riusciva più a capire chi le faceva cosa.
Si ritrovò distesa sul corridoio del pulman con un cazzo in bocca e due in mano, sentiva che qualcuno le stava leccando la fica che era già calda dal trattamento che le avevo fatto io.
I cazzi si alternavano fra la bocca e le mani e intanto avevano iniziato a scoparla.
Si sentiva piena, si sentiva troia sotto gli occhi del suo ragazzo (che ero io) attonito a vederla così.
Un po' mi dispiaceva a saperla nelle mani di quegli energumeni, ma in fondo so che a lei faceva piacere e che lo voleva fare per cui mi godei quella scena in disparte.
Dopo un po' che la giostra andò avanti così, alcuni le avevano già sborrato sulla pancia. In fondo erano ragazzi che chissà da quanto tempo non scopavano e non avevano tanta resistenza.
Comunque c'era chi ancora andava avanti, allora fu sollevata e fu invitata a mettersi a cavalcioni sul cazzo di un ragazzo che si era disteso. Così facendo metteva in mostra il suo bel culo, mentre le sue tette ballavano sulla faccia del militare che cercava di leccare e mordicchiare sui capezzoli rossi e turgidi. Già un altro cazzo si era impossessato della sua bocca e altri due li teneva in mano. Si sentiva piena ed appagata, teneva a bada un pulman di militari da sola, la troia. Ma in realtà non lo era del tutto.
Quel culo che si dimenava richiedeva la sua parte, e un ragazzo, le si avvicinò piano, quasi timidamente, e si mise a leccare il buchino, cercando di affondare la lingua al suo interno. Operazione non facile, visto che si dimenava non poco, poi si sollevò e appoggiò il suo uccello fra le sue chiappe, allargandole con le mani. Ava non era troppo abituata a prenderlo nel culo ed un po' si ribellò, ma ormai era così immobilizzata che con un colpo secco il ragazzo, che per fortuna non era troppo dotato, le allargò il buco ed entrò dentro le sue viscere.
Lei si fermò un attimo, poi lentamente ricominciò la sua danza erotica e si lasciò sfondare con piacere.
Ora sì che era veramente piena. Sembrava impazzita i cazzi in bocca erano due che si alternavano per farla respirare altri si stavano segando davanti a lei in attesa del proprio turno, Il ragazzo nel culo ormai spingeva come uno stantuffo, ma resse poco perchè sentì un calore dentro di lei e capì che le era venuto nel culo. Non fece in tempo a sfilarsi che un altro aveva preso il suo posto.
I cazzi che teneva in bocca cominciarono a dare segni di impazienza e in un veloce sequenza, schizzarono il loro seme sulla sua lingua e sul suo viso, sostituiti subito da altri che in pochi secondi la riempirono di sborra calda che si affrettava a deglutire e a raccogliere con la lingua.
mentre urlava per il suo quarto o quinto orgasmo (ormai avevo perso il conto!).
Piano piano la morsa di quei cazzi si allentò e potè risollevare lo sguardo verso di me che la guardavo attonito.
Accanto a me c'era il tenente e l'autista del pulman. Quando anche l'ultimo militare ebbe goduto sulle sue magnifiche tette grazie ad una stupenda spagnola (era una delle sue specialità) si fece dare un'asciugamano e si ripulì dei residui di sperma che aveva addosso si avvicinò al tenente e piegandosi in ginocchio gli estrasse il cazzo, senza dire una parola. Aveva l'uccello lungo, ma non particolarmente grosso, naturalmente era in tiro a vedere tutta la scena, lo succhiò bene, leccandogli le palle e non lasciandogli nessuna possibilità di scampo lo fece godere nella sua bocca, come per ringraziarlo di averle concesso questa opportunità. Poi fu il turno dell'autista, un signore di mezza età con un po' di pancetta, per nulla attraente, ma a lei non importava. Frugo nella cerniera dei pantaloni, e tirò fuori un cazzetto appena barzotto, ma con alcune gocce di liquido prespermatico sulla cappella. Lo prese nella sua bocca, facendosi spazio sotto la pancia, lo leccò bene, lo succhiò e anche lui le venne in bocca.
Poi mi guardò e mi disse " a te riservo la mia parte più bella" e ripetè la stessa scena, ma questa volta mise il mio uccello fra quelle morbide montagne delle sue grandi tette (lei sa che io le adoro e che adoro quel trattamento) e mi fece una bellissima spagnola affondando il mio cazzo fra la carne calda e quando riemergeva la sua lingua e le sue labbra lo accoglievano rendendolo lucido di saliva.
Non ci misi molto neanch'io e dopo un po' le venni copiosamente sul seno e sul viso.
Che donna fantastica, la mia Ava.
La cosa terminò con un grande applauso da parte di tutti i militari e la promessa che se avessero vinto il prossimo campionato europeo che si sarebbe svolto in Francia dopo un paio di mesi, avrebbero avuto razione doppia. Una notte intera tutta a loro disposizione.
Sapete cosa volle fare la mia Ava? Volle andare in Francia a fare il tifo per loro! Che troia!!!!!
Visualizzazioni: 33 874 Aggiunto: 5 anni fa Utente:
Categorie: Sesso di gruppo