I miei figli sono in vacanza dai nonni dopo tanto tempo che non si sono potuti vedere, la scorsa notte come del resto capita da molti giorni, sono stata nel letto di Elena. Siamo come una giovane coppia che fa continuamente sesso, per affermare il possesso l’una sull’altra. Prima di andare nel mio studio, passo a casa per prendere degli appunti che ho dimenticato la sera precedente. Entro, e mi dirigo nell’altro studio che ho a casa. Prima di riuscire, come al solito devo fare la pipi’. Alzo la gonna fino ai fianchi e abbasso gli slip che oggi stranamente indosso. Sento dei rumori, e la porta si apre. E’ mio marito che si appena alzato e come tutti i maschi appena svegli ha il coso dritto, dovendo fare la pipì. Spesso mi è capitato di svegliarmi e vederlo, dormendo entrambi nudi.
Mi guarda sorpreso pensando che non mi avrebbe vista, dovendo partire nel pomeriggio. Si avvicina con aria provocatoria, toccandosi l’attrezzo.
- Stefy…ma senti…ora ti fai solo le femmine….?
- Non le femmine….ma Elena
- Ne avrete di giocattoli…e la ragazzina si darà da fare parecchio…
- Idiota…e cmq non è più iraconda come prima con i maschietti, li trova solo buffi con quei pendoli tra le gambe ed in ogni caso, il nostro rapporto sincero e leale concede le mie eventuali cadute sull’uccello.
- Ahh si…su tutti…? Anche questo…?
- Beh non è elegante che sono seduta sulla tazza…
- Credimi Stefy ogni uomo gradirebbe vederti seduta sulla tazza…soprattutto se…
Lo guardo fisso negli occhi e…senza toccarlo lo infilo nella bocca, lui chiude gli occhi e si gode la mia bocca, non lascio nulla senza la mia saliva, assaporo per bene quel fallo che conosco alla perfezione. Ormai saranno 15 minuti che lo spompino, conosco i suoi gusti ed i miei. Scivolo dalla tazza e vado dietro di lui, infilo la lingua nel suo buchino, e lo scopo con la lingua. Afferra la mia testa e mi spinge per terra, a forza apre le gambe ed entra dentro, sento la sua foga, non ho voglia di farmi sbattere da lui. Mi basta quando me lo fa lei, l’unica cosa che gradirei è farmi venire in bocca. Lo sento preso come un animale, non provo un gran piacere ma lo lascio fare.
- Non venirmi dentro che non prendo più la pillola…
- Mmmm ahhhh….volete bambini…ahahahahahah
- Idiota come sempre…non voglio prendere ormoni inutili…
Le mie gambe sono sulle sue spalle e mi afferra i fianchi, spinge come un ossesso. Lo sfila dalla mia farfalla e come un missile, lo sento salire su per lo sfintere. Non sento un gran dolore, con Elena sono abituata, ormai a giocattoli di più grosse dimensioni. Mi sta impalando, e sa bene quanto amo il rapporto anale, ora sento piacere, mentre il suo membro sbatte nel mio intestino. In realtà sto pensando ad Elena nella stessa posizione, non appena la sera prima. Le urla che ho fatto mentre stavo godendo con il mio sfintere. So che sta per venire, con il piede lo sposto, appena in tempo per farmi venire in bocca. Ingoio tutto.
Se ne va dal bagno col suo coso gocciolante, faccio una doccia e di nuovo i denti, non posso andare allo studio con il sapore di sperma in bocca. Sono in macchina, chiamo Elena cerco di schiarire la voce, sento ancora nella gola la presenza del seme di mio marito, deve esserci ancora qualche suo residuo.
- Ciao tesoro…
- Ciao Stefy… sei a lavoro…?
- No vado ora…senti….devo dirti…
- Hai scopato con lui…
- Accipicchia….mi leggi nella mente…cmq ….si…
- ……Stefy…non importa ti amo….lo so che accadrà ancora con lui o qualcun altro…ma ti amo….
- Anche io piccola…
- Stefy…
- Si…?
- Sappi che comprerò in mattinata, un bel giocattolo di 40 cm….e ti punirò per quello che hai fatto….ahahahah dai scherzo…però lo compro…
- Lo sai amore che puoi farmi tutto…
- Lo so….
- Elena…forse stasera…ho voglia delle tue manine….intere…
- Mmmm amore mio……a stasera…
Visualizzazioni: 5 664 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Etero