il mattino seguente si alzò tardissimo mezza sconvolta con i suoi pantaloncini
raso chiappa e la sua maglietta con i capezzoli in eviedenza sotto "buongiorno amore!"
"buongiorno.." fece per sedersi con una smorfia di dolore "mi fa male la testa
e mi fa male il culo .." "ci credo.." "quel porco mi ha aperta davvero cazzo "
"si ma ho visto che non ti dispiaceva molto " "eh già...non lo avevo mai fatto prima non so
neanche io come ho fatto..." "e già ti non ti ho mai vista così.." "è vero a dirti la verità...non ho mai
non l'ho mai fatto così..anzi non mi hanno mai scopata così.." quella frase mi sorprese ..
salì in me una senzazione strana "in che senso scusa?" " non so..davvero io non credevo
potessi arrivare a provare certe cose.." "dimmi dai lo sai che puoi dirmi tutto"
"lo so...non so mi ha fatto provare piacere nel farmi sentire troia..mi ha praticamente usata
a suo piacimento e godevo ...tu mi conosci lo sai come sono ..ho sempre fatto la brava "amore stai tranquilla lo sai che ti amo
comunque ...non devi preoccuparti per me ..se tu godi con altri per me è un piacere guardarti lo sai.."
"sei sicuro che non ci sei rimasto male " "ma ti pare..mi fai impazzire quando ti lasci andare in quel modo "
"se le cose stanno così va bene.." il suo splendido sorriso chiuse quella discussione e facemmo colazione.
passammo la mattinata a studiare .
"venerdì pomeriggio dovrò passare da lui in ufficio " "...immagino come andrà a finire...tornerai di nuovo
con il culo dolente.." "ahha stupido.." mi venne subito un'idea e iniziai a smanettare su internet
"adesso ti aiuto io " "dai che cosa? come mi aiuti? "venne vicino a me e aprii un sito di un sexy shop
"ma dai..che vuoi fare.." aprii la pagina di vibrtori e pulg-in "o mio dio ma..." "uno di questi ti aiuterà
a tenerti in allenamento " presi un bel plug-in "ma a cosa servono? " "non ti preoccupare amore vedrai...stai tranquilla
dai!" .
Ci rimmergemmo nello studio e i pensieri di due laurenadi tornarono a prendere il sopravvento.
La giornata trascorse tranquilla la sera ci rilassammo sul divano e incappai in tv in una replica di ciao darwin
ovviamente un continuo di tette e culi "dai cambio prima che ti incazzi.." "no....per me puoi lasciare "
disse con voce sottile palpandomi il pacco "lascia..."sfilo il cazzo duro dai pantaloncini e iniziò
delicatamente a smanettarlo "ti piacerebbe se mi vestissi io così vero.." "oh siii impazzirei"
"lo so porco vorresti vedermi mentre mostro il culo a tutti vero" iniziò a farmi un pompino
come mai prima "sii cazzo vorrei vederti mezza nuda davanti agli altri " sentivo la mia cappella toccarle la gola
e il rumore della sua bocca "poi però vorranno incularmi tutti vero!" "ohhhhh cazzzoo siiii certo che
vorranno incularti cazzo !" aumentò il ritmo famelica ed eccitata ,"ti eccita l'idea eh...vuoi far indurire quelli che t
ti guardano eh" "si mi eccita..mi piace quando mi stuprano con gli occhi!" la sua dolce voce interrotta
dal rumore delle labbra sul cazzo . ormai la tradformazione era praticamente completata era diventata una gran troia
consapevole e compiaciuta del suo ruolo, staccò la bocca dal cazzo e mi sorrise "credo rinnoverò un pò
il guardaroba".
il mattino seguente uscimmo e ci divertimmo a girare nel centro commerciale e nei vari negozi
"rinfrescammo" il look di valeria con vestitini shorts scarpe intimo e un costume da bagno.
Dopo pranzo decidemmo di andare al mare con il nuovo costume una brasiliana gialla abbastanza succinta che lasciava libere le sue
chiappe carnose offrendole in vista e davanti molto sgambato valorizzando le sue cosce lunghe , ricalcando la forma della sua figa.
il pezzo di sopra a fascia lasciava libere le sue spalle , tenendo su e evidenziando le sue belle tette (una terza scarsa).
Un paio di zeppe un vestitino copri costume , che in trasparenza faceva intravdere la brasiliana di sotto un paio di zeppe e
partimmo per il mare.
Arrivammo e ci piazziammo sulla spiaggia libera , poca gente , si spogliò e vederla con quel costume , le sue natiche
a portata di qualsiasi sguardo ,quando di solito in spiaggia si presentava con i suoi mutandoni mi eccitava da impazzire.
Si sdraiò sull'asciugamano , gambe leggermente divaricate e notai che il costume a fatica conteneva la figa
mostrando l'inizio delle labbra della figa , girata a pancia in giù il suo culo lucido e oleato era a disposizione dei passanti , pronto
a scatenare erezioni e fantasie .
Facemmo una passeggiata alcuni la guardavano senza ritegno o vergogna per la mia presenza "vedo che il costume fà effetto" "
"si mi sento un pò osservata.." mi accodai a lei facendola camminare davanti , effettivamente era un gran spettacolo
vedere quelle natiche lucide piegarsi e muoversi ad ogni passo , quel filo appena visibile di cellulite la rendeva ancora più vacca
era davvero arrapante, facemmo il bagno e tornammo ai nostri oasciugamani.
Lei si sdraiò pancia in giù di nuovo con tutto il culo a disposizione e io rimasi in piedi ad asiugarmi..vidi che prese sonno .
Dopo una decina di minuti mi sentii chiamare , mi girai ed ecco comparire un mio zio di secondo grado Mario un tipo giovanile , di quelli
brillanti simpatici , puttaniere incallito che possedeva una casa al mare li vicino..si avvicinò e mi salutò , Valeria dormiva e non si accorse di nulla, ma non sapendolo stava offrendo
quella visuale anche a mio zio...che faceva finta di nulla ma sotto gli occhiali da sole vedevo lo sguardo fisso sul culo della mia ragazza.
Da bravo cornuto non la svegliai e continuai a chiacchierare dando la possibilità allo zio di godere di quella visuale , mi eccitava da pazzi..
chissà come si sarebbe segato pensando a lei..il fatto che un mio familiare vedesse valeria conciata in quel modo mi eccitava , chissà come avrebbe voluto
montarsela , non voleva andarsene e trovava ogni scusa piu stupida per continuare a chiacchierare.
Dopo una ventina di minuti andò via, non svegliai valeria perchè mi avrebbe ucciso.tutto quello che facevamo doveva rimanere fuori da parenti e conoscenti
la sua immagine di ragazza perbene non doveva essere scalfita minimamente , e proprio questo mi mandava fuori di testa.
Tornammo a casa in un giorno la sua carnagione già olivastra si era abbronzata , i segni del costume sulle natiche e sulle tette
il piedino abbronzato...una meraviglia .
Lei andò a farsi la doccia mangiammo e ci buttammo sul divano una canotta blu aderente senza reggiseno con seno e capezzoli ben visibili e i suoi pantaloncini da casa
molto corti scalza e i suoi occhiali.
Sentimmo degli schiamazzi delle risate e poco dopo bussare. Mi alzai e andai ad aprire era Fausto ma con lui c'era un altro ragazzo
alto quasi 1e90 un armadio..."ciao! disturbiamo! ho preso un po di gelato con il mio amico e ho pensato di portarvene un pò
anche a voi!" "ah ..ciao Fausto..grazie sei stao gentile..prego entrate" i due entrarono e si trovarono valeria distesa sul divano
tutta scosciata "amore Fausto ha portato il gelato !" "ah..cia ragazzi " si alzò e si presentò all'amico di fausto.
"prego ragazzi sedetevi " , i due si accomodarono e vidi subito lo sguardo di Maurizio fissarsi sulle cosce di valeria intenta a prendere i
bicchieri per il gelato ... incurante della mia presenza non perse un movimento del culo in pantaloncini di valeria .
Si sedette anche lei la canotta offriva la visione dei suoi capezzoli, seduta sulla sedia le cosce accavallate i piedi abbronzati in mostra .
Le chiacchiere continuavano , quel maurizio sapeva farci rideva e scherzava con lei , io praticamente ero trasparente.
Iniziò una serie di doppi sensi sui gelati con valeria che diceva di preferire i coni grossi alla coppa, lui era in pantaloncini
e l'erezione era perfettamente visibile "guarda se ti piacciono i coni grossi ...te ne ho portato uno!" si alzò in piedi e ci mostrò una verga in tiro sotto i pantaloncini
sembrava potesse strapparli..."hai visto vale che gentile sono stato a portarti il cono del mio amico "disse ridendo fausto..
"dai ragazzi ...ma io ... " lìmaurizio incurante in un secondo fece saltare fuori il grosso mattarelllo dai pantaloncini
facendolo ballare a poca distanza da lei depilato largo forse sui 22 cm..
lei lo guardava stupita titubante..così lui prese l'iniziativa sicuro si avvicinò a lei seduta
"e dai succhia" gli strusciò il cazzo sulle guance , la troia lo prese in mano senza dire nulla cambiò sguardo socchiudendo gli occhi
e iniziò a smanettare massaggiando le palle "quanto è grosso" disse spalancò la bocca e si fiondò
sul grosso boccone affondando , poi iniziò a leccarlo da sotto a sopra slinguando la cappella
"te l'avevo detto che era una troia " disse fausto che iniziò a segarsi "troia ma veramente una bella figa!"
rispose lui lei continuava a massaggiare e succhiare mugolando "questa c'ha una voglia di cazzo!"
disse. maurizio afferrando la testa di valeria e spingendole il cazzo in gola "non sei abituata ai cazzi grossi..eh troia
ma tu te li meriti i cazzi grossi!" valeria iniziò a perdere saliva che colava dai lati della bocca
piena di quella trave poi lui la prese la fece alzare in piedi e le sfilò pantaloncini e mutandine insieme
schiaffeggiando il culo "che fisico da vacca che c'hai..ti devo spaccare" , lui si sedette sul divano
la fece salire in piedi sul divano faccia al muro culo e figa erano all'altezza della faccia di lui
che la afferrò dai fianchi da sotto e voracemente si buttò sulla figa a leccarla mandandola subito in estasi
lei ondeggiava con il culo quasi ad assecondare i movimenti della lingua sentivo rumori della sua lingua
e i suoi mugolii che diventavano sempre piu godimento lei si leccava le labbra e chiudeva gli occhi di piacere
vedere il suo culo nudo con i segni dell'abbronzatura del costume alla brasiliana le cosce ballare
le mani di lui che la tenevano ....si alzò anche fausto sali in piedi sul divano col cazzo a pochi cm dalla faccia
di valeira , lei colse l'invito al volo con una faccia da zoccola che non avevo mai visto e giu a succhiare il cazzo di fausto
praticamente seduta sulla faccia di Maurizio che continuava a leccarla allargandole il culo , lei continuava a ciucciare il cazzo
"è ora di scoparti eh " maurizio riumase seduto sul divano lei si girò e allargando bene le gambe si piantò il cazzo in figa
di spalle a lui come per cavalcarlo , offrendomi la visuale del cazzone quasi totalmente in figa e le mani di maurizio che la tenevano dai fianchi ,
da sotto il cazzo la pompava forte sentivo il rumore dell'applauso dei colpi del cazzo con i suoi gemiti soffocati da fausto che le piantava il cazzo in gola
godeva sotto quei colpi che la facevano ballare tutta le sue tette ballavano , poi cambiarono posizione
fausto si sedette sullo schienale del divano e la misero a pecora con un piede a terra e uno sul divano cosi da
avere le chiappe piu allargate maurizio passo dietro e iniziò a stantuffarla forte il rumore della figa bagnata
e delle chiappe era fantastico, il ritmo veloce, aveva mani dappertutto sulle tette sul culo
era totalmente in loro balia la ennero così forse per 20 minuti , 20 minuti a prendere cazzo a pecora
e ciucciare senza tregua , "ah sei anche rotta di culo troia" , si sedette di nuovo sul divano e di nuovo lei
a cavalcare il cazzo sempre spalle a lui quasi stendeedosi sul pette di maurizio col suo palo
nel culo offrendo la figa slabbrata libera....in un attimo da davanti fausto aprendole le gambe iniziò
a scoparla in figa ... la prima doppia di valeria...gemeva come una cagna senza ritegno
poi di nuovo cambiarono posizione nella classica posizione da doppia , cavalcava il cazzo di fausto in figa e sopra il cazzo di maurizio
continuava ad aprirle il culo , ma lei godeva senza vergogna vedevo da dietro le palle dei due sbattere su culo e figa
maurizio non le dava tregua fomentato dai gemiti della troia fino a esploderle nel culo ...
tirò fuori il cazzo e il culo rimase aperto distrutto da quel palo...poi fu il turno di fausto
che però volle ancora un pompino fino a inonandarle il viso ....valeria ormai era diventata una zoccola senza ritegno
senza più freni .
Visualizzazioni: 9 321 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Racconti Cuckold