Capitolo 13
Jason a casa di Kira


Daniela si mise facilmente d’accordo con l’uomo di colore, Jason, bastò aver visto le sue prestazioni sessuali durante l’amplesso con Anna per convincersi che era perfettamente adatto per essere usato nella sua vendetta personale contro Kira.
Sapeva dove abitava la donna proveniente dall’est Europa e dopo aver dato una lauta somma all’uomo, gli disse che se voleva l’altra metà del denaro, avrebbe dovuto piazzare una videocamera così che lei potesse vedere come se la scopava, esattamente come si era accordata con Lorenzo, quando doveva scoparsi Anastacia. Ma c’era una differenza sostanziale, questa volta doveva funzionare tutto in diretta. Aveva infatti scoperto da poco che la videocamera che aveva acquistato quella volta poteva anche essere collegata a internet per realizzare dei video in diretta.
Daniela l’aveva già configurata con l’aiuto del marito Marco quando la consegnò a Jason, all’uomo di colore non rimaneva altro che entrare in scena e fare una visita all’indirizzo di Kira.

Era ormai buio quando Jason si avviò per il vialetto della villetta a schiera dell’abitazione di Kira. La donna sembrava guadagnare bene quanto lui e secondo l’uomo doveva essere una puttana di classe. Suonò al campanello e prima che Kira venisse ad aprire passarono diversi minuti, infine sentì dei rumori provenire da dietro la porta d’ingresso, si aprì e vide una ragazza bruna, alta soltanto 1 metro e 60, vestita con degli abiti che le stavano abbastanza larghi che evidentemente non le appartenevano. Indossava un top e dei pantaloncini larghi e Jason aveva intuito che sotto non aveva l’intimo, dai capelli un po’ arruffati sembrava essersi alzata dal letto di recente.
«Ciao, sei Kira non è vero?» chiese l’uomo in un ottimo italiano.
La ragazza rimase di sasso appena lo vide, lei si aspettava che Kira fosse di ritorno, non si aspettava un maschione nero alto 1,90 e con una montagna di gonfi muscoli che sembravano voler strappare la maglietta attillata.
La ragazza in questione era Roberta che aveva passato la precedente notte e l’intera giornata a casa di Kira. Dopo che era stata scopata selvaggiamente dal dildo della donna e considerando che Anastacia stentava ancora a tornare in forma, aveva preso la decisione di passare ancora qualche notte di fuoco con Kira, così Roberta aveva pensato di rimanerci per un po’.
Kira non era in casa in quel momento perché aveva ricevuto una chiamata abbastanza urgente da un cliente molto importante, uno di quelli a cui piace essere sottomesso dalle donne.
Ma tutto ciò Jason non poteva saperlo, Daniela non aveva provveduto a farle una descrizione della donna perché in fondo non l’aveva mai vista prima.
«S-sì… sì certo sono Kira, e tu chi saresti?» disse Roberta spacciandosi per la sua nuova amante.
Guardando quell’uomo sperò ardentemente che fosse lì per scopare con Kira, quindi decise di spacciarsi per lei. Aveva sempre sentito parlare dei neri e sapeva che la dimensione del loro cazzo era sopra la media.
“Magari ha le stesse dimensioni di Lorenzo” pensò subito dandogli un’occhiata al pacco e sperando in una scopata, ma i pantaloni che portava non erano affatto attillati, si notavano comunque i muscoli della gambe.
«Qualche giorno fa hai lasciato il tuo indirizzo a casa di una mia amica… con un certo invito…» disse Jason aspettando una sorta di conferma da parte della ragazza.
«Ehm… sì… credo proprio di averlo fatto» disse Roberta un po’ incerta, ma se doveva fingersi Kira non poteva non dargli conferma.
Jason credeva che la ragazza avesse fatto qualche obiezione ritrovandosi alla porta un omone nero invece di Daniela, e quindi si stupì di trovarla tanto tranquilla.
«Io mi chiamo Jason… posso entrare?» disse l’uomo un po’ confuso dal comportamento di Roberta.
«S-sì certo… prego entra…» disse subito lei impacciata.
L’uomo entrò mentre la ragazza richiudeva la porta della villetta e subito dopo lo fece accomodare nel salotto.
«Hai proprio una bella casetta» disse l’uomo di colore ammirando i divanetti e il basso tavolino in vetro.
«G-grazie…» disse Roberta imbarazzata, non sapeva per quale motivo quell’uomo fosse lì, ma dallo sguardo che gli stava lanciando era intuibile che il suo scopo fosse di natura sessuale.
“Kira ha più volte affermato che si scopa anche i neri… che sia uno dei suoi nuovi amanti di colore?! Forse si era dimenticata di avere un appuntamento anche con lui stasera” si chiese tra sé e sé la ragazza.
Jason si guardò intorno e poi guardò nuovamente Roberta, il suo sguardo si fece più insistente e si avvicinò alla ragazza con sguardo sensuale e deciso. Lei non seppe cosa fare.
«Lo sai il motivo per cui sono qui… io direi di saltare i convenevoli… andiamo subito al sodo» disse l’uomo allungando una mano e tastando uno dei seni di Roberta attraverso il tessuto del top.
La ragazza si stupì di quell’approccio tanto diretto e si convinse che quell’uomo era lì soltanto per scopare Kira, anzi per scopare colei che credeva fosse Kira.
Roberta sentì il capezzolo indurirsi al minimo contatto con la forte mano dell’uomo. Era senza reggiseno e uno dei suoi seni terza misura era stato interamente coperto dalla mano dell’uomo di colore che con il pollice e l’indice iniziò a strizzarle forte un capezzolo.
«Ahhh! Fa male» si lamentò la ragazza mordendosi il labbro inferiore, la sua fica intanto stava già diventando un lago.
«Lo so che ti piace, e io ho l’attrezzatura giusta per farti salire al settimo cielo» disse Jason sorridendole.
Roberta si lasciò andare e allungò una mano verso le parti intime dell’uomo, era talmente alto che il suo pacco si trovava all’altezza del suo ventre.
Ma l’uomo le afferrò subito la mano: «No, no, no!» esclamò allontanandola dal cavallo dei suoi pantaloni. «Hai troppa fretta, potrai avere il mio cazzo nero tra qualche minuto» disse Jason. Poi la voltò e glielo fece sentire mentre cozzava contro il prorompente culo della ragazza.
«Wow, è già durissimo!» disse Roberta muovendo il culo per tentare di capire quanto fosse grosso, aveva però ben intuito che fosse parecchio dotato.
Jason iniziò ad accarezzarla sui fianchi per poi risalire alzandole il top più grande di diverse misure. Lo fece arrivare sino al viso di Roberta per poi accarezzarle i seni già turgidi mentre la ragazza continuava a strusciare la schiena sul muscoloso corpo dell’uomo. Le sue braccia si liberarono dal top e stava per toglierlo del tutto sfilando la testa, ma Jason prese l’indumento e lo annodò attorno i suoi occhi così che non potesse vedere.
«Cosa vuoi fare?» chiese la ragazza curiosa.
«Fidati, bendata sarà molto più eccitante!» disse Jason mentre l’accompagnava su un divanetto del salotto. Roberta si sedette e attese.
«Togliti i pantaloncini» disse Jason che intanto si era allontanato per recarsi silenziosamente verso un mobile posto proprio di fronte al divanetto, lì posizionò la videocamera che le aveva dato Daniela. L’aveva già attivata poco prima ed era già in diretta.

Daniela e Marco stavano seduti sul salotto di casa loro, pronti a godersi lo spettacolo. Marco era eccitatissimo e non vedeva l’ora di menarselo mentre guardava il cazzone di Jason scopare la ragazza che vedevano seduta sul divano.
«Non so perché ma questa Kira la immaginavo diversa» disse Daniela guardando la ragazza del video senza riconoscere in lei sua sorella. Il top usato come benda sugli occhi le copriva la maggior parte del viso rendendola irriconoscibile.

Jason controllò che la videocamera fosse posizionata bene e poi tornò verso Roberta che aveva già provveduto a togliersi i pantaloncini. Il fatto di non vedere cosa succedesse intorno a lei la stava eccitando ancor di più e alcuni rivoli di liquido vaginale avevano già bagnato il divanetto, era fradicia alla sola idea di essere scopata da un uomo di colore.
Jason si denudò del tutto e mostro alla telecamera i suoi muscoli gonfiandoli leggermente, infine si posizionò di profilo per mostrare a Daniela che il suo membro era già in piena erezione. La donna non aveva dimenticato di quando glielo aveva misurato, scoprendo che lo aveva lungo 30 cm e largo ben 18.
Roberta rimase immobile in attesa che l’uomo la scopasse, le gambe larghe e la schiena che poggiava sulla base del divano, ma non immaginava neanche quanto misurasse il cazzone di Jason. Sentì però che l’uomo si stava avvicinando a piccoli passi, lo immaginò già nudo vicino al divano, pronto a farla godere.
Jason prese alcuni cuscinetti e li poggiò dinanzi al divano così da potersi inginocchiare su di essi. Il suo cazzo svettava sopra al corpo di Roberta e lentamente glielo poggiò sul ventre, le palle toccavano il clitoride mentre la turgida cappella le superò l’ombelico di diversi centimetri.
Roberta sentì il peso del cazzo mastodontico dell’uomo di colore sul suo stomaco e trattenne il fiato, era stupefatta. Lo fu ancor di più quando usò le sue mani per toccarlo, non riusciva a capire quanto fosse lungo, ma di sicuro lo era più di quello di Lorenzo.
«H-hai un cazzone enorme… sembra… sembra quello di un cavallo!» disse Roberta a bocca aperta mentre facendo su e giù con le dita sull’asta del membro tentava di capire ancora quanto misurasse. Il diametro era di certo più ampio di Lorenzo e questo voleva dire che da lì a poco avrebbe goduto come mai prima d’ora, sapeva anche che le avrebbe fatto parecchio male non appena le fosse entrato in figa. Ma lo voleva. Voleva quel cazzo dentro di sé fino ai testicoli che in quel momento tentava di toccare, ma il cazzo di Jason era talmente lungo che non arrivò a farlo.
Roberta aveva ancora la bocca aperta quando sentì un pollice dell’uomo insinuarsi tra le sue labbra, la ragazza lo succhiò con avidità e desiderio.
Jason si guardò intorno e infine trovò ciò che cercava, accanto al divano c’era un ripiano con su una lampada. Si avvicinò a Roberta sbattendole la grossa cappella sui capezzoli finché la donna non si trovò talmente vicina al cazzo che lo prese subito in bocca al posto del pollice.
«Mmm…» ansimò succhiando il cazzo di Jason, dovette dilatare bene le labbra per farlo entrare nella sua piccola bocca. «Non credevo… che il cazzo nero… potesse essere talmente duro e virile» disse tra una pausa e l’altra mentre continuava a succhiare.

Daniela dal salotto di casa proprio ascoltò quelle parole e si chiese se non ci fosse qualcosa che non andava.
“Giada mi ha detto che Kira ha scopato più volte con dei neri” pensò la donna.

Intanto Jason aveva afferrato la lampada e staccato il filo, con quello decise di legare i polsi di Roberta.
«Cosa stai facendo?» chiese lei.
«Vuoi godere?»
«Sì… certo, voglio il tuo cazzo dentro di me, per favore! Toglimi la benda, voglio vederlo, voglio vedere il tuo cazzo da cavallo!»
«Lasciami fare allora, e no, ancora non è il momento di vedere il mio cazzo!» disse l’uomo andando dietro il divano per legare il filo che stringeva i polsi della ragazza da qualche parte, in modo che le sue braccia rimanessero ferme sopra la sua testa.
«Dai, allora mettimelo in figa! Non ne posso più di aspettare, fai piano però» disse Roberta che legata in quel modo si stava eccitando ancora di più.
L’uomo si posizionò di nuovo di fronte alla figa di Roberta, era già abbastanza larga, ma Jason sarebbe riuscito ad allargarla maggiormente.
Con due dita si insinuò tra le labbra della fica di Roberta e notò che era davvero bagnatissima, lei per tutta risposta ansimò e si contorse dal piacere.
L’uomo afferrò il suo cazzo e lo fece scorrere sul clitoride della ragazza per tutta la sua lunghezza.
«Ahh… sìììì! Quanto mi piace il tuo cazzo. Ma lo voglio dentro! Voglio venire, dai! Spaccami in due con il tuo cazzone.»
Ma Jason non acconsentì, bensì continuò a strusciarlo sul clitoride per poi usare la cappella violacea per colpire sempre più rudemente il bottoncino di Roberta.
A ogni colpo di cazzo la ragazza sussultava e le gambe ebbero degli spasmi sincronizzati con i colpi della turgida cappella di Jason finché Roberta non urlò: «Vengoooooo!!!! Sììììì!!!»
Il suo corpo fu scosso dagli spasmi mentre soltanto le braccia rimasero immobili perché legate. Per diversi secondi Jason strusciò il cazzo sul suo clitoride mentre Roberta gridava il suo potente orgasmo.
«Era da tanto che non stavi con un uomo,» disse Jason, «è bastato il contatto con il mio cazzo per farti venire.»
«Sì! Hai ragione, e tu sei stupendo, il tuo cazzo lo è!» esclamò Roberta sorridendogli appagata dall’orgasmo.

«Dovevi fargliela pagare mandandole Jason?! A me pare che si stia soltanto divertendo questa Kira» disse Marco con il cazzo turgido in mano che a malapena era lungo la metà di quello di Jason.
«Stai a guardare, Jason inizia facendola godere, poi la spaccherà per bene» rispose Daniela che lo aveva già visto all’opera.


«Adesso toglimi la benda, lo voglio vedere» disse Roberta desiderosa.
«Non ancora, capirai quanto è grosso appena la tua fica si spacca in due!» esclamò Jason puntando l’enorme cappella e premendo sulla figa della ragazza.
Roberta si preoccupò un po’ per le parole che aveva usato l’uomo di colore, ma fu comunque pronta per essere scopata, così allargò bene le gambe per permettere al cazzone nero di fotterla.

Continua su Annunci69!!!

Per contribuire alla stesura dei prossimi capitoli bisogna commentare, votare e lasciare ogni tipo di interazione possibile per ogni capitolo così da capire quanto vi piace.


Il racconto integrale lo trovate sul sito Annunci69, potete chiedermi l’amicizia lì!
Visualizzazioni: 1 535 Aggiunto: 3 anni fa Utente: