Come ho già detto mi eccita uccidere i miei clienti durante il sesso, mi da una sensazione liberatoria. Una volta mi trovavo a Lecco, e mi stavo scopando Alfio. Il suo duro cazzo di 21 cm me lo stavo ciucciando tutto e godevo come un trattore. Nella mia bocca soffice ma affamata si piazzava il suo cazzone succulento e succosissimo, poi mi sono fatta appassionatamente sfondare la passera e sentivo il suo amichetto contrarsi dall'eccitazione nella mia figa. Ci stavamo divertendo un mondo, gli avevo anche concesso la spagnola e miè era venuto in bocca con la sua sborra densa e copiosa, dopodiché all'apoteosi del piacere gli ordino di andare più forte e di incularmi. Adoro farmelo ficcare in culo, così gli ho afferrato il cazzo e ho fatto da me. Era una situazione rovente ma proprio all'ultimo momento Alfio mi ha fatto imbestialire scavandosi la fossa. Io odio il rifiuto, soprattutto a letto, e mi inviperisco arrivando anche a uccidere se mi va. Alfio non se la sentiva di prendermi da dietro e fottermi selvaggiamente, cosi gli ho dato l'ultimatum con il filo di voce che mi rimaneva dall'eccitazione: "Dai, Alfio, inculami o ti faccio fuori, fammi godere o ti divoro" tutto questo mentre maneggiavo il suo cazzo e mi divertivo comunque un mondo. Ma Alfio ha rifiutato così l'ho mangiato vivo. L'esperienza più esaltante della mia vita. Guardare il suo volto da agnellino bastonato mentre gli staccavo all'improvviso la faccia mi ha fatto godere come quella porca che sono. Ho deciso di farlo fuori proprio mentre stava partendo un'altra scarica di sborra sul mio viso. Poi sono passato alle mani, i piedi e il corpo fino al piatto forte, che mi sono goduto fino all'ultimo boccone: il suo uccello. Urlavo e gemevo come non mi era mai capitato, mi dimenavo e masturbavo in un mare di sudore e di passione. Mi scottava la testa dall'emozione. Il cazzo di Alfio era dolce e tenerissimo, è stata una goduria mangiarlo tutto.
Visualizzazioni: 3 260 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Esibizionismo