PUTTANA.

Giulia aveva ricevuto molti insegnamenti durante il suo soggiorno nell'impero. Talmente tanti e talmente ben impartiti che lei stessa guardando alla sé del passato non riconosceva più la ragazza che era stata.

Per sopravvivere era stata dura, durissima, all'inizio aveva creduto che Kassandros sarebbe stato tenero, aveva provato un senso di sollievo quando Alhamba era uscito da lei e l'aveva donata al principe. Credeva che potesse essere un bonaccione, come uno di quei tanti ragazzi che avevano aspettato ore davanti al portone di casa, e che nonostante tutto l'avevano accolta con un sorriso di circostanza minimizzando sull'esorbitante ritardo che aveva accumulato.

Invece il principe persiano le aveva insegnato il significato della schiavitù con una intransigenza proverbiale, a nulla valeva il fatto che fossero partiti dopo pochissimi giorni, che marciassero a passo forzato, accampandosi al tramonto e ripartendo all'alba, né la stanchezza né la particolare condizione di mobilità avevano dissuaso Kassandros da quello che sentiva come il proprio dovere di padrone. La prima settimana per ogni minima disubbidienza l'aveva punita severamente, l'aveva punita pure quando non vi era nulla da rimproverarle, semplicemente perché lei era una schiava e lui il padrone, per rimarcare il proprio potere e la propria superiorità.

Così Giulia giorno dopo giorno aveva imparato a scattare ad ogni gesto, ad ogni ordine, aveva imparato che non le conveniva essere punita, in primo luogo per il dolore e per l'umiliazione, in secondo perché nemmeno dolorante e coperta di livida veniva esentata dai propri compiti.

La barbara era tornata da poco dal viaggio e vagava come uno spettro tra i corridoi del palazzo imperiale, forse si era persa, anzi si era decisamente persa, e più prendeva consapevolezza di quell'unica certezza più si faceva prendere dall'ansia. Più camminava e più le stanze sembravo diverse e sconosciute, eppure simili.

Un respiro, un fruscio nel silenzio, una goccia di sudore che le scivolava lungo il collo, in mezzo ai seni, il tintinnio delle cavigliere, un passo, un altro, piastrelle fredde, caldo assordante.

Svoltato un angolo avvistò due guardie appisolate davanti ad una imponente porta socchiusa, ebbe un attimo di indecisione, avrebbe voluto svegliarli, ma non lo fece: entrò spingendo con forza e si trovò in una grande veranda che dava su un giardino interno, sbuffò sconsolata: neppure quelli erano gli alloggi delle schiave dove avrebbe dovuto trovarsi ormai da una ventina di minuti.

Avvistò una piccola fontana decorata con graziose sculture di ninfe e vi si diresse per dissetarsi, raccolse l'acqua nel cavo delle mani tremanti e bevve, mentre il liquido si mischiava alle sue lacrime. Aveva il terrore della punizione che l'aspettava, le gocce le rotolavano giù dagli occhi verdi, si insinuavano sotto il vestito riccamente decorato e le accarezzavano la pelle abbronzata causandole dei piccoli brividi.

Pianse ancora e ancora e quando si rese conto che il vestito delicato come l'ala di una farfalla era ormai bagnato e stropicciato, era troppo tardi. Si maledisse, quell'abito elegante e ricamato era un regalo di Kassandros destinato alla favorita dell'imperatore.

Non v'era alcun dubbio che la punizione sarebbe stata orribile, poteva solo prefigurarsi quale sarebbe stata considerando che il suo biondo padrone la frustava per ogni minima disattenzione, la puniva anche senza motivo, per puro, sadico piacere. Amava divertirsi così, piegandola e sottomettendola fin quando non ne sentiva la disperazione, la paura, fino a quando non spezzava irrimediabilmente il suo orgoglio.

Erano state settimane infernali quelle trascorse in viaggio con il principe di Persia, lui l'aveva spezzata come un giunco, resa docile e paurosa, insoddisfatta e facilmente eccitabile.

"Cosa stai facendo schiava?" la destò improvvisa una voce dietro di lei. Si voltò di scatto, nascondendo le lacrime e guardando dietro di sé. Entrando non si era accorta che su un divano all'ombra di un grande vaso stava l'imperatore in persona.

Ebbe un tremito di terrore, ricordava bene le sue mani che prime e ultime la avevano profanata, le sue parole dure, rabbiose, instransigenti.

"Mi sono persa, vi prego perdonatemi padrone." riuscì a balbettare ancora con la voce impastata di pianto. Lui sospirò, una volta sola, un sospiro carico di dolore e di rabbia.

"Avvicinati"

Giulia obbedì come mossa da fili invisibili, sentiva le gambe che le stavano per cedere, non osava nemmeno immaginare che cosa sarebbe potuto accaderle. Si fermò davanti a lui, in piedi, tremante e guardandolo si accorse che aveva un'espressione tremendamente accigliata, quasi furiosa.

Alhamba si mise a sedere mostrandole un tre con la mano destra, ogni numero mostrato con le dita stava a indicare una precisa posizione in cui lei si sarebbe dovuta mettere, ma Giulia non le ricordava, il suo padrone non gliele aveva mai insegnate. Così rimase immobile, senza saper cosa fare, lo vide alzare gli occhi al cielo "Inginocchiati" sbuffò.

L'imperatore trattenne a stento una risata, non aveva mai visto una ragazza farlo in modo tanto goffo, le fece quasi tenerezza, così confusa e spaesata, con lo sguardo di un cucciolo spaventato. Le sollevò il viso asciugandole le lacrime con il pollice."Perché stai piangendo così? Parla"

Lei deglutì, mordendosi le labbra " Non è nulla di importante" mormorò distogliendo lo sguardo. Le arrivò uno schiaffo, dritto sulla guancia che prima era stata accarezzata. " Rispondi." le ingiunse con uno sguardo che non ammetteva repliche.

"Il mio padrone mi punirà..." sussurrò poi con la voce spezzata dal pianto "io non riesco a fare nulla, ho paura, ho paura che vorrà uccidermi."

"E per cosa dovrebbe ucciderti?" ridacchiò divertito

"Sono in ritardo" piagnucolò

"Mi sembra un po' eccessivo per un ritardo, non credi? Di quanto ritardo si parla?" le chiese ancora più divertito

"IO NON LO SO! Ormai saranno più di venti minuti, vi prego padrone, lasciatemi andare..." lo supplicò infine con le lacrime agli occhi

Alhamba sgranò gli occhi "Venti minuti?" esclamò " Mia dolce schiavetta, è meglio che tu ti nasconda a questo punto"

"Per favore, per favore...aiutatemi" supplicò torcendosi le mani nervosamente "Farò qualunque cosa in cambio"

"FARAI TUTTO CIÒ CHE IO VOGLIO" sibilò lui stringendole una mano intorno al collo "IN OGNI CASO" aggiunse serrando la presa ancora più forte "SENZA ESITARE" la sentì gorgogliare "Hai capito schiava?"

Lei annuì con forza, cominciava a mancarle il respiro, ma l'imperatore strinse ancora più forte "NON HO SENTITO" tuonò

"Si...padrone" disse lei in un sussurro quasi udibile.

Finalmente lui la lasciò, e si alzò velocemente, i suoi movimenti tradivano una rabbia a stento trattenuta, non era Giulia la causa di quella furia, ma soltanto l'ultima goccia che aveva fatto traboccare un vaso. "Spogliati ora." le ingiunse.

Lei come in trance si tolse tutti gli abiti, lacrime copiose le rigavano le guance, non era così che aveva sempre immaginato la sua prima volta, pensò al suo ragazzo a casa, pensò che avrebbe voluto farlo con lui la prima volta, aveva avuto tantissime occasioni ma mai si era sentita di andare fino in fondo. E ora non poteva più scegliere. Prima il velo, poi la cintura, la veste, i sandali, i gioielli di opale, tutti uno dopo l'altro li consegnò rassegnata all'imperatore che li prendeva e li buttava via.

"Allora" iniziò lui prendendole i polsi e imprigionandoglieli dietro la schiena "Non hai un collare, non hai un marchio se non quello che fanno ad ogni barbara, almeno un nome lo hai?" le ingiunse facendola inginocchiare e appoggiare il busto sul divano.

"No" rispose lei strizzando le palpebre.

"Interessante, questo significa che Kassandros non ti ha ancora scopato come si deve. Comunque, visto che non hai un nome ti chiamerò puttana." Dicendo ciò le accarezzò il culo in bella mostra, tastandone la consistenza, scese poi sfiorandole l'ano e le grandi labbra, toccandole poi tutti i punti più sensibili delle cosce.

"Allora puttana, abbiamo molte cose di cui discutere io e te. Per prima cosa implorerai il mio perdono per quello spiacevole evento risalente al nostro primo incontro." Poi le arrivò la prima sberla, non molto forte per la verità, su una natica.

"Perdonami padrone" strillò lei ritraendosi per il dolore, un altro schiaffo, sullo stesso punto. Stavolta Giulia strinse i denti per il bruciore, sforzandosi di rimanere ferma il più possibile.

"NO...non ci siamo affatto. Voglio che tu dica, ti supplico di perdonarmi padrone per averti colpito con una brocca." E per rafforzare quelle parole la colpì ancora sulla medesima natica che ormai si era arrossata terribilmente.

Trattenne una bestemmia e ripetè le parole del suo aguzzino, Alhamba fece un sorriso soddisfatto e con l'indice le separò le grandi labbra scorrendo lentamente per tutta la lunghezza della sua figa. Si soffermò brevemente sul clitoride fino strapparle un gemito strozzato.

"Ti sei eccitata puttana. Dovrei punirti anche per questo, ti sto punendo e a te piace."

Giulia si sentì morire, aveva sperato fino all'ultimo secondo che lui non se ne rendesse conto. Arrossì tantissimo, pensando a cosa avrebbe potuto pensare il suo ragazzo in quel momento "Ti chiedo perdono padrone" mormorò affogando nell'imbarazzo.

Lui la colpì proprio lì in risposta, mandandole una scossa mista di dolore e piacere in tutto il corpo "Quando ti rivolgi a me devi supplicarmi, puttana. E ora passiamo ad oggi. Sei venuta qui, eludendo due guardie, disobbedendo al principe di Persia, disturbando la mia quiete con i tuoi piagnistei, quale potrebbe essere una punizione adeguata secondo te?"

Giulia respirò rumorosamente, si sentiva accaldata, sudata, eccitata, confusa, imbarazzata. Non aveva idea di cosa rispondere poi mormorò "Io sono sicura che, padrone, sceglierete una punizione più che adatta per me"

"EH NO!" esclamò lui assestandole altre sberle sulle natiche e sulle cosce "Non ti azzardare ad adularmi! Rispondi puttana!"

"Penso...penso che cinque sculacciate possano bastare" disse ormai al limite la ragazza.

L'imperatore scoppiò in una grassa risata " Te le darò moltiplicate per cinque, puttana" e sogghignando la colpì ancora arrossandole le gambe, facendola sobbalzare per la violenza con la quale le assestava ogni colpo poi al quinto colpo si fermò e prese a masturbarla, la trovò fradicia, dentro e fuori e portò i suoi umori sul suo culo, rendendolo più lucido ancora, e poi le diede altri colpi e altro piacere, alternandoli fino a portarla al limite.

Egli stesso si sentiva inconsapevole, trascinato dal piacere, annebbiato dalla soddisfazione di dominarla sia nel dolore che nel piacere. Il membro gli scoppiava dentro i pantaloni, le mani gli pizzicavano a causa dei colpi dati, eppure avrebbe potuto continuare così per diverse ore. Lei era vicina all'orgasmo, lo sapeva, lo sentiva come gemeva ad ogni carezza, come si porgeva sia ai suoi colpi che ai suoi vezzeggiamenti, ormai priva di qualsiasi difesa.

La punizione era finita, le aveva dato venticinque colpi, eppure non si sentiva soddisfatto, si chinò su di lei baciandole e mordendole il collo, facendole sentire la propria erezione sulle natiche "Puttana..." le sussurrò leccandole l'orecchio "sei stata brava." Lei sussultò a quelle parole e si spinse ancor di più sul suo cazzo, lo sentiva premerle addosso attraverso la stoffa e gemeva di desiderio.

Lui emise un gemito roco e si staccò immediatamente "Tieni a bada i tuoi istinti, puttana." la ammonì mettendosi di nuovo a sedere. Giulia aveva un'espressione di totale delusione, non capiva perché lui non la voleva prendere e si sentì inadeguata con un uomo per la prima volta, tutti quelli incontrati prima erano ansiosi di fare sesso con lei, sapeva di essere una ragazza bella, eppure lui no, lui nemmeno eccitato all'inverosimile la voleva, nemmeno allo stremo voleva scoparla. Non se lo sarebbe mai aspettata, ma due lacrime calde le caddero giù dagli occhi, macchiando il divano.

Un soldato entrò in quel momento annunciando che il primo ministro Kassandros di Persia voleva parlare con lui. L'imperatore si alzò e fece alcuni passi nervosamente poi rispose che lo avrebbe chiamato lui stesso, congedando la guardia.

Giulia gelò, non poteva farsi trovare così dal suo padrone, le avrebbe scorticato la schiena con la frusta "Puttana, non ti azzardare a ricominciare a piangere. Ci penso io." le parlò vedendo che stava cominciando ad agitarsi.

Fece alcuni passi finché la sua erezione non si fu del tutto sgonfiata poi esordì ad alta voce "Entra pure"

"Oh!" Esclamò il principe vedendo il quadro disordinato che gli si parava dinanzi, la sua schiava era nuda vicino all'imperatore e i vestiti erano sparsi tutt'intorno a loro, solo Alhamba era vestito di tutto punto e il primo ministro si spiegò quell'insolita attesa. Ebbe un moto di fastidio profondo vedendo come l'imperatore che ora lo guardava con un sorriso sornione si fosse preso la libertà di usare qualcosa che gli apparteneva, tuttavia lo represse, non era sicuramente il tempo adatto per litigare. "Ecco dove era finita!"

"Già, mi dispiace ma non ho potuto fare a meno di approfittare appena l'ho vista, sembrava che il suo culo mi chiamasse" rispose lui tirandosi indietro i capelli lunghi e neri.

"Spero non ti abbia dato problemi, non l'ho addestrata per dare piacere" Kassandros aveva un tono serio, grave e lanciò una lunga, terribile occhiata a Giulia la quale raggelò sino al midollo, cosciente che dalla risposta dell'imperatore sarebbe dipeso il suo immediato futuro.

"Stai sereno si è comportata bene, anzi è stato un vero piacere toglierle quello splendido abito di dosso"

"Già, è davvero splendido, l'ho preso alla Capitale, la favorita di mio padre ne indossava uno molto simile così ho pensato di farne fare uno anche per la tua." spiegò il principe

Un'ombra leggera passò sul volto dell'imperatore "La mia favorita non necessita di altri abiti, e poi penso che alla barbara stia molto meglio"

Kassandros percepì immediatamente che il tono dell'amico si era fatto distaccato, quasi rabbioso, ma non riuscì a capirne fino in fondo il motivo "Certo, a lei sta d'incanto hai ragione."

Poi rivolse un cenno del capo alla schiava che raccolse frettolosamente i suoi vestiti e uscì cercando di dare ai due il minor fastidio possibile.

"Quindi, ho parlato con Hudes, i preparativi per l'Agòn sono terminati. Gli artisti, gli atleti e i letterati sono tutti nella Città Splendente. Ovviamente Shajla vorrebbe parlare con te, e ovviamente ti ricordo che stasera ci sarà il banchetto inaugurale con i principi dell'impero e i vincitori degli anni passati" disse Kassandros sedendosi accanto all'imperatore

"Qualcosa che già non so? Ho istituito il L'Agòn, so come funziona." lo interruppe Alhamba

"Già...è arrivato l'eremita ultracentenario che abbiamo chiamato per capire cos'è che non va con i tuoi poteri"

"Bene, allora lo riceverò domani mattina. Altro?"

"Si. Il ministro delle finanze mi ha chiamato appena sono tornato dal mio viaggio, senza nemmeno darmi il tempo di farmi un bagno per recriminare su quanto ci costi mantenere questa gara. Dice che è troppo dispendioso organizzare due settimane di gare tra i maggiori artisti dell'impero, e soprattutto mantenere economicamente i vincitori per tutto l'anno."

L'imperatore si oscurò "Il mecenatismo ha sempre avuto un prezzo, e allo stesso tempo ha contribuito a dare tantissimo alla cultura e all'arte. Pago tutto ciò dalle mie casse personali, e inoltre cadendo vicino al mio compleanno evitiamo di fare spese esorbitanti per festeggiarlo."

Kassandros sorrise mostrando i denti bianchi come l'avorio " È esattamente ciò che gli ho detto io, comunque nei prossimi giorni sarai molto occupato, desideri qualcosa per alleviare lo stress? Tipo la mia schiava? Ho visto che ti piace molto, e del resto la avevi scelta per te"

Alhamba sogghignò "Questa è decisamente la cosa migliore che tu abbia detto da quando sei entrato, mandamela all'imbrunire, prima che cominci a prepararmi per il banchetto."

~ ~ ~

Alhamba aveva passato tutto il pomeriggio nelle sue stanze, annoiandosi, trascorrendo il tempo tra la musica e la lettura, lo studio e la cura della sua meravigliosa capigliatura corvina, aveva ricevuto Shejla ed era stata come un breve soffio di gioia in quella giornata infinita.

Lei era una ragazza solare, dolce ed estremamente talentuosa, Alhamba l'aveva incontrata alcuni anni prima quando ancora nessuno la conosceva a Brasivia, una città sperduta tra le montagne del Caucaso, durante uno dei suoi viaggi di rappresentanza. Era una delle danzatrici del re di quella regione, ma all'imperatore era bastata un'occhiata per capire che sarebbe potuta essere molto di più, così le aveva offerto di lavorare per lui, Shejla aveva rifiutato, tuttavia qualche mese dopo aveva deciso di partecipare all'Agòn che era stato appena istituito.

L'Agòn era sostanzialmente la più importante competizione artistica dell'Impero. Riuniva quasi tutte le discipline che non erano contemplate dalle Olimpiadi, Shejla si era sempre posizionata ai primi posti per la danza e negli ultimi due anni era riuscita ad aggiudicarsi il primo posto, sino a diventare una delle donne più famose in tutto l'Impero. Alhamba le proponeva tutti gli anni di lavorare a palazzo per lui ma lei rifiutava puntualmente utilizzando i soldi del premio per viaggiare ininterrottamente da un capo all'altro del globo e crescere artisticamente.

Avevano parlato molto, come due vecchi amici, poi lei era andata a prepararsi per la cena e lui era sprofondato in quel grigiore dell'animo in cui stava ormai da due settimane, i fattori erano tanti, primo tra tutti la sua favorita, l'ultima volta che l'aveva vista le aveva urlato contro tutta la propria delusione e il proprio disappunto, poi l'aveva cacciata, non era riuscito a punirla né a perdonarla. L'aveva evitata accuratamente per i giorni successivi e persino in quel momento non aveva alcuna voglia di rivederla. In aggiunta alcuni giorni dopo Kassandros era partito per Al Kaida per andare a prendere la sorella e così anche lui era lontano. Ogni forma di divertimento lo lasciava indifferente, ogni piacere insoddisfatto. Gli era successo decine di volte di chiamare una schiava, di baciarla, desiderando di scoparla ma alla fine inevitabilmente il suo corpo rimaneva inerte, insensibile a qualsiasi stimolo. Ormai aveva smesso di provarci, persino quando si alzava con il membro dolorosamente eretto, aveva smesso di provarci, aveva cominciato ad ignorare il proprio corpo chiudendosi nella castità più lunga forse della sua intera vita.

Quella mattina era la prima volta dopo la sua litigata con Iris che si sentiva di nuovo vivo, e davvero eccitato con una ragazza, ed era quello l'unico motivo per il quale desiderava rivederla. All'imbrunire fece accendere le lampade e congedò tutte le schiave che si trovavano nelle sue stanze, indossò una vestaglia di seta ricamata a dragoni rossi e si sedette sull'ampio letto osservando per lunghi minuti i disegni che i fumi degli incensi disegnavano nell'aria. Poi preso da una sorte di inquietudine si alzò e aperto un grande armadio, dopo una leggera indecisione prese alcuni oggetti disponendoli in ordine maniacale sul letto, poi si sedette di nuovo, inquieto, impaziente, già percepiva dentro di sé una torbida eccitazione.

La percepì ancora prima di vederla, ne sentiva il profumo delicato, la presenza, non si voltò a guardarla, ma sentendo il leggero tintinnio delle cavigliere e il frusciare dell'abito sapeva esattamente dove lei si trovava, solo quando ebbe capito che lei si era fermata si voltò con una lentezza esasperante. Lo colse un leggero moto di fastidio, se ne stava lì con il capo chinato, i capelli ricci erano raccolti su un lato lasciando intravedere l'orecchio coperto di graziosi monili e la linea del collo, il vestito era bianco, leggerissimo e trasparente e faceva un meraviglioso contrasto con la pelle abbronzata, più che per nascondere era pensato per mostrare le curve di lei. Alhamba si alzò e lentamente le girò intorno, poi fermatosi dietro di lei le raccolse i capelli in una treccia che lasciò cadere su un lato "Quando vieni da me devi sempre portare i capelli in questo modo" le sussurrò per poi tirarle un orecchino con i denti.

Poi scese con le mani sui fianchi di lei e tolse la catenella dorata che teneva ferma il vestito, e poi le spille che lo sostenevano sulle spalle lasciandola completamente nuda. "Verrai vestita e prima di presentarti a me toglierai tutto quello che indossi" poi le prese i polsi unendoglieli dietro la schiena "e terrai le mani così"

Le girò ancora intorno raddrizzandole la schiena, alzandole il mento o correggendo minimi particolari della sua postura, quando fu soddisfatto sorrise compiaciuto e prese una catenella con due piccole pinze alle estremità. Poi sedutosi davanti a lei le agguantò un seno e con il pollice cominciò a titillarle un capezzolo, che subito si fece appuntito e turgido. Una smorfia compiaciuta si disegnò sulle labbra dell'imperatore "Sei eccitata puttana?" le chiese pur conoscendo la risposta "Si, padrone" rispose lei con le gote rosse per l'imbarazzo.

Le colpì il seno sinistro per poi attaccare la pinza sul capezzolo, facendola gemere di dolore e tentare di sottrarsi "Stai cercando di ribellarti al mio volere per caso?" indagò Alhamba tirando la catenella verso di sé e strappandole un urlo "NO!" strillò lei stringendo i pugni dietro la schiena e strizzando gli occhi.

Lui annuì e in un secondo attaccò l'altra per poi tirarle entrambi i capezzoli in modo crudele "No? No cosa?"

"No, padrone" proferì mentre le si inumidivano gli occhi. Sentiva i capezzoli dolenti, formicolanti, durissimi, e a rendere tutto ancora più imbarazzante il fatto che si sentiva attanagliata da una morsa di piacere, completamente in balia di quel ragazzo sconosciuto che decideva come, quando e perché lei dovesse godere e soffrire.

"Vieni qui" ordinò poi facendola sedere sopra di sé e tirandola delicatamente per la catenella, poi si slacciò la vestaglia e diresse il proprio pene già eretto ad aprirle le grandi labbra, lubrificandolo con gli umori copiosi di lei prima di penetrarla in una sola mossa.

Giulia si morse le labbra, non era stato doloroso come si aspettava, non come quando lui l'aveva sverginata brutalmente con le dita, anzi era stato quasi piacevole. Lui le lasciò un po' di tempo per abituarsi " Ora muoviti, come vuoi tu" le disse leccandole i capezzoli per poi sdraiarsi completamente. All'inizio le guidò il bacino con le mani, poi quando lei prese il rimo si rilassò completamente lasciandole piena libertà.

Lei era totalmente dominata dalle sensazioni che provava, tremava di piacere, e ad ogni affondo si sentiva più vicina a toccare il cielo con un dito, cominciò a gemere, rumorosamente, e a muoversi cercando di ricordare le movenze di qualche video porno che aveva visto. Ormai era sulla strada dell'orgasmo, tutto ciò che aveva intorno aveva perso concretezza, si sentiva talmente vicina che sentiva che sarebbe potuta venire da lì a pochi secondi. Ad un tratto si sentì come strappare i capezzoli con uno strattone fortissimo "Si può sapere chi cazzo ti ha dato il permesso di venire?" le ululò contro Alhamba tirandole uno schiaffo e subito dopo un manrovescio.

Poi tenendola sollevata per i fianchi la scopò con forza, ormai vicinissimo ad un orgasmo travolgente e liberatorio, si sentì attraversare completamente dalla lussuria e prima di sborrare le andò a stringere il collo fino a sentire i suoi gemiti strozzati, e poi la goduria suprema, che lo lasciò per la prima volta sulle soglie dell'incoscienza, le diede ancora qualche colpo mischiano lo sperma con gli umori di quella schiava, poi uscì lentamente. Lei gemeva ancora, insoddisfatta, mentre copiosi rivoli di sperma le scendevano lungo le gambe, lui lo raccolse con una mano per impiastricciarle i seni piccoli e turgidi, per poi farglielo assaggiare direttamente dalle sue dita.

"Girati puttana" la apostrofò mentre scendeva dal letto. Lei rimase interdetta, c'era un ragazzo vicino al letto, completamente nudo, con le mani dietro la schiena. Lui le rivolse un sorriso senza farsi vedere "Salve padrone" disse sorridente. Alhamba lo attirò a sé baciandolo a lungo e mordendogli le labbra. "Ciao Atos" fece lui staccandosi dalle labbra dello schiavo e spingendolo in ginocchio. Giulia guardava sempre più esterrefatta mentre il ragazzo prendeva in bocca l'asta dolcemente, ripulendola fino a farla splendere. Ad un certo punto vide il suo padrone fare un moto di fastidio e staccarselo di dosso "Basta! Sono appena venuto" gli disse baciandolo di nuovo e abbracciandolo per poi stendersi insieme a lui sul letto.

"Chi è lei padrone?" chiese Atos scostandosi dal viso i capelli biondi "Presto sarà la mia nuova schiava, per ora è solo una puttana senza nome"

Il ragazzo mugolò strofinando il naso sul collo dell'imperatore "È carina, ed è tutta sporca del tuo sperma padrone."

Una luce si accese in fondo allo sguardo dorato dell'imperatore " Leccala se vuoi" gli disse carezzandogli la schiena "Ma se la fai venire ti apro a metà...a secco"

Atos fece un sorriso malizioso avvicinandosi a Giulia e cominciando a leccarle le labbra e poi il petto seguendo le tracce umide e biancastre che il suo padrone aveva lasciato su di lei, la leccava assaporando quello che le era rimasto addosso e faceva versi di apprezzamento.

Pure la barbara su ritrovò a fare versi di apprezzamento quando lo schiavo giunse a leccarle dove più copioso era rimasto lo sperma di Alhamba e giunto all'apertura della vagina lo sentì risucchiare quello che le era rimasto dentro. Giulia ebbe un tremito, tutti i suoi sensi si stavano accendendo di nuovo, ma Atos si staccò prontamente da lei e le tolse le mollette dai capezzoli.

"Mi dispiace, ma non posso farti godere" si giustificò. Poi votatosi verso il suo padrone lo vide di nuovo eccitato, con la nerchia turgida, lucida, in bella mostra e gattonando verso di lui gli si accoccolò in mezzo alle gambe dando veloci leccate alle palle e scendendo fino al perineo. L'imperatore lo prese per i capelli scostandolo "È tardi mi devo preparare, venite con me" concluse alzandosi e rivestedosi.



Ciao a tutti, volevo ringraziarvi per aver letto la mia storia e scusarmi se è da molto che non la aggiorno, purtroppo ho avuto una sorta di blocco dello scrittore (UFF...).

Volevo informarvi che d'ora in poi potete leggerla pure qui sul mio blog: https://imperodellalba.blogspot.com
Visualizzazioni: 2 056 Aggiunto: 3 anni fa Utente: