Raymond Oire
“Visita a Parigi: «Ah, putain!»”

Salii le scale; bussai alla porta; controllai l’indirizzo; era giusto. Silenzio. Bussai ancora, più forte. Samu venne ad aprirmi in mutande Intimissimi viola; oscene. Vidi un paio di tette passare da una stanza a un’altra.
«Cazzo! Raimondo!» strillò Samu. «Che cazzo ci fai qua?» e mi abbracciò violentemente, stringendosi a me, con quelle sudaticce mutande viola.
«Cazzo, ma quant’è che non ci vedevamo è?» continuò Samu.
«Ti ho detto che venivo, t’ho chiamato ieri.» dissi io.
«Cazzo sì, me n’ero scordato.» fece lui.
Poi mi fece entrare: «Vieni dentro dai, Bett!» strillò alla ragazza, «è venuto un mio vecchio amico dei tempi di Firenze, questa è la sua prima sera a Parigi, è obbligatorio che lo porti fuori e gli trovi una ragazza.»
«Va bene!» strillò di rimando lei da un’altra stanza. Ci voltammo, «finisco di vestirmi e andiamo!»
Samu mi guardò, scosse la testa e sorrise; poi urlò ancora, con la mano attaccata alla bocca: «No baby, non hai capito, dobbiamo uscire da soli, devo mostrargli la città, ricordare i vecchi tempi, parlare di cose da uomini!»
Bett non rispose. Samu aspettò. Poi s’infilò le prime cose che gli capitarono a tiro e mi fissò. «Vieni, andiamocene.» disse scortandomi fuori.
Samu era un grandissimo figlio di puttana con le ragazze, ma quelle gli volevano bene, anch’io gliene volevo.
Camminammo in lungo e in largo per Parigi, raccontandoci le nostre vite, ridendo tanto, come due comuni amici venticinquenni che si ritrovano dopo un certo lasso di tempo. Poi iniziammo a smarcarci dalla folla, passando per punti sconosciuti, caffè bohémien e locali strani. Per cena eravamo dietro Saint Germain, a bussare allegri a un portone ovale. Dopo un po’, finalmente, ci aprì una mulatta alta e brutta quanto due rampe di scale.
«Samuel!» fece lei.
«Merda.» feci io.
Baci, abbracci, presentazioni. Altre due rampe di scale; ripetizioni.
Le amiche di Samu erano tre: una bassina di giuste misure, la mulatta di cui non serve parlare, e una di Arles, sciocca e scotta come la pasta che c’era da mangiare.
Dieci minuti dopo, Samu era di la a farsi la piccoletta, lasciandomi lì, a girarmi i pollici sul divano, senza sapere più che fare. Aspettai un po’. Un altro po’. Niente.
La conversazione era così debole che la mulatta si mise a lavare i piatti e poi sparì a sentire la musica; si chiuse in camera. Rimanemmo io e quella in carne; mi si accostò sul divano, parlando nel suo francese, facendomi gli occhi dolci, mi venne più vicino. Che a guardarla bene, di viso era proprio carina. Certo, aveva il morso parecchio pronunciato, denti grossi e all’infuori e rideva continuamente, mostrandomeli sempre, fino alle gengive, ma, vi dirò, che fossi sbronzo, ma pure quei denti dopo un po’ di colloquio a due mi piacevano, mi parevano particolari. Sì, da vicino non era niente male, aveva fatto bene ad avvicinarsi, da lì, non notavo più il suo culone! Davvero enorme! Uno dei culi più grandi e cascanti che avessi mai visto. Ma, come ho detto, pure col muso da cavalla, faceva la sua porca figura da vicino. E scommetto che a molti di voi pure il suo culone sarebbe piaciuto! Fianchi stretti, petto inesistente, due prosciutti per cosce e un culone che era quasi impossibile da abbracciare. Che culone! Non ricordo di cosa mi parlava. Continuavo a perlustrarle la faccia, a scovarne dei graziosi difettucci, eccitandomi per un neo scuro alla base del collo, o per un brillio nell’iride più chiaro. «Ti va di farlo?» mi chiese a un certo punto. Fece tutto lei. Si avvicinò come per baciarmi, aspettando forse che mi muovessi, e io mi sarei anche mosso, ma quel culone rimbombante che si muoveva mi lasciò senza parole. E di colpo un movimento nei pantaloni mi fece capire che pure quel culone mi eccitava, nonostante fosse così grosso, grosso come un pentolone, ma che dico, due pentoloni di minestra di quelli della mensa scolastica. Quel culo era tutto: ragù e minestrone! «Ti va di farlo?» mi chiese lei, fatto il suo cinquanta per cento.
Come poteva un viso magro e anche bello appartenere a quel culone?
Senz’altro pensare corsi con la bocca il mio cinquanta e la baciai. Fu un bacio gustoso; al sapore di vino rosso e di tacchino. Ahah. Cristo! Ma è una storia porca o una storia di cucina? Eppure il mio palato fremeva. Le mie voglie salivano, come un appetito insaziabile, dilagavano, mi prendevano, mentre le nostre lingue attorcigliate si ubriacavano. «Baci proprio bene.» disse lei, discostandosi. Ahhh.
Con l’ego libidinoso ringraziai. «Adesso, ti faccio vedere io, in cosa sono brava.» e detto questo, si mise a scendere al pavimento, rivolta verso di me, colando come un brodo, mentre inarcando la schiena, mi mostrava il suo culone, twercando un poco; due panettoni che si muovono. Inginocchiandosi si appoggiò su quelle chiappone. Mi sbottonò la patta; abbassò i boxer; lo prese in mano. Lo studiò con la dovuta attenzione, segandolo piano, mentre con l’altra mano massaggiava le palle, delicatamente, come stesse impastando due bei bignè alla crema. Poi si fermò. Dall’alto si sfilò quella maglia-felpone, rimanendo in reggipetto rosa, a ghirigori. Ma come faceva una ragazza quasi magra ad avere quel culone? Non lo vedevo più; ma sapevo che c’era, e che era bello…bello grosso! Feci per chinarmi verso di lei, ma con una mano mi ributtò all’indietro, facendo di no con la testa, ridendo con il suo sorriso da cavalla pazza, tirandosi fuori le tette, stringendole tra le braccia, facendole ondeggiare; tettine da scuola superiore. Senza se e senza ma si avventò sul mio uccello. Lo prese subito in bocca e subito partì a succhiare. Le tempistiche mi lasciarono senza parole. Accasciandomi con la schiena all’ottomana, poggiai le mani sulla sua chioma; lei la scosse, grugnì, nitrì, e la scosse ancora. Poi mi guardò, col mio uccello in bocca, smise e se lo tirò fuori. Mi tolse la mani: «Lasciami fare.» bisbigliò, tornando a pompare. La assecondai.
Iniziò a spingerselo tutto fino in gola; questa era la sua tecnica: dava lunghi affondi decisi, poi rallentava, tornava a far su e giù prendendolo solo in punta e poi di nuovo se lo spingeva in fondo e quasi soffocava! La mia erezione tra le sue labbra era enorme; colava! A tratti lo tirava fuori, se lo batteva piano sul mento, sguainando la lingua leccava l’asta, e ricominciava. Nella seconda parte mi guardava; occhi francesi color del miele. E non dimenticava le palle! Per quel quid in soprappiù le palpava e le strizzava. Io, che guardavo lei, che guardava me, movendo su e giù la testa, con le mie palle strette in mano, fummo visti da Samu, che tutto nudo e accaldato trotterellava in cucina. Ripassò con una boccia di vino.
Tornò indietro da noi: «Un po’ di vino?» chiese. La sua amica liberò le mie palle e smise di succhiarmelo, voltandosi verso di lui, restando in ginocchio, me lo prese però con la mano. «Sì, grazie.» disse, come fosse la cosa più naturale del mondo.
Samu voltò dall’alto la bottiglia e una cascata bordeaux le piovve dentro, schizzandola un po’ sulle labbra, un po’ sul petto, sul pavimento e in ogni dove.
Tutta bagnata scoppiò a ridere. Ridemmo tutti. Poi si voltò, sorridendomi con i suoi denti tutti gengive, e chinandosi, riprese a prendermelo in bocca, affogandolo nei profumi del vino, succhiandolo forte.
«Vino?» mi fece Samu. Protesi la mano. M’agganciai. Bevvi. Samu trotterellò di là, ovunque quel là fosse. La tipa di Arles continuava a succhiarlo per bene. Ormai c’ero quasi; tutto svaccato all’indietro la guardavo. Da quella posizione, sarebbe potuta essere una subrette della televisione. Tendendole le mani, le sistemai le ciocche dei capelli dietro alle orecchie. Lei succhiava con gusto. Gloo! Gloo! GLoo!
E a occhi aperti mi guardava. Inziai ad accompagnare le sue succhiate con le mie mani. Sempre più forte. Sempre più in giù. Ancora. Ancora. Ancora. All’improvviso venni e lì la strinsi, con le mani sulla testa e venendole col busto incontro. Mi svuotai per bene nella sua bocca. Lei, impassibile, mi batté con la mano sulla mia. Insistette. Prese a battere forte. La liberai. Ahnnf! «Putain!» disse sputandosi la mia sborra nelle mani. Occhi stravolti. Sputò ancora. «Ah, putain!» mi sorrise. M’insultò in francese. E alzandosi rocambolescamente, corse verso il bagno, con le mani a vaschetta, movendo nei calzoni il suo culone.
Mi venne da ridere. Un minuto e Samuele arrivò di corsa, tutto vestito: «Dobbiamo andare!» mi urlò.
«Ma come?»
«È tardissimo, Bett sta impazzendo, m’ha chiamato venticinque volte, stavolta mi pianta, me lo sento!»
Mi venne ancora da ridere: «Merda» dissi. Samuele era proprio un cazzone. Come si può pensare di tradire la propria compagna? Una come Bett, che ebbi modo di conoscere, poi, credo sia per chiunque sano di mente impensabile.
«Hai fatto no?» chiese lui.
«Sì, ma…»
«Allora dai, muoviti!»
Non ebbi modo di salutare la tipa di Arles; non la rividi. Prima di uscire le urlai qualcosa sul fatto che fossi in debito d’una leccata di fica, ma il mio francese non era molto buono allora, così non ho idea di cos’abbia capito. «Ah, putain!»

@OireRaymond
Visualizzazioni: 1 621 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Etero Prime Esperienze