Arriva il momento per tutti di cercare la propria indipendenza ,soldi e casa.
Per me era un esigenza dovuta alla distanza tra casa e lavoro, erano troppi i km e allora cercai una casa vicina.
Promisi a mio nonno che ogni 15 giorni lo sarei andato a trovare e che ero comunque a loro disposizione per qualsiasi cosa gli servisse.
Lui non era molto contento ,ma era veramente troppo difficoltoso per me svegliarmi così presto.
I primi giorni furono un po' pesanti tra cose da portare ,cose da fare e il mio nonnino che trovava ogni scusa per mettermi la sua lingua tra le gambe,come per fare la scorta di sesso.
Finalmente mi trasferisco era una casa luminosa e grande ,con un bel balcone e al penultimo piano.
La prima cosa che facevo appena entravo in casa era spogliarmi ,non sopportavo i vestiti,massimo una magliettina ,ma niente di più.
Un pomeriggio decisi di mettermi sul balcone a prendere il sole nuda, certo non è come stare in un prato ,ma ce lo facciamo andare bene.
Crema a portata di mano e sdraio... così lo feci per molti giorni.
Un giorno arrivai a casa e trovai il mio vicino ,il signore del piano superiore, che vedendomi in difficoltà con la spesa mi disse .....ti do io una mano sto salendo anche io....pensai che carino e gentile.
Nei giorni lo incontrai più volte e appena poteva mi parlava e mi dava una mano.
Un giorno faceva molto caldo e nell' accompagnarmi con la spesa gli dissi se voleva qualcosa di fresco.
Accetto ed entro in casa ....io indossavo un vestito lungo e non avevo altro , sì capiva dal movimento del mio seno.
Ci siamo messi in cucina e iniziammo a chiaccherare ,poi lui si alzò e andò verso la porta ringraziandomi .
Lo seguì per aprire la porta dandogli le spalle,lui si avvicinò e mi disse all orecchio....ti vedo tutti i giorni nuda sul balcone e mi fai impazzire,ti ho fatto anche delle foto....mi senti un calore dentro.
Mi appoggio alla porta e inizio a toccarmi e baciarmi....sentivo ogni suo respiro sul mio corpo e mi eccitava....
Spostai le spalline del vestito e restai nuda davanti ai suoi occhi e gli dissi....fammi quello che hai desiderato dal tuo balcone...
Si eccito così tanto che spinse in suo corpo contro il mio violentemente.
Mi giro e inizio a baciarmi ovunque cercando di spogliarsi , restammo nudi vicino la porta ,la sua testa tra le mie gambe e i miei gemiti si sentivano ovunque,stavo impazzendo dal piacere.
Mi rigiro e mi mise a 90 e con violenza come se non vedesse l ora entro dentro di me ...disse... finalmente non vedevo che arrivasse questo momento....
Mi sbatteva sempre più forte ...dalla porta di poteva sentire tutto,sia i nostri rumori che quelli esterni, sentivamo l ascensore salire ,sentimmo la voce della moglie e dei figli entrare in casa loro e lui si eccito talmente tanto che spinse più forte e mi riempi di sborra.....
Ero già venuta più volte e il suo piacere mi aveva fatto godere ancora una volta.
Pensai adesso di riveste e se ne va...invece mi prese per mano e notai che era ancora eccitato e mi disse...ne voglio ancora....mi misi nel letto apri le gambe e gli dissi....fammi tutto quello che stavi pensando dal tuo balcone....
Lui si eccito ancora di più e mi salto addosso ,le sue mani erano ovunque e il suo corpo si strusciava ,ero eccitatissima e lui mi prese mi giro a 90 e senza dirmi nulla mi sodomizzo, provai un forte dolore ma un infinito piacere .
Continuo a possedermi in modo forte fino a quando non senti riempirmi nuovamente,mi senti inondare e il suo corpo cadermi sopra ....
Era stata una grande scopata e come benvenuto nella nuova casa era stato fantastico....
Visualizzazioni: 2 670 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Confessioni Voyeurismo