Roberta guardava fuori dalla finestra. La vita era davvero una gran rottura di coglioni. Da quando era cominciata questa tragica quarantena tutto il suo piccolo mondo di abbracci e certezze era caduto improvvisamente in depressione. Aveva tutto poco senso, persino mantenersi in forma e attraente. Passava tutto il giorno in cameretta a guardare il cellulare o a prendere i vestiti dagli armadi per scegliere quali non avrebbe potuto usare anche in quella giornata. La vita in quarantena non permetteva distrazioni sociali, vestiti scolati, aperitivi. La vita trascorreva noiosamente in pigiama, intervallata dalla doccia quotidiana, dai pranzi e cene in famiglia e due volte alla settimana lo streaming delle adunanze, unica occasione in cui era obbligata a vestirsi da Sala del Regno anche se insieme alla famiglia seguiva l'adunanza da casa, sul computer, come da disposizioni dell'organizzazione.
Ogni tanto le tornavano alla mente i weekend spensierati con le amiche, i baci rubati a un ragazzo di un pub in un lercioso bagno del locale. Proprio in una di quelle ultime occasioni di socialità aveva capito come non fosse più interessata alla religione di famiglia. Roberta odiava quelle meccaniche ipocrite dei testimoni di geova che faceva da più di vent'anni. Si era resa conto che faceva la Tdg solo per compiacere i genitori e non perché ci credesse. Quella scopata in bagno, con un perfetto estraneo le aveva cambiato la vita, l'umore, gli odori. Lei aveva cercato di dirgli che era una Tdg, che era vergine, che non sapeva cosa fosse il sesso, ma era stata travolta dall'impeto e dalla passione. Lui le aveva allargato le gambe e tirato fuori il pisello lo aveva spinto con dolcezza e rabbia nella sua fighetta pelosa. Nel mentre le baciava il collo, i capelli, i lobi delle orecchie. Le mani di lui andavano dappertutto, sotto i vestiti, andando a scoprire quei corridoi di pelle ancora vergini da mano maschili. Roberta non aveva opposto resistenza anzi, aveva voluto quella scopata con tutto il cuore, con tutte le molecole del proprio corpo. Appena era entrata nel locale aveva fatto di tutto per farsi notare da quel bellimbusto, fino a darsi appuntamento nel bagno. Lui le aveva fatto i complimenti per quei soffici capelli biondi e profumati che le disegnavano un'aura quasi angelica attorno al viso. Lei ammirava il fisico scolpito e marmoreo di lui che fuoriusciva da un vestiario che non poteva contenere l'esplosione fisica di lui. Abbassò lo sguardo ad altezza pube e notò quel bel rigonfiamento fallico che avrebbe voluto provare... Troppa l'emozione, troppa la voglia. Roberta si lasciò andare, non aveva più voglia, a trent'anni, di portarsi addosso il peso di una squallida verginità imposta da altri. E fece l'amore, per la prima volta, in quel bagno, in quel lurido bagno di un locale. Lui le stringeva i capezzoli, le mordicchiava il collo, lei toccava il corpo di lui con ammirazione e rispetto. Quando l'enorme uccello la penetró sentí come rinascere la vita dentro se. Più lui spingeva il pene in profondità più il suo cuore batteva all'impazzata, un mix di orgasmo e infarto in corso. Lui aveva un cazzo così grosso che non pensava potesse stare tutto dentro il suo corpicino magro. Roberta era al settimo cielo, godeva come non avrebbe mai creduto in vita sua. Lui la prese poi dalle spalle e la obbligò ad inginocchiarsi. Roberta rimase sorpresa, non si era mai trovata a tu per tu con un cazzo a livello faccia. Aveva sentito parlare drl sesso orale, ma ovviamente non sapeva come fosse. Lui fu poco gentile in quel frangente ma lei non si era ritratta. Le avvicinò il cazzo alla bocca e senza chiedere se lei volesse infilò il membro duro e pulsante nella bocca di Roberta, spingendolo fino in gola alla ragazza, che nonostante un momento di imbarazzo e inesperienza capí subito come avrebbe dovuto comportarsi. Lui spingeva il cazzo, la bocca si era riempita di saliva, lei cercava di aiutarsi con le mani ma quei minuti di apnea l'avevano fatta arrossire e tra conati di vomito repressi e piccoli attacchi di tosse riuscí a portare a termine l'opera. Lui venne e la bocca di Roberta si riempì di sperma, di caldissimo sperma colante. Quel liquido meraviglioso le aveva insozzato pure i capelli e il collo, rendendola sporca e soddisfatta di quella prima esperienza sessuale. Lui la aiutò a pulirsi e le fece i complimenti per quel godurioso pompino.
Passò una settimana e il governo decretò la quarantena, distruggendo i sogni erotici di Roberta sul nascere. Pensava e ripensavo a quella scopata, in quel bagno, a quella sborrata in bocca che le aveva cambiato la vita. Pensava a quel sapore acido tra le labbra, a quei rimasugli appiccicosi sui capelli biondi. Pensava a tutto questo mentre in bagno, con la quarantena, si masturbava di nascosto dai genitori che erano in salotto ad aspettare la settimanale visione in streaming dell'adunanza.
Visualizzazioni: 5 153 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Prime Esperienze