Raymond Oire
“Mamma Laura e mamma Carla”

Laura m’ha svegliato nella camera dove avevamo finito di andare a passare la notte. Attorcigliato nel coltrone purpureo sul pavimento, l’ho guardata completamente vestita. Pentita? Avevo ancora voglia di succhiarle le tette, quelle sue mammelle mature, un po’ cadenti, non flosce, gustose. Laura voleva che mi togliessi di torno alla svelta, aveva in programma degli impegni, io non ero in quella lista, e non voleva lasciarmi a casa da solo. L’ho baciata. Una mano audace le ha svelato un capezzolo. Mi ci sono attaccato, poppando forte, mordicchiandolo, giocandoci un po’. Laura ha fatto finta di respingermi; è capitolata subito. Le piaceva farsi succhiare quelle tettone naturali, la maialona! Ho finito per spingercelo in bocca e farmi cavalcare per una decina di minuti buona. Mi piaceva proprio mentre mi montava tenendosi sollevato il petto con il braccio, ansimando, gemendo. M’è tornata pure la voglia di attaccarmi a quei capezzoloni, non ho resistito, ciucciandoli a turno. Qualche colpo più forte. Sono venuto. Me ne sono andato. Avevo conosciuto Laura ad una festa a Montemarcello, ma non sapevo fosse tanto ricca, né tanto indaffarata. Mi aveva confidato di essere sposata, d’avere un figlio della mia età, ma non aveva accennato a quanto le piacesse farsi sborrare dentro. Del resto quando si è dei giovani scrittori, si viene a contatto con tante donne di classe, e tante donne in generale. Laura l’avevo conquistata con i miei capelli lunghi e il mio bel viso, parlandole di surf e di avventure in terre straniere. Una settimana dopo, ero già il suo amante da otto giorni. La giornata di cui voglio parlare, però, è certamente la più singolare. Laura mi era venuta a prendere in stazione, mi aveva portato a casa sua, a Spezia, dove mi aveva preparato un delizioso pranzetto. Tutto scorreva alla perfezione. All’improvviso però, le squillò il telefono, un imprevisto in ufficio; doveva scappare. Senza sentire ragioni, mi spintonò fuori, scusandosi e arrabbiandosi, dicendomi che si sarebbe fatta perdonare, ma tanto era urgente, che neppure mi poteva riaccompagnare. Così eccitato e afflitto, la precedevo sul vialetto, quando incrociammo due bambine di sei/sette anni e con loro la madre. Fu un attimo. Gli sguardi delle donne passarono da me a incrociarsi, a me e a incrociarsi ancora.
«Lui è Raimondo, lo scrittore.» disse svelta Laura a quella donna che con esagerata curiosità mi guardava.
La donna sorrise e mi tese la mano: «Piacere Carla, sono la sorella.» disse ritraendo la mano e accostandomisi per salutarmi con un paio di baci sulle guance.
«Raimondo.» dissi io.
Non potevano esserci due sorelle altrettanto diverse. Laura era bionda, Carla castano scura. Laura aveva un petto prosperoso e generose forme in abito elegante, Carla era atletica e snella e vestiva sportiva.
«Ti dispiace riaccompagnarlo in stazione?» Mi sbalordì Laura verso la sorella.
«Che succede?» chiese quella.
«Un’emergenza!»
E prima che si potesse rispondere, Laura infilò a passo veloce il vialetto, lasciandoci lì, in quella strana situazione.
Gli occhioni di Carla mi squadravano da sotto quella mousse di capelli.
Poi ci sorridemmo.
«Hai già mangiato? Vuoi entrare?» pure Carla mi sorprese.
Chissà che sospettava…o forse sapeva! Sicuramente doveva sfamare la bambine…Così entrai. Parlammo molto, sia mentre cucinava, sia dopo, nella veranda del terrazzo al secondo piano, dove Carla abitava.
Mi chiese un sacco di cose, e un sacco gliene chiesi io. Poi parlammo di altre cagate e ridemmo, lasciandoci andare. Finché ad un certo punto, Carla controllò l’orologio, e come allarmandosi di ciò che aveva visto, si alzò per scortarmi all’uscita e con un po’ di fortuna alla stazione. Vedevo già l’ingresso, quando di colpo deviò a sinistra, «Di qua,» mi disse, e con l’ennesima sorpresa, passando da un corridoio, raggiungemmo una camera isolata, tinta di verde, in un arredamento coloniale.
Da lontano ci arrivava il suono delle bambine alla televisione. Carla appoggiata alla porta, mi fece cenno con la testa, un po’ spazientita di entrare. Feci un passo. Dentro. La porta si richiuse. Carla mi sorrise, si guardò intorno curiosa, buttò se stessa su una poltrona e il maglione su un’altra. Poi si sfilò le scarpe e sorprendentemente pure i pantaloni.
«Bhe,» disse guardandomi, «che vogliamo fare?»
Prima che potessi rispondere riprese: «So chi sei Raimondo! Mia sorella mi ha detto che scopi proprio bene, è così?» e dicendolo si tirò su e venne verso di me, «è cucciolo?» mi chiese guardandomi negli occhi, accarezzandomi con una mano i lunghi capelli ondulati, passandomi l’altra sull’ampio petto.
«Mio marito ritorna stasera; Laura mi ha mandato un messaggio per sapere se ti ho riaccompagnato e per sapere che ne penso di te…bhe…non so ancora cosa pensare...ti sei mai scopato due sorelle?» Carla non mi lasciava rispondere, tanto era eccitata, non poteva smettere di parlare. «Scommetto di no eh?» mi stampò un bacio sulla bocca. Le sue labbra sapevano di ciliegia affumicata e cingomma alla menta. Si discostò. Tirò su la maglietta, dandomi il culo; le mutandine appena lo coprivano. Appoggiandosi a una parete e inarcando la schiena, lo fece muovere. Carla aveva un culo davvero sodo e ben fatto. Incredibilmente sodo per la sua età. «Centinaia di squot quotidiani!» disse ridendo, «e il kick boxing!» e ancheggiò. Le sue lunghe gambe parevano due pertiche levigate, flessuose e dinoccolate. «Mamma!» una voce ci richiamò alla realtà. Carla sussultò, e prendendo il maglione, coprendosi alla bell’e meglio, sgattaiolò di là, facendomi segno di non muovermi. Dovevo spogliarmi? Ritornò, una furia per baciarmi, «spogliati dai!» mi disse e risparì nell’altra stanza. E fui nudo, intento a massaggiarmi l’uccello, col dubbio atroce, e la notevole figura di merda…se al suo posto fosse entrata una bambina? Tornò Carla. Afferrandomi per le guance mi baciò, buttò via il maglione, si tolse la maglietta. «Mammaaa, non funziona!» la voce delle bambine più vicina. Carla corse via appena in tempo, intercettandole poco oltre la porta. Tornò di là, ritornò. Carla andava e veniva dal corridoio, mezzo svestita e il suo corpo nonostante i quarantacinque mi pareva assai desiderabile. Il corpo d’una donna ricca invecchia meglio e più lentamente, questo si sa. Ma Carla pareva avere la fisicità d’una ventenne, e questo, bisogna dargliene atto, era solo merito suo. Finalmente ritornò e chiuse dietro di sé la porta a chiave. «La mamma ha bisogno di andare un po’ a letto!» urlò prima da uno spiffero alle figlie, «Lasciatela riposare, fate le brave, sapete che ha bisogno del suo riposino di bellezza!» Il suo riposino di bellezza ero io! Come la chiave scattò, la agguantai da dietro. Carla emise un suono, ma si controllò. Le feci voltare i capelli sul davanti, scovando un prezioso neo sul collo, baciai quel neo; la morsi all’attaccatura delle spalle. Il bel profilo sorridente di Carla mi eccitava. Cominciai a baciarla sui capelli; e sulla tempia, palpandola dappertutto. Lei si voltò verso di me, si lasciò baciare sulle guance, sulla bocca; da ultimo mi buttò le braccia al collo e mi saltò addosso, incrociandomi le gambe sopra al culo. La sorressi. Prendemmo a baciarci ancora, più selvaggiamente, mentre la trasportavo al letto; ci precipitammo sul materasso. Lei supina e io sopra. Cosce nude, ginocchia, carne cruda. Corpi eccitati. Le tirai via le mutande e glielo ficcai dentro. Tanto era bagnata che sgusciò giù fino in fondo. Floop! Carla vibrò tutta, ancorandosi con le mani alle mie braccia. Stantuffai ancora. Carla gemette, assecondando con tutto il corpo le mie spinte. Floop! Floop! Floop! Glielo ficcavo e rificcavo. Carla ansimava e gemeva sempre più forte, sembrava che da un momento all’altro si mettesse a urlare. Allora le presi la bocca, soffocai le sue grida con un bacio. Nel mentre le slacciai il reggiseno e lo lanciai chissà dove. I seni erano piccoli ma sodi, con lunghi capezzoli scuri. Le agguantai una tetta.
Presi a baciarla e ciucciarla e poi gliela strizzai fra le dita finché le venne di nuovo da urlare. Le tappai ancora la bocca con la mia, agguantandola con la mano destra alla mascella, mentre con la sinistra le tenevo un po’ dove veniva, e continuavo a fotterla sempre più veloce. Poi di colpo rallentai. Non avevo fretta di venire. Presi a darci piano, con affondi cadenzati. Le sue mani scivolarono sul mio sedere, lo palpavano, lo strizzavano. Questo mi fece riprendere velocità. Ci baciammo. Scesi a baciarla all’incavatura della clavicola. Carla appoggiò la testa contro la mia spalla, tenendosi a me con le braccia dietro al collo, gemendo, col respiro affannoso, lasciandosi trapanare con rinnovata violenza.
Era in estasi. Poi di colpo non riuscì più a stare ferma e prese a contorcersi sotto di me. La sua pelle rovente era in fiamme, si aggrappava al lenzuolo e pareva avere le convulsioni. I suoi capezzoli si erano induriti ancora di più. Non sapeva dove mettere la testa, rovesciando da una parte all’altra i capelli, la bocca aperta, le gambe rigide. Di punto in bianco mi fermai. «A pecora.» dissi con voce profonda, tirandolo fuori. Carla subito si mise in posizione, inarcando bene la schiena, buttandomi fuori il suo bel culo. Premetti bene una chiappa e posizionando la punta del pene all’ingresso della vagina, mi avventai dentro. Carla mi accompagnò. Scivolai due/tre colpi piano, poi accelerai, gemendo sui suoi gemiti, riprendendo a spingere, guadagnando velocità. Carla ci sapeva fare, reggeva il passo, rispondeva alle mie spinte. Con una mano le strinsi i capelli sulla nuca, non poteva più muovere la testa e così stantuffavo. Poi mi agganciai alle sue spalle e poi ai fianchi. Lì, voltò il viso e prese a guardarmi. Il suo sguardo alla pecorina mi infondeva un vigore senza pari. I miei capelli lunghi svolazzavano dappertutto mentre affondavo. Carla gemeva. «Mamma?» udimmo all’improvviso in lontananza. Carla d’istinto mi spinse via e sgusciò alla porta.
«Mammaa?» ripeté la voce di bambina. Carla schiuse la porta e fece capolino con la testa sudata in corridoio. «Va tutto bene mamma?» chiesa la piccolina. Il bel culo di Carla mi chiamava. «Amore di mamma, certo,» le disse Carla tutta bagnata, «mamma sta facendo un po’ di esercizi, su tesoro, vai a vedere la tv, tra poco mamma arriva.» la piccolina dovette annuire. Carla girò la chiave e corse da me nel letto. Io me lo stavo menando e avevo una voglia matta di sborrare. Carla si sdraiò con la schiena al materasso, spalancò le gambe e mi accolse alla missionaria.
«Mamma!» le dissi entrando dentro.
Carla sorrise a un palmo dalla mia bocca.
«Sei la mia mamma?» le dissi con gli occhi che quasi si baciavano.
Carla annuì coi suoi occhi sbarrati, stringendomi forte gli avambracci.
Io indietreggiai lentamente, gemendo, poi sprofondandole nuovamente dentro.
«Mamma?» dissi entrando, «Sei la mia mamma?»
«Sì» gemette lei, e io tornai alla carica, e ancora, e ancora.
«Ne vuoi ancora mamma?» sussurrai.
«Sì.» era una supplica.
«Ti piace eh, mamma?»
«Sì.» ansimò accogliendolo dentro di lei, Dio quanto lo voleva!
Cominciai a muovermi senza fermarmi, appoggiandomi sui gomiti, tenendola imprigionata, accelerando, affondando sempre di più.
«Fammi godere mamma, fammi godere!»
Iniziò a irrigidirsi, mentre continuavo a spingere, e inarcava il corpo, coperta da un velo di sudore.
«Dimmi che sono il tuo tesoro, dimmi che sono il tuo bambino!»
«Sei il mio bambino…sei il mio…ahhh…»
Continuai a spingere sempre più forte e infine mi fermai, svuotandomi dentro di lei. Gli occhi chiusi. Ci baciammo. Poi i nostri occhi si riaprirono come di scatto, simultaneamente e si guardarono a fondo. I suoi erano torbidi ma dolci. Ero ancora dentro di lei, poi scivolai fuori. Carla mi abbracciò e rimase per qualche lunghissimo minuto con la testa contro il mio petto.
Visualizzazioni: 6 123 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Etero Incesti Tradimenti