Qualche anno fa il tabacchino sotto casa mia fu venduto dal suo storico titolare per essere acquistato da due ragazzi, fratello e sorella, cinesi.
Cinesi sono solo esteticamente perché in realtà entrambi sono nati in Italia da genitori cinesi quindi direi due cinesi italiani.
Chiara e Fabrizio fin da subito si sono mostrati diligenti e dediti al lavoro, gentili ed educati hanno saputo mantenere e allargare la cerchia di clienti.
La tabaccheria è anche bar così spesso mi fermo a bere qualche cosa per conoscere meglio Chiara.
Bellissima, unica e delicata, Chiara non è ne tanto alta ne snella, anzi è sul metro e sessantacinque e ha le cosce un pò tozze, ma un viso meraviglioso, tette enormi, occhioni neri come il petrolio e capelli lunghi neri e lisci, 25 anni.
Fin da subito ho provato il desiderio di sborrarle addosso, sul viso, sulle teste e dentro di lei e ad aumentare la mia eccitazione e desiderio di riempirla di sborra calda e saporita è stato anche il suo abbigliamento.
Spesso in tuta mostra questo culone eccezionale senza vergogna e anzi, si guarda intorno con superiorità e distacco, altre volte invece con pantaloni in pelle nera, ma il look che preferisco più di tutti è quello estivo.
Pantaloncini corti e aderenti che mostrano persino il taglio della figa, spettacolare !!! Una vera vacca da montare e a cui chiedere latte fresco per la colazione. Spesso seduta sullo sgabello gioca le schedine del lotto dei clienti con le cosce accavallate.
Chiara ha la carnagione chiara e credo che una sborrata in faccia si veda poco, quindi tutto il seme bisogna darglielo in bocca alla cagna.

È molto superficiale e stupida, parlare con lei serve a poco.

Ho sognato di riempirla di sborra calda nella figa fin dal primo istante che i miei occhi si posarono su di lei e finalmente il momento è arrivato.

Un tardo pomeriggio di qualche giorno fa mi trovavo lì da lei per delle sigarette e vedendo il locale deserto mi sono lanciato e l’ho invitata a cena da me per quella stessa sera. Chiara indossava i pantaloni della sua solita tuta nera e una t-shirt, non curante dei capezzoli turgidi che si mostravano bene oltre la maglietta.
Mentre parlavo non ho resistito alla tentazione e non solo il mio sguardo era sulle sue tette ma con le mani mi stringevo il cazzo da sopra i jeans.
Me la sarei sbattuta lì, sul bancone delle sigarette, allargandole le cosce e trapanandola di brutto col mio cazzone grosso, duro e pieno di sborra, ma non l’ho fatto. La puttana cinese faceva la pudica ingenua e finta di non capire che godevo e l’avrei scopata ma ha accettato l’invito. Perfetto.
Restiamo d’accordo che chiude e sale da me.

Con l’oretta a mia disposizione prima dell’incontro con la tabaccaia puttana cinese ho riflettuto su quello che avrei potuto fare al suo splendido corpicino da troia in calore.
Il mio primo pensiero è andato alla pulizia, Chiara sarebbe venuta da me dopo una giornata di lavoro quindi dopo aver fatto pipì almeno tre o quattro volte inoltre potrebbe aver cagato. Meglio, l’idea di sfondarla sporca mi eccitava ancora di più. Le avrei leccato la figa e il culo mettendole sopra un pò di miele per coprire odori e sapori e poi via ad una mangiata spaziale di figa e culo cinese freschi.

La cagna cinese Chiara mi ha suonato il campanello verso le 21.00.

“Ciao Manuel, sono Chiara a che piano?!”

“Ciao cucciola, all’ultimo”

“Chiara buona sera, sei bellissima”

“Si sono in tuta figurati… wow ma che bello quante candele e che buon odorino che c’è; ma sei un cuoco !!! Grazie, mi serviva proprio una serata come questa, mio fratello non capisce un cazzo e mi fa arrabbiare tutto il giorno”

“Rilassati adesso, siediti su questa poltrona. Voglio massaggiarti un pochino la schiena te lo meriti. Inoltre è da tanto tempo che voglio sentire queste tettone quanto sono sode. Mmmmm ma che grosse che sono e che capezzoli che hai… si si, sei proprio messa bene Chiara”

“Ma Manuel cosa fai, mi tocchi le tette così ?!?! Come ti permetti ?!”

“Stai zitta Chiara. Ho letto che nella cultura cinese la donna deve sottostare alla voltata del suo uomo, è vero?”

“Bè… si in effetti è così ma io sono italiana e tu non sei il mio uomo”

“Da questa sera si. Voglio farti sentire donna, voi cinesi siete abituate a cazzi piccoli e miseri io adesso voglio darti il mio e farti godere. Per te ma sopratutto per me. Sentirai la mia sborra calda sul tuo corpo e dovrai obbedire a tutti i miei ordini. Sei la mia cagna da compagnia quindi obbedisci e taci”

A queste parole la tabaccaia puttana cinese non ha osato controbattere e con un sorriso smagliante ha iniziato a tastarmi il cazzo.
Mi sono messo davanti a lei ordinandole di sbottonarmi i pantaloni e tirarmi fuori il cazzo già duro. Cagna obbediente e preparata, si è messa in ginocchio e me lo ha guardato ammirandolo con stupore. È stato il primo cazzo grosso e capace che si è presa la troia cinese.
Partendo dalle palle ha iniziato a leccarmi bene scroto e buco del culo, sul culo le ho detto di penetrami un pò con la lingua, obbediente ha eseguito. Poi il cazzo.
Dalla base dell’asta con la lingua fuori leccava verso la cappella guardandomi con quegli occhietti a mandorla da sborra.
Me lo ha pompato per una mezzora abbondante la cagna cinese, questi capelli lunghi neri e lisci che si muovevano mi eccitavano molto e con la mano la spingevo verso di me per soffocarla di cazzo. Cagna in calore.
Saliva e gocce di sborra fresca agli angoli della sua bocca, una visione paradisiaca.
Quando me lo sono sentito bello duro l’ho girata, le ho calato i pantaloni, mi sono seduto sul divano e ho cominciato a sculacciarla come merita. L’ho sculacciata tanto e forte. Le natiche si sono arrossate subito e lei gemeva e nitriva come una cavalla in calore che si accinge ad essere montata da uno stallone.

Dopo una sonora sculacciata è arrivato il momento del cazzo vero, quello che lei cinesina puttana non ha mai conosciuto, lo stallone italiano.
L’ho messa a novanta appoggiandola sulla spalliera del divano senza ascoltare cosa stesse dicendo, le ho leccato quel meraviglioso buco di culo un pò puzzolente (il miele l’ho dimenticato) e dopo una bella lubrificato glielo ficcato tutto dentro, subito nel culo. Lei se lo aspettava nella figa e per questo ha urlato tanto. Le ho fatto male, me no sono accorto subito. Ho deciso quindi di fermarmi e lasciarglielo dentro fremo, per un po, per abituare il suo sfintere a restare così dilatato ad essere pronto a ricevere un bastone grosso che vuole sborrare.
Ha pianto e mi ha anche pregato di fermarmi chiedendomi per favore.
Sicuro di quello che avevo letto sulla cultura cinese non mi sono fatto influenzare e nel momento in cui ha iniziato a pregarmi di smettere io ho ricominciato.
Sono andato avanti per veti minuti circa senza mai tirarlo fuori.

Le ho allargato il culo per sempre.
Successivamente mi avrebbe confidato che in realtà ogni tanto da il culo a suo fratello Fabrizio quando lo becca a casa mentre si fa le pippe solo che da adesso trovandolo così allargato nessuno dei due avrebbe più goduto.
L’ho pompata bene e alla fine ho sborrato copiosamente dentro di lei, nel culo… il primo colpo. La seconda sborrata nella figa e la terza in faccia. La cagna cinese quando le ho sborrato in bocca mi ha sorriso e poi si è passata con grazia e poesia la sborra sulla mano, la guardata e poi l’ha reingoiata.

Una serata bellissima, mi ha chiesto se posso riservarle questo trattamento tutti i giorni.
Visualizzazioni: 5 511 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Etero Prime Esperienze