Eri nuda nell’animo e ti aggrappavi alla tua miniveste , già dal mattino, da quando ti eri alzata cosciente del tuo prossimo crimine, già da quando l’ avevi indossata cosciente di non voler neppure questa addosso… così come avevi tolto gli slip salendo sulla sua macchina, abbandonando la tua, per un viaggio in silenzio, lungo e interminabile, teso… piena solo di ciò che amavi e che avesti accudito golosa.

Sarebbe stato un viaggio folle il tuo, con il cazzo di lui in bocca e le dita artigliate alla tua figa: un viaggio, in cui nessuno doveva venire… salvo restare costantemente in tiro per un patto chiaro che andava rispettato. Solo tu e lui, per un’ora, su quell’auto, senza far altro che questo… lui guidare e fermarti, tu spompinare lui e massacrare te di voglia.

Nessuno aveva riso o parlato, la missione era speciale e tu un soldato scelto, pluridecorato, in macchina a bocca sempre piena e figa tormentata, in viaggio verso un’altra città, a guardare nervosa l’orologio scorrere quell’ora di viaggio a suggere e leccare, devastata dalle tue stesse dita che ti graffiavano la figa di una voglia devastante.

Tutto era folle… come la successiva mezz’ora di attesa prima di entrare in una casa che ti era stata descritta, chiusa in un’auto ferma davanti ad un portone e tu dentro essa, seduta nel posto passeggero con la mano infilata sotto il tuo minivestitino a continuare il tormento del viaggio, incurante di chi ti passava accanto sul marciapiede…

Ahh se solo loro avessero gettato lo sguardo con un poco più di attenzione.. ha se solo avessero guardato con più attenzione questa bella donna seduta in auto… l’avrebbero vista nuda e bollente sotto un vestito troppo leggero per la stagione, già troppo sgualcito e matido di sudore, già eccitata e frustrata come mai dalle sue stesse dita… Da oltre un’ora… come nei patti.

ah… se quell’elegante signore, quell’atletico ragazzo, quella bella ragazza appena passata… si fossero soffermati un attimo di più: forse avrebbero colto gli impercettibili segni… le scosse elettriche… trasmesse dalla pressione delle dita sulle mucose, dal loro strofinio devastante. Forse avrebbero colto l’estremo bisogno di piacere della donna, forse ne avrebbero percepito la prossimità del limite di questo disperato bisogno di piacere. Forse avrebbero colto il disperato messaggio che mandavi silente ai loro occhi, affinchè, passando, ti fornissero un cazzo o una lingua o un dito o anche solo uno sguardo…. Che ti convincesse a rompere il patto per precipitare in un orgasmo tumultuoso e irreparabile…

Era trascorsa mezz’ora… dovevi andare. il militare che è in te si ricompose, tirò fuori tutto il suo autocontrollo e uscì dall’auto. Passi decisi, tacco alto e tubino inguinale… a coprire una nudità invereconda. il portone è aperto, pochi gradini, prima porta a destra.

Spingi, lui è lì, vestito come in auto, appoggiato al muro, sicuro di sé, fermo ma voglioso, ti fa segno di silenzio, si scosta dal muro e viene a baciarti. Il bacio è silente, languido, dolcissimo, tanto da farti vacillare, fino quasi a farti cadere in ginocchio, come se non fosse ancora bastato il viaggio. Ti sorregge, ti sorride e ti porge un oggetto… pelle e lattice… lo guardi eccitata, mordi il labbro, sai già, era nei patti...

Lo indossi febbrile… eccitata e timorosa…fino ad essere pronta, mentre da una stanza accanto senti una voce femminile…implorante… chiede attenzioni… chiama il Tuo uomo. Lui ti cinge la schiena, ti esorta a muoverti…ti resta dietro.

Imbocchi il corridoio, stanze buie, tranne una in penombra. Entri prima tu, resti senza parole: sul tavolo, una donna è riversa su un tavolo massiccio e antico; legate con corde viola ha le gambe divaricare; legate sono le braccia distese come un crocifisso spiaccicato sul piano del tavolo.

E’ bionda, la conosci anche bendata, la senti… implora di essere slegata, che non le piace più quel gioco, che vuole scopare… è seminuda e il suo culo e sesso, esposti, ora sono a pochi cm da Te e dal grosso cazzo in lattice dello strapon che hai appena indossato. Ora è il tuo Lui che parla… la chiama tesoro, ma va al dunque… e le dice se vuole essere sbattuta e scopata come una vera troia….

Lei dice si, dimena la testa, dice che non vuole altro, non desidera altro, smania, si agita, mentre lui cosparge il tuo sesso in lattice di un liquido oleoso trasparente…guardandoti beffardo e divertito, mentre fa una sega a tuo nuovo cazzo plastico. Mordi il labbro, e lui ti fa un cenno di assenso… dicendo a voce alta: “ora ti scopo, sporca troia”… E sei Tu, ora, che impugni il cazzo e guardi lei… concentrata… mentre allunghi la mano verso sua figa fradicia come la tua…

E come richiamata da una voce interiore, ti fermi e pensi che non vuoi scoparla subito… che avresti invece voglia fotterla dura, di infilarle tutta la mano in quella figa burrosa e di farlo con violenza… fino a sfondarla e farle male… Mordi il labbro con forza, ansimi… guardi lui… è eccitato e compiaciuto… ti fa un segnale, significa puoi… vuole che osi… e mentre la senti gemere, accarezzi quella figa calda e untuosa, la manipoli, la senti tua, ne sei padrona… e la violi…spingi, la penetri… un dito, due, tre… mentre i suoi gemiti sono più violenti e si contorce sotto le tue dita… Ora sei coinvolta, quasi sadica, ti sei pesino inginocchiata per poterla fottere meglio, per poter vedere meglio la tua mano spingersi fino a penetrare quella figa…

Lui Ti accarezza i capelli e Ti ammira…. Mentre lei… bofonchia sconnessa e geme sonoramente… implora di smetterla… Ti implora credendoti Lui…. chiede il cazzo, grida che la stai sfondando… mentre Tu sei eccitata come non mai, rossa in viso, congestionata… Tu sei una furia… e spingi… spingi fino a riuscirci… fino a vedere il tuo polso sparire nella figa di lei che ormai grida dimenandosi disfatta.

Lui sorride fiero e tu senti pronta, ti alzi di scatto, Ti concentri… le punti la punta del cazzo sulla figa e la penetri inesorabilmente con una esasperante decisione, incurante delle preghiere….

Non ti racconto di come l’hai scopata con violenza... di come le hai devastato la figa … e di come Tu, abbia eccitato follemente lui: di come si sia posto dietro di te e ti abbia abbassata la tutina mettendo a nudo i tuoi capezzoli… di come abbia cominciato a giocarci e succhiarli, leccarli e baciarli con venerazione… mentre i gemiti di lei diventavano deliri furiosi e richieste disperate…

Non ti racconto di come in mezzo al delirio, mentre ti baciava riverso, afferrandoti i capelli e strizzandoti i seni con rancora più rabbia, per bisbigliare infine con un filo di voce: “Ora inculala… e devastala senza pietà”” per subito riversare il resto della boccetta d’olio tra le sue e le tue natiche, mettendosi poi piantato dietro di te… mentre tu ti appllicavi per inculare lei, incurante.
Così come in un depravato trenino dell’amore, appena fu certo, dalle grida di lei, che l’avevi sodomizzata, e che il tuo cazzo in lattice fosse saldamente nel suo ano… lui si avvicino col suo cazzo lentamente… per spingerlo dentro te, afferrandoti la testa, baciandoti e mordendoti il collo e le spalle, cavalcandoti poi, prima piano poi sempre più forte fino al parossismo, fino a far delirare anche te, fino farti impazzire senza misura e controllo, fino a farti gridare e crollare… riversa, disfatta su di lei ormai incapace persino di capire…

E non ti racconto di come lui abbia continuato a pomparti ancora a lungo… incessante…. ad entrare e uscire dal tuo corpo… carezzandoti la schiena, stringendoti la nuca, aggrappandosi ai tuoi capelli, graffiandoti la schiena, spingendo e tirando il suo cazzo da Te, con forza e con amore, felice e ancora duro, ubriaco della Tua apoteosi , schiacciandoti come formaggio molle nel sandwich, tra corpi devastatati da sesso e da lussuria.
Visualizzazioni: 1 350 Aggiunto: 3 anni fa Utente: