Ciao a tutti la serie di storie che sto per raccontare è la vita ,ad oggi , trascorsa con la mia compagna
valeria . I miei saranno racconti di episodi veri e mischiati alla fantasia dalla nascita del mio essere cuck, episodi
che mi hanno portato ad essere cuck .
Siamo una coppia di 35 anni e stiamo insieme da 12 anni , e gia 12 anni di relazione ,
iniziati dal 3 anno di università.
Che dire io sono sempre statp il "debole" tra i due , quello piu innamorato ingenuo
e romantico , del genere scrivere poesie dedicarle canzoni e cose del genere , inoltre
sono sempre stato il meno bello tra i due , sempre stato un po in sovrappeso
occhiali .
E poi lei...beh che dire lei è sempre stata stupenda , scura di carnagione dagli occhi
grandi e verdi alta oltre 1 e 75 una bocca carnosa , disegnata, capelli mori quasi
sempre simil caschetto ma mossi voluminosi , naturalmente la sua altezza la porta
ad essere appariscente , longilinea dalle gambe lunghe cosce corpose ma sode e un culo
, che io trovo super , un po largo carnoso , importante , un seno giusto non esplosivo ma comunque ben visibile.
Poi la nostra vita sessuale, beh che dire , non sono mai stato un toro , e con lei
è sempre stato un po un problema resistere a lungo e avere rapporti che durassero piu du 15 minuti,
regalandole saltuari orgasmi .
Per me è sempre stato difficile starle accanto , specie all'inizio la gelosia mi distruggeva , una
ragazza così era costantemente sotto "assedio " in un ambiente come l'università.
Era una tortura , per me, follemente innamorato sapere di messaggi sguardi e tentativi di abbordarla
anche in mia presenza, e lei...beh lei all'inizio faceva di tutto per darmi sicurezza evitando situazioni
sminuendo e rassicurandomi cercava di non farmela prendere , mostrandomi sempre il suo lato di ragazza di
paese dai sani principi e valori che ogni uomo vorrebbe , poi presa consapevolezza del mio essere zerbino
iniziarono a cambiare cose.
i primi episodi capitarono negli anni all'università.
Ricordo che un giorno eravamo li a prendere un caffè in comitiva , quando ecco arrivare due ragazzi , uno
alto quasi 2 metri pelato , un armadio , Alessandro , conosciuto da tutti come
il trombatore per eccellenza , festaiolo il classico scopatore insomma.
l'altro un tipo normale altezza media , insomma nulla di che.
Si fermano e ci parlano della festa della facoltà proponendoci i biglietti ,
valeria non era mai stat una gran festaiola , ma comunque ascoltava , alessandro si portò subito vicino a lei
non curandosi minimamente di me , per farla breve ci propose di entrare nel
gruppo di organizzazione della festa , non andava molto per il sottile
"una bella figa dietro al bancone ci sta sempre bene!" rivolgendosi a valeria..
che con mia sorpresa rideva imbarazzata...a me ribolliva il sangue , ero incazzato nero
e questo che continuava a parlarle vicino .
Dopo una ventina di minuti se ne andarono , io incazzato nero mi girai e andai verso
l'aula , lei invece di seguirmi rimase li a parlare con gli altri , e questo mi faceva
incazzare sempre di più.
Finì lezione , e ci rincontrammo la sera , ovviamente ero incazzatissimo
"beh perchè quel muso ?" "ahh boh..indovina..!" "dai..ma che palle ..ma che ti è preso?"
" a beh chiedilo al tuo amico alessandro!" "ahahah ma che coglione che sei ! lo so che è uno sborone del cavolo ! e mi sta sulle palle anche a me"
"si si ho visto ..specialmente tu gli sei stata simpatica!" "ahh oddio ho capito ..ma cosa vuoi che faccia"
"e comunque io ho deciso che partecipo allo staff! tu fai come cazzo vuoi !"
" e comunque ero venuta per stare insieme .. visto che piu tardi esco con le altre!"
all'incazzauìtura iniziale subentrò altra ancora....ero avvelenato non mi rassicurava
più ..anzi . Il battibecco continuò e dopo un pò lei tornò a casa sua lasciandomi
li in camera da solo.
Ero furioso l'idea di saperla in giro da sola mi mandava fuori di testa ..
il giorno dopo ci rincontrammo in facoltà , arrivò tutta sorridente e mi salutò
"beh passata?" cercai di mantenermi calmo "hahaha ma si dai!" e mi salutò con un gran bacio.
Passammo una bella mattinata tra lezione e pause ...
Dopo pranzo mentre prenevamo il caffè sulle scale ecco arrivare alessandro
già il vederlo mi innervosiva con la sua strafottenza si avvicinò
salutò lei con un pizzico sulla guancia..e rivolgendosi a me "oh se la manni in giro
da sola la sera co quei jeans e quegli stivali prima o poi te la montano sta cavalla!"
a quella frase mi si ghiacciò il sangue ...lei anche non se l'aspettava e
imbarazzata accennò a una risata...."ah lunedì riunione per la festa , ricordarevi!"
io ero scioccato , ma con che coraggio veniva a dirmi una cosa del genere
"dai adesso te la prendi anche per questa! mica ci sarà solo lui nell'organizzazione...guarda che non sta simpatico
neanche a me!" , non potevo fare di nuova la scenata e
fui costretto a ingoiare il rospo. Ma quello che mi dava da pensare erano le sue reazioni
lei , la brava ragazza tutta di un pezzo non battere ciglio .
Arrivò il giorno della riunione entrammo , qualcuno lo conoscevamo altri no .
C'eraun bel gruppo di ragazze tutte belle ragazze, iniziò la riunione e si decidettero
i ruoli , ovviamente Alessandro faceva il boss decidendo con prepotenza per tutti.
"beh i nuovi arrivi , allora lu quattrocchi lo mettemo alla monnezza pe tutta la festa,
la bella figa de valeria la mettemo alla sangria fino a mezzanotte poi vieni dietro
al bancone cushi te insegno due cocktail..." lei esplose in una risata io praticamente umiliato davanti a tutti .
sul finire della riunione Alessandro ricordò a tutti che quel venerdì ci sarebbe stata la cena dello staff .
Mi sentivo strano , una sensazione mista tra rabbia rasssegnazione ...era assurdo che valeria non reagisse
non mi dicesse nulla.
La sera ci ritrovammo a letto arrivai eccitatissimo , non capivo perchè , e infatti durai 10 minuti scarsi.
Dal giorno seguente riprendemmo la normalità.
Arrivò la sera della cena , mi assalì l'ansia dal giorno prima , ero nervoso teso all'idea di dover passare
la serata con quel tizio , ma era una strana sensazione, passai a prendere valeria.
mise un bel vestito nero aderente al busto un po scollata e dall gonna piu larga un po sopra il ginocchio
stivaloni al ginocchio calze nere velate , era bellissima..
Arrivammo al ristorante , dopo un pò arrivò lui ci sedemmo e capitammo di fronte a lui e i suoi amici.
Iniziò la cena e iniziò a scorrere vino , ovviamente dopo qualche discorso semi serio
si degenerò , e si andò sui racconti delle scopate del prode alessandro ...
il tutto sfacciatamente davanti a valeria... Parlava in modo grezzo rozzo senza nessun riguardo per la presenza di lei
e gli altri lo gasavano ridendo e chiedendo..."hahaa ve lo raccontato de quella zoccola sposata
che scopo in cento? " "aahhaha dai racconta!" e valeria cercava , imbarazzata di continuare a mangiare
"la troia me la scopo davanti alla foto del marito! e lo pija pure nel culo sta lurida!"
"ma va dai !non dire stronzate!" "a shi.." tira fuori il telefono ed ecco servito il video della scopata
ovviamente con volume , valeria poteva sentire come la tizia godeva mentre lui la fotteva ...era diventava bordeaux...
"aha vale che te scandalizzi?" " che il quattrocchi nun te sbatte cushi?"
lei era viola non sapeva che rispondere "...eh mesà de no..mesà non te scopa un granchè!" e tutti scoppiarono
a ridere ..lei era visibilmente incazzata , lui continuò imperterrito e mostrare i suoi video .
Il vino scorreva a fiumi , uscimmo fuori a fumare ci raggiunse lui e quasi fece il simpatico con me
valeria rabbrividì dal freddo "eh vale...peccato ce sta questo...sennò te la davo io na scaldata ...stasera
sei illegale .." nulla non gli fregava nulla della mia presenza..non aveva filtri
La serata finì e tornammo a casa , io continuavo ad avere addosso quella sensazione strana di umiliazione incazzatura
ma...cosa strana ero eccitato..volevo scoparla..arrivammo lei iniziò a spogliarsi
"ma ti rendi conto che cafone questo??" "cioè le filma pure?? che pervertito!"
mi avvicinai e senza dover elemosinare , come al solito , iniziammo a scopare
era fradicia...bagnata , ero sorpreso ma non potevo dirle nulla , non mi ero mai spinto
a parlare di certe cose , la vedevo godere sciolta fradicia tempo 5 minuti esplose in un orgasmo
, cosa rara , era tutto stranissimo...non la riconoscevo ...ma in poco tempo esplosi
nel condom anch'io.
Fu una notte insonne , non facevo che pensare all'accaduto...ripensavo a com'era bagnata ed eccitata , non era
mai stata così ripensavo alle parole di alessandro ...mi tornò subito duro
era un eccitazione strana ..
L'indomani ci svegliammo , ma lei era visibilmente imbarazzata , forse
si era accorta di esser stata piu calda del solito, forse aveva paura
della sua immagine da ragazza perfetta...
Visualizzazioni: 4 128 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Tradimenti