La aspetto con ansia ormai da circa una settimana da quando mi ha detto che ha prenotato il volo per venire a trovarmi. Io vivo a Barcellona per lavoro mentre lei, Alisia, la mia amata, arriverá presto da Bologna. Alisia é una ragazza di vent´anni, fisico da vera modella, tette proporzionate al corpo, gambe slanciate e il culo piú arrapante che abbia mai scopato. Per intenderci quando vedi Ali per strada non puoi fare a meno di girarti per guardarla e desiderare il suo sesso. La nostra relazione, fatta di alti e bassi e di distanze é legata da un amore puro e da una passione che nessun oceano riuscirebbe a spegnere. Siamo perennemente eccitati!
Ogni volta che si avvicinano i giorni in cui stiamo per rivederci la mia mente comincia a viaggiare scoprendo le perversioni piú peccaminose. Nell’ ultimo periodo specialmente le nostre fantasie si sono concentrante sempre piú spesso sul condividere i nostri piaceri piú intimi con altri uomini o altre coppie e mentre mi trovo a fantasticare sulla mia puttanella che condivide il mio cazzo con un altra o che viene montata da un altro davanti a me, mi sento bruciare di gelosia, ma allo stesso tempo il mio cazzo si mette sull’ attenti e la mia mente ingorda non puó fare a meno di sguazzare nell`osceno.

Arriverá a Barcelona questa mattina, questa volta non riesco ad aspettare di vederla e decido di farle una sorpresa ed andarla a prendere in aeroporto; la conosco bene e so che la fará impazzire di gioia, sono però troppo eccitato, così decido di farmi una sega sui nostri video prima di andare, per calmare i bollori. Prendo un taxi e la aspetto in aeroporto.

La vedo arrivare, bella come una Venere, sorridente come al solito, con un vestitino di cotone molto leggero che lascia intravedere le forme mozzafiato. Come mi aspettavo appena mi vede mi fa le feste e non la smette di baciarmi fino a che non entriamo nel taxi che mi ha aspettato lí nel frattempo. Ci vorrá mezz´ora per arrivare a Barcelona, cosí ci mettiamo comodi sul sedile , e cominciamo a parlare del piú del meno.
Non perde tempo a raccontarmi del suo viaggio, in aereo per arrivare da me. Il volo non era molto pieno cosí molti sedili erano vuoti. Lei si accomoda su tre sedili liberi, per stare da sola, mette le cuffie alle orecchie disinteressandosi delle consuete manovre di decollo e si rilassa un pó. Desiderosa di incontrarmi da subito la sua mente inizia a viaggiare, la musica e gli occhi chiusi fanno il resto e senza che se ne accorga si ritrova a strusciare le dita sulla figa giá umida. Immagina di essere posseduta da me la troia o almeno cosí mi racconta.
Un sussulto dell´aereo le fa riaprire gli occhi e quello che vede la lascia paralizzata. Un giovanotto nei sedili di fianco approfittando di non essere visto aveva tirato fuori l´arnese e se lo sta menando con gusto.
Ali si riprende un attimo, il ragazzo non sembra intenzionato a smettere e le fa cenno di andare nel bagno. Lei si rifiuta, ma lo invita a continuare la sua pratica, infondo ha un bel cazzo e la scenetta che si é creata la sta facendo eccitare da morire. Lui allora comincia a segarsi sempre con piú foga e lei sentendosi cosi desiderata e sporca non puó fare a meno che scoppiare in un orgasmo che la fa sussultare sul segiolino, il ragazzo vedendo la scena non puó fare ameno di rispondere con una copiosa sborrata sul sedile di fronte a lui.
Alisia si sistema, ma non vuole continuare la conoscenza con il suo nuovo amico quindi si alza e con un sorriso soddisfatto si sposta piú avanti sedendosi di fianco ad una coppia di vecchietti per proseguire il suo viaggio.
Non riesco a interromperla nel suo racconto, sto morendo di gelosia, le do della puttana, ma non posso fare a meno di nascondere il rigonfiamento nei miei pantaloni e lei se ne accorge, eccome!
- ¨Saró anche una troia, ma tu sei un porco, guarda il tuo cazzo com’è daccordo con me, lasciamelo salutare, non sai quanto mi é mancato¨, non finisce di dirlo che mi tira giú la zip e inizia a leccarlo desiderosa, sembra stia leccando un calippo nel deserto. Aveva ragione, sto godendo come un porco. L´autista intanto sembra essersi accorto di tutto, lo vedo frugarsi nei pantaloni. Si sta segando il bastardo. Decido di non dire niente ad Ali, gli faccio cenno di continuare e mi godo il mio pompino da favola. Lei capisce che sto venendo e comincia a pompare piú forte fino a che non vengo nella sua calda bocca e L’ ammiro bere fino all´ultima goccia del mio seme.
-¨Saporito come al solito amore¨ e mi bacia sulle labra.
-¨Guarda siamo arrivati finalmente¨, pago e saluto l´autista in spagnolo e lui sorridendomi in un perfetto italiano ¨grazie a voi ragazzi é un piacere avere dei clienti come voi, chiamatemi quando volete vi faró un prezzo di riguardo¨ mi lascia il suo biglietto da visita, io non posso fare altro che prenderlo e congedarmi imbarazzato.

Ho prenotato un abergo niente male, solita stanza lussuosa, vasca idromassaggio e balcone con vista su uno splendido parco. Posizione non centralissima, ma é quello che cercavo per allontanarmi dal caos di Barcellona e godermi la mia morosa.
-¨Amore faccio una doccia e andiamo a pranzare?¨,
-¨Certo amore, stappo una bottiglia di vino e facciamo un aperitivo qui prima?¨.
-¨Affare fatto! Arrivo subito¨.
Ero venuto giá due volte quel giorno, ma ero ancora un fuoco, non mi basta mai, la voglio in tutti i modi, in tutte le posizione, è con lei e solo con lei che voglio soddisfare le mie fantasie piú nascoste e quando esce dal bagno solo guardandola ne capisco il perché. Bella sarebbe riduttivo. Stivaletto, un vestito argentato con uno spacco sulla coscia al limite del decente, i suoi soliti vestiti che sembra possa indossare solo lei, trucco leggero e quello sguardo tra l´ingenua e la sgualdrina che mi manda ai pazzi. Femmina, sexy, spudorata, ogni volta che il mio sguardo si posa su di lei capisco che non potró farne mai piú a meno, ne ho bisogno.
Ci rilassiamo sul balcone, mi é mancata tanto queste settimane e tra chiacchiere e coccole abbiamo giá finito la bottiglia di vino, lo stomaco ancora vuoto fa il resto, siamo brilli prima di pranzo =). ¨Amore questo parco é stupendo, facciamo una passeggiata¨, ma mentre si affaccia per vedere il panorama io non capisco piú niente e l´unico panorama su cui riesco a concentrarmi é il suo corpo. Mi avvicino, la bacio sul collo, sono super eccitato, ma non voglio che si consumi tutto cosí, voglio farla godere. Baci, carezze, le mie mani su tutto il corpo, lo so che la sto facendo impazzire, infatti non appena le mie mani ragiungono il suo sesso non posso fare a meno di notare che é giá fradicia. Continuo a baciarla sul collo mentre lei é appoggiata al balcone e da dietro le metto 2 dita nella figa bollente. Ansima la troia!
-¨Tirami fuori l´uccello e mettiti in ginocchio davanti a me troia¨
-¨No amore andiamo dentro, c´e quel tipo sulla panchina, quello che sta leggendo, si é accorto che stiamo facendo i maiali¨,
-¨mmmh e quindi, dai c´é solo lui, che fai ti vergogni? Cosa pensi che il taxista non ti abbia visto mentre mi spompinavi nella sua macchina?¨,
-¨Cosa? Vuoi dire che se ne era accorto e non mi hai detto niente?¨
- ¨Perché altrimenti cosa avresti fatto? Se é per questo si stava anche segando e non mi dispiaceva affatto e sono sicuro che non sarebbe dispiaciuto nemmeno a te¨
- ¨Ahime, mi conosci troppo bene. Ma ora amore ho una voglia¨,
¨Aspetta ho un idea migliore, cerca lo sguardo del ragazzo sulla manchina mentre ti masturbo¨
- ¨Tu sei pazzo. No non lo faccio!¨
- ¨Invece lo fai troia e cerca di essere il piú sfacciata possibile, devi farlo eccitare¨
- ¨Mah… sei sicuro?¨
- ¨Non hai sentito? Voglio che fai la puttana con quel tipo¨
- ¨Va bene, ma dove vuoi arriv…aaahh¨ Due dita nella figa di botto e le passa la voglia di parlare, ha capito che non voglio perdere tempo a discutere e punta deciso il tipo che mette poco a rendersi conto di essere osservato da una topa cosí. Alisia impazzita, sta godendo come una cagnetta mentre la masturbo e i suoi sguardi verso quel ragazzo sono puro sesso. Mi abbasso e inizio a leccarla da dietro, adesso non posso vederla flirtare, voglio solo farla godere, . Le mie profonde leccate, la fanno ansimare, non riesce a contenersi vuole essere scopata vuole il cazzo dentro fino in cima, ma io voglio di piú, lei forse perché lo capisce o forse perché é una gran troia, fa segno al ragazzo, che ormai non poteva far a meno di gurdarla, di avvicinarsi e lui, che non stava aspettando altro, scatta sull´attenti come un soldatino e si avvicina al balcone, capisco che é arrivato il momento che lui si stava avvicinando e decido di non lasciare tempo per silenzi imbarazzanti e prendo l´iniziativa. Alzandomi metto la mano nella tasca e tiro fuori la chiave della nostra camera e gliela lancio. Gli stavo dando modo di salire e lo avevo fatto capire molto chiaramente.
-¨Che cazzo hai fatto?¨
-¨Il tuo volto é a metá tra il panico totale e l´eccitazione viscerale fidati di me e stai tranquilla principessa, che ci divertiamo. Seguimi!¨ la bacio sulle labbra, lei non ha la forza di parlare sembra in trans, come se non fosse riuscita ad elaborare completamente quello che stava per accadere e mi segue sul letto.
Le sfilo il vestito, le faccio sentire il mio calore, la bacio la faccio sentire amata. Deve capire che é la mia puttana, ma anche la mia principessa. Mi spoglio anche io, sono seduto sul letto e quello di piegarsi e appoggiare le labbra sulla mia cappella ingrossata a Lisa sembra l´unico movimento da fare o almeno il piú naturale.
La serratura gira, sono sicuro che l´abbiamo sentita entrambi chiaramente, eppure Lisa non si é scomposta anzi sembra che le sue avide leccate siano piú intense. Me lo trovo subito davanti un bel ragazzo sulla ventina, sarà stato poco piú alto di me, biondo un bel soggetto, se ne stava in piedi a guardare aspettando un cenno da parte di uno di noi due, infatti, stavo per prendere ancora una volta l´iniziativa, ma Ali questa volta mi precede.
-¨Ciao!, mettiti a tuo agio¨.
Io rimasi piacevolmente colpito dalla sua naturalezza e il biondino riuscì a malapena a balbettare un ciao. Era visibilmente imbarazzato, ma decisamente eccitato, riuscivo a vedere chiaramente la sua erezione, aveva davanti a se il culo della mia fidanzata, sfiderei chiunque a non essere eccitato. Si spoglia e in effetti non mi sbagliavo aveva un bell´arnese. Anche la mia Alisia lo nota e si tuffa subito in un doppio pompino.
Stava godendo piú di noi, si sentiva avida, sporca, bollente. Continuava a passarsi i nostri cazzi nella bocca, pompava e segava entrambi come se fosse la cosa piú naturale del mondo, come se fosse nata per farlo.
Faccio capire a lui che é arrivato il momento, la gelosia mi sta soffocando, ma voglio andare fino in fondo. Lui si alza e si mette dietro, le struscia la grossa mazza sulla figa. Lei é in estasi, lo so che la fa impazzire.
Non faccio che chiamarla troia, ma non si offende anzi, continua a ripetermi che é la mia puttana.
Il tipo la penetra con una botta secca che le fa arrivare il cazzo alle ovaie. La mia Ali esplode in un urlo ed io sto per venire, ma devo trattenermi, devo andare fino in fondo.
Il ragazzetto é piú bravo di quello che pensavo, sento le palle sbattere sulla figa e davanti a me ho una scena fantastica che fino ad allora avevo solo nella mia testa. Mancava ancora qualcosa peró… doveva prenderli entrambi insieme per essere consacrata a vera puttana.
Le dico di montarmi sopra e lei finisce di prendersi le ultime botte decise del ragazzo che ormai non era piú imbarazzato ed esegue.
Due cazzi: uno nel culo e uno nella figa. Lo so che lo ha sempre sognato, lo so quanto intensamente sta godendo, lo vedo dal suo bacino che continua a muoversi a ritmo sulle due aste. Grida si contorce e viene piú volte, andiamo avanti con foga per almeno 10 minuti, non ce la faccio piú e le vengo dentro come piace a lei e lui fa lo stesso inondandole il culo. La guardo é bellissima si sente piena, soddisfatta, appagata.
Il nostro primo menage a trous e come avrete capito, non sará l´ultimo.
Visualizzazioni: 4 065 Aggiunto: 3 anni fa Utente: