Non era una che passava inosservata, Marina, specialmente in un ambiente piccolo e ristretto come quello del lido estivo dove le nostre famiglie da anni venivano puntualmente a trascorrere, tra luglio ed agosto, un mese di villeggiatura al mare: le sue sfrenate ‘acrobazie’ tra le decine di corteggiatori che sbavavano per lei erano oggetto del chiacchiericcio quotidiano sotto gli ombrelloni e la convinzione diffusa era che la ragazza, nonostante tutto, fosse attenta e prudente, non si fosse ancora concessa a nessuno e bastasse aspettare che le passasse la ‘fregola infantile’ per vederla ridursi a più miti consigli ed imbroccare la strada del perbenismo borghese in cui viveva la sua famiglia.
Io per lei stravedevo: sin da quando aveva poco più di quindici anni (ed io già venti), non avevo occhi che per questa brunetta tutta pepe, piena di fascino, di forza creativa, di inventiva; e non aspettavo altro che il momento in cui si sarebbe decisa a mettersi con me e convincersi che ero l’uomo della sua vita.
Dovetti aspettare qualche anno, fino alla sua maggiore età, per poter uscire dalla fase dell’incantamento letterario e cominciare a corteggiarla sul serio, finché accettò di uscire con me, non solo al mare dove eravamo sempre abbastanza insieme, ma anche in città, abitando nello stesso quartiere e frequentando ambienti simili e vicini.
Avevo tanta voglia di farla mia e di impedirle di andarsene con altri, che non esitai, dopo pochi incontri e alcuni approcci sessuali più o meno espliciti, a penetrarla quasi a tradimento e farla trovare sverginata senza che lo volesse.
Eravamo al mare, ancora una volta, e stavamo ballando alla Rotonda, un locale sulla spiaggia a metà tra il bar e il ritrovo di bagnanti, di giorno, e tra il pub e la discoteca, di sera; approfittando del fatto che era andata in bagno, dove di solito esercitava le sue abilità sessuali con le mani o con la bocca con tutti i ragazzi che le piacevano, le piombai addosso come un falco, la sommersi nell’amore dei miei baci e, senza che potesse reagire, le infilai il sesso in vagina.
Non fece molte storie, ma si offese molto: avrebbe voluto che almeno ne parlassimo insieme; cercai di spiegarle che l’avevo fatto per un eccesso d’amore, perché volevo che fosse mia e che venisse a vivere con me.
Mi fece presente che si era da poco iscritta all’università, che doveva ancora percorrere un lungo itinerario di studi e trovare una sua sistemazione, prima di parlare di convivenza; che per il momento non le dispiaceva di essere la mia ragazza; che anche lei mi amava, ma che non era disposta a piegarsi alla convenzione della donna moglie e madre fedele prona completamente alla volontà del Maschio Alfa; che mi avrebbe anche amato moltissimo, sempre, ma non cambiava niente della sua vita, per quanto sregolata potesse apparire e, soprattutto, mai si sarebbe piegata ai riti ed alle convenzioni borghesi della mia famiglia.
Usai tutto l’immenso amore che provavo per lei e mi armai di tutta la pazienza di cui ero capace: riuscii a concordare che certi rituali se li sarebbe risparmiati, che su altre piccole cose poteva anche cedere e che alla fine l’unica cosa importante erano il nostro amore e la nostra capacità di superare gli ostacoli: nonostante le infinite riserve che si potevano esprimere, devo dire che il percorso iniziato in quel momento, a quelle condizioni, ci avrebbe poi consentito per oltre undici anni di vivere in condizioni di una certa serenità.
Non era però piacevole frequentarla, specialmente nelle sue spericolate ‘avventure’ serali nei ritrovi che frequentava: un paio di volte che avevo provato ad accompagnarla, mi ero trovato seduto ad un bancone a bere improbabili cocktail mentre Marina si sbizzarriva a scherzare con i suoi amici.
In realtà, si abbandonava lascivamente all’istinto lasciandosi indifferentemente manipolare da tutti i maschietti del gruppo: la vedevo continuamente girarsi a baciare ora l’uno ora l’altro, carezzare languidamente ciascuno e infilare le mani nei pantaloni, mentre i suoi amici infilavano le mani nella gonna e nella camicetta, oppure nei pantaloni (se li indossava) o nelle mutande; e lei rideva sguaiatamente delle loro volgarità, mentre si faceva palpare e forse anche di più, lontano dal mio sguardo, naturalmente: molte volte la vidi scomparire nei bagni e una volta che la seguii, la trovai in piena fellatio a un suo amico giovanissimo; non potei intervenire in alcun modo e mi cacciò via come un guardone intruso; una volta che cercai di farle notare l’assurdità del suo comportamento, mi disse categorica.
“Il problema è solo di fiducia. Io ti assicuro che non ti tradisco e tuoi puoi solo credermi o non credermi; se mi credi, renditi conto che qualche palpata non mi toglie niente; se anche masturbo qualcuno o gli pratico una fellazione o anche se lo prendo nel retto, non tocco quello che compete al tuo amore, la vagina: solo quella è il centro dell’amore; il resto è sesso che con la doccia passa. Se questa logica non ti convince, vattene a cercare la donna delle caverne fedele e casta; io vado per la mia strada.”
Avendo stabilito che la sua libertà andava rispettata, non potevo fare altro che accettare; ma l’epiteto di ‘cornuto’ venne ben presto fuori e mi turbò alquanto: sapevo che avrei dovuto lasciarla, ma ero troppo innamorato e imbecille per decidere con la ragione; il cuore mi suggeriva che, passato l’entusiasmo giovanile, sarebbe addivenuta a più miti consigli.
La svolta sembrò manifestarsi nell’insistenza con cui i suoi genitori, assai più che i miei, cominciarono a fare pressioni perché ‘convolassimo a giuste nozze’ (come garbatamente mi disse sua madre) e Marina, in una delle sue evidenti contraddizioni, non seppe opporsi alla scelta di sua madre ed accettò il matrimonio nella parrocchia rionale, col prete che l’aveva battezzata: fingendo una ribellione soffocata che in realtà non sentiva sua, accettò ma mi avvertì subito che niente sarebbe cambiato tra di noi; mi limitai a farle osservare che l’epiteto di ‘cornuto’ ad un uomo sposato pesava più che ad uno scapolo: mi diede del ‘troglodita’ e dal ritorno stesso del viaggio di nozze riprese la sua bella vita.
Purtroppo (ma solo per me) adesso l’asticella si era alzata di parecchio.
Marina continuava a giurare che la vagina era il centro del suo amore ed era per questo esclusa dalle sue pratiche extramatrimoniali; ma era assai difficile ritenere che veramente quella pratica non rientrasse tra i suoi costumi libertini; ad ogni buon conto, per tutto il resto era veramente oscena, non solo per quello che faceva, ma anche e soprattutto per come lo faceva.
Molte volte mi ero trovato a dover dormire nella stanza degli ospiti perché lei aveva a sua volta ‘ospitato’ qualcuno nel suo letto ed ero stato costretto ad ascoltare per tutta la notte il concerto delle spinte di lui sul letto e contro le pareti, gli urli di lei ad ogni orgasmo che le procurava e quelli di lui quando scaricava l’orgasmo nel suo corpo; quando, la mattina seguente, si incontrava con me, con perfida seduzione mi induceva a fare sesso; molte volte non seppi rifiutarmi.
Non riuscivo a capire neppure io perché mi piegassi a quelle umiliazioni: sotto sotto, ero convinto che davvero lei concedesse la vagina solo a me, in forza di quell’amore che affermava e di cui avevo la sensazione fisica ogni volta che mi si avvinghiava al ventre col bacino, stringendomi i piedi dietro la schiena in una penetrazione che più intensa non si poteva, con una goduria fortemente partecipata che mi mandava ai pazzi ogni volta che la penetravo
Da ogni parte mi arrivavano denunce e testimonianze di comportamenti contrari al pudore, al buonsenso, alla convivenza civile; non so perché, ma ingoiavo e tacevo; lo feci per anni e ingoiai amaro e fiele, sempre stupidamente ancorato ad una visione ideale del grande amore che mi premeva dentro.
In occasione del suo trentesimo compleanno, decisi di affrontare un tema fondamentale: le dissi che, prima di diventare troppo vecchi, sarebbe stato necessario ed opportuno proporre l’ipotesi di un figlio nostro per costruire una vera famiglia; mi disse che anche lei lo voleva e che, dopo il ciclo, avrebbe interrotto l’assunzione della pillola: facendo sesso non protetto, potevamo in breve ottenere l’inseminazione; le precisai che non bastava interrompere la pillola e ingravidarla: questo lo potevo ottenere anche con un’inseminazione artificiale; se voleva che il figlio fosse veramente nostro, mi doveva garantire che, sotto controllo, non avrebbe fatto sesso extramatrimoniale per tutta la durata della gravidanza, fino alla nascita del figlio o della figlia.
La risposta fu secca e feroce.
“Non se ne parla neppure! Non accetto limiti e imposizioni soprattutto da te, sporco maschio alfa prevaricatore e schiavista!”
Per garantire che la paternità fosse mia, mi consentiva (bontà sua) di astenersi da altri rapporti per la durata di un ciclo; quando l’inseminazione fosse riuscita, riprendeva tutte le sue abitudini e che andassi al diavolo!
“Non fare sacrifici per me. Continua pure a prenderti la pillola e tutte le verghe che vuoi. Ma qualcosa cambia, da oggi.”
Non se ne diede per inteso.
Preparai immediatamente gli incartamenti per chiedere al tribunale della sacra Rota l’annullamento del matrimonio.
Quando il parroco telefonò a casa e chiese a Marina di andare da lui per parlare, mia moglie cadde dalle nuvole, ma per curiosità andò a trovare Don Lorenzo che aveva convocato anche sua madre; dal verbale che mi fece pervenire, il parroco aveva sondato tute le motivazioni di lei ed aveva stabilito che non era in grado di rendersi conto del valore del matrimonio e che i suoi comportamenti suggerivano l’annullamento ipso facto.
Sua madre quasi impazzì di fronte allo spettacolo che la figlia aveva offerto nel dialogo col prete: decise di rompere ogni legame e le tolse perfino il saluto; anche suo padre decise che quella figlia poteva solo essere rinnegata; Marina, che si sentiva tanto martire di una giusta causa femminista, li mandò apertamente al diavolo e li accusò delle peggiori nefandezze nei suoi confronti; da quel momento, mi risulta che non ebbero più contatti di nessun genere.
Una settimana dopo fu il vescovo della diocesi a telefonare per invitarla a un colloquio.
La risposta di Marina fu di quelle che carità umana, prima che cristiana, suggerisce di dimenticare, infarcita com’era di volgarità, di luoghi comuni contro il clero, di frasi fatte e di giudizi gratuiti.
Il risultato fu una nuova relazione che era un autentico atto d’accusa e che sollecitava l’annullamento del sacramento.
Nella mia azienda era venuta a lavorare da poco Vittoria, una vecchia amica di Marina che io avevo conosciuto al tempo del mio corteggiamento; quando si rese conto del punto di degrado della nostra vicenda matrimoniale, mi confessò lealmente che da quel periodo lei era stata innamorata di me e che aveva fatto un passo indietro perché sapeva che con Marina non ci sarebbe stata gara; adesso, se volevo, era disposta a stare anche in disparte ma a prendersi quel poco d’amore che poteva consentirmi la mia passione cieca e stupida per mia moglie.
Rimasi sconvolto dalla rivelazione; poi rinsavii, quasi di colpo, e le feci presente che, col mio amore stupido per una donna impossibile, non ero certo in grado di offrire niente ad una persona che volesse starmi vicina e condividere la mia esistenza; ma non le nascosi anche che speravo di vedere annullato il vincolo matrimoniale, perché la sacra Rota aveva allentato molto le maglie e il mio matrimonio era il caso più semplice di annullamento.
“Non ti chiedo né matrimonio né grande amore; voglio solo che tu mia ami quel poco che ti riesce, senza turbare i tuoi equilibri.”
“Se dovessi rimanere incinta?”
“Un figlio è forse l’unica cosa che vorrei per riempire la mia vita: non ho bisogno di amanti o di mariti; dammi un figlio e mi arrangio da sola.”
“E se invece venissi a stare con me e facessi un figlio nostro, mio e tuo?
“Non chiedermi di sposarti, neanche se annullano il tuo matrimonio. Adesso ho veramente paura dei legami più o meno fasulli.”
Andammo a casa mia e quella sera facemmo l’amore nella camera degli ospiti, mentre dalla camera da letto arrivavano gli urli di Marina che vi si era chiusa con due baldi giovani che l’accompagnavano.
Passò all’incirca un anno, prima che da Roma arrivasse la notifica dell’annullamento che alla fine fu un dato di fatto.
Quel pomeriggio eravamo in cucina io, Vittoria e Nicola, il nostro amico avvocato che curava i miei interessi; quando Marina finalmente, dopo varie sollecitazioni, arrivò a casa, l’unica cosa che seppe fare fu di salutare calorosamente Vittoria come se la vedesse per la prima volta.
“Scusa, Marina, ma io è da un anno che vivo con Enzo, in questa stessa casa, e tu solo ora ti rendi conto che tuo marito aveva una convivente che, guarda caso, è una tua vecchia amica?”
“Mah, sai, con lui ormai non abbiamo più niente da dire e in questo anno sono stata molto distratta …”
“… a copulare con ragazzini di tutte le specie!”
“E allora? L’utero è mio e lo gestisco io!”
“Certo, certo, signorina Marina Rossi!”
“Che significa? Io da dieci anni sono tua moglie, la signora Marina Bianchi!”
“Non in base a questo documento che cancella un errore da me commesso dieci anni fa.”
“Cosa sarebbe?”
“La notifica che il matrimonio è stato annullato, che tu non sei mai stata mia moglie, che non hai nessun diritto su quello che è mio, a cominciare da questa casa che tu hai ridotto al ruolo di tua personale garconniere e che adesso devi lasciare immediatamente.”
Marina guardò disperata Nicola che poté solo confermare; si sedette sulla sedia, poi se ne andò in camera e si sentirono i singhiozzi che la squassavano.
Tornò in cucina, alquanto rianimata ma molto giù.
“Vittoria, adesso tu sposerai Enzo? Da quanto tempo convivete? Sei ancora mia amica?”
“Piano, Marina; non so se sposerò Enzo, ora che è libero; ma aspetto da lui un figlio, questo è certo. E’ già un anno, da quando tu rifiutasti di fare un figlio alle sue condizioni, che vivo con lui: e ne sono anche felice. Non ho mai smesso di volerti bene e sono sempre amica tua, se tu riesci a distinguere i tuoi problemi dai miei.”
“Enzo, è chiaro che devo andarmene da qui; devo sparire dal tuo orizzonte e rassegnarmi che la mia vita è altrove; ma ho bisogno, ancora per qualche tempo, un paio di settimane forse, di un tetto dove ripararmi e di un piatto di pasta per sopravvivere. Io non ti procurerò rogne, come forse potrei e dovrei fare; ma tu devi accettare di farmi restare il tempo necessario.”
“Io non ti sopporto ed è già un anno che sei andata via. Quindi ora fai i bagagli e sparisci!”
“Eh, no, caro mio!”
Prese il telefono e chiamò qualcuno; mise il vivavoce e parlò con l’avvocato Gagliardi, il più aspro antagonista di Nicola, in tribunale.
“Avvocato, c’è qui mio marito col suo avvocato per comunicarmi che ha avuto l’annullamento dalla Sacra Rota e mi vuole cacciare di casa; cosa posso fare?”
“Di’ a tuo marito che un tribunale civile deve ratificare quella sentenza, che passeranno un bel po’ di mesi, forse di anni, prima che ottenga le sentenze definitive e che non se la caverà senza garantirti un congruo assegno. Per i credenti quella sentenza è parola di Dio; per noi è un atto di un tribunale a cui risponderemo con atti di un altro tribunale, dove dieci anni di vita trascorsi insieme pesano ed anche molto.”
“Senti, se non accetta di ragionare, posso venire da te?”
“Si; intanto, non uscire da quella casa; cerca però di moderare i tuoi comportamenti e non fare cose illegali.”
“Va bene; grazie di tutto.”
Nicola mi suggerì in un orecchio.
“Ha ragione Gagliardi; abbassa la cresta o ti trovi male.”
“Di quanto tempo hai bisogno?”
“Non lo so; ci vorrà quel che ci vorrà … Vittoria, puoi venire un poco con me di là: devo parlare con te in privato.”
Vittoria mi guardò e si allontanò con lei; poco dopo, Marina uscì, prese la borsa e il cappotto, andò via avvertendo.
“Ti dà fastidio se vengo a cenare con voi?”
“Che tu possa essere maledetta! E’ un anno che non lo fai e te ne ricordi adesso che siamo alla frutta!”
“Non sai quanto questa vicenda mi ha costretto a maturare. Caro il mio maschio alfa, hai vinto la battaglia, sei riuscito a cacciarmi dalla tua vita dopo avermi costretto con tutte le tue forze ad entrarci e ad accettarne le regole; lode al vincitore. Ma sappi che c’è ancora una guerra in atto e, davanti a due persone che ti sono care, ti giuro sull’amore che da sempre ho per te che ti odierò tanto quanto ti amo, che sarò felice solo quando riuscirò a schiacciarti fino a ridurti un tappetino sul quale fare le peggio cose che la mia mente perversa sarà capace di inventare. Tu avrai la moglie che vuoi e il figlio che sognavi; io avrò la mia vendetta, dovesse costarmi la vita!”
E’ passato un anno dalla minacciosa frase con cui la mia ex moglie si allontanò da casa mia, e che, al momento, mi fece sorridere.
E’ nato Luigi, il nostro meraviglioso figlio, e Vittoria si è rivelata una compagna docile e partecipe, l’esatto opposto di Marina; non vuole neppure sentire parlare di matrimonio, anche se l’ho sollecitata in tutti i modi possibili; si dice soddisfatta della sua condizione e non vuole neanche prendere in considerazione l’ipotesi di lasciare il suo lavoro o di fare un altro figlio: essere incatenata al ruolo di madre di famiglia per circa un anno le è stato più che sufficiente.
Dopo aver saltato un’estate di villeggiatura, perché Luigi era troppo piccolo, quest’anno siamo tornati alla solita cittadina, allo stesso lido ed all’albergo di sempre: naturalmente, non è più la stessa cosa, dopo dodici anni; ma alcune cose non sono cambiate.
In particolare, mi colpisce la ristrutturazione e la ripresa della Rotonda che da giovani frequentavamo e dove era concretamente iniziata la mia storia con Marina; quello che mi sorprende di più è che quella struttura, diventata fatiscente, io l’avevo rilevata per pochi soldi e l’avevo proposta a Marina come regalo non ricordo in quale occasione; poi, per la verità, non ne avevo fatto più niente e i documenti, perfettamente in regola e con l’intestazione a lei, erano rimasti da qualche parte nella casa, almeno fino a che Marina viveva con me: mi riservo di indagare per approfondire il tema.
In parte per curiosità, in parte perché era piuttosto ‘di moda’, infine anche per cercare di capire qualcosa sulla proprietà, un pomeriggio decidiamo, io e Vittoria, di andare a prendere il caffè alla rotonda, portandoci nostro figlio in carrozzina; Antonio che, come spesso avviene, si è accodato ed alloggia nel nostro stesso albergo, viene anche lui con sua moglie Elena.
Quando siamo nella sala del bar, chiedo alla donna alla cassa chi sia il proprietario del locale; mi risponde che sono una società di amici e che chiunque può fornire risposte se ho da chiedere; preciso che voglio parlare col proprietario, in concreto, dello stabile che ospita la struttura.
“Marina al momento non è qui; si sieda a prendere un caffè e la aspetti pure, se ha tanta esigenza di parlarle.”
Qualcosa mi comincia a frullare per la testa, al sentire il nome della mia ex moglie a proposito di quella proprietà; chiedo ad Antonio se ricorda qualcosa del contratto di vendita del rudere che a suo tempo aveva stilato; mi risponde che è stato steso con Marina come compratrice; che io non figuravo perché le avevo solo regalato l’assegno con cui lei pagò il rudere (‘Costa meno di un diamante e vale di più’ avevo commentato, come ora Antonio mi ricorda), che Marina non doveva rendere conto a nessuno di come avesse speso quei soldi regalati e che la pratica era stata conclusa anche se la vendita lui non l’aveva registrata.
“Se Marina lo ha fatto alle mie spalle, ha commesso qualcosa di illegale?”
“No; il rudere era suo ed aveva il diritto, anzi il dovere di registrare l’atto. Quindi, niente di irregolare!”
Ingoio amaro proprio mentre vedo apparire dalla porta l’ineffabile mia ex moglie, bella come non mai, quasi regale nel suo portamento, decisa ed autorevole come non l’avevo mai vista.
Ci riconosce a colpo d’occhio e corre ad abbracciare con affetto Vittoria, che esibisce con orgoglio nostro figlio; Marina le sussurra qualcosa all’orecchio e capisco che le ha comunicato di essere incinta, perché Vittoria si lancia in affettuosità e complimenti che sono tipici di quel momento; Marina chiede.
“Sei qui per controllare i tuoi interessi?”
“Sei pazza?!?!?? Sono qui per abbracciare gli amici e conoscere, anzi per ritrovare, i soci di questa meravigliosa avventura.”
“Ragazzi, questa è Vittoria, la sesta socia, quella alla quale dobbiamo il successo di questa nostra iniziativa!”
Marina è stata quasi enfatica, presentando la mia compagna alla ‘banda’ dei suoi accoliti; mi rivolgo a Vittoria.
“Che significa tutto questo?”
“Caro il mio amato ed odiato maschio alfa, ancora non hai capito che col rudere che ho comprato coi soldi che tu mi hai regalato (unico regalo in tutta il nostro matrimonio, quasi il pagamento delle mie prestazioni!) abbiamo avviato un lavoro di ristrutturazione mettendo insieme le forze di cinque vecchi amici che la tua arroganza non ti consente neppure di ricordare. Non ce la facevamo con le nostre forze e quel pomeriggio che mi hai cacciato parlai a lungo con Vittoria che invece fu molto disponibile e ci consentì, con un prestito, di fare i lavori, di affermarci e di crescere fino al livello attuale. Naturalmente, lei entrò nella nostra società come sesto elemento e, anche se vive con te in città, è nostro amica, complice e socia in affari.”
“Dove prendesti i soldi necessari?”
La domanda è a Vittoria.
“Dimentichi che ho un conto personale, destinato a Luigi, del quale posso liberamente disporre?”
“Cosa?!?!?!?!? Tu hai usato i soldi di ‘mio’ figlio per fomentare una ribellione a me?”
“Che hai detto, scusa? ‘Tuo figlio’?!?!???? Senti, maschio alfa, quello è ‘MIO’ figlio, il fatto che lo spermatozoo fosse tuo è puramente incidentale ed io posso in qualunque momento rinnegare la tua paternità e non consentirti di fare niente per dimostrare che sei il padre naturale. L’hai fatta troppo grossa e fuori dal vaso: adesso io mi prendo mio figlio e me ne vado. Vatti a cercare una schiava su un altro mercato; mi hai rotto!!!!”
“Voglio proprio vedere dove vai a sbattere!”
“Vittoria, se vuoi, a casa nostra c’è posto anche per te e tuo figlio; poi ci organizzeremo per voi.”
E’ arrivato un altro giovane che va ad abbracciare per le spalle Marina.
“Ti ricordi di Franco? Ora è il mio compagno ed è il padre del figlio che aspetto. Senti, amore, Vittoria ha bisogno di una casa dove rifugiarsi; possiamo portarla a casa nostra?”
“Nessun problema; forse lei non si ricorda, ma un tempo ho sbavato dietro di lei come tutti noi di quel gruppo.”
“Mi ricordo benissimo di te; ed anche di Claudio che, non so perché, si nasconde dietro i suoi cocktail; ti faccio ancora paura, ragazzino?”
“No, non mi fai paura; sono solo troppo emozionato: la mia Diva è qui con suo figlio e con il suo compagno. Non so se schiantare di dolore o esplodere di gioia.”
“Non puoi limitarti ad abbracciarmi?”
Claudio la avvolge letteralmente nelle sue braccia e sento che sussurra.
“Se per voi è lo stesso, io ho la casa più grande di tutti e vivo solo; se Vittoria accetta, la mia casa è sua e di suo figlio; non chiedo niente in cambio; mi basta aiutare una persona che mi è tanto cara, da sempre.”
“Vuoi dire che non sei più innamorato di me?”
“Voglio dire che, davanti a tuo figlio e al tuo compagno, non riesco a dirlo; ma il mio amore è inossidabile; non ho nessun legame, nessun amore e sono rimasto fedele a te, anzi al ricordo di te e all’illusione di averti, un giorno.
“E se quel giorno fosse arrivato?”
Scatto come una molla.
“Che cavolo dici, Vittoria! Ti rendi conto di come mi offendi?”
“Ti offendo!?!?! Stai attento tu a quello che dici; con un buon avvocato, riesco anche a distruggerti, se mi fai perdere le staffe. Tu sei nessuno nella mia vita; lo spermatozoo potevo prenderlo in qualunque Banca del Seme; tu sei notoriamente innamorato da morire di Marina, non mi hai mai concesso niente altro che le briciole di quell’amore; non sei niente per me e sono stufa della tua arroganza, della tua presunzione. Marina aveva ragione, quel pomeriggio: ti ha ridotto a tappetino sul quale fa quello che le pare; sono stata stupida io a non accorgermi di che razza di mostro sei, chiuso nella tua supponenza, forte del tuo potere economico. Adesso c’è una forza che può contrastarti, quella dell’amore: ed io la userò tutta per uscire dalle spire del tuo dominio. Claudio, se ti dico che sono pronta ad amarti anche per tutta la vita, sei pronto a vivere con me, con noi, per me, per noi due, per noi tre?”
“Andiamo a casa! Ragazzi, sostituitemi per qualche ora; ho da coronare il sogno di una vita!”
Sono nero come la pece; Marina si siede sulla poltrona davanti a me, mi prende le mani e mi parla dolcemente.
“Caro il mio amato ed odiato maschio alfa: siediti lì e stammi ad ascoltare, a lungo e serenamente. Hai sbagliato tutto, a cominciare da quell’angolo, lo vedi, quello dei bagni, da quando mi hai violentato senza chiedere il permesso: lo hai fatto con la presunzione di poterti prendere quello che volevi perché eri il più forte; io ti ho lasciato fare perché ti amavo, ti ho sempre amato e non ho smesso neppure oggi che ho un vita felice col mio compagno. Scusami, Franco, forse può farti male quello che dico ma la verità è che solo per amore potevo fare quello che ho fatto. Tu sei un’altra cosa e il mio sentimento per te è totale e assoluto. Caro il mio maschio alfa, io sono fedelissima a Franco, perché lui chiede non pretende, perché lui dà non fa l’elemosina. Io sono schizofrenica, in amore, completamente e totalmente. Quando mi hai violentata, sarebbe bastato che ti scusassi: non sarebbe successo niente; ma hai parlato come se avessi esercitato un tuo diritto: in quel momento la parte destra del mio cervello ti amava alla follia, ma la parte sinistra ha cominciato ad odiarti con tutte le mie forze; sono andata avanti così per undici anni, fino a che sono andata via. Avrei voluto e potuto amarti senza condizioni; ma tu ponevi limiti, sbarre, cartelli, ordini ad ogni passaggio; ed io ti calpestavo, io godevo a farti cornuto e a sentire che soffrivi, anche se in realtà soffrivo forse più di te: era il prezzo che dovevi pagare alla tua supremazia, alla tua supponenza, alla tua arroganza, al tuo maschilismo cieco e stupido, anche se finivo per pagare il prezzo peggiore perché mi umiliavo a dei tori ottusi e imbecilli, pur di farti del male. Non ho toccato per anni quel contratto di vendita perché mi hai dato quell’assegno, con l’intenzione di farmi l’unico regalo che mi hai fatto in tutto il matrimonio; ma non l’hai offerto come pegno d’amore; me l’hai sbattuto addosso come se pagassi una prostituta che ti dava la vagina. Ti odiavo ad ogni scatto della tua sicumera, ad ogni accenno allo strapotere; non ti ho mai tradito, nella declinazione che io ti avevo dato del ‘mio’ senso del tradimento: nessun membro maschile, oltre al tuo, per undici anni è entrato nella mia vagina; sono stata sempre solo tua, per quel verso; ma ti ho umiliato perché lo meritavi ad ogni parola, ad ogni gesto. Vedi, caro mio, quando mi chiedesti di fare un figlio, ero felice perché volevo dare una volta alla mia vita: non avrei più copulato con nessun altro che te, il padre di mio figlio. Ma tu quella mia scelta pretendevi che diventasse una tua imposizione, una tua legge, l’espressione del tuo potere sul mio ventre. Ti dissi di no, che non facevo la tua schiava sessuale e ruppi il matrimonio. Si, l’ho rotto io, quando ho cominciato a farmi eiaculare in vagina da tutti quelli con cui copulavo, per umiliarti, per schiacciarti. Ti dissi che avevi vinto la battaglia ma che avresti perso la guerra; e la stai perdendo, la guerra; non ho più neppure voglia di umiliarti o di farti del male; mi fai solo pena; hai calpestato il mio amore per te, hai distrutto il tuo sogno di un figlio tuo e il sogno di Vittoria di trovare un equilibrio con te; ma sai anche che lei si rifarà una vita con l’uomo che da sempre la ama e che è quello giusto per lei; tu invece sei e resterai solo: al massimo, troverai qualche vagina per una sveltina in piedi, nei bagni del bar. Cerca di ricordartene, quando mi incontrerai, perché mi incontrerai ancora, sai? Non ti ho detto che in un anno ho recuperato il grosso del mio impegno universitario e l’anno prossimo mi laureo in legge; farò pratica da Gagliardi, hai presente l’avvocato che potrebbe massacrarti e non lo fa perché io non glielo consento? Anche in questo, sai, sono schizofrenica. Se io mi rivolgo ad un tribunale perché hai applicato in Italia una sentenza dello Stato Pontificio, faccio scattare un casino internazionale e tu ci perdi tutti i tuoi averi, perché, amore mio, hai fatto diventare operativa in Italia una sentenza che viene da un tribunale straniero e religioso. Dovevi far ratificare la sentenza in Italia, ma questo significava che avresti dovuto pagare per i dieci anni di vita che ho dedicato a te, qualunque sia il tuo giudizio su quegli anni; per la legge sono stata tua moglie e mi hai massacrato nel ruolo. La barzelletta è che, senza quella ratifica, io sono tua moglie a tutti gli effetti e che sei ancora più cornuto perché il figlio che aspetto è di un altro uomo, del mio grande amore (dopo di te, purtroppo!). Ti resterebbe solo di far ratificare la sentenza. Ma, in un tribunale italiano, con un avvocato come Gagliardi, l’assegno che dovresti garantirmi offende la tua arroganza in maniera sanguinosa, assai più delle corna che ti ho piantato in fronte in questi anni, perché consideri l’economia più sacra dei sentimenti. Invece, io continuo ad essere schizofrenica e con l’altra parte della mia personalità, quella che ti ama a prescindere da tutto, decido che non devo sparare sulla croce rossa, non devo farti più male di quanto te ne sto facendo adesso o di quanto te ne fai tu stesso; per questo, non procedo in tribunale contro di te. Però, stai attento a come ti muovi.”
Guardo verso Antonio a chiedere conferma e, da come abbassa gli occhi, capisco che sono fregato.
“Cosa mi consigli, avvocato?”
“In queste condizione, un conciliazione diventa obbligatoria. Bisogna vedere se Marina è disposta a conciliare.”
“Non qui; non questa sera. Per ora mi godo il mio trionfo su un maschilista ottuso, confuso e incapace. Da domani comincerò a pensare cosa voglio fare della mia vita, del mio ex matrimonio, della mia convivenza attuale, del figlio che deve nascere … Franco, ti ho fatto molto male?”
“No, amore; sono cose che sapevo. Solo ti chiedo di non ribadire più che lo ami più di me. Io ti amo e basta; non ce la fai?”
“Non sto paragonando. Ti amo e basta: è vero. Ma dovevo togliermi dei sassolini dalle scarpe e non vedevo altra via. Io non sono mai stata fedele a quest’uomo; con te sono pura e casta come un angelo, nonostante il mio vissuto. Questo ti dovrebbe garantire che il mio amore è pulito, puro, autentico.”
Si baciano appassionatamente; io forse fumo dalle narici come un toro; ma non me ne accorgo; quasi neppure mi accorgo della signora che mi è venuta a fianco, mi saluta con calore e alla fine si fa riconoscere.
“Non ti ricordi di me? Sono la Ersilia!”
Cristo! Anche questa! Anche la mia prima trasgressione, la sposa novella che venne a farsi sbattere da me perché suo marito non la soddisfaceva; nel marasma che mi sta scoppiando intorno, lei è il colmo che poteva capitarmi; ma sono decisamente in trance, visto che neppure mi accorgo che mi sta accompagnando ai bagni, là dove tutto cominciò diciassette anni fa, con la mia violenza gratuita su una minorenne che mi cominciò ad odiare e mi ha avvelenato la vita: o sono stato io che l’ho avvelenata a lei e me la sono avvelenata col mio comportamento assurdo? Non lo so; quello che so è che sto tornando in quel bagno con una donna che vuole copulare con me e mi lascerà fare, come Marina quella volta.
Chiudo gli occhi, mentre mi bacia, e mi appare il viso di Marina giovane che mi si offre con tutto l’amore del mondo; il membro mi si rizza fino a farmi male; non apro gli occhi perché non voglio perdere ancora la ‘mia’ Marina; apro la cerniera e tiro fuori l’asta che è diventata mostruosamente grande: si sta caricando di tutta la passione per ‘mia moglie’, per il ‘mio grande amore’ e la penetro senza riguardi, sollevando la falda del vestito e spostando di lato il perizoma; sento che geme sottovoce, per non farsi sentire, e che gode moltissimo mentre l’asta le viola parti intonse della vagina e dell’utero; quando arriva all’orgasmo, non si riesce a trattenere ed urla; bussano alla porta; sento la voce di Marina.”
“Uscite da lì; c’è gente che ha bisogno del bagno; andate altrove a fare i porci!”
Esco impettito.
“Ho immaginato che ci fossi tu a fare l’amore con me, come tanti anni fa. Quanto sono stato idiota! Ti amo: ora lo so anche io.”
“Vai al diavolo, maledetto!”
Scappa via, Ersilia mi riprende per la mano e mi guida verso l’uscita, verso i pattini arenati sulla spiaggia, dove tanti anni fa mi imboscavo frequentemente, con lei ma anche con Marina o con altre giovani innamorate e ci facevo l’amore alla grande.
“Speri di ritrovare gli anni perduti della giovinezza?”
Tento di ironizzare; non è nello stato d’animo per accettarlo.
“Senti, idiota, io ho ancora lo stesso marito imbecille che sta nella sala corse ore ed ore; ho ancora bisogno di un uomo che mi sappia amare, oltre a copulare volentieri con me. Sei stato tu il primo ad indurmi a trasgredire. Te la senti di essere protagonista della mia ‘rinascita’? Se non ti va, mi metto ancora a cercare e, prima o poi, lo trovo uno che mi dia sesso e amore insieme.”
“La tua ricerca è finita: non posso dirti che ti amerò perché un grande amore mi riempie il cuore e mi impedisce di dare ad un’altra più delle briciole di quell’amore; se ti accontenti, sono qui.”
“Per briciole intendi quello che mi hai dato poco fa, nel bagno, fino a scatenare lo scandalo? Ci sto!”
“Considera che in quel momento, ad occhi chiusi, sognavo di fare l’amore con lei: io sono leale, soprattutto.”
“Se lei ti fa quest’effetto, benvenuta e benedetta: quando ci incontreremo, portati una foto di lei; la metteremo in bella vista sul letto dove copuleremo!”
Facciamo l’amore a lungo, in quella condizione precaria, dove l’unico dato positivo è che, da una certa ora, non passa nessuno; scopro che, davvero, lei ha tanto bisogno di affetto e di un pizzico di amore, non solo di sesso a go go; e che io non posso fare a meno di pensare a Marina mentre copulo: solo così ottengo erezioni che addirittura mi spaventano, per i danni che potrei arrecare, ed eiaculazioni quasi infinite, di cui lei mi è profondamente grata.
Quando smettiamo, il tramonto è passato da un po’; nel bar ci sono ancora tutti, anche Antonio con sua moglie e Vittoria col bambino; è lei che mi viene incontro assai più serena di come mi aveva lasciato.
“Enzo, ormai è chiaro che tra noi è finita; vado a stare con Claudio e forse ho trovato la mia strada; perdonami se ti lascio da solo: spero che riuscirai a sostituirmi.”
Visualizzazioni: 4 211 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Prime Esperienze