Finimmo le ferie, ormai dall’incontro con il bel moro, erano passati 4 giorni, non lo rivedemmo più, ne ci scambiammo i numeri, ma così doveva essere, ci pensammo un paio di volte a quella notte, lei si eccitava, e capitò di scopare di brutto, il mio cazzo duro e la sua fica bagnata come non mai...
Avevamo la nave per tornare in continente verso le dici di sera, così non perdevamo l’ultimo giorno di mare, ormai lei prendeva il costume in topless, non si vergognava più, e quando passavano dei bei ragazzi, si metteva in mostra, ci guardavamo, le baciavo le tette e ridevamo...
Eravamo in coda per salire sulla nave, tutti e due un po’ tristi che stesse per finire anche quelle vacanze, accaldati sia dall’ultimo sole, sia dal clima indossavamo indumenti molto leggeri, io un paio di pantaloni e una camicia bianca, lei uno shorts di jeans e una magliettina leggera leggera sempre bianca, non portava il reggiseno, e la cosa mi eccitava, vedere quei capezzoli che ogni tanto si affacciavano al tessuto era bellissimo, non era bellissimo solo per me, ma anche per due ragazzi, nell’auto di fianco alla nostra, la fissavano e la commentavano ridendo, mia moglie ricambiava lo sguardo, e poi si metteva a giocare con il telefono, cercando di far comparire i capezzoli dalla magliettina, ad un tratto si gira, e mi bacia, mettendosi in modo che i due ragazzotti, le potessero ammirare il culo.
-Che maialina che sei diventata!, te li vorresti scopare eh!? -, le dissi sorridendo, lei mi guardò, - Perché no sono molto carini!, chissà che cazzi che hanno? -, si riabbasso e le toccai la fica, dai pantaloni, poi lei si sbottono i jeans e io le infilai la mano dentro, - Sei già fradicia maialina! -, le cominciai a fare un ditalino, ma la lasciai lì a metà così che le salisse la voglia.
Si riabbottonò gli shots, ma si vedeva che aveva voglia e che fremeva, i suoi capezzoli erano sempre più duri, e nemmeno l’area condizionata, che ormai si sentiva dalle scale dei garage della nave, poteva fermare i suoi bollenti spiriti, notai i due ragazzi che salivano insieme a noi, un paio di persone indietro, feci finta di aver dimenticato il telefono, le persone ci pesarono avanti, e arrivati ai due ragazzi, ripresi a salire le scale, sentivo che parlottavano, ma non capivo cosa dicessero, capii solo che commentavano il culo di mia moglie, e la cosa mi arrapó, presi per mano mia moglie e uscimmo per cercare due posti comodi nella sala ristorante, prendemmo un tavolino da 4 persone, la cosa torno utile poco dopo, e un po’ ci speravo.
Circa un’oretta dopo rivedemmo, i due ragazzi, si guardavano in torno, cercando un posto, lì chiamammo al nostro tavolo, le due sedie in più sono tornate utili, e loro si vedeva che non ambivano a tanto, mia moglie si era coperta le spalle con una felpa, ma dalla sua maglietta erano ancora evidenti i sui capezzoli, e i due ragazzi non facevano altro che spogliarla con gl’occhi.
Ci presentammo, i due ragazzi che credevo fossero coetanei, invece avevano circa 7 anni in meno di noi, il biondo, occhi azzurri, una barbebetta incolta, ne aveva 24, faceva il manutentore, ma nel tempo libero, correva e si teneva molto in forma, si notava, l’atro ragazzo invece era castano con occhi castani, rasato alla perfezione con aria da bravo ragazzo, e ne aveva 23 di anni, si erano conosciuti in una famosa palestra, e cominciammo a parlare, andai a prendere anch’io da bere per me e mia moglie, appena uno dei due si alzò per andare al bar a riprendere il secondo giro.
Tornammo dal bar con dei bicchieri, ricominciammo a bere e a parlare fino a che, ormai notte, le persone non si erano messe a dormire tutte in torno a noi, e non potevamo più alzare la voce, senza sentire uno “shhh”, provenire da qualche parte, - dovrei andare in bagno! - disse mia moglie, - e poi toccherà accamparci anche a noi, visto che qua tutti dormono. -, il biondo rispose: - Se non vi va ancora di dormire, noi abbiamo la cabina, possiamo andare lì!-, la sua voce riecheggiava, come dire, si dai dai, - Perfetto -, dissi, - Non abbino mai preso la cabina, sono curioso di vedere come è, l’ultimo giro lo beviamo li, nella vostra cabina -, mi alzai, andai verso il bar, che stava chiudendo, presi 4 birre e tornai indietro, i due ragazzi stavano affianco a mia moglie che rideva, “ Che maialina, ha proprio voglia! “, pensai, - Andiamo!, vi seguiamo! - dissi con un bel sorriso.
Andavamo a passo svelto, mia moglie mi stava al fianco, mi guardava e si stingeva al mio braccio, arrivati entrammo e mi cominciai a mettere comodo, si una poltroncina di fronte al letto, si stava bene in cabina, non faceva il freddo che in sala, anzi era quasi caldo, - Amore se devi andare in bagno accomodati, poi se posso vado anch’io.-, dissi indicandoli la porta, andò in bagno, io mi misi a chiacchiera con i due ragazzi finendo le nostre bevute, mia moglie uscì dal bagno e si accomodò sul letto di fronte a me, e in mezzo si due ragazzi...
Andai in bagno, aspettai quando ebbi finito, circa un paio di minuti, uscì e la scena che vidi era bellissima..., mia moglie stava baciando il biondino, con le tette in mostra, la maglietta l’aveva arrotolata appena sopra il seno, il castano invece le leccava la tetta destra, dedicandosi sul capezzolo, e tutti e due avevano i cazzi di fuori, con le mani di mia moglie che li segava, - Ah che brava, non mi aspetti! - dissi sorridendo, lei si staccò dal biondo e mi risposte: - Ci mettevi una vita! -, anche lei sorridendo e mandandomi un bacio, mi diressi verso di loro, trovando il termostato che alzai appena appena, - Qui l’atmosfera si scalda, questi è meglio toglili che dite? -, cominciai a levare da prima la maglietta a mia moglie, appena fatto ci baciammo e le leccai le tette, poi le tolti gli shorts, comprese le mutandine, ora potevo vedere la sua fica, che era fradica, non resistetti e cominciai a leccarla mentre lei si distese sul letto, e spalancò le gambe.
Senti che i ragazzi, si erano spogliati mentre sditalinavo mia moglie con due dita, e le tenevo la tetta destra, lei mi teneva la testa con tutte e due le mani, ad un certo punto le sue mani sulla mia testa non c’erano più, alzai lo sguardo per capire cosa stesse succedendo, i due ragazzi erano con i loro cazzi duri intenti a farsi fare un pompino ciascuno, uno a destra e uno a sinistra di mia moglie, con i cazzi in bocca a mia moglie, che pompava prima il biondino poi il castano, e segava chi non aveva in bocca, presi e infilai tre dita nella fica di mia moglie ma questa volta anche uno nel culo, lei senti il mio pollice nel suo culetto, mi guardò per un attimo e mi sorrise per poi rimettersi a succhiare il cazzo del biondino, che lo aveva sicuramente grosso, circa 22cm, ma anche largo, il castano era come me, poco più piccolo, ma bello massiccio, proprio come il mio.
Presi la mano del castano e la portai sulla fica di mia moglie, le tette, passarono nelle mani esclusivamente del biondo, mi alzai e presi il telefono, cominciai a riprendere la scena, lei sdraiata a gambe aperte, con tre dita nella fica che facevano su e giù, mentre si sentiva che era fradicia, e si stava per bagnare ancora di più, le sue tette, ormai gonfie e calde, pizzicate sui capezzoli dal biondo, e i due cazzi in bocca, uno da una parte e il più grosso preferito da succhiare e farsi sbattere sul viso, -Ti piace il cazzone, eh amore!? -, le dissi, lei gemette piena di cazzo, ripresi anche la sua fichetta che il ragazzo castano la sditalinavo per bene, ma al suo culetto non ci pensava più nessuno, posai allora il telefono, - Mettiti a pecorina, maialina, che ora ti faccio scopare! - le dissi mentre mi sdraiavo sul letto affianco al biondo, lei non ebbe esitazione si mise con il culo all’aria e riprese a spompinare me, ma soprattutto il cazzo del biondo, - Ha proprio un bel cazzone vero!?, ti piace? - le dissi, lei se lo tolse di bocca, continuando a segarlo, mi rispose, sorridendo e sospirando di piacere: - È anche buonissimo!!! - e lo riprese in bocca schivandolo avidamente, in castano alla visione del culo di mia moglie si catapultò a ricominciare a leccare tutto da dietro, mentre io con le mani le allargavo le chiappe e infilavo due dita nel buco del culo, lei ormai gemeva, godeva, si sentiva che le piaceva essere scopata come una troia, e il mio cazzo era durissimo, vederla alle prese con tre cazzi e godere, mi piaceva tantissimo.
Dissi al biondo con il cazzo grosso di scivolare sotto di lei, mi alzai mentre lo fece, presi il telefono e rifeci partire il video, la stava quasi per infilarlo dentro, glielo presi in mano, lì capii quanto era grosso, e cominciai a strusciarlo sulle labbra della fica di mia moglie che mugolava, e si bagnava, dissi al castano di infilarli due dita nel culo, e continui a strusciarli il cazzone sempre più in dentro alla fica, gemeva, godeva, le piaceva e anche a me tantissimo, - Voglio il cazzo dentro, amore! -, urlando di piacere, - Fammi mettere quel cazzone dentro! -, l’accompagnai nel prendilo, finché non infilò tutto e sospiro di piacere.
L’ammirai, che si cominciava a muovere, la guardavo da dietro, mentre il ragazzo castano, le muoveva due dita in culo, e il biondo, la cominciava a scopare sempre più forte, lei si muoveva sotto le spinte del ragazzo biondo, gemeva, sospirava, ansimava, - Siiiii!, che bel cazzone che hai, mi stai aprendo la fica!, Oddio come è bello...- commentava tutto il piacere che provava.
Presi e mi sdraiai affianco a quella scena, il mio cazzo era vicino a lei, lo prese in mano e comincio a segarmi, feci cenno al ragazzo castano, di cominciare anche lui, riuscì con una mano a tenere il telefono con l’altra ad aprirle un po’ le chiappe, il ragazzo si avvicinò, con il cazzo puntava il nuovo del culo di mia moglie ormai anch’esso abbastanza largo, lo appoggiò e lo infilo dentro, piano piano all’inizio poi tutto di un colpo, lei sollevò la testa, e gridò di piacere -Siiii, sfondatemi tutta, lo voglio, sfondatemi!!! - il cazzo nel culo aveva preso il ritmo del cazzone nella fica, si riabbasso gemendo e comincio a farmi un pompino, succhiando avidamente, venne poco dopo: - Oddio siii, - ripetette tirando in su la testa dal mio cazzo e riprendendo aria: - Tre cazzi tutti per meeee!, come mi piaceee! -.
Dopo alcuni minuti, notai una sciarpa, sapete quelle belle soffici, mi alzai, mia moglie mi guardò con aria dubbiosa, che spari subito, all’ennesimo colpo di cazzo nel culo, mentre il biondo le fotteva la fica a ritmi serrati, contorse le mani e stinse le coperte, con un gran sospiro, era venuta ancora, presi la sciarpa la legai intorno ai suoi occhi, e la baciai, mentre la tiravo su la voltai e lei cercava di capire cosa avessi in mente, capii subito dopo cosa stessi per fare, le allargai i culetto, e la feci calare baciandola, il biondo che stava sotto preparò il cazzo e la comincio a inculare, piano piano, - Amore, è grosso, Oddio amore!, è davvero grosso per il mio culo, me lo sta aprendo....ohhhh! -, il grosso cazzo, del biondo, la stava aprendo, anzi era già tutto dentro, - avanti amore, muoviti ora -, lei mi ribacio e ricomincio a muoversi, comincio a godere di nuovo e io, assaporai la sua fica bagnata, mentre il cazzo le passava nel culo.
Mentre riprendevo, con il telefono, la splendida inculcata, cavallerizza, di mia moglie dissi al ragazzo castano di prendila nella fica, la rifacemmo girare, questa volta il castano era sotto a possedere la sua fica rasata, e il biondo la penetrava nel culo, aprendolo bene bene, le piaceva, - Oddio si come mi riempie anche il culo! - urlava gemendo, e mentre le toccavano le tette e strizzavano i capezzoli, io posai il telefono, e le ripresi a scoparle la bocca.
Venimmo, tutti e tre quasi allo stesso momento..., la sua bocca trattenne e ingoio tutta la mia sborra, la fica gocciolante dei suoi umori e della sborra, del ragazzo castano, era meravigliosa, il suo culo aperto, gocciolava sperma, come era bella!
Sfinita e soddifatta, si prese la sborra dalla fica, e l’assaggio: - mmmmh è buona anche la tua! -.
Ci addormentiamo, nudi tutti insieme, l’annuncio di liberare le cabine, si sentiva dalle casse, e mi sveglio a me e al ragazzo castano, ci guardammo attorno, non vedevamo ne il suo amico ne mia moglie, capii subito dove era, in bagno, col biondo intenta a spompinarlo a dovere, arrivammo che il biondo stava venendo, e lei bevve tutto da brava maiala, - Amore sei sveglio? -, mi disse ingoiando le ultime gocce, - La sua non l’avevo assaggiata!, cosi...-, aggiunse sorridendo, risi anch’io, - Hai fatto bene, amore, però non mi sembra carino lasciare che il suo amico non ti offra la colazione... -, si alzò prese il cazzo del ragazzo e lo spompinò, bevendo tutto il suo nettare.
Ci vestimmo e andammo al bar a prendere un caffè, subito dopo alle macchine, salutammo i due ragazzi, e uscimmo dalla nave, appena entrati in superstrada, mi guardò e comincio a toccarmi il cazzo, - Che fai tu non me la offri la colazione? -, si mise a succhiammelo anche a me, mentre guidavo e con due dita le infilai nel buco del culo, superammo un paio di camion che ci suonarono divertiti, venni e lei ingoio tutta la mia sborra, - La più buona è sempre la tua Amore! -, disse sorridendo, mi bacio, si ricompose: - Ahhhh, che bellissima nottata, Ti amo amore mio! - disse addormentandosi sul sedile...

Racconto di Fantasia
imarchino52@gmail.com
Visualizzazioni: 2 696 Aggiunto: 4 anni fa Utente: