Premetto che sono un ragazzo di Belluno sotto i cinquanta anni, in cerca di
una scopamica che non trovo, cercano tutte l’amore. Mi diletto dunque a
letture erotiche. Oggi provo a scrivere. ( Racconto di fantasia)
Sono un artigiano e faccio un po’ di tutto, riparazioni e manutenzioni in
casa, lavoro per i privati in provincia e per le ditte mi muovo in tutto il
nord Italia. Un giorno mi chiama una signora che non conosco, gli hanno
dato il mio numero, mi dice che ha un problema con i mobiletti della
cucina, visto che sono un po’ tanto impegnato mi accordo x la mattina
seguente dicendo che devo andare lì presto. La mattina seguente arrivo
all’indirizzo, suono e mi apre una signora, seria, sembra quasi arrabbiata.
Buon giorno, le dico, sono venuto a vedere il lavoro da fare. Mi fa
entrare e mi dice di seguirla in cucina, è vestita con una tuta o pigiama
un po’ largo , e penso “ antipatica , brutta , mai na gioia” . Mi fa vedere
il problema e quindi iniziò a smontare porte , cerniere ecc. Intanto lei
sbriga delle faccende e io ( che sono un maiale) la guardo, e noto che
quando si piega le braghe della tuta danno la forma del suo sedere, un bel
culo direi, di sicuro non secco. Inizio a cambiare idea, e quindi la
osservo ancora più attentamente. Lei mi guarda , e mi chiede se voglio un
caffè, io rispondo di sì , grazie e le sorrido. Li cambia anche la sua
espressione, si sposta i capelli con le mani come volesse sistemarsi un
po’. Dopo aver messo su il caffè si siede al tavolo e sfoglia una rivista,
io lavoro e la guardo, stando piegata in avanti vedo i seni appoggiati al
tavolo, la tuta non mi lascia capire la forma ma sono grandi, pagherei per
vederli. Continuo a lavorare e guardarla , la fisso sempre di più finché si
alza e viene verso di me, sono lì in ginocchio con il cacciavite in mano e
la guardo, lei mi guarda e ..... mi dice: c’è qualcosa che non va? Devo
solo spegnere il gas, il caffè è pronto! Io come uno scemo mi sposto e a
bassa voce gli dico “ si scusa ero sopra pensiero “ Lei: mi stai fissando ,
c’è qualcosa che non va? Faccio segno di no e mentre versa il caffè gli
dico che mi sono fissato un momento a guardarla, perché è una bella donna.
Lei mi sorride e se ne va, dal corridoio mi dice : vado a cambiarmi.
Io finisco il lavoro, mentre lei ha fatto la doccia, quando torna ha un
vestito abbottonato davanti, non è chiuso sopra così lascia un po’ di
scollatura e neanche sotto gli ultimi bottoni fino al ginocchio. Mi
brillano gli occhi e lei se ne accorge, vedo che se la tira un po’.
Complimenti, gli dico. E lei: di cosa? Lei è davvero una bella signora. Mi
risponde senza guardarmi: mah non la pensano tutti così. Il mio ex
preferiva le magre. Ed ora a quasi 60 anni dove vado? Non mi vogliono più.
Prendo coraggio e dico: io la vorrei. Mi guarda, sorride e mi chiede se è
vero. Rispondo di sì , e aggiungo: ti farei sentire quanto sei bella.
Inizia un silenzio imbarazzante, mi prende per mano e mi porta in salotto:
ci sediamo? Io dico di no e la giro, inizio ad accarezzare il suo corpo ,
entro con le mani dalla scollatura e cerco il suo seno, grande e morbido,
l’altra mano entra da sotto il vestito sulle coscie, generose anche quelle
morbide e lisce. Lei sta già ansimando ma no fa niente mi lascia toccarla e
baciarle il collo. Gli tolgo il vestito è lì si vede il suo corpo segnato
dal tempo ma desiderabile, Il cielo è comunque uno spettacolo, la giro e le
slaccio il reggiseno, le sue tette ( una quarta abbondante) sta ancora su
da solo, ha i capezzoli che diventano duri a forza di succhiotti. La faccio
sedere sul divano e inizio a togliermi i pantaloni, la maglietta e poi
abbasso i boxer e gli infilo il cazzo in bocca. È calda e succhia con
voglia, lo lecca lo succhia , mi accarezza le palle gonfie mentre gli
strigo le tette. Non ne posso più è da tanto che non scopo, qui gli sfilo
gli slip, la tocco e la sento fradicia non serve spingerlo dentro , entra
da solo, sembra succhiarlo, inizio a darle dei colpi forti tenendo le sue
gambe aperte, ho i coglioni che gli sbattono sul ano . Lei gode e continua
a bagnarsi come un fiume , la sento venire, lo tirò fuori e lo infilo di
nuovo in bocca , gli arriva in gola. Gli chiedo se posso chiamarla troia,
mi guarda e mi fa cenno di sì con la tasta, non parla perché continua a
succhiare. “ come sei Troia, lo vuoi nel culo?” “ No, non lo ho mai fatto”
mi risponde
Provo a sfilarlo dalla bocca, lo infilo nella sua figa bagnata che continua
a colare , lo strofino sul buco del culo e anche lì entra da solo, prima la
cappella mentre lei chiude gli occhi, e poi tutto il resto, fino in fondo.
È bello stretto, la scopo e gli continuo a chiamarla troia, lei gode ancora
e finalmente anch’io, lo tiro fuori e gli sborro sulle tette, sembra non
finire lo sperma , erano proprio piene le palle. Rimango lì con il cazzola
sulle sue tettone che pia piano si ammoscia, riprendo fiato e anche lei
ritorna ad avere un respiro più calmo. È stato fantastico gli dico, intanto
mi alzo. Si, bello davvero , dice lei.
Andiamo in bagno assieme per lavarci, come se fosse normale, come ci
conoscessimo da tanto. Dopo ci ricomponiamo, bevo un altro caffè. E vado,
uscendo mi dice che se ha bisogno mi chiamerà ancora, visto che sono
economico :)

linojotorino@gmail.com
Visualizzazioni: 2 975 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Etero