Dopo il primo pompino nel bagno della stazione ne seguirono altri,la sequenza era sempre la stessa,io arrivavo in stazione,percorrevo velocemente i metri che dal sottoppassaggio portavano verso i bagni,trovavo Renato ad aspettarmi sulla panchina o a parlare con gli amici,gli passavo davanti,ci scambiavamo un veloce sguardo d'intesa,io entravo nel bagno,pulivo la tazza con la carta,mi sedevo e aspettavo il suo arrivo,poco dopo lui entrava,si chiudeva la porta alle spalle,si sbottonava i pantaloni e mi scopava in bocca fino a raggiungere l'apice del piacere riempendomi del suo nettare.
Nettare che avidamente facevo mio fino all'ultima goccia,lo adoravo,ed era per questo che per le successive due settima quotidianamente permettevo a Renato di svuotarsi nella mia bocca,eravamo entrambi appagati da quella breve trasgressione in quel bagno,sia io che lui eravamo molto eccitati e presi da quella storia che era appena all'inizio.
Era ovvio che doveva continuare,era scontato che non poteva fermarsi a dei semplici incontri fugaci in un bagno,entrambi eravamo portati per osare di più,per cercare nuovi piaceri,provare nuovi piaceri,per garantirci uno scambio di emozioni affinche il nostro rapporto fosse il più completo e duraturo possible,io amavo travestirmi,e a lui piaceva molto quando giravo per casa vestita a truccata ,mi aiuto nel realizzare il mio desiderio,i nostri incontri si spostarono nella sua abitazione,li avevamo tutta la tranquillità di questo mondo,era single e aveva una casa tutta per lui,tutta per noi.iniziarono cosi in nostri incontri domenstici.
Potevo andare da lui quando volevo,con il tempo mi ero fatto un guardarobba che mi permetteva di dare sfogo a tutte le mie fantasie,passavo le ore a provare e riprovare vestiti e trucchi,il narcisismo mi aveva sedotto,ma soprattutto avevo la soddisfazione di appagare lui,gli piacevo,con la mia seduzione lo eccitavo e lui mi ringraziava con memorabbili scopate e sborrate.

Non amavo e non amo ancora oggi il rapporto anale in particolarmodo,mi piace si,ma preferisco giocare di bocca,mi piace averla piena con un bel cazzo e sentirlo godere mentre mi scopa, mi appaga molto farlo venire sulla mia lingua,mi fa raggiungere il massimo del piacere sentire i suoi ultimi spasmi mentre gli lecco le ultime gocce di sperma,ma come è normale che sia arrivò la fatidica sera in cui il suo cazzo non si scopo la mia bocca ma entro dentro di me riempendomi una parte del corpo ancora inesplorata.
Una parte di me che ancora non conoscevo appieno nemmeno io anche se giocavo spesso con il mio buchetto da anni,le mie dita ed alcuni oggetti domestici avevano varcato quella soglia in più occasioni regalandomi qualche brivido in più mentre mi masturbavo,non era sfondato di sicuro ma già preparato si.
La prima volta quindi non fu difficle,io ero sciolto,preparato,lui molto esperto,quella sera mi fece fare un clistere in modo da evitare spiacevoli sorprese,mi fece travestire a mio piacimento,creò la giusta atmosmera e mi preparo alla penetrazione con abbondante lubrificante e ricchi preliminare con sextoys.
Eravamo in sala,sul divano,mentre giocavamo mi ritrovai con le braccia e le ginocchia sul divano e lui alle mie spalle,pensai subito che il momento era vicino,la nuova posizione a quattro zampre mi eccitava,non lo vedevo perchè era dietro di me ma lo sentivo,sentivo il suo corpo avvicinarsi dolcemente al mio,lo sentivo ansimare per il piacere e lo sentivo duro farsi spazio nel cul,ero abituato alle sue mani dietro la testa,mi piaceva quando bloccadomela mi faceva suo mentre mi scopava in bocca,in questo caso le sentivo sul mio sedere,sensazione che mi riempiva di brividi,le sue possenti mani mi stringevano forte quando aumentava l'intensita della scopata,invece quando l'intensità calava inizavano ad esplorare il mio corpo,le sentivo scorrevano lungo le gambe e la schiena facendomi letteralmente impazzire di piacere.
Con mio stupore subito poco dopo l'inizio della penetrazione tutto il suo cazzo riusci ad affondare nel mio culo,la sensazione era piacevole,gli accenni di dolore delle prime botte stavano lasciando il posto a spasmi di piacere che assecondavano il suo movimento,mi scopo per un pò,non durò molto,ricordo meno di dieci minuti,sempre nella stessa posizione,anche lui era molto eccitato e preso dalla situazione,mi ero accorto che in più occasioni aveva rallentato le spinte per controllare l'orgasmo,lo sentivo sempre più vicino al raggiungimento del massimo piacere,dentro di me lo percepivo sempre più gonfio e duro.
Invece il mio di cazzo aveva perso l'erezione dei primi minuti,era sensibile al piacere ma non duro,mi stava aumentando anche lo stimolo di urinare,ad ogni suo affondo deciso aumentava lo stimolo,in più occasioni pensai di non riuscire a trattenerla,ma anche quella sensazione mi regalò piaceri intensi,prima di sborrarmi nel culo l'intesita delle spinte si fecero forti e decise,tutto il mio corpo sobbalzava seguendo i suoi movimenti,le sue possenti mani salde sulle mie natiche mi facero suo,il dolore stava riafforando,sentivo il buco del culo bruciare ad ogni suo affondo,entrava e usciva dentro di me sino all'ultimo centimetro di cazzo,sentivo sbattere forte il suo inguine sulle mia chiappe,erano i colpi finali,nella mia testa ricordo mille pensieri ed emozioni,nel mio corpo tante sensazioni s'intrecciavano dando vita ad un piacere nuovo,strano ma bello,da riprovare per imparare a conoscerlo e domarlo nel migliore dei modi,arrivò l'apice del suo piacere,i suoi spasmi mi avvolsero,presi in mano il mio cazzo istintivamente per segarlo,anche la mia eccitazione in quel momento era copiosa,percepivo il suo cazzo perdere di vigore mentre il mio acquistarlo.
Lentamente lo tiro fuori,la sensazione di vuoto era strana,era stato tutto piacevole,intenso e bellissimo,inizio a pulirsi la sborra rimasta sulla cappela tra le mie natiche e fu li che realizzai una cosa,fino ad oggi ogni nostro rapporto,dal primo nel bagno della stazione a quello della sera prima a casa sua si concludevano sempre con lui che mi sborrava in bocca ed io a prenderla tutta,dal primo rapporto ad oggi erano passati circa due mesi,due mesi di bevute che mi avevano reso felice e schiavo di quel gesto,mi sentivo come in astinenza perchè in quella occasione non avevo dato il giusto sfogo alla mia perversione e mi pesava,finito il rapporto andai di corsa in bagno ad urinare,fu una pisciata lunga e copiosa,liberatoria a cui segui una sega,avevo perso la verginità in culo,e mi era piaciuto,con Renato avevamo fatto un'ulteriore passo in avanti in un rapporto che sembrava promettere bene,e ne ero felice,tutto bello,ero soddisfatto di me,l'unica nota negativa della serata era che non avevo appagato la mia voglia di sborra.
Visualizzazioni: 4 731 Aggiunto: 5 anni fa Utente: