CAP. III

LA PROF LO VUOLE NEL CULO

Voglio la prof Sciarra! La sogno di continuo, è una ossessione. Voglio il suo culo... Lo voglio adesso! Questo pensiero mi martella in testa mentre nel salotto è calato un silenzio carico di elettricità che genera una folle tensione erotica, ed io mi ritrovo in piedi accanto al tavolo senza neanche rendermene conto e fisso il suo culo. Sono pietrificato e sto in silenzio come quando faccio scena muta durante l'interrogazione e, proprio come in una interrogazione, è lei a pungolare e incalzare per stimolarmi a dire qualcosa, e adesso vuole stuzzicarmi a ''fare qualcosa'' e per spronarmi si china ancor di più ed agita il culo. Sculetta ora come una zoccola poi nasconde la faccia sul braccio piegato sul davanzale di travertino, mentre si sbottona i jeans e si abbassa la zip e cerca di calarseli, ma con una sola mano non riesce e allora sospirando usa anche l'altra e appena se li abbassa a metà coscia riporta le braccia sul davanzale e nasconde la faccia.

Mi sbatte il suo culo davanti e si nasconde, io sono incredulo e sbigottito, con la testa che mi gira per l'emozione, sto per farfugliare ''prof Sciarra...'' ma lei mi interrompe subito, mi sgrida intimandomi di non pronunciare quel nome. Dice con tono rabbioso che posso avere il culo che tanto desidero ma che, per il tempo che lo avrò, noi non saremo noi. Stringe la testa fra le mani, con le dita che affondano nella chioma arricciata e con un tono gelido mi ordina (implorando allo stesso tempo) di fotterla, di incularla come sto desiderando da tanto. Mi sprona a farle quello che tutti i maschi dell'istituto -studenti, professori e bidelli- vorrebbero farle: scoparla nel culo! Ed io adesso mi trovo a pochi cm dal suo culo, e respiro così affannosamente che il mio fiato lo sente scorrere sulle chiappe.

Non so quantificare il tempo che passo immobile a testa bassa a guardare il culo della mia professoressa. Un paio di volte sollevo gli occhi e vedo sempre la sua testa nascosta tra le braccia e le dita che stringono nervose le ciocche di capelli, poi, incalzato dalla sua voce roca che insiste, chiudo gli occhi, prendo un respiro lento e metto le mani, aperte e sudatissime, su quelle natiche perfettamente rotonde e sode e inizio ad accarezzarle con movimenti leggeri e timorosi, poi ci prendo gusto e prendo coraggio e le do palpate sempre più decise. Lei inizia a dare sbuffi a metà tra la rabbia e il piacere, poi ripete che vuole essere scopata e continua a spronarmi e anzi mi guida dicendomi di tirare fuori il cazzo e strusciarglielo sulle chiappe ed io lo faccio. Mi abbasso la tuta e subito svetta una nerchia dura e pulsante che avvicino al suo culo. Porto la cappella a toccarle i glutei e poi la faccio scorrere lungo il solco che li divide. Sono gesti che compio con lentezza e timore, ho paura che la professoressa si desti da questa specie di trance nella quale si trova e allora sarei fottuto io, a quanto sembra però di rinsavire non ne ha affatto intenzione:

''Baciamelo Perri... baciami il culo,'' mi dice anzi, ripetendolo più volte.

''Ficcaci la lingua... Voglio sentire la tua lingua dentro il culo... Dai Perri!''.

La sua voce bassa e roca si fa ancora più insistente ed io vinco la repulsione e dopo averle leccato le chiappe le lecco il bordo del buco ma lei insiste e vuole che glielo apra, io tentenno confuso e allora lei sbuffando si porta le mani sul culo e si divarica le chiappe mostrandomi per bene il buco e mi dice: ''lecca ora, coglione di un Perri. Slinguami il buco del culo!''
Quel suo modo sboccato di parlare mi scuote con una nuova scarica di eccitazione più forte del disgusto, infilo la lingua nell'ano e la spingo nel retto ma con ribrezzo mentre la sento strisciare all'inizio di quel canale umidiccio, ritiro la lingua ed ho un conato di vomito quando sento in bocca un ché di vischioso, ma sono troppo eccitato e non voglio far capire alla prof il mio disgusto quindi mi faccio passare quel conato, riporto la cappella contro il suo buco e comincio a forzare.

Lei ansima e sbuffa poi mi manda in cucina a prendere del burro e quando torno lei con la voce bassa mi ordina di spalmarlo sul cazzo e nel bordo del suo buchino. Io affondo le dita nel panetto tirandone su una manciata, passo e ripasso la mano impiastrata sul cazzo, la dirigo finalmente nel suo buco e inizio a spingere la cappella che pur trovandolo stretto entra con discreta facilità nel culo della prof!

Una volta aperta la strada il mio cazzo stantuffa che è una bellezza e ad ogni affondo l'asta guadagna più centimetri dentro di lei che l'accoglie lanciando lamenti che spezza mordendosi le labbra, alternandoli ad ansimi e gemiti di dolore e di piacere.

Non credo alla situazione che sto vivendo, continuo a ripetermi che sto sognando tutto eppure sento i muscoli dell'inguine tirare e sento il cazzo stretto nel buco scivoloso dove è infilato e lo sento lo spingere sempre più a fondo; sento la sacca delle palle arrivare a toccare i glutei della prof Sciarra che sta a novanta gradi con i jeans e le mutandine abbassati fino alle ginocchia e le braccia conserte sul davanzale e che ad ogni mio affondo butta fiato contro il vetro appannandolo. Sento tutto questo e sento che sto per venirle dentro e glielo dico ansimando.

''Sborrami, Perri. Sborrami dentro,'' risponde la prof, anche lei con la voce rotta dal piacere. E così dopo un'altra stantuffata libero tutta la sborra nel culo della mia prof. Appena sfilo il cazzo dal suo buco la sento borbottare qualcosa ma sono stordito da ciò che abbiamo appena fatto e non capisco cosa dica e resto fermo e intontito. Lei dopo qualche secondo lo ripete, scandendo le parole e con un tono basso ma secco e molto infastidito e rabbioso sibila: ''Sparisci ora. Vattene!''

Dall'appartamento della prof Sciarra scappo stravolto, confuso, incredulo ma felice e queste sensazioni me le tengo addosso anche nei giorni seguenti. Soprattutto è il pensiero di dovermi presentare a scuola il giorno dopo a tenermi più in ansia ma la sera della inculata lei telefona a casa, mia madre prende la chiamata e mi passa la cornetta annunciandomi che la prof deve dirmi una cosa; io deglutisco inquieto, afferro il ricevitore con la mano sudata. Lei dall'altro capo dice poche parole col suo tono basso, scandito e glaciale: ''Guai a te se parli.''

Continua

(per commenti: pensieriosceni@yahoo.it)
Visualizzazioni: 5 303 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Etero Prime Esperienze