I piedi di Ambra



Personaggi:

Luca: Io
Ambra: La sorella di Valentina
Valentina: La mia ragazza


Note: Durante il racconto ci saranno abbreviazioni per i personaggi. (Ambra - A) (Valentina - V) (Luca - L). La voce pensiero dei personaggi verrà indicata in questo modo: << esempio >> . Il racconto è scritto in prima persona.

Location: Roma. Appartamento dei genitori di Ambra e Valentina.




Roma è la città più bella del mondo. I suoi colori, l'armonia della gente, il calore dei cuori che battono nei vicoli trasteverini nelle sere d'estate o all'ombra del Colosseo i turisti che rimangono folgorati dalla magnificenza dell'Urbe che un tempo fu Caput mundi. Mi ha accolto a braccia aperte; nonostante tutte le sue pecche sui trasporti e infrastrutture, l'amore per questa città rimane immenso. E a proposito di amore, due anni fa infatti mi fece incontrare una ragazza meravigliosa che ancora oggi è la mia ragazza. Lei si chiama Valentina, 23 anni, alta 1.70 cm, di corporatura media, bionda naturale, occhi azzurri con una leggera sfumatura di verde, labbra sottili e seconda di seno. Quest'anno ho deciso di abbandonare la casa che mi ha ospitato per ben 3 anni, lasciandoci i miei due coinquilini che mi hanno tenuto compagnia, sostenuto e divertito per tutto questo tempo. Un addio doloroso ma necessario per dare una svolta alla mia vita; ho infatti deciso di comprare una casa che sia tutta mia. Dopo mesi di ricerche finalmente l'ho trovata. Un appartamento di 90mq, con una discreta vista sulla città. Peccato però che necessiti di ristrutturazione e parlando con l'impresa edile che ne curerà il processo mi comunica che non sarà pronta prima di 2 mesi. Inizialmente fui preso dal panico poiché avevo già lasciato la mia precedente dimora e non potevo tornarci perché un altro inquilino aveva già preso possesso di quella che fino a poco tempo prima era stata la mia stanza. Non potendo abbandonare il lavoro decisi di sistemarmi in un B&B. Appena V lo venne a sapere (due giorni dopo che mi ero sistemato nel B&B) si arrabbiò e disse che ero stato un completo idiota a non averglielo detto prima. Il giorno dopo, nel pomeriggio, ricevetti una sua telefonata. Risposi. Dall'altra parte del telefono però parlava sua madre che mi invitava a prendere le mie valigie e raggiungerli a casa offrendomi ospitalità. Tentai di rifiutare dicendole che non doveva preoccuparsi e che non volevo approfittare della loro gentilezza ma lei non volle sentire ragioni e mi disse che mi avrebbero accolto in serata nella loro casa. Dopo un sospiro, presi fiato e mormorai: "Va bene.. La ringrazio molto". Dopo avermi salutato mi passò sua figlia che prima di chiudere aggiunse scherzosamente: "Hai sentito gli ordini? Muoviti cretino! Ti aspettiamo". 3 ore dopo, ero in un taxi che mi stava portando sotto casa della mia ragazza. Con due trolley voluminosi presi l'ascensore e salii al 5 piano. Suonai il campanello e la porta fu spalancata da V che dalla gioia mi saltò addosso. Appena entrato notai lo stile dell'appartamento; un mix tra antico e moderno. Dopo qualche secondo arrivò suo padre che mi strinse la mano dandomi il benvenuto seguito un attimo dopo dalla moglie che mi abbracciò invitandomi a posare le valigie nella camera che avevano preparato per me e di raggiungerli poi in soggiorno. Dopo averle posate andai in soggiorno dove li trovai che mi aspettavano seduti sui due divani spaziosi e molto comodi imbottiti di piume. Discutemmo della relazione che avevo oramai con la loro figlia da due anni, del mio lavoro e della nuova casa che stavo ristrutturando. Dopo circa un'oretta di conversazione sentimmo il rumore della serratura di casa che si apriva. La porta si spalancò ed entrò Ambra, 24 anni, la sorella di V. Notai subito la sua meravigliosa avvenenza che per alcuni aspetti, superava di gran lunga quella della mia ragazza. Alta 1.65 cm, di corporatura magra, mora, occhi marroni, labbra carnose e una terza di seno. "Ciao a tutti, scusate il ritardo ma mi hanno trattenuto al lavoro". A, notando la mia presenza in soggiorno, mi venne incontro dicendo: "Tu devi essere Luca, il ragazzo di Vale!?" "Si, così sembra" "Cretino!" disse V che ridendo mi diede uno schiaffetto sulla guancia. "Ahaha, beh dai simpatico! Piacere io sono Ambra" "Piacere, Luca". Arrivò ora di cena e per ricambiare l'ospitalità dei miei "suoceri" mi proposi di aiutarli apparecchiando la tavola insieme a V. Per fare bella figura, la madre aveva preparato una cena con i fiocchi: Pasta alla norma (composta dagli ortaggi donati dalla loro anziana vicina che due volte a settimana li riforniva con i prodotti provenienti dalla sua casa in campagna), sautè di vongole veraci accompagnate da patate bollite ripassate in pentola con olio e timo e per dessert creme brulèe. Durante la cena conversammo e ridemmo allegramente. Mentre il sautè con patate riempiva i nostri piatti, feci cadere inavvertitamente sotto il tavolo il tovagliolo bianco che avevo sulle gambe. Mi chinai per raccoglierlo e alzai di poco la tovaglia. Rimasi estasiato da quello che vidi. A stava cenando con i piedi scalzi appoggiati sopra le sue pantofole. Aveva dei piedi stupendi, da principessa; notai che erano molto curati e che indossava un meraviglioso smalto rosso porpora. Mi rialzai repentinamente. Forse troppo visto che sbattei la testa sotto la superficie del tavolo provocando una risata generale. La cena proseguì e al termine feci non pochi complimenti a mia suocera per la sua incredibile maestria culinaria. Dopo essermi ritirato nella mia stanza degli ospiti, guardai un film al pc non riuscendo a prendere sonno. Al termine finalmente il sonno prese il sopravvento e mi addormentai. Il giorno seguente mi svegliai di buon ora come mio solito. Andai in bagno, tornai in camera e mi infilai i vestiti. Credevo di trovare qualcuno in cucina per fare colazione ma mi accorsi che la casa era troppo silenziosa. Essendo Sabato, tutti ancora dormivano. Ripercorsi il corridoio che portava in camera ma prima di giungervi notai la porta della camera di A e V che era semi spalancata. Il letto più vicino all'ingresso della stanza era quello di A che dormiva, come la sorella, a pancia in giù con una mascherina sugli occhi. Un brivido attraversò tutta la mia spina dorsale. Il mio istinto mi suggeriva di entrare nella stanza. Diedi una rapida occhiata alla porta della camera dei genitori che era di fronte alla mia in fondo al corridoio e lasciando le ciabatte fuori dalla porta entrai. La loro camera sembrava un museo di peluche, poster di attori e cantanti famosi. Camminando sulle punte per non fare rumore, mi avvicinai al letto di A che ancora veniva cullata dolcemente tra le braccia di Morfeo. Al lato del letto c'erano le sue pantofole che non resistetti ad afferrare. Mi sedetti a terra con in mano le sue pantofole che indicavano la misura: 37. La mia intuizione della sera precedente fu confermata: aveva il piede perfetto da principessa delle fiabe. Buttai fuori tutta l'aria e inspirai l'interno delle sue pantofole. Un odore meraviglioso. Il cuore mi cominciò a battere all'impazzata in preda all'eccitazione e alla meravigliosa fragranza emanata. Diedi più sniffate finché A d'un tratto si girò sull'altro fianco. Ritornai di colpo alla realtà; non potevo restare lì oltre. Mi alzai, posai le pantofole dove le avevo trovate e uscii di soppiatto dalla stanza. Proprio in quel momento, dopo essermi appena rimesso le ciabatte ai piedi, vidi la porta della camera dei miei "suoceri" spalancarsi e ne uscì suo padre che mi diede il buongiorno domandandomi se avessi dormito bene. Con il cuore in gola risposi di si. "Speravo di trovare qualcuno per fare colazione ma visto che stavate tutti dormendo stavo tornando in camera". Mi fece notare che erano le 07:30 e che le ragazze di solito a quell'ora neanche la terza guerra mondiale le avrebbe svegliate. "E poi è Sabato. Oggi non si lavora" aggiunsi con un sorriso da ebete. Silenzio. Alzando il sopracciglio mi rispose che lui invece si sarebbe dovuto recare in ufficio tra un'ora. <> Notando il mio evidente imbarazzo mi diede una pacca sulla spalla e mi propose di fare colazione con lui in cucina. Accettai. Constatammo durante la colazione che facevamo il tifo per due squadre di calcio opposte, acerrime nemiche tra loro. Con una battuta mi salutò, mi augurò una buona giornata e mi disse tra il serio e lo scherzoso di prestare attenzione alle sue donne. "Non si preoccupi! Lo farò senz'altro". Tornai in camera e buttandomi sul letto guardai il soffitto e ripensai a quello che avevo fatto poco prima in camera delle ragazze. Mi divenne duro al ricordo dell'odore delle sue pantofole e così decisi di masturbarmi. Liberato dalla tensione accesi il pc per vedere le notizie del giorno. Successivamente guardai contenuti su YouTube per passare il tempo e per farlo indossai le cuffiette per non disturbare. Erano le 10:00 quando V mi prese alle spalle facendomi sobbalzare sulla sedia. Ci baciammo appassionatamente. Si erano svegliate anche A e sua madre. Dopo aver fatto colazione ed essersi preparate mi chiesero cosa volessi fare. "Non saprei. Potremmo fare un giro..magari in un centro commerciale!?""Siii! Ottima idea amore!". 10 minuti dopo prendemmo la macchina e ci recammo al centro commerciale. Passammo l'intera giornata lì dentro, facendo una pausa pranzo alle 14:00. Mi pentii moltissimo di aver proposto quell'idea. Tornammo a casa distrutti verso le 19:00 e ognuno di noi si ritirò nella propria stanza. Entrò una mezz'ora dopo V nella mia stanza dicendo che sua madre aveva dimenticato di prendere alcune cose al supermercato e mi domandò se avevo voglia di accompagnarle. "No Vale sono distrutto, ti dispiace se non vengo?" "Ma no figurati tanto è qui vicino, facciamo subito. Non preoccuparti" mi disse dandomi un bacio sulle labbra. Sentii poco dopo la porta di casa chiudersi alle loro spalle. Ero rimasto da solo. O almeno così credevo. Infatti qualche minuto dopo sentii dei passi nel corridoio e una porta chiudersi a chiave. A era rimasta a casa. Decisi di andare a bussare alla sua porta per fare conversazione. Bussai. Nessuna risposta. Stavo per chiamarla quando d'un tratto sentii il rumore dell'acqua della doccia provenire dal bagno. Non persi neanche un secondo e mi fiondai davanti la porta del bagno; mi piegai e spiai attraverso il buco della serratura. A era in piedi in intimo di spalle alla porta che si stava slacciando il reggiseno bianco. Il mio pene ebbe un erezione e sbottonai la patta tirandolo fuori. Lei posò il reggiseno in un cesto panni, si sfilò le mutandine bianche che buttò affianco al reggiseno e lo stesso fece con i calzini. Si voltò e finalmente potevo ammirarla come madre natura l'aveva concepita. Due seni sodi con degli enormi capezzoli e il pube completamente depilato. Era elegantissima nei suoi movimenti. La osservai mentre passava dolcemente il bagnoschiuma sul suo corpo che ospitava quelle meravigliose curve pericolose. Aumentai il ritmo della masturbazione finché non eiaculai nella mia mano. Lei nel frattempo uscì dalla doccia e indossò un accappatoio blu. Mi ritirai nella mia stanza con ancora il mio seme nella mano che ripulii del tutto con un fazzoletto. Incredibile. Mi ero appena masturbato sulla sorella della mia ragazza! La mia V! Mi sentii in colpa; sembrava quasi come se l'avessi tradita. Mentre rimuginavo sull'accaduto udii il rumore della serratura della porta di casa aprirsi. Era mio "suocero" che rientrava da una giornata difficile al lavoro, durante la quale, racconterà a cena, era stata pesantissima poiché il suo collega che avrebbe dovuto fare degli ordini di spedizione quel giorno si era dato malato e che quegli ordini dovevano necessariamente partire entro quel giorno, dovendosi quindi accollare tutta la mole di lavoro, non solo sua ma anche quella del collega. Pochi minuti più tardi tornarono a casa anche V e sua madre con diverse buste della spesa. "Meno male che erano solo alcune cose!" dissi scherzosamente offrendogli una mano per le buste. Risero. "Si effettivamente ci sarebbe proprio servito il tuo aiuto!". Un'ora più tardi cenammo. Giunse mezzanotte e andammo a dormire. Ore 04:00. Mi sveglio nel cuore della notte. Non avendo avuto lo stimolo prima di andare a letto, non avevo liberato la vescica. Mi alzai di controvoglia e andai in bagno. Aprii la porta e la richiusi alle mie spalle. Alzai la tavoletta e liberai lentamente la vescica. Mentre lo facevo, osservavo il bagno e mi ritornò in mente la scena di A nella doccia. Sorrisi. Poi il mio sguardo però cadde sul cesto dei panni. L'intorpidimento dovuto dal sonno passò e fece spazio all'eccitazione. Non resistetti. La curiosità era troppa. Aprii il cesto e vidi diversi panni sporchi; alcuni chiaramente di mio suocero altri delle donne di casa. Ovviamente in cima alla pila di panni c'erano il reggiseno, le mutandine e i calzini bianchi di A. Mi sembrò come se quegli indumenti avessero una voce propria e mi incitavano a prenderli. Esitai ma non resistetti. Presi le mutandine e le portai al naso. Le odorai con forza come se volessi aspirare tutto l'odore di quel sesso proibito e non lasciarne traccia alcuna sull'indumento. Ero estasiato. Mi diventò duro come il marmo e cominciai a masturbarmi. Dopo alcuni minuti però quelle mutandine avevano perso attrattiva e decisi di riposarle. Nel farlo vidi i calzini che presi e odorai con tutta la capacità polmonare che avevo in corpo. Il mio pene si gonfiò ulteriormente e aumentai il ritmo. Stavo per raggiungere l'orgasmo. La porta del bagno si aprì improvvisamente e mi trovai davanti A che rimase impalata sull'ingresso. Gelo. Silenzio. Rimanemmo entrambi immobili. Tra pochi secondi urlerà e sarà la mia fine. Ma perché ca**o non ho chiuso la porta a chiave!? La mia mente in quei secondi proietta le immagini come in un film dell'imminente futuro: V che mi lascia in lacrime ordinandomi di sparire dalla sua vita, il padre che sta avendo un infarto perché vorrebbe ammazzarmi, sua madre che mi guarda con sdegno. "Cazzo fai? Ti seghi sui miei calzini?" disse con calma A rompendo quel silenzio imbarazzante. Vengo ricatapultato alla realtà e immediatamente poso velocemente i calzini nel cesto. "No!" dico con un nodo alla gola. "Ho soltanto visto quel cesto ed ero curioso di vedere cos.." "Sei serio? Credi che sia così stupida?" . Effettivamente neanche io se fossi stato al suo posto avrei creduto ad una simile scusa campata in aria negando l'evidenza. Silenzio. A varcò la soglia del bagno e chiuse la porta a chiave. "Che cosa f.." "Zitto, o mi metto ad urlare". Lei indossava un pigiama bianco e rosa con fantasie di gatti sul petto. Io ero ancora seduto sul water e nascondevo in mezzo alle gambe il mio pene ancora semi eretto. "Apri le gambe, muoviti" "Cosa?" "Vuoi che mi metto ad urlare?" "Nono per carità, ti prego!" "Allora fai quello che ti ho detto". Esitai. <> pensai. A alzò la mano e fece il gesto con le dita di un conto alla rovescia che partiva dal 3. Abbassò il primo dito. <>. Abbassò anche il secondo. <>. Aprii le gambe e come una molla il mio pene balzò verso l’alto. Silenzio. A che aveva ancora la mano alzata con l’unico dito rimasto su, mi osservò il pene con attenzione. Dopo alcuni secondi disse “Bene. Ora mettiti seduto a terra con le gambe divaricate verso il water” <>. Lo feci. Appena fui a terra, A venne verso di me, mi superò, abbassò la tavoletta del water e si sedette di fronte a me. “Vieni più vicino”. Mi avvicinai ulteriormente. Si tolse le pantofole e disse “Allora.. Ti piacciono i miei piedi?”. Erano bellissimi ed emanavano un odore forte; erano decisamente sudati. “Si Ambra, hai dei piedi stupendi”. Mi protraggo in avanti per poterli baciare ma lei mi tira un calcetto sul mento. “Cazzo fai? Non ti ho detto che puoi avvicinarti. Allontana sta faccia”. Sconsolato e confuso mi allontanai. “Ora chiudi gli occhi e metti una mano sul pisello ma non segarti.” “Va bene…”. Chiusi gli occhi e misi una mano sul mio pene rimanendo immobile. Non capii le sue intenzioni finché qualche secondo dopo avvertii le dita del suo piede schiacciarmi i testicoli. “Apri gli occhi”. Il suo volto aveva cambiato espressione, era sadica. “Comincia a segarti” mi ordinò. Cominciai a masturbarmi lentamente. “Più veloce coglione”. Il modo in cui lo disse mi fece pompare più sangue e iniziai ad andare più velocemente. Il mio pene era contento ma allo stesso tempo soffriva per via del peso che A esercitava con il suo piede sui testicoli. “Sbrigati a sborrare, non ho tutta la notte!” “Si Ambra, sborro per te!”. Man mano che continuavo a masturbarlo sempre più veloce, A applicava più peso e affondava ruotando il piede come un minatore avido che scava in cerca dell’oro. “Ambra sto venendo!”. Dopo alcuni secondi, il collo del piede e parte della gamba di A erano state ricoperte da 5 violenti schizzi di sperma. Ansimavo dal piacere e dal dolore allo stesso tempo. Quando A tolse il piede, vidi i miei testicoli che avevano assunto una colorazione violacea. “Ora pulisci con lingua” mi ordinò tendendo il suo piede carico del mio caldo seme. La guardai imbambolato. “Muoviti!”. Leccai tutto, ripulendo ogni mia singola goccia di sperma. Era la prima volta che assaggiavo il mio sperma; caldo, denso, leggermente salato e appiccicoso. “Alzati in piedi”. Mi alzai e mi allontanai leggermente da lei. Prese un asciugamano di spugna da uno degli scompartimenti sopra la lavatrice e me lo mise in bocca. “Chiudi gli occhi”. Non capivo. Cos'altro voleva ancora? “Chiudili subito! E mordi quell’asciugamano”. Imbambolato ancora dall'orgasmo e dall'assurda richiesta lo feci. Silenzio. Pochi secondi dopo ero a terra con l’asciugamano ancora in bocca che soffocava le mie urla. A mi aveva dato un calcio in mezzo alle gambe. Mentre ero a terra che mi contorcevo dal dolore lei mi si avvicinò e mi sussurrò all'orecchio: “Da adesso sei mio”. Aprì la porta, uscì e la richiuse. Rimasi per qualche minuto a terra a contorcermi finché il dolore non svanì del tutto. Mi rialzai lentamente e a fatica ritornai nella mia stanza. Erano 04:30. Il silenzio assordante della casa fendeva l’aria rarefatta della notte. Non riuscii più a dormire. Passavano le ore; il mattino sembrava non arrivare mai. Per non far mancar nulla alla serata dovetti anche subirmi ad un certo punto le flatulenze rumorose di mio suocero che, anche lui qualche ora più tardi, aveva avuto necessità di dover liberare durante la notte il suo intestino, con tanto di versi di compiacenza della sua opera d’arte che, immagino a detta sua, avrebbe riscritto le pagine della storia dell’arte, facendo impallidire persino il maestro Kandinskij. Il mattino arrivò con i suoi naturali tempi che a me sembrarono tanto oceani del tempo. Durante la colazione avevo lo sguardo basso. “Tesoro buongiorno eh! Ti senti bene? Hai delle occhiaie pazzesche!” “Si amore scusa buongiorno a te!” dissi dandole un bacio. “Ho avuto un po’ di dolori stanotte.. intestinali” ”Ahia mi dispiace Luca! Ma adesso ti senti meglio?” disse A con una velata vena di sarcasmo che fortunatamente riuscì a non rendere evidente ai restanti componenti della famiglia “Sisi, sono solo un po’ stordito Ambra.” Mentre beveva dalla tazza il suo cappuccino riuscivo ad intravedere nei suoi occhi, un sorriso beffardo. Quando terminammo la colazione erano usciti tutta dalla cucina ed eravamo rimasti soli io e A. Silenzio. Mi alzo e sto per varcare la porta per il corridoio quando A sibilò: “Non è ancora finita!”.


FINE
Visualizzazioni: 6 442 Aggiunto: 4 anni fa Utente: