La mia ragazza al cinema


Personaggi:

Fabrizio: Io
Silvia: La mia ragazza
Francesco: Ragazzo sconosciuto 1
Marco: Ragazzo sconosciuto 2

Note: Durante il racconto ci saranno abbreviazioni per i personaggi. (Silvia - S) (Francesco - F) (Marco - M) (Fabrizio - FBR). Il racconto è scritto in prima persona.

Location: Roma. Multisala cinematografico. Posti a sedere 200. Spettacolo delle 22:30.



"Stasera voglio andare al cinema". Esordiva così la mia ragazza Silvia al telefono, in un pomeriggio uggioso di Settembre. S è una ragazza di 22 anni, alta 1.67 cm, di corporatura magra, capelli biondo castano, occhi marroni, labbra non eccessivamente carnose e terza di seno. Quella sera era decisamente mozzafiato; indossava sotto il cappotto una camicia bianca, una minigonna blu, calze a rete e tacchi. Quando entrammo nella sala non c'era nessuno; decidemmo allora di metterci verso le ultime file così da poter avere una migliore visuale del film. Dopo una decina di minuti, durante la pubblicità, vedo alle nostre spalle la porta della sala aprirsi ed entrano due ragazzi (Francesco e Marco) che decidono di sedersi nella fila davanti a noi. Mentre i trailer dei vari film in uscita scorrono sullo schermo noto che i ragazzi sì voltavano spesso a guardarci, prestando particolare attenzione alla mia ragazza e dopo essersi rivoltati bisbigliavano tra di loro. Feci finta di niente. Il film comincia. Dopo una mezz'oretta ho urgenza di usare il bagno (non ero riuscito ad andare a casa prima poiché temevo di far tardi all'appuntamento con lei) così mi alzo ed esco fuori dalla sala. Dopo aver dovuto aspettare un signore che evidentemente non si era sentito bene in bagno (l'unico disponibile), torno dopo un quarto d'ora circa e noto che nel corridoio che portava alla nostra sala si erano fulminate le luci, lasciando quindi il corridoio al buio. Attivo quindi la torcia del telefono per arrivare alla porta della sala. Una volta arrivato lì davanti spengo la torcia e la apro. Appena entrato noto di spalle la mia ragazza seduta in mezzo ai due ragazzi. Resto pietrificato; un brivido gelido corre sulla mia schiena. Vorrei catapultarmi lì e fare un casino, ma inspiegabilmente qualcosa dentro di me mi blocca. Decido così di avvicinarmi di soppiatto per vedere cosa stanno combinando. Mi abbasso e comincio a gattonare verso l'inizio della nostra fila. Purtroppo non riesco a decifrare cosa stiano facendo, sono troppo lontani e il buio della sala non aiuta. Sempre gattonando allora supero la nostra fila e mi inserisco nella fila precedentemente occupata dai due ragazzi; riesco ad arrivare all'altezza delle loro sedute e tra gli spazi delle poltrone ho una perfetta visuale del terzetto. Lei stava segando contemporaneamente i membri eretti dei due. Mentre lo faceva, si voltava spesso alle sue spalle guardando la porta della sala. Capii così che lei non mi aveva visto rientrare. "Cazzo fratè, è proprio brava" disse F al suo amico che che come lui stava godendo. "Mm sii, Silvia sei divina" disse M ad S dandole un bacio sul collo. "Ho paura che il mio ragazzo torni da un momento all'altro e non credo sarà contento di questo, sbrigatevi a sborrare". Sentirla parlare così in preda all'eccitazione e alla paura allo stesso tempo, mi fece eccitare. Il mio membro spingeva violentemente contro il jeans, segno inconfondibile di apprezzamento a quello che stavo assistendo. Sbottonai la patta e me lo tirai fuori. Cominciai a segarmi. Dopo qualche secondo, F prese d'un tratto la testa di S spingendola verso il suo pene. "Dai succhiaci i cazzi Silvia". "No non posso, e se torna all'improvviso? Se lo faccio non posso neanche controllare la porta!". "Tranquilla controlliamo noi, fidati". Dopo qualche secondo di silenzio, guardando nel frattempo le due erezioni, disse "Sicuri? Controllate voi?" "Certo tesoro, stai tranquilla". Dopo l'ultima occhiata veloce alla porta si piegò e cominciò a succhiare il pene di F. Quest'ultimo accompagnava il suo movimento con la mano poggiata sulla testa di S. Nel frattempo M gli toccava le cosce e dopo poco arrivò a toccargli la vagina da sopra le sue mutandine di pizzo azzurro. Poco dopo si inumidì le dita e gli scostò le mutandine. Lei cominciò a mugolare di piacere. "Mamma mia come sei bagnata!" Lei smise di succhiarlo a F e disse con il sorriso "Colpa vostra ragazzi!". Risero tutti e tre. "Dai adesso succhiaglielo a lui". Lei cominciò a succhiarlo a M mentre F gli tastava il seno. Nel frattempo io avevo il pene che mi stava scoppiando come mai avevo visto prima e continuavo a segarmi di fronte a tutto quell'eros. "Dai facci vedè sta fichetta adesso" "No ragà basta, sento che sta per tornare Fabrizio" " Stai tranquilla ci pensiamo noi a lui" "In che senso?" "Che se rompe i cojoini lo menamo" "Si infatti, cazzo vò fa quello? E' tarmente secco che se je dò na sberla è capace che more sul colpo!" Entrambi i ragazzi ridacchiano. "Beh si effettivamente.. Penso che non avreste problemi a stenderlo" disse S con una risatina. In quel momento mi sentii impotente; se prima sarei uscito allo scoperto a fare casino adesso mi rendevo conto ad aver fatto bene a restare lì nascosto. "Allora daje, facce vedè". Lei esitò. Poi si sfilò le mutandine e le mise in borsa. Si alzò la gonna e aprì le gambe mostrando ai due il suo fiore privo di peluria. "Madonna che spettacolo" "Allora? Chi comincia?" I due si guardarono e M disse "Daje Fra comincia te, sfonnala!" "Grazie fratè,tanto dopo famo a cambio" e gli diede una pacca sulla spalla. F tirò fuori il portafoglio ed estrasse un preservativo; lo scartò e fece scivolare l'involucro del profilattico su tutta la lunghezza del suo pene. La confezione, che buttò a terra, indicava la misura. XL. Io di solito oscillo tra una XS e una S. "Vieni qua!" disse F facendo scivolare S sulla sua poltrona con la schiena completamente appoggiata sulla seduta. Lei con le gambe si avvinghiò al suo corpo. Pochi istanti e la penetrò perché lei emise un gemito di piacere. "Cazzo è enorme!" "Ti piace eh? Scommetto che il ragazzo tuo ce l'ha piccolo!" "Eh si" disse S mostrando con le dita la misura del mio pene ridacchiando. Mi sentivo umiliato ma allo stesso tempo volevo che la spaccassero per bene. Non avevo mai visto la mia ragazza godere in quel modo. Nel frattempo che F donava la sua presenza eretta dentro di lei, M gli sbottonò la camicetta rivelando i suoi seni che cominciò a palpare con foga. Dopo alcuni minuti però F si arrestò bruscamente e disse "Cazzo!" "Che c'è fratè?" "Me s'è rotto il preservativo!" "Cazzo! E mo?" Silenzio. F lo tirò fuori e si sfilò il profilattico ormai inutilizzabile. Pensai fosse finita lì e che S li avrebbe liquidati ma poi all'improvviso disse "Vabbè dai, basta che lo tiri fuori quando stai per venire,no?" Increduli, i due ragazzi si guardavano tra di loro. Poi F disse "Sicura? Nun te da fastidio?" "Cazzo ti vuoi muovere a scoparmi o no?". F non se lo fece ripetere due volte che subito lo rimise dentro e cominciò a domarla. "Mmh si porco, spingi". F aumentò il ritmo mentre M si alzò e lo mise nella bocca di S. Vederla in balia di due maschi così rudi mi fece pompare più sangue al pene che era quasi diventato violaceo. "Dai fratè tocca a te!" disse F dopo alcuni minuti. Si sfilò e sedendosi lasciò il posto a M che la girò mettendola nella posizione della pecorina. Mentre M spingeva il suo sesso dentro di lei, F dopo aver ripreso fiato sfilò i tacchi dai piedi di S. Cominciò ad annusarli mentre aveva il suo membro in mano. Dopo qualche secondo disse "Mmh sono belli odorosi sti piedi. Da quant'è che non te li lavi?" "3 giorni. Fabrizio dice che gli piacciono di più se mi puzzano un pò" "Ahaha che sfigato! Je basta poco pe sborrà!". Risata generale. "Ma invece di odorarmi i piedi perchè non me scopi con l'amico tuo?"."Ti manco eh? Mo te faccio vedè" "Famo la doppia?" "Daje". Lei non mi aveva mai concesso di penetrarle l'ano, diceva che era troppo doloroso; ma adesso sembrava non farsi problemi. Infatti pochi secondi dopo la mia ragazza fu penetrata da due mastodontici peni nelle sue cavità inferiori. Lei godeva tantissimo. Come era bella però.. Aveva una luce diversa nel viso, era appagata come forse mai in vita sua. Dopo qualche minuto M disse che aveva bisogno di una tregua e si sedette sulla poltrona affianco. F continuava imperterrito a sfondargli letteralmente la vagina. "Sto per venì". Lo sfilò e cominciò a masturbarsi sopra il suo corpo. "Cazzo fai? Non mi sborrà addosso sennò come mi ripulisco?" "E che faccio? Sborro pe terra?" "No, faresti un casino e Fabrizio se ne accorgerebbe". Pausa. " Vienimi dentro". "Cazzo dici?" "Tranquillo poi la espello in bagno" "Ma sei sicura?" " Si tranquillo,dai!". F lo rimise dentro e dopo alcune stoccate finalmente liberò il suo seme dentro S. Il mio pene non ce la fece più e 4 schizzi di sperma inondarono il sotto sedile della poltrona. "Cazzo.. che sborrata" "Dai adesso muoviti a venire pure te!" "Te posso sborrà dentro pure io?" " Si certo, sennò fai un macello". Un minuto dopo anche M la riempì. Capii in quel momento che dovevo muovermi e sgattaiolare fuori dalla sala al più presto. Infatti alcuni istanti dopo S disse " Dai rivestitevi, veloce!" F e M si cominciarono a rivestire in fretta. Nel frattempo io mi avviavo gattonando verso la porta facendo il percorso inverso dell'andata. Stetti fuori dal corridoio per un paio di minuti. Le luci erano ancora fulminate. Scaduti i due minuti rientrai e normalmente andai a sedermi affianco alla mia ragazza. I due ragazzi erano tornati ai loro posti e tutti si erano ricomposti; come se nulla fosse accaduto. "Ehy ma che hai combinato tutto questo tempo? Stai bene?" "Si, scusa tesoro ma un vecchio mi ha fatto perdere una marea di tempo perché non si sentiva bene e ho dovuto aiutarlo" "Oh mamma! Sta bene si?" "Sisi adesso si, sembra si fosse ripreso adesso. Che mi sono perso?" " In realtà non ho visto molto il film, è un pò noioso.. sono stata a messaggiare con la mia amica" "Ah capito. Ma come mai sei sudata?". Pausa. " Fa caldo qui dentro, credo abbiano l'aria condizionata rotta" "Si è vero fa un pò caldo". Finito il film tornammo a casa mia. Lei mi chiese se poteva usare il bagno e io acconsentii. La spiai e dal buco della serratura vidi che era nella classica posizione della turca intenta ad espellere lo sperma dei due ragazzi. Ne colò un bel pò prima che prendesse le sue mutandine azzurre dalla borsetta per infilarsele nuovamente. Mi allontanai e sentii il rumore dello sciacquone. Uscì e mi raggiunse in camera da letto. Disse che era stanca e che voleva dormire. Mi diede la buonanotte baciandomi sulle labbra. Nell'oscurità della stanza pensai a tutto quello che era successo in quella incredibile serata. Ripercorrevo tutte le fasi del rapporto sessuale a tre della mia S. Avevo il sorriso sulle labbra, poiché ero contento che la mia compagna fosse finalmente appagata. Non avevo ancora sonno, così decisi di giocare un pò con il cellulare. Qualche minuto dopo sento vibrare il telefono. Un messaggio Whatsapp. Lo apro e il messaggio recitava:

⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇⬇







"Fabrì sei un grande! Grazie ancora pe stasera! Ti vogliamo bene! ;)
Visualizzazioni: 11 060 Aggiunto: 4 anni fa Utente: