Ciao a tutti, oggi ho deciso di pubblicare questo piccolo racconto un po’ particolare, praticamente in origine era la bozza di una storia che sarebbe dovuta essere molto più lunga, ma per mancanza di tempo non ho mai finito di scrivere, mi sembrava però brutto lasciarla lì senza farla leggere a nessuno, quindi l’ho un attimo ricontrollata ed ora ve la propongo.
Spero possa piacervi !!!
Come al solito Per commenti/opinioni o per idee su nuove storie scrivetemi liberamente alla mail : kal.rolling2@gmail.com oppure da oggi su [***] al nick : Kal_rolling

Mia madre è una ninfomane, lo so, non è una cosa bella da dire ma non me ne vergogno. Fin da piccolo non ho mai avuto una figura paterna, insomma a casa mia c’era sempre un via vai di uomini diversi.
Da piccolo non capivo cosa succedeva, insomma chi lo capirebbe, ma crescendo comincia a collegare i punti, comincia a rendermi conto di quello che succedeva in casa, allorché anche mamma capendo questa situazione cominciò a frequentare questi diversi uomini fuori dalle mura domestiche.
All’inizio questa cosa mi stava bene, insomma sempre meglio del continuo via vai, ma col tempo comincia a rendermi conto di quanto potesse essere assente, praticamente non la vedevo mai, usciva di casa presto per lavoro e rientrava molto tardi, mi trovai quindi a vivere praticamente da solo.
Fu forse quella costante assenza di una figura materna e la continua visione di uomini scostanti e burberi a formare in me un desiderio morboso verso mia madre.
All’inizio non fu qualcosa di sessuale, ma quasi di protezione verso i suoi riguarda, col tempo e con la crescita però cominciò a diventare bel altro, fino a quando, ormai ventunenne, non riuscii più a trattenermi…

Quella sera mamma rientrò stranamente presto, verso le dieci, dal suo passo pesante lungo l’atrio capii che qualcosa non andava, uscii pian piano dalla mia stanza e affacciandomi dalle scale la osservai mentre si toglieva il cappotto.
-Ma è mai possibile …- bofonchiava
-Aveva detto che potevo restare tutta la notte, e in vece niente- concluse entrando in cucina e socchiudendo la porta.
Allorché incuriosito da quelle affermazioni scesi dalle scale e mi accostai alla porta e mentre la fissavo dalla fessura sentii mia madre dire qualcosa:
-L’ho fatto un sacco prima con Claudio, ma il mio corpo ha ancora voglia- esclamò addossandosi al lavello e sollevando con una mano la gonnellina, mentre con l’altra cominciava a massaggiarsi la vagina visibilmente fradicia.
-No… devo fare piano, altrimenti Marco si sveglierà …- continuò a dire ansimando per l’eccitazione
-Ma ho voglia… si ho voglia… non posso continuare con la mano, ho voglia di un cazzo!!!- disse piegandosi in avanti e appoggiandosi al tavolino mentre un forte orgasmo le piegava le gambe.

Con passo felpato entrai in cucina, mamma non mi sentì da subito e continuò a masturbarsi avidamente, io d’altro canto ormai con il pene in mano non riuscii a fermarmi e dopo averla aggirata mi avventai su di lei.
-Oddio, Marco cosa stai facendo- disse lei con un rivolo di saliva che le scorreva lungo la guancia
-Mamma hai detto tu che volevi un vero cazzo- dissi accarezzandole la vagina ormai completamente sgorgante di umori
-Tesoro… non possiamo, siamo madre e figlio, questo è sbagliato- esclamò lei, ma più la mia mano stimolava il suo clitoride più quelle parole sembravano vaghe.
-Ho sempre pensato che la mamma dovesse essere solo mia e ora sarà così !!!- esclamai cingendomi il pene con la mano e mettendoglielo dentro
Il mio pene non fece alcuna fatica nell’entrare nella vagina di mia madre, anzi sembrava quasi assorbito da quel voluttuoso passaggio, come se anche lei lo volesse.
-Questo è sbagliato… tiralo fuori ti prego, amore tiralo fuori- disse mamma tra un gemito e l’altro
-Mamma, allora perché non ti scosti?, io non ti sto trattenendo- le mie mani quindi scorsero lungo tutta la schiena e si poggiarono sui suoi fianchi, senza stringerli e senza bloccarle il movimento.
- Perché… io... io…- cominciò a farfugliare
-Io non riesco a oppormi, non voglio oppormi, lo VOGLIO !!!- esclamò
-VOGLIO L’ENORME CAZZO DÌ MIO FIGLIO DENTRO DÌ ME !!!- urlò mentre un potente orgasmo le attraversava il corpo.
Nell’udire quelle parole mi sporsi verso di lei, le mie mani scivolarono e le afferrarono il seno, ad ogni mio movimento il mio pube impattava contro i glutei di mamma riempiedo la stanza di un erotico suono ritmico.

-Amore, aspetta lasciami girare, voglio vederti mentre mi scopi- disse
Mi staccai e la lascia riposizionarsi, si sedette se un’alto sgabello e dopo aver divaricato le gambe mi trasse a se.
Ritornai tra le sue coscie e rimisi il mio pene nella vagina di mamma, da quella posizione potevo vedere tutta la sua eccitazione, ad ogni mio affondo i suoi occhi si socchiudevano e le pupelli si rivoltavano, le labbra si increspavano in una smorfia di piacere e mentre con i denti si mordeva quello superiore dalla sua bocca provenivano urla di piacere.
-Continua così, la mamma lo vuole tutto dentro !!!-
-Allora ti piace farti fottere da tuo figlio ?- dissi ansimando
-Si tesoro, lo volevo da tanto, volevo che tu mi scopassi da tantissimo !!-
-Mamma sei proprio una grande troia !!!- dissi affondando sempre di più nella sua vagina
-SI TESORO, SONO LA TUA TROIA, SONO LA TUA MAMMA TROIA !!!- disse gemendo mentre il suo corpo si contraeva in spasmi di pura passione, con tali contrazioni il mio pene fu schiacciato dentro di lei aumentando la ormai tanta eccitazione che mi pervadeva.
Non riuscii a trattenermi lo sperma che con piccole contrazioni cominciò a risalire lungo il mio pene, con un singolo movimento lo estrassi e cominciai a masturbarmi.
Mamma in tutta risposata si alzò dalla sedia e si mise in ginocchio davanti a me
-Vienimi addosso amore !- esclamò aprendo la bocca e allungando la lingua verso il mio pene.
Non me lo feci dire due volte, diedi ancora due manate e un denso fiotto di sperma sgorgò dal mio pene ricadendo sul volto di mamma che cominciò pian piano a leccarselo dalle labbra.
Infine si protrasse verso di me e con alcune vigorose leccate mi pulì la cappella dalle ultime gocce.
-Ti è piaciuto eh?- dissi con voce dura
-Si molto !- esclamò mamma mentre la aiutavo a rialzarsi
-Beh alla vatti a ripulire che appena si rialza- dissi indicando il mio pene ormai solo barzotto
-Vengo e ti scopo come meriti !-
A quelle parole mamma rispose con un grande sorriso e ammiccando disse:
-Non vedo l’ora amore, la mamma è tutta tua-

Per commenti/opinioni o per idee su nuove storie scrivetemi liberamente alla mail : kal.rolling2@gmail.com oppure da oggi su [***] al nick : Kal_rolling
Visualizzazioni: 8 378 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Incesti