Ciao a tutti, è da un po’ che non pubblicavo niente e per questo ho voluto portare questa storia su due parti, la prossima e conclusiva dovrebbe uscire tra lunedì e martedì, spero possa piacervi e come al solito spero nei vostri commenti /opinioni, scrivetemi liberamente alla mail : kal.rolling2@gmail.com

Era una pomeriggio di metà luglio e stavo finendo di preparare la valigia per le vacanze, dalla finestra i caldi raggi del sole riscaldavano la mia stanza ed io, imperlato di sudore continuavo imperterrito a sistemare maglie, pantaloncini, costumi ecc.
Come ogni anno, in questo periodo, io e mia madre ci stavamo preparando per tre settimane di completo relax, lontani dall’afosa metropoli milanese.

Quest’anno avevamo pianificato un bel giro in camper per tutta la costa croata e sinceramente non vedevamo l’ora.
-Tesoro vieni qui !!!- sentii mia madre urlare dall’altra stanza
-Arrivo dammi un attimo- sistemai le ultime cose in valigia, la chiusi e mi diressi verso la stanza di mamma
-Dimmi, che succede- dissi entrando
-Secondo te è troppo attillato questo costume ?- disse, voltandosi e mostrando un piccolo e succinto costumino rosso, mi bloccai un attimo, mia madre era proprio un bella donna, alta un metro e sessanta, magra ma non secca (diciamo che le curve al posto giusto le aveva) con dei capelli a caschetto castani che le facevano risaltare i fini lineamenti del viso.
-Beh è carino- bofonchia un pochino
-Si lo so che è carino, ma forse fa vedere un po’ troppo- disse tastandosi la terza di seno e aggiustandosi il tanga che le metteva in mostra i glutei, poi continuò
-Beh, non importa, tanto ho sentito che in Croazia si può prendere il sole in topless praticamente su ogni spiaggia- concluse ridendo.
-Come vuoi, comunque muoviti che dobbiamo partire, ce n’è di strada da qui a casa dello zio- dissi, infatti prima di partire avremo dovuto andare a Trieste dal fratello di mia madre che gentilmente ci aveva offerto il suo camper, anche per eliminare le spese del noleggio.
-Va bene arrivo, tu carica le valige in macchina- non concluse nemmeno la frase che cominciò a slacciarsi il costume, mi girai di scatto ma comunque riuscii a intravedere il suo seno. Uscii dalla stanza senza dire niente e cominciai a caricare le valigie in macchina, una volta finito mi appoggiai alla macchina e dopo essermi acceso una sigaretta pensai : “però, mamma ha proprio un corpo eccitante”, mia madre aveva appena 41 anni e io ne avevo 20, insomma mi aveva avuto presto, non mi resi neanche conto che pensando al suo bel fisico il pene mi si stava drizzando all’interno dei boxer. Scossi la testa e dissi tra me e me “cazzo, ma cosa sto pensando” , un po’ allarmato da tali pensieri ma soprattutto da tali reazioni buttai la sigaretta e mi sedetti al posto di guida.
Dopo qualche minuto arrivò anche mamma, caricò l’ultima valigetta sui sedili posteriori e salì in macchina, partimmo quindi direzione Trieste.

Cinque ora dopo eravamo arrivati a casa dello zio, il viaggio era stato un po’ stancante ma ne era valsa la pena.
-OI FORESTI !!!- esclamò lo zio in un marcato accento Triestino mentre dal balcone della cucina agitava la mano.
-CIAO !!!- dicemmo io e mamma ricambiando il saluto
-Salite dai, le valigie le sistemiamo domani mattina-
-Va bene zio, arriviamo subito- dissi prendendo dal baule lo zaino con lo stretto indispensabile per cambiarmi.

Salimmo quindi a casa di Zio Giovanni e rimanemmo li a chiacchierare del più e del meno, naturalmente non mancarono le domande imbarazzanti nei miei confronti, del tipo :
-Allora Fabrizio, ma la morosa ce l’hai ?-
-Beh diciamo che l’ho scaricata qualche mese fa, ma sto già lavorando con altre due - dissi sorridendo con aria di sfida
-Ah però, vedi Sara che donnaiolo di figlio che hai – proruppe rivolgendosi a mamma
-eh lo so, è proprio come suo padre, basta che se combina una cazzata non fa come lui, e scappa- disse mamma raggelando la conversazione, mio padre infatti era scomparso nel nulla subito dopo aver saputo che mamma era incinta e diciamo che la ferita era ancora un po’ aperta, in più negli ultimi anni non aveva avuto nessuna relazione duratura.
Dopo quel momento di depressione risollevai la conversazione
-E tu zio, la morosa ? sai non sei più così giovane- dissi provocandolo
-Beh io sono un uomo libero e felice così, in fondo ho solo 38 anni, e poi, ogni donna del mondo vorrebbero un pezzo di uomo come me, non posso mica accontentarle tutte- disse facendoci scoppiare a ridere, infondo però era vero, Zio Giovanni era un bel uomo, alto, statuario con un fisico muscoloso, folta barba corvina e tatuaggi stravaganti praticamente ovunque, a volte mi chiedevo come potesse essere il fratello di mia madre, visti assieme infatti sembravano proprio Davide e Golia.

La serata procedette in maniera tranquilla, mangiammo, bevemmo e conversammo amabilmente fini a tarda notte.
-Dio mio !- esclamò lo zio - sono quasi le due del mattino e vuoi domani dovete partire e io nel pomeriggio devo lavorare, quindi è meglio se andiamo a dormire-
-Si hai ragione zio- dissi alzandomi dalla sedia e dirigendomi verso il divano.
-buonanotte tesoro- disse mamma mentre con lo zio andavano nell’unica camera della casa
-notte ragazzi !- esclamai mentre il sonno cominciava a prendermi.

Non so per quanto dormii ma ad un certo punto mi svegliai di soprassalto e con la gola secca. Mi alzai e traballante e mi diressi in cucina, versai un bicchiere d’acqua e mentre sorseggiavo quel tonico per la gola uno stano rumore attirò la mia attenzione, nel più totale silenzio si poteva udire un ritmico e gracchiante cigolio, poggiai il bicchiere e cominciai a cercare la fonte di quello strano rumore.

Dopo essermi assicurato che tale provenienza non fosse ne in cucina ne in salotto, aprii la porta in legno che divideva la zona giorno dalla zona notte, accesi lo schermo del cellulare per evitare di sbattere contro i mobili e senza far rumore cominciai a percorrere il lungo corridoio che conduceva verso il bagno e la camera da letto, ad ogni passo il rumore si intensificava; passai accanto all’ufficio dello zio, ma niente, proseguii allora camminando sempre più lentamente.
Giunto in fondo al corridoio notai che dalla porta socchiusa della camera da letto proveniva una flebile luce, lo strano rumore era ormai chiaro provenisse da li dentro. Provai a guardare dalla fessura ma vidi solo l’armadio, allorché azionai la fotocamera del cellulare e la introdussi nella stanza ad altezza uomo, la fotocamera ci mise un po’ a mettere a fuoco ma poi sullo schermo l’immagine comparì.

Mia madre era a carponi sul letto, il suo corpo nudo era sorretto da un solo braccio con la mano che si stringeva attorno alla testiera in metallo del letto e l’altra premuta contro la bocca, dietro di lei in ginocchio sulle lenzuola lo zio la stava penetrando, le sue forti mani erano avvinghiate attorno ai suoi fianchi e accompagnavano i suoi glutei in un ritmico movimento verso il pene. Ad ogni affondo la schiena di mamma si incurvava in una contrazione e dalla sua bocca coperta provenivano flebili gemiti di piacere.
Rimasi bloccato vedendo quella scena, nella mia mente milioni di pensieri volavano ovunque, la vista di mia madre scopata dal fratello mi destabilizzava ma allo stesso tempo mi eccitava, il mio pene si era completamente eretto nei boxer.
Continuai a fissare quel perverso spettacolo per alcuni minuti, fino a quando il volto dello zio non si corrugò e disse a bassissima voce :
-Sto per venire – mia madre tolta la mano dalla bocca gli rispose con voce tremolante
-Ti prego fratellino, fai come una volta, vienimi addosso ! - In tutta risposta lo zio estrasse il suo grosso pene dalla vagina di mia madre e schizzò fiotti di sperma su tutta la sua schiena.
Intontito da quella scena ritirai il cellulare e con le gambe tremanti tornai il più velocemente possibile sul divano. Una volta sedutomi cominciai a fissare lo scherma del cellulare e li mi accorsi di una cosa, involontariamente avevo registrato tutto quel perverso atto.

Per commenti/opinioni o per idee su nuove storie scrivetemi liberamente alla mail : kal.rolling2@gmail.com
Visualizzazioni: 15 778 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Incesti