Da tre anni a questa parte cerco donne soltanto per il sesso senza obblighi di coppia. Come diceva Alberto Sordi...non mi va di portare estranei in casa.

Nell'agosto scorso un giorno vedo che una ragazza delle provincia vicino alla mia mi contatta su un sito di annunci, provo a risponderle e in poco tempo stabiliamo un contatto, passando dal sito a whatsapp.
Si parla del più e del meno, entrambi siamo felici di constatare che abitiamo a meno di mezz'ora di distanza e poi inizia a farmi dei complimenti che giorno dopo giorno si trasformano in qualcosa di più esplicito, fino a che non mi manda una foto in reggiseno dove si notano due gran tette naturali e bellissime che in una cinquantenne è difficile vedere, per proseguire poi con i suoi due buchetti, nascosti se così si può dire da un paio di mutande di pizzo color carne praticamente trasparenti.
Le rispondo con un foto del mio cazzo con la punta fuori dagli slip dopo che nel frattempo si era risvegliato.
La mia foto gli stuzzica la fantasia e inizia a scrivermi cosa mi farebbe...

"Mi immagino inginocchiata davanti a te a mordicchiarlo attraverso il tessuto, saggiando ogni minimo movimento...
Piano piano abbasso gli slip e con la punta della lingua solletico la cappella...
Lo sento muovere, lo sento spingere verso la mia bocca.
Abbasso gli slip ancora un altro po'. Ora la cappella è nella mia bocca, la bagno...la tocco con le dita
Ora gli slip li tolgo del tutto e la mia bocca è sui testicoli
Li succhio uno alla volta mentre la mia mano accarezza il tuo cazzo ormai eretto
Salgo con la lingua e mi gusto tutta la tua erezione
Ti guardo....e mentre ci guardiamo lo prendo in bocca, lo faccio scivolare piano piano fino a sentirlo in gola, bagnato di saliva, umido del tuo umore
Ora il mio ritmo si fa più veloce come il tuo respiro
Rallento...succhio la cappella e poi di nuovo veloce
Mi piace sentire i tuoi gemiti di sorpresa e piacere mescolati ad ogni movimento
Le vene ti pulsano, le palle si induriscono
Le tue mani mi attirano verso il tuo cazzo pronto ad esplodere tra le mie labbra...
Con le mani ti accarezzo ovunque, ti pizzico un po i capezzoli
Poi ti accarezzo di nuovo le cosce
Mi soffermo con le mani sulla tua bocca, bagni le mie dita con la tua saliva.
Ci accarezzo la cappella che riporto dentro la mia bocca.
Sei pronto per riempire la mia bocca...
Il tuo piacere mescolato alla mia saliva,la tua essenza nella mia bocca.. calda...dolce...piena....
Vieni x me tesoro,nella mia bocca...Adoro farmi venire in bocca"

Nel frattempo io mi stavo segando e praticamente sono venuto nel momento in cui lei me lo ha scritto, cosa che lei ha gradito molto.

Purtroppo due giorni dopo sarei partito per passare il ferragosto in Irlanda con un mio amico e così non c'era la possibilità di vederci subito dal vivo.
La sera prima della partenza provo ad invitarla a casa mia visto che usciva per una pizza con le sue amiche in un paese poco distante dal mio, però la cosa non si concretizza perchè lei è l'unica che ha la macchina e così deve riportarle a casa.
Arrivata a casa mi chiede se sono sveglio e si fa perdonare con un altro racconto questa volta più completo e più lungo però sempre con lo stesso finale la venuta in bocca corredato da un paio di altre foto.
Mentre sono in vacanze le foto da parte sua non mancano ogni volta sempre più esplicite, sembra la donna giusta per me visto che a quanto dice non le interessa una relazione ma solo momenti da passare insieme.
Ci mettiamo d'accordo per trovarci la sera del mio rientro.

Quando ci vediamo mi chiede di andare a prendere un aperitivo perchè non se la sente di portarmi subito in casa, stiamo fuori una mezz'oretta poi quando l'atmosfera inizia a scaldarsi ci dirigiamo a casa sua
Sandra è una signora separata di poco più di 50 anni appena diventata nonna, dal vivo ha un viso simpatico anche se non particolarmente bello con capelli corti colorati per coprire il bianco precoce naturale, come dicevo due tette bellissime da fare invidia anche a ragazze di vent'anni di meno e un corpo morbido ma non abbondante sia in altezza che in larghezza.

Entrati in casa mette subito il gatto nello sgabuzzino così non ci disturberà e appena mi porta in camera l'afferro e le do un bacio con la lingua che la sorprende favorevolmente, iniziamo a spogliarci a vicenda lasciandoci solo l'intimo, poi lei inizia a fare per filo e per segno quello che mi aveva descritto la prima volta fino a bere tutto quello che le ho scaricato in bocca.
Finisco di spogliarla e inizio a lavorare sul suo corpo con mani e lingua senza tralasciare nessun lembo della sua pella liscia come l'olio fino a farla venire copiosamente.
Chiacchiere e baci e poi si passa al secondo racconto che seguiamo con più fantasia, cambiamo poiszione spesso provandole tutte o quasi lei ama essere scopata in questa maniera alternando penetrazione e sesso orale dato e ricevuto ma dice che si sente più realizzta nel finire l'uomo con la sua bocca e in effetti devo dire che veramente è una professoressa del pompino perchè due pompini così belli non me li avevano mai fatti, usa pochissimo le mani se non per tenerlo, non lo sega mai lo stimola solo con la lingua e la bocca. Questo secondo round è durato molto di più del primo e l'ho ringraziata facendola venire ancora, questa volta anche con l'aiuto del vibratore che mi aveva fatto vedere nelle precedenti foto.

Oltre all'intesa su tanti aspetti delle nostre esistenze e scoperto di avere gusti abbastanza simili sullo stile di vita abbiamo visto che anche l'intesa sessuale non è solo sulla carta ma anche a letto che facciamo fatica ad abbandonare ma il giorno dopo il lavoro chiama entrambi.
Vado a casa contento per la serata e prechè pensavo di avere trovato la trombamica con la quale ci saremmo soddisfatti sessualmente a vicenda oltre a passare piacevolmente dell'altro tempo insieme.
Invece i giorni seguenti dai suoi messaggi si intende che non le basta il vedermi saltuariamente vuole qualcosa di più serio e dopo esserci chiariti decidiamo di non vederci più...
Visualizzazioni: 6 356 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Etero