Era l'estate del 2007. Avevo 30 anni. Ero uscito da una storia di cinque anni il precedente febbraio, ed ero in fase di ripresa e di totale delirio. Reagire alla chiusura di un rapporto che, seppur vissuto bene, fa reprimere tutti gli istinti primordiali, in estate, al mare, nel mio paese che nonostante piccolo la sera richiama tutti i ragazzi del circondario fu un delirio. Le sere alcoliche a fare baldoria con gli amici fino a tarda notte, andare la mattina dopo al lavoro ancora ubriaco è parte di quello che è successo. L'altra parte è la leggerezza di cui si ha bisogno. Conoscere gente nuova, riassaporare il piacere della scoperta, di quel fremito della conoscenza di una ragazza.
L'inverno precedente mi ero avvicinato ai social networks. Ricordo che ero particolarmente attivo in uno che si chiamava Facebox, poi diventato Netlog. Avevo conosciuto diverse ragazze on line tutte geograficamente lontane da me, eccetto una... Una tipetta davvero carina, rossa, minuta, che abitava a qualche chilometro.
La ragazza era impegnata, ma inizialmente mi tenne all'oscuro di questo particolare e continuammo a sentirci per mesi, ci scambiammo addirittura i numeri, ma lei non rispondeva mai al telefono nè ai miei messaggi. Non capivo il suo comportamento visto che poi nei messaggi privati sul social network si manifestava particolarmente calorosa. Iniziai ad insistere perchè ci incontrassimo ma lei aveva una scusa dietro l'altra finchè non potè fare a meno di confessarmi la sua situazione. Mi prese un po' alla sprovvista ma non cessava di cercarmi, dicendomi che era stanca della sua relazione e voleva troncare cercando di nuocere il meno possibile alla persona con cui era. Non sapevo come comportarmi perchè da un lato ero attratto fisicamente da lei ed ero lusingato dal fatto che mi cercasse, dall'altro non volevo mettermi in mezzo a loro due. Un giorno, la incontrai in un negozio con il suo uomo. Ci guardammo, feci finta di niente, la salutai con un rapido sorriso, cosi anche lei in preda ad un grande imbarazzo. Un ora dopo mi arrivò un suo messaggio in cui diceva che si era emozionata e che era stanca e che mi avrebbe voluto frequentare. Rimasi piacevolmente colpito da questa cosa ma le dissi che non potevo finché lei fosse rimasta occupata. Pochi giorni dopo mi chiamò. Disse che voleva vedermi per un caffè. Organizzammo e ci incontrammo un torrido pomeriggio estivo. Andammo in un bar sulla spiaggia e prendemmo un caffè. Era molto tesa, io mi divertivo a stuzzicarla un po' con qualche provocazione. Restammo seduti li un oretta poi la riaccompagnai alla macchina. Appena arrivato a casa mi arrivo un suo messaggio che diceva che era stata splendidamente. La sera nel marasma delle persone, ero in giro con un amico ed in mezzo al fiume umano d'un tratto spuntò lei mano nella mano del suo uomo. Incrociammo i nostri occhi, accennammo un sorriso, senza dire e fare nulla. Nè il suo uomo nè il mio amico si accorsero di niente. Passammo ad un soffio l'uno dall'altra e spontaneamente, senza programmare niente ci toccammo a vicenda le mani, facendole scivolare l'una su l'altra, senza guardarci. Fu una cosa molto sensuale ed intensa. quando tornai a casa vidi un suo messaggio che diceva che voleva assolutamente rivedermi.
Abitavo con i miei, e d'estate, per una decina di giorni, partivano sempre per la montagna, così fu anche quell'anno. La mia amica sapeva che ero solo a casa, ed un pomeriggio mi disse che era libera e che voleva venire da me a trovarmi. Mi sentii combattuto perchè avevo voglia di stare con lei ma la storia che era impegnata mi dava fastidio. Alla fine le scrissi di si, e lei una mezz'ora dopo si presentò da me. La feci salire ed accomodare in camera. Ci sedemmo sul letto ed iniziammo a parlare. Passò un po' di tempo e parlammo un po' di tutto poi lei disse che doveva andare. Rimasi in silenzio poi le chiesi il permesso di fare ciò di cui mi sarei pentito se non avessi fatto. Lei mi sorrise un si, passai una mano sulla sua nuca, tra i suoi lunghi capelli rossi e la baciai. Lei si lasciò andare del tutto. Mi sbottonò la camicia, le alzai il vestitino in cotone che le si era avvolto addosso. Se lo sfilò e rimase nel suo completo intimo. Era minuta, ma molto ben fatta, aveva un bellissimo sedere ed un bellissimo seno, prosperoso ma sodo. Inizia a baciarle il collo e mi misi sopra di lei. Ansimava di desiderio. Il mio membro iniziava a gonfiarsi sempre di più e l'eccitazione saliva. Le accarezzai il sedere lei strinse le gambe intorno a me. Mi tirai su e la sollevai sopra di me. Era a cavalcioni con le gambe strette intorno alla mia vita che mi carezzava la testa e me la spingeva sul collo poi cercava la mia bocca. Le slacciai il reggiseno e mi tuffai sui suoi capezzoli provocandole dei fremiti ancora maggiori. I miei pantaloncini erano larghi e la parte rigida, dove sono i bottoni, si era arricciata e batteva contro il suo clitoride. Si staccò da un bacio e sospirando disse che era eccitatissima. La presi di nuovo e la stesi di fianco a me continuando a baciarla. Le misi una mano tra le gambe e sentii che era calda e umida. Ebbi un sussulto. Pensai che se fossi andato avanti sarebbe stata una situazione irreparabile. Aveva pur sempre il ragazzo. Lei sentì questa mia esitazione e mi chiese che cosa c'era. Le dissi che mi facevo problemi a causa del suo impegno, lei mi chiese scusa, e disse che capiva. Rimanemmo un po' così in silenzio a guardarci. Mi accarezzava il petto, io le passai le dita sul fianco fino a d arrivare al suo sedere sodo. Sorrise e disse: "Guarda, ti piace il mio culo?" si girò e me lo mostò accarezzandosi un gluteo. Sorridendo risposi di si e riprendemmo a baciarci. Questa volta più lentamente. Salì sopra di me e si gettò sul mio collo. La mia erezione riprese ad avanzare, lei percepì il gonfiore e cominciò a strusciarsi con lenti movimenti. Ad un tratto sollevò il busto e rimase ferma seduta sopra di me. I suoi seni erano li davanti a me, la guardavo dal basso verso l'alto, i suoi capelli erano sopra le spalle e le scendevano quasi sopra i capezzoli. Era piena di lentiggini, ogni centimetro della sua pelle ne era coperto. Era davvero molto sensuale. infilò la punta delle dita dentro i miei pantaloni quasi come per tenersi. Ci guardammo. Le dissi:"ti voglio", lei rispose : "anche io" le passai le mani sui seni, li strinsi fino a sentirla gemere di piacere, lasciando cadere la testa all'indietro. Quando tornò a guardarmi, sbottonai il primo bottone dei pantaloni, lei si sollevò leggermente, continuò a sbottonare e li tirò via. Eravamo in mutante tutti e due, feci per abbassarle gli slip e lei con uno scatto se li sfilò rotolandosi per un istante sul fianco. Nello stesso istante mi sfilai i boxer appena in tempo visto che mi ripiombò sopra. Era ritornata sopra di me, le sue mani sul mio petto, strusciava la sua vagina contro il mio pene in su ed in giù. Sentivo i suoi umori su di me, era calda e pronta. Mi guardava tenendo la bocca socchiusa e respirando pesantemente. Feci un movimento di bacino e lei si sollevò leggermente, prese il mio pene in mano e iniziò a passarsi la punta contro il clitoride. Chiuse gli occhi e continuò per qualche secondo con questi movimenti. Avevo le mani sul suo sedere ed accompagnavo questi moti ciclici fin quando portò il mio membro all'ingresso della sua cavità. Spinsi leggermente ed entrai facilmente dentro di lei. Sospirò e cominciò a muoversi lentamente fino ad inglobarmi completamente al suo interno. Era completamente seduta su di me e muoveva il bacino avanti ed indietro. Mi sollevai e cominciai a baciarle il seno e a giocare con i suoi capezzoli. Ansimava sempre di più aumentando la velocità di quel movimento e l'ampiezza delle oscillazioni. Sentivo il suo ventre pressato contro il mio. Si stava lasciando andare, mi si strinse addosso sentivo i suoi seni contro di me. Aumentò sempre di più la velocità fino ad impazzire e raggiunse l'orgasmo. Rallentò gradualmente e riaprì gli occhi. Aveva le pupille dilatate ed una espressione lussureggiante, disse: "sono venuta... che botta!" Sorrisi la spostai sul fianco senza uscire da lei e continuai a muovermi lentamente. Si strinse a me continuando ad ansimare e disse: "ancora". Uscii da lei la girai a pancia in giù le misi un cuscino sotto la pancia e le sollevai il sedere. Potevo vedere la sua vagina con le lentiggini sulle grandi labbra e sentire il suo odore. Appoggiai il mio membro su di lei e rientrai. Scivolai come il burro al suo interno, e cominciai a muovermi avanti ed indietro strizzando il suo bellissimo sedere. La sentivo ansimare sempre di più, stavo arrivando all'orgasmo, qualche altra spinta e sarei arrivato, rallentai, lei girò il viso e disse: "ti voglio nella mia bocca". Mi sollevai da lei, si voltò e mi fece distendere, si spostò i capelli da una parte tenendoli a coda con una mano mentre con l'altra prese il mio pene gonfio e lo indirizzo verso la sua bocca. Cominciò a muovere la lingua su di me e prese i miei testicoli in mano, ero fermo immobile e cercavo di godermi ogni singolo istante di quella situazione. Muoveva la sua testa in su e giù sentivo il caldo della sua bocca, poi sentii l''arrivo dell'orgasmo. "Sono arrivato. Vengo" Con la sua mano passò dallo scroto al pene staccò la bocca appena in tempo per l'uscita del mio sperma che le si distribuì in parte sulle labbra, in parte sulla mia pancia. Mi sorrise e mi chiese un fazzoletto. Glielo porsi, si pulì e mi baciò schiacciando ancora una volta i suoi seni contro di me, continuando ad accarezzarmi il pene e lo scroto.
Ci ripulimmo e ci rivestimmo. Non parlammo molto, ma prima di salutarci ci abbracciammo e ci guardammo allo specchio abbracciati. Ci baciammo di nuovo e l'accompagnai alla porta. Andò via e disse che non voleva essere accompagnata sotto.
Dopo un oretta circa mi scrisse per messaggio che mentre era in doccia era venuta di nuovo masturbandosi pensando al nostro pomeriggio. Ci riproponemmo di rivederci per ripetere la cosa. Ci sentimmo diverse volte e provammo ad organizzare ma non ci rivedemmo più.
Capitò di risentirsi anche altre volte ma sia io che lei avevamo altre storie e via via ci allontanammo. Resta solo il ricordo di quel pomeriggio da me..
Visualizzazioni: 4 051 Aggiunto: 6 anni fa Utente:
Categorie: Etero