Mi svegliai quel giovedi’ mattina riposata e tranquilla, i bambini mi avevano fatto la grazia di dormire placidamente per tutta la notte. Solo un leggero indolenzimento al basso ventre era rimasto a ricordarmi gli avvenimenti della sera prima. Andai in bagno per lavarmi trovando il pigiama di seta abbondantemente macchiato fra le gambe e fin dietro al culo dal seme di lui e dalle mie secrezioni. Solo qualche macchia di sangue testimoniava gli sforzi che , senza che io ne risentissi o me ne accorgessi, aveva fatto la mia fessa per adattarsi a quel cazzo. Sotto la doccia , lavandomi la vulva, notai che era ancora gonfia e riccamente irrorata dal sangue, mi doleva solo un po’, infilando ben dentro le dita per una sommaria toeletta provai un leggero brivido di piacere. Ricordando la sua promessa gia’ pregustavo il piacere che avrei provato quella sera. Lo incontrai per le scale, ero scesa per andare a prendere all’asilo il piu’ grande. Il mio cuore ebbe un sussulto quando accostando la sua bocca al mio orecchio e dando sfacciatamente per scontato che lo prendessi abitualmente nel culo mi sussurro’ che sarebbe stato opportuno provvedessi in tempo a liberare l’intestino perche’ per la serata aveva piacevoli propositi. Me lo chiedeva, mi disse ipocritamente, perche’ non voleva che , nella eventualita’ di qualche fuoriuscita sgradevole ed inopportuna, io mi sentissi in imbarazzo. Sapevo bene quello che intendeva, mi era successo piu’ di una volta di sporcare il cazzo di mio marito. Quello che usciva dall’ano durante una inculata , se molto poco, si comportava da lubrificante e rendeva l’atto piu’ piacevole ma se era troppo, l’odore, dopo un po’, diventava insopportabile e per continuare dovevamo lavarci abbondantemente, addirittura fino alla pancia perche’ qualche volta accadeva di sporcarsi tanto. A me il rapporto anale provocava orgasmi con spasmi e spinte espulsive e da quando, dopo un orgasmo particolarmente intenso, avevo “eiaculato” una grossa massa appena il cazzo era fuoriuscito, avevo preso l’abitudine di evacuare sempre prima di andare a letto, purtroppo non sempre mi riusciva. Cosi’, se andavamo di culo, per evitare imprevisti stendevo sempre un asciugamano sotto di me per non sporcare le lenzuola. Non avrei mai voluto che simili incresciosi incidenti rovinassero la prima volta che Salvatore mi prendeva dietro. Non potevo sapere ancora che effetto mi avrebbe fatto il suo cazzone nel culo, per questo un po’ temevo questi suoi propositi contro natura, ma mi dissi che ormai ero abbastanza scafata. Da anni avevo rapporti anali e quindi il mio sfintere aveva perso la tonicita’ di una volta, ora mi si dilatava facilmente, ero, come si usa dire volgarmente , rotta in culo. Mio marito si meravigliava sempre di come vi entrasse facilmente con una piccola spinta, senza sforzo, ma il cazzo di mio marito era molto piccolo rispetto a quello di Salvatore, comunque ero certa che se il mio amante fosse stato cauto e dolce non l’avrei deluso e sarebbe andato tutto liscio. Per esperienza sapevo che nel culo c’era un sacco di spazio per il cazzo, il problema era solo superare la stretta “dogana” del buchetto, un buco fatto per fare uscire le cose e che si adattava sempre con un po’ di fatica quando si trattava di farci entrare qualcosa, fosse pure una piccola supposta. Prima che andasse via gli chiesi come faceva a venire da me, Lucia non immaginava quello che facevamo? Non era gelosa? Non dovevo per caso aspettarmi una “sceneggiata” per le scale del palazzo e di esser presa per i capelli? Mi disse che mi avrebbe spiegato tutto la sera, mi disse che a Lucia non dispiaceva quello che facevamo e mi chiese di stare tranquilla. E qui ,se non avessi gia’ perso giudizio, accortezza e malizia, avrei dovuto capire che c’era qualcosa di strano e di poco chiaro. “Latet anguis “ avrebbe detto la mia professoressa di latino ma un “cherchez la femme” si sarebbe rivelato in seguito molto piu’ corretto. “Timeo Danaos et dona ferentes” disse Laocoonte , avevo studiato l’Eneide ma l’avevo completamente dimenticata in quel momento posseduta come ero da Dioniso che agiva per mezzo del suo satiro e di quella che fra un po’ si sarebbe rivelata una pericolosa sacerdotessa che sembrava accettasse di farmi provare il suo uomo per mera cortesia di buona vicina. Da non credersi ma io ci credei e ci volli credere e ,stupida e sciocca oca, ci cascai. Quel giorno pranzai con la pastina in brodo per tenermi leggera e verso le tre, mentre i bambini riposavano, mi feci un primo clistere. Volevo che la serata fosse perfetta. Dopo essermi liberata del grosso, dopo una oretta feci un altro clistere e vedendo che ormai evacuavo pulito, dopo essermi lavata ben bene, applicai al mio sfintere un po’ di Leocrema massaggiandolo con cura, per ammorbidirlo e rilassarlo dissi a me stessa. Mi guardai allo specchio, avevo un bel culo di ragazza , il dimagrimento non ne aveva rovinato la tonicita’, le chiappe si disegnavano rotonde e sode con una curva perfetta al culmine di gambe magnifiche. Aprii un po’ le chiappe con le mani per osservarmi meglio , il dimagrimento aveva fatto si che l’orifizio anale fosse completamente esposto e ben evidente fra le natiche, era un fiore scuro e vellutato posto qualche centimetro sopra la fica che spuntava da dietro grossa e gonfia alla congiunzione delle gambe. Lui avrebbe potuto chiavarmi ed incularmi anche in piedi se avesse voluto, era tutto li, a favore di cazzo, poteva scegliere in quale buco darmi il paradiso spostando di pochissimo la sua grossa bestia che poteva passare da una tana all’altra in un attimo. Ero soddisfatta del mio corpo che nonostante le due gravidanze era ancora quello radioso di una diciottenne. Dopo una abbondante e profonda lavanda vaginale lenitiva alla camomilla e con qualche goccia del mio profumo preferito nei posti strategici mi sentivo a posto e pronta a donarmi al mio primo e magnifico amante. Ora dovevo solo aspettare che venisse sera e che i bambini dormissero profondamente. Quelle poche ore che avevo davanti mi sembravano una eternita’. Quella sera feci cenare presto i bambini perche’ prima di metterli a letto avrei propinato loro un bel beverone alla camomilla, era estate e non avevano tanta voglia di andare a dormire subito dopo Carosello, inoltre quel giorno per il caldo erano parecchio agitati. Non avrei certo gradito essere disturbata dal pianto del piccolo mentre fottevo o, peggio, farmi vedere dal grande col cazzo di Salvatore in bocca. Per questo avrei comunque chiuso a chiave la porta del soggiorno che per quella sera sarebbe stato ancora per una volta l’alcova del piacere adulterino. Finalmente i miei figli si erano addormentati, io mi spogliai e indossai il neglige’ di satin bianco e pizzo, quello che avevo messo la prima notte di nozze e che contrastava magnificamente con la mia pelle leggermente ambrata che tradiva le mie origini siciliane, avevo infatti un po’ di sangue arabo unito ai biondi capelli normanni. Era il neglige’ con la coulotte modello “she is ready to fuck” aperta fra le gambe fino alle chiappe , mio marito impazziva di desiderio quando lo indossavo. Mi accorsi che mi stava un po’ vaporoso , quando lo avevo indossato la prima volta ero incinta di qualche mese, ma mi stava benissimo lo stesso pure ora che ero fin troppo in linea. Ad un tratto mi venne da pensare che in quel momento stavo tradendo mio marito per davvero. Mi sembro’ quasi un sacrilegio indossare quel neglige’ che mi aveva visto sposa per incontrare il mio amante ma scacciai subito questo pensiero. Volevo fortemente che Salvatore mi vedesse nel mio splendore di femmina prima di farmi sua per la seconda volta. Mi chiesi perche’ avessi per lui tanta premura e trepidazione, era mai possibile che mi stessi infatuando di quel signore anziano? Possibile che l’amore venisse indotto dal desiderio sessuale? Certo che il desiderio ed il sesso erano parti fondamentali dell’amore ma non doveva essere solo questo il motivo del mio comportamento. Forse ritrovavo in lui il mio papa’, che, dovevo riconoscere a me stessa, da ragazzina inconsciamente dovevo aver desiderato facesse a me quelle cose che una notte , alla luce dell’ abat-jour, gli avevo visto fare a mia madre, mentre io dal mio letto dove fingevo di dormire auguravo alla mia genitrice la mala pasqua. Avevo pure spiato mio padre mentre indossava il pigiama e avevo visto il suo membro che mi era sembrato spropositato ed ero rimasta turbata, quella immagine l’avevo conservata in me per lungo tempo. Quando le amiche mi insegnarono a masturbarmi e cominciai a farmi i primi ditalini, il cazzo di papa’ , l’unico che avevo visto fino ad allora, era stato l’oggetto del mio desiderio anche se, dopo esser venuta, scacciavo quella immagine sentendomi in colpa. Forse col mio amante stavo esorcizzando le mie ansie e i sensi di colpa e quel membro molto piu’ grande di quello di mio padre, che pero’, all’epoca, mi era sembrato comunque enorme, era per me una obbligata e terapeutica esperienza catartica. O forse stavo inconsciamente emulando mia madre che, un ventoso e freddo pomeriggio d’inverno mentre papa’ era a letto con la febbre, avevo scoperto in solaio a farsi chiavare a pecora da un suo cugino piu’ giovane e , a quanto vidi , parecchio dotato; con il gonnellone nero sollevato sulla schiena, le nere calze pesanti con l’elastico e le mutande di tela abbassate sulle pianelle, le vene varicose grosse un dito. Ero rimasta a guardare sgomenta fino alla fine senza farmi scorgere , mamma aveva concluso la rimpatriata col cugino con un magistrale pompino inghiottendo tutto e leccando ben bene finanche le ultime gocce che venivano fuori da quel cazzo, ma forse lo faceva solo per non sporcarsi la camicetta. Avevo quindici anni ma ancora non riuscivo a credere ai miei occhi e alle mie orecchie, alla mia eta’ ero ancora convinta che le mamme non facessero pompini e che non gemessero come cagne in calore quando chiavavano, ero convinta che le mamme non chiavassero ma facessero solo l’amore, che non avrebbero permesso che chi faceva l’amore con loro le chiamasse troia e aggiungesse un “si ‘na puttana, ‘a puttana mia”, che non implorassero di succhiare un cazzo . Ma avevo dovuto ricredermi e visto che mamma da quel giorno mi stette sullo stomaco perche’ ero certa che quello che avevo visto non era un episodio isolato e mi era resa conto che papa’, di conseguenza, doveva avere un ampio palco di corna, appena il primo stronzo mi aveva fatto la corte mi ci ero messa, a tempo debito non gli avevo dato piu’ il culo cosi’ mi ero fatta mettere incinta e l’avevo costretto a sposarmi. Certo in un tribunale avrei potuto spendermi queste tesi difensive con successo ma la verita’ era , piu’ probabilmente e semplicemente, che ero solo una donna normale alla quale, senza tante complicate implicazioni freudiane, piaceva il cazzo grosso. Forse di mamma avevo ereditato la zoccolaggine, come dicono che sempre avvenga da mamma a figlia. Ma da qualche tempo stavo riabilitando la mia genitrice, e’ poi proprio tanto grave cercare e prendersi un po’ di piacere, un po’ di amore? La vecchiaia arriva presto e la vita e’ tanto breve... Sorridendo di me stessa e pensando a quello che sarebbe successo fra poco mi accinsi ad aspettare con trepidazione che bussassero discretamente alla porta con i lievi colpi convenuti per non svegliare i bambini e per evitare che nel palazzo qualcuno potesse accorgersi del mio visitatore notturno.
Visualizzazioni: 2 390 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Etero Tradimenti Trio