Ogni notte o anche di pomeriggio il pensiero di quel cazzo mi eccitava fino a darmi la tachicardia,era diventata una ossessione. Aspettavo che i figli dormissero e mi masturbavo come una pazza piu’ volte al giorno per calmare il desiderio. La mia fica non aveva piu’ il tempo di chiudersi perche’, ancora e ancora, vi facevo entrare quel grosso salame che tenevo nel comodino e che avevo comprato espressamente per quell’uso, lo avevo rivestito, con difficolta’ date le dimensioni, con un paio dei vecchi e inutilizzati preservativi di mio marito. Mi trovavo le mutande sempre bagnate, se prima l’avevo dilatata, ora la mia fica sembrava una rosa scoppiata a piena fioritura , con i petali aperti e roridi, le piccole labbra divaricate mostravano prorompente l’apertura appena aprivo le gambe. In medicina legale si sarebbe detto che avevo l’ostio vaginale beante. Desideravo quel cazzo ma non ero ancora pronta a sentire il corpo di un altro uomo su di me, non ero pronta a sentire l’odore del suo sudore, non ero pronta a sentire le sue mani su di me, a sentirle afferrare il mio culo per metterne a favore l’orifizio prima di penetrarlo anche se mi sarebbe piaciuto tanto, non ero pronta a sentire la sua lingua nella mia bocca, aborrivo l’idea assaporare il suo seme anche se desideravo succhiare quel cazzo piu’ di ogni cosa. Ero ancora legata in qualche modo a mio marito che era stato il primo a farmi donna. Desideravo quel cazzo ma non ero pronta ad accettare l’uomo al quale era attaccato, se quel maestoso membro avesse avuto vita propria e , come quei falli alati che erano il portafortuna degli antichi, avesse volato fino alla mia fica riempiendola in un sol colpo, sarei stata la donna piu’ felice al mondo.
Mi scoprivo una grande perversa , stavo precipitando verso una crisi ossessiva, decisamente ero in una fase anomala della vita, forse si trattava di depressione post partum tardiva. L’abitudine a masturbarmi mi stava facendo chiudere in me stessa, mi stavo chiudendo in un mondo di fantasie che alla lunga mi avrebbero isolato sempre di piu’ e avrebbero rovinato ulteriormente il rapporto gia’ abbastanza deteriorato con mio marito. Dovevo darci un taglio, per il bene di tutti. Questo mi ripromisi una notte nella quale l’ossessione si era fatta piu’ intensa ma , come tutti i migliori proponimenti notturni, quelle buone intenzioni svanirono al risveglio come la rugiada al primo sole del mattino. Eravamo ormai in luglio e in terrazzo il sole picchiava forte. Nel tardo pomeriggio, dopo la pennichella, i due coniugi vi andavano per godersi il fresco che la sera prometteva aiutata dal venticello che spirava dal mare. Mi venne una idea, mi sarei andata a sedere anche io in terrazza, di fronte a quell’uomo il cui membro aveva eccitato tanto le mie fantasie, ma questa volta non avrei messo le mutande. Mi sarei presa una rivincita, una vendetta per i miei troppi ditalini, per il povero salame bistrattato e per la mia fessa ormai larga come quella di una vecchia puttana di angiporto. Chissa’ quante seghe si sarebbe fatto il vicino dopo aver visto la mia fica e le mie bellissime gambe pensavo. Forse avrei potuto verificare anche se gli si rizzava ancora, forse avrei visto quel cazzo ergersi maestoso esponendosi ben bene da quei larghi pantaloncini. I bambini giocavano in terrazza ed io con la scusa di controllarli cominciai a girarmi verso di loro lasciando che le mie gambe , quasi per caso, si aprissero a dovere. Poi rigirandomi verso di lui e vedendo i suoi occhi puntati alle mie gambe, con un atto spavaldo e sperando che Lucia non se ne avvedesse, aprii le gambe a mostrargli, orgogliosa , tutta la mia ventenne mercanzia. Ma a Lucia, sempre attenta, non erano sfuggite le mie manovre e con un sorriso cattivo sul suo bel volto di mora mediterranea, apri’ vistosamente le sue gambe piene e ben tornite di donna matura, accavallandone una alle gambe del marito, mostrando, lei a me, la magnificenza della sua nera fessa pelosa! Anche lei, per il caldo o per qualche altro progetto recondito, non indossava le mutande! Su quel terrazzo due fiche si stavano battendo a duello contendendosi il possesso di quel magnifico cazzo. Una bionda con radi peli chiari ed una buia come la notte e coronata da folti peli neri. La mia esibizione aveva avuto pero’ effetto e quel cazzo di colpo si era gonfiato e ora premeva nei calzoncini quasi volesse farli scoppiare, il glande finalmente era fuoriuscito dai pantaloni e mostrava tutto il suo desiderio e la sua dirompente potenza. Lucia stese la mano sinistra verso le gambe del marito e gli prese il cazzo senza riuscire a circondarlo tutto con le dita, mi stava mostrando che era lei la padrona e avrebbe concesso che io lo assaggiassi solo se lei avesse voluto.
Non mi sarebbe stato piu’ consentito di sfidare indenne il suo potere. Poi, imperiosa, disse al marito che era ora di rientrare ed io capii che sarebbero andati a scopare perche’ l’eccitazione del marito non aveva piu’ ritegno, credo che se lui avesse davvero avuto voce in capitolo ci avrebbe impalate a turno, li sul terrazzo. Io ne ero uscita sconfitta, la mia esibizione non aveva fatto altro che risvegliare le voglie di lui e ,in quel momento, ne stava beneficiando solo la moglie che aveva affermato con un sol gesto della mano le sue prerogative. Tornai dentro da me, si era fatta ora di far cenare i bimbi e metterli a dormire, poi avrei cenato io da sola vedendo un po’ di televisione e poi a letto. Quella sera avrei dormito , mi era passata ogni eccitazione pensando che,grazie a me, nello appartamento affianco Lucia aveva spento tutte le voglie di Salvatore appagando le proprie. Poi mi seccava di aver fatto la figura della troia sozza di fronte a quella donna che comunque non era stata piu’ signorile. Ma non conoscevo ancora di quali panni vestisse la mia vicina.. Fra le cose da fare e questi pensieri si erano fatte le nove e mezza di sera, l’ora di cena dalle nostre parti, quando sentii bussare alla porta. Ero gia’ in pigiama, quello estivo con i pantaloncini di seta rosa che mi lasciavano scoperte le gambe e un po’ le chiappe, ma senza pensarci, con stizza, aprii lo stesso. Era don Salvatore con in mano una teglia, Lucia mi mandava un prestofatto dolce appena sfornato. Dissi a Salvatore di venire in cucina e di aspettare un attimo che gli avrei restituito immediatamente la teglia e, mentre passavo il dolce ancora caldo in un vassoio, mi chiedevo perche’ la vicina mi mandasse un dolce. Forse per ringraziarmi per l’oretta piacevole che grazie al mio spettacolo aveva goduto o forse per farmi capire che non era offesa? Mi girai verso Salvatore per restituirgli la teglia e capii che il prestofatto non era l’unico dolce che lui e Lucia volevano che assaggiassi. Lui si era calato i pantaloncini ed mi mostrava il cazzo gia’ eretto, rimasi senza fiato, mi resi conto solo che si stava avvicinando. Mi sentii accarezzare il volto e sentii le sue mani appoggiarsi sulle mie spalle spingendo in giu’ per farmi inginocchiare. Mi ritrovai quel membro gigantesco a portata di bocca, la spalancai come un uccellino affamato e presi quella cappella che mi arrivo’ fino in gola , non sarei mai riuscita a prenderne di piu’ di quel cazzo nella mia bocca. Salvatore non aveva bisogno che gli facessi un pompino per farselo drizzare, lo aveva gia’ duro come il marmo, lui voleva che io lo prendessi in bocca per farmi eccitare, per farmi bagnare e penetrarmi facilmente , infatti gia’ sentivo che la fica aveva ripreso a colare. Sentivo che il suo cazzo sapeva di sperma e un odore di fica lo impregnava fino alle palle, non mi dispiacque sentire il sapore dolciastro e un po salato del sesso di Lucia. Si sentiva dall’ odore ed era evidente, che lui aveva finito di chiavare la moglie da poco ma gia’ gli era venuto duro in quel modo ed alla sua eta’ poi! Sapientemente lui, quando ritenne fossi pronta, mi fece piegare di petto sul tavolo di cucina per penetrarmi, io ero gia’ abbondantemente bagnata ma lui, da uomo esperto si bagno’ le dita nella mia vagina e mi spalmo’ le labbra piccole con la saliva che aveva aggiunto ai miei fluidi quando si era portato le dita al naso per sentire il mio odore. Non mi lecco’ nemmeno un attimo, voleva penetrarmi! Aveva puntato immediatamente il suo cazzo alla mia fica e in due potenti colpi mi fu tutto dentro. Lanciai un grido di piacere e di soddisfazione, lo avevo finalmente dentro di me dopo averlo desiderato per un mese. Non credevo che un cazzo cosi’ grosso potesse muoversi con tanta agilita’ dentro di me, sentivo che quella spada calda mi aveva allungato la vagina piu’ di quanto ero riuscita a fare io stessa con il mio grosso salame, sentivo la sua grossa capocchia muoversi dentro stirandomi le pieghe interne della fica. Si muoveva rapido con colpi potenti ed io dopo un breve tempo ebbi un primo orgasmo. Mi abbraccio’ e mi sollevo’ da terra abbracciandomi da dietro e sostenendo il mio peso con quella rigida colonna di carne che mi aveva messo dentro. Ormai le sue palle sbattevano sulle labbra della mia fica, non ne rimaneva nemmeno piu’ un centimetro fuori, ero riuscita a prenderlo tutto, la mia pancia era in fiamme ed io dovevo mordermi la lingua per non urlare rischiando di svegliare i bambini.. Mi chiavo’ a lungo con potenza e dolcezza perche’ Lucia l’aveva gia’ svuotato ma sentii benissimo, alla fine, il suo caldo piacere schizzare ancora abbondante in fondo alla fica irrorandomi la pancia assetata. Si rimise i pantaloncini lasciandomi piegata sul tavolo di cucina, stanca e distrutta, con la pancia e la fessa ancora piacevolmente palpitanti , stupendamente appagata e “fottuta” sul serio per la prima volta! Con un bacio leggero mi saluto’ dicendo che sarebbe tornato l’indomani. Con le gambe tremanti rimisi i pantaloncini rosa e mi avviai a letto. I bambini dormivano tranquilli. Stesa sulle lenzuola sentii che una parte del suo sperma ,che pur aveva deposto tanto in profondita’, stava uscendo da me macchiando la seta del pigiama.
Mi toccai la fica e con due dita raccolsi il rivolo di sperma che colava e le portai alla bocca, prima ne avevo sentito solo l’odore ma ora l suo seme mi si scioglieva in bocca come crema, aveva un buon sapore unito come era al succo della mia fessa. La prossima volta, se non avessi cambiato idea in corso d’opera, l’ avrei fatto sborrare nella mia bocca o forse in faccia che mi piaceva tanto. Finora ,credo che nemmeno chi avra’ avuto la costanza e la pazienza di leggermi fin qui, sia riuscito a scorgere la tela del ragno, io mi ci stavo avviluppando inconsapevole, per ora si era trattato, infatti, solo di farsi una gran bella scopata e di fare un corno, il primo, a mio marito che, diciamocelo, se lo meritava pure.
Ora mi par di sentire qualche lettrice ipocrita per vezzo o per natura o qualche sessuologo maschio che parla senza cognizione di causa e che si sia degnato di leggermi, ripetere il solito ritornello, o meglio la fesseria, delle dimensioni che non contano.. E’ parzialmente vero. E’ vero che quando ami un uomo la grandezza del suo cazzo non conta (al di sopra di certi limiti inferiori ovviamente) , la fica si adatta ad ogni dimensione e godi comunque. Ma se e’ il piacere per il piacere quello che si cerca, sfido tutte le donne, giovani, mature ed anziane, a dirmi, mettendo per un attimo da parte l’ipocrisia che su queste faccende noi femmine abbiamo innata, che potendo scegliere fra un cazzo grosso ed uno piccolo sceglierebbero quello piccolo. E ricordatevi che l’amore passa ma la ricerca del piacere dura tutta la vita.
Io quella sera ero davvero finalmente soddisfatta, mi aveva fottuto come si deve, desideravo da tempo di essere sfondata. Si, desideravo di essere S F O N D A TA ed e’ la parola giusta e non me ne vergogno e le donne, non tutte ma solo le Femmine vere, mi capiscono, capiscono cosa intendo per sfondata. Per gli uomini significa solo togliere il fondo a qualcosa ma per noi femmine ha altra valenza, un significato che non riusciremmo mai a spiegar loro. Lui mi aveva accontentata sfondandomi la fessa e ne ero felice. Pensatela come vi pare, se non siete d’accordo con me provate prima un cazzo lungo e grosso in proporzione come quello di Salvatore e poi ne riparliamo. Ma siate sincere , almeno fra noi donne, per favore!
Visualizzazioni: 2 719 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Etero Tradimenti Trio