"Buongiorno Signora desidera?" Guardandomi sugli occhi mi risponde "Avrei visto una rivista di modelli di vestiti in vetrina potrebbe farmela vedere?" ed io "Certo Signora" Prendo la chiave della vetrina esco ed apro la porta le porgo la rivista e lei "non ne avrebbe con modelli di intimo femminile? La guardo lei mi fa un sorriso malizioso e poi dice"Vedi avrei rotto il mio body e vorrei farmene un altro" Contemporaneamente comincia a sollevarsi il vestito.Le si vede gia mezza coscia Comincio ad eccitarmi e tra il caldo afoso di Padova e l eccitazione comincio a sudare.Lei continua" potrei entrare nel suo chiosco così osservo il giornale all ombra?" e altro sorrisino malizioso "Ma certo Signora entri pure" Io la precedo lei mi segue Subito comincia ad alzarsi il vestito lentamente dicendo "Sai a casa con queste temperature giro nuda.Scusa se ti eccito" Lei gia aveva visto la mia bozza crescere Sudavo alla grande e penso con me sudasse anche la statua del MazziniNon ce la feci più , vedere quelle natiche così carnose mi portò ad allungare istintivamente la mano verso di loro. Apena cominciai a sfiorarle si complimentò dicendomi che i miei movimenti lenti le piacevano molto e cominciavano ad eccitarla era da tanto che un uomo non la accarezzava così delicatamente. La situazione si faceva interessante ma anche imbarazzante. Sapete lavorare in un chiosco con il contatto diretto della gente che può passare e magari vedere qualcosa di stranoSubito si girò verso di me mi prese il sesso dentro ai pantaloni e cominciò a massaggiarlo nel contempo si chinava sempre più finchè me la trovai inginocchiata tra le mie gambe. Abbassò delicatamente la zip e fece uscire il cazzo era giusto eretto davanti alla sua bocca. Le passai una salvietta detergente perpulirmelo un po cosa che lei fece e poi lo baciò lo alzò mi baciò le palle una ad una prendendosele anche in bocca Era abile con la lingua. Salì lungo l asta aprì bene la bocca e cominciò a succhiarmelo se lo mise tutto dentro e lo tenne giocandoci con abili slinguate poi cominciò con lenti su e giu. M gustava tantissimo e glielo dissi. Lei mi rispose "Lo sai che il tuo cazzo mi piace proprio ? Mi spiace solo di avere poco tempo per cui per favore donami il tuo succo presto i. In breve riuscii ad accontentarla .Le riempii la bocca di sperma che lei piana piano bevveCome lo ebbe deglutito tutto si alzò mi baciò delicatamente e salutandomi se ne andò così come era arrivata Fu un esperienza splendida
Visualizzazioni: 3 273 Aggiunto: 4 anni fa Utente: