Caro Gladius,
riprendo il mio racconto.
Sai poco fa mi guardavo allo specchio e ripensavo alla mia vita prima di Rocco, andava tutto bene, senza scrolloni, senza brividi, nella più amorfa delle routine, ma serena, felice.
Non avevo mai tradito mio marito, anche se erano stati in tanti a provare a indurmi in tentazione, a volte con una corte e con proposte veramente accattivanti, allettanti. Ma io niente, nessuno sforzo a dire di no, anche quando mi sentivo veramente lusingata per l’ardore, la persistenza o il fascino del corteggiatore.
Poi, improvvisa, la folgore di quello sguardo. Rocco.
Insomma alla fine ero andata all’appuntamento a Piazza Castello.
Per riprendere le ultime righe della mia precedente e-mal, sì, mi sono consegnata come un agnello sacrificale dopo una giornata travagliata in cui avevo deciso cento volte di sfuggire e cento volte avevo capito di non potermi sottrarre.
Scusa se mi immedesimo un poco troppo, ma il ricordo è vivido, cocente…
Appena lo vidi sotto il monumento all’alfiere dell’Esercito Sardo le paure svanirono, le mie dita si abbarbicarono intorno ai suoi avambracci, la mia bocca si dischiuse e subito la sua lingua guizzò in me, promessa e simbolo della sua virilità. Sotto la gonna la pressione della sua mano si fece decisa, il calore delle sue dita era il segno della sua passione, brividi di piacere mi scuotevano, sentivo i capezzoli dritti contro il suo torace.
“Ciao bellezza, stasera sei proprio strafica. Vedrai che sorpresa ho per te” mi ha salutata baciandomi mentre mi palpava spudoratamente i seni e i glutei infilando una mano sotto la gonna per controllare se avessi ubbidito al suo ordine di andare senza biancheria intima.
Sì, non solo ero andata, non solo avevo ceduto alla sua disposizione di presentarmi priva indumenti intimi, ma mi ero anche truccata e vestita in maniera di essere il più possibile sensuale ed appetibile.
“Guarda Gianni, guarda che bella troietta, è già pronta” mi presenta sorridendo facendo notare al suo amico che sono senza mutandine .
Questo suo vezzo di presentarmi agli amici come una delle sue troiette è stato lief - motive per tutto il periodo che ci siamo frequentati.
Ci incamminammo verso via Po, Mi portano in una scantinato di via Maria Vittoria. Doveva essere il ripostiglio di un’osteria, pieno di casse di vino, cianfrusaglie varie, e un tavolaccio e un lurido divano che sarebbero diventati i giacigli su cui mi avrebbero penetrata. Si spogliarono immediatamente e mi strinsero in mezzo a loro due. Gianni mi appuntò il suo membro tra le chiappe.
“No, ti prego. Non farmi inculare da lui, per favore... ti prego Rocco, fallo smettere…”
“Stai zitta troia, e collabora. Rilassati e magari godi. Gianni è qui proprio e solo per farti il culo”
Pochi attimi e il cazzo di Gianni affondò tra le mie chiappe… quello di Rocco mi fotteva in fica.
Godevo come una troia. Sì, godevo.
Mi pomparono assieme, a sandwich, come penso si faccia con la più infima delle puttane.
Da quella sera abbiamo iniziato a frequentarci spesso. Mi prendeva dove e come voleva, tutte le volte che ne aveva voglia.
Con Giorgio fu penoso. Gli confessai tutto già il giorno successivo. Era distrutto ma mi ama ed era lui che cercava di consolarmi. Quando gli dissi di Gianni era un cencio.
“Ora non mi vorrai più vedere. Mi considererai una puttana schifosa…”
“No Sonia, amore mio, no. Per me sei sempre la splendida donna che amo.”
“Grazie. Dovremo parlarne. Devo trovare una soluzione”
A complicare le cose c’era che la mattina successiva doveva partire per Lille, non poteva davvero farne a meno.
Caro Gladius ti risparmio le lunghe, intense, struggenti telefonate. Era chiaro che non voleva perdermi. E nemmeno io volevo che ci separassimo ma non sapevo che fare. Intanto mi incontravo ogni giorno e spesso di sera con Rocco: un distillato di sesso e passione. Mi presentò un altro amico e mi fece capire che non sarebbe stato l’ultimo.
Giorgio tornò da Lille il 22 dicembre dicendomi che non mi avrebbe creato problemi, anzi che avrebbe cercato di aiutarmi, che mi amava.
Gli dissi che Rocco voleva avermi per se tre volte a settimana e un week-end sì e uno no. Acconsentì.
Rocco quel giorno era partito per una settimana di vacanza sulla neve, tornò nel primo pomeriggio del 29 dicembre e mi telefonò perchè voleva incontrarmi.
Giorgio sarebbe ripartito per Lille il 2 gennaio e sarebbe rimasto assente una decina di giorni, avrei voluto aspettare di essere sola per scopare con ancora con il mio amante ma non me la sentivo di aspettare fino all'anno nuovo e nemmeno di accettare subito l'invito di Rocco. Stavo tergiversando al telefono quando Giorgio entrò e mi beccò al telefono. Lo guardai a disagio e lui sorridendo mi fece cenno di accettare.
Credo che diventai più rossa di un peperone ma fu una fortuna che Giorgio mi avesse sorpresa al telefono, Rocco non mi dava scampo, mi stava dicendo che o lo raggiungevo o sarebbe venuto ad incularmi a casa davanti a mio marito, aveva le palle piene e doveva svuotarle!
"Va bene Rocco, ci vediamo stasera" sussurrai imbarazzatissima.
Rocco grugnì un ok dandomi l'indirizzo di un Bed and Breakfast sul Lungo Dora.
"Certo, sarò puntuale, alle venti al Quadrifoglio"
Giorgio mi sussurrò di dargli appuntamento al Principi di Piemonte.
Lo guardai inebetita ma lui mi fece seccamente segno di ubbidire.
Lo feci, a Rocco andava bene.
"Di che ti impicci?" chiesi irritata.
Più che arrabbiata ero tremendamente turbata e cercavo di mantenere il controllo della situazione.
"Amore, il Quadrifoglio è una bettola, ti prego... non volevo offendesti, permettimi..."
"No scusa tu, non dovevo accettare, sono giorni di festa"
"Appunto... Credo che tu debba festeggiare"
Lo guardai torva.
"Ok, ok... Ti deve fare la festa" replicò ridendo stemperando così la tensione.
Mi limitai a baciarlo, e mentre lo baciavo sapevo che avrei festeggiato o meglio Rocco mi avrebbe fatto la festa non solo a fine ma anche l'inizio dell'anno.
Prenotò una suite, non solo per la sera, ma anche per il 30 ed il 31.
Protestai debolmente, più perché temevo che Rocco non mi avrebbe voluta per tre notti di seguito, che per rispetto a lui come sostenevo.
“No, amore, stai tranquilla, ormai la frittata è fatta. Goditi il tuo unico tradimento, voglio solo che tu sia felice”
Lo guardai perplessa. Non sapevo che dire, che fare. Avevo paura che la sua fosse una trappola. Lui intuì i miei pensieri e mi sorrise.
“No amore, non ti sto mentendo. Ti amo infinitamente. Mi hai fatto male, così male che non puoi farmene di più. Se pretendessi che tu non lo vedessi più la mia sarebbe una sterile vendetta. Ormai togliti tutte le tue voglie trasgressive, ma poi basta. Davvero. Ti amo. Una volta nella vita è lecito impazzire.”
“No amore… ti amo… non voglio farti soffrire…”
Mi guardava con una strana espressione in volto, mi diceva che non si sa mai cosa può accadere nella vita, che non era colpa mia se ne ero rimasta coinvolta, che più ci pensava e più si consumava al pensiero che mi fossi fatta scopare da questo sconosciuto di colore con il cazzo asinino. Capiva però perché lo trovassi così eccitante. Non era colpa mia, semplicemente doveva accadere e io dovevo scoprire se veramente ero attratta da lui solo sessualmente o c’era anche un coinvolgimento emotivo, qualcosa di più profondo.
“Dai… ammettilo, so che ti piacerebbe pasare queste tre notti e la fine dell’anno con lui. i tuoi occhi brillano scandalosamente di piacere. Sono sicuro che ti piacerebbe” farfugliò alla fine guardandomi negli occhi.
Lo guardai con aria interrogativa.
Mmm sì… certo che mi piacerebbe… a chi non piacerebbe prendere per tre giorni consecutivi un cazzo simile, pensai restando in silenzio e trattenendo il respiro. Sono proprio una puttana.
Il fatto è che avevo voglia di Rocco. Giorgio mi stava dando l’alibi. L’afferrai.
Uscii dalla stanza sorridendogli, con un ti amo. Lasciai la porta accostata, non la chiusi.
Silenzio.
Appena potei chiamai Rocco e gli dissi della novità. Schiamazzava come un bambino per la contentezza ma mi disse che il 31 sera era occupato, festeggiava con degli amici e delle troie, potevo unirmi a loro ovviamente.
Non so perché, forse un rigurgito di onestà, ma gli dissi che preferivo passere la fine dell’anno in famiglia.
“Bene. Allora io e te festeggeremo stasera, invito un paio di conoscenti”
“Ma…”
“Sta zitta troia, ci vediamo alle venti. Puntuale. E vieni vuota, capito?”
Quel vieni vuota mi dette una scossa incredibile, quasi godevo: mi aveva ordinato di farmi un clistere… terribile… fantastico…
Mi tormentai chiedendomi se dovevo dirlo a Giorgio. Beh, sì, in fondo c’era anche la buona notizia che la fine dell’anno la passo con lui.
Lui non commentò. Alle sette e quarantacinque mi avvicini per salutarlo, si complimentò con me perché ero elegantissima, affascinante, splendida, seducente, disse che i tacchi a spillo slanciavano il mio corpo stupendo e la rendevano incredibilmente desiderabile. Mi abbracciò sussurrandomi all’orecchio che ero bellissima, irresistibile, che stanotte avrei fatto impazzire i miei tre amanti, che non sono consapevole dell’effetto che fa il mio fisico. Provavo un piacere acuto che mi avesse espresso la sua ammirazione.
“Sei fantastica, non li distruggere. Ma non esagerare. Ora va, amore mio. Ma chi sono gli altri due fortunati?”
Lo disse con un tono volutamente provocante, come se stesse continuando un gioco erotico con me.
Gli lancia uno sguardo malizioso, credo che lui lo interpretò male.
“Ok scusa, va bene, lo sai che non interferisco, lo chiedo solo per la tua sicurezza, se dovessi aver bisogno di qualcosa”
“Tranquillo, si limiteranno a montarmi”
Alle otto precise trovai Rocco davanti all’albergo. Mi ha trascinata in camera e mi ha incula e scopata per un’ora e mezza senza permettermi di dire una parola… ero distrutta… deliziosamente, divinamente, distrutta.
“Dai, sistemati, stanno arrivando i miei amici…”
“Chi sono?”
“Li conosci tutti e due, ti hanno già montata, non ti preoccupare”
“Buona sera signori..."
“Ciao Sonia, sei davvero splendida!” fece Gianni entrando.
Finalmente scoprii che l’altro si chiama Carlo. Si vedeva che sono ben inseriti nella società. Ricchi, vestiti con gusto, colti, parlavano un ottimo italiano. E dovevano essere dei porci: mi stavano scopando con lo sguardo.
“Gradisce qualcosa, Gianni?” chiesi.
“Grazie, un goccio di champagne.”
Avevo la gola secca. In sordina una musica degli anni settanta.
Gianni mi invitò a ballare. Era bravo. Mi strinse a se per farmi sentire l’erezione potente del suo pene.
“La facciamo mettere nuda per ballare... che ne dite?”
È un attimo e sono nuda. Mi sono spogliata con movenze sensuali appena me lo hanno chiesto. Gentilmente. Ma era un ordine.
“Cazzo, che dell’esemplare di femmina... è bella soda... e che fica... mmm ragazzi è già bagnata questa troia” fece Gianni che ballando con me mi tocca e mi palpava dappertutto....
“Piantatela con questa stronzata del ballo, voglio farmi fare un pompino dalla zoccola” disse
Carlo e “mettiti in ginocchio puttana! succhia”
aggiunse afferrandomi per un braccio.
“Le posso venire in bocca?” domandò poco dopo a Rocco.
“Puoi farle tutto quello che ti pare, non è vero?” risponse lui.
E vedendo che non dicevo niente aggiunse: “Hai capito, troia? La nostra sborra te la devi bere tutta, mi sono spiegato, cagna ? non ne deve andare sprecata neanche una goccia...”
“Certo signore, con piacere, è ovvio che la ingoio tutta… sono qui per questo.”
Spompinai tutti i loro cazzi uno dopo l'altro... erano veramente eccitati, sborrarono abbondantemente e mi fecero bere tutto.
“Che bocca ragazzi, che troia... dai portiamola a letto che ce la chiaviamo alla grande”
Mi scoparono e mi incularono e si fecero spompinare per ore; si divertirono a umiliarmi, a trattarmi come la puttana che in verità sono.
“Cazzo, Sonia, sono le cinque di mattino, devo pisciare” se ne uscì Rocco.
Così, all’improvviso Rocco mi aveva detto che doveva fare la pipì. Sorrisi, e gli sussurrai di andare in bagno, lo avrei aspettato. Credevo che volesse scusarsi di lasciarmi sola con i due. Sorrise anche lui afferrandomi da dietro, le sue mani forti sui seni, il suo torace contro la mia schiena, e cominciò a baciarmi sul collo come non aveva mai fatto prima, strusciando il suo pene sul mio culo. Credevo che volesse solo baciarmi, prendersi un passaggio prima di andare in bagno ma, all'improvviso, mi spinse giù a novanta gradi e… capii! Stava per penetrarmi e orinarmi nell’intestino!
Mi sentii persa, disperata, ma anche preda di un violento desiderio di essere usata da lui in quel modo perverso in mezzo ad alta gente. Questo atto osceno superava ogni limite, eppure é stato uno dei momenti più erotici della mia vita!
Mi misi volontariamente, davanti a tutti, con l’atteggiamento più mansueto possibile, alla pecorina sul divano, e con le mani separai le mie natiche per offrirgli il fiore da innaffiare.
Lentamente infilò la sua proboscide dentro di me, lentamente prese a svuotarsi dentro di me. Il suo liquido fluiva rovente per un tempo che non finiva mai.
Presi a godere dal piacere… e lui continuava a riempirmi, continuava come fosse una fonte, sentivo il suo fluido ardente e delizioso gonfiarmi la pancia e mi sentivo femmina come non mai. Ero piena, e tutto quel liquido nel mio ventre mi faceva sentire come una donna incinta. Mi girava la testa, non capivo più niente. Sapevo solo che dovevo accogliere la sua orina nel mio intestino con devozione, con docilità, con amore.
Con amore.
E così feci. Ero sua come non sono mai stata di altri, neanche di mio marito.
Ed ero orgogliosa che gli amici di Rocco apprezzassero come il mio padrone mi stava utilizzando, vedessero come accettavo docilmente che mi facesse pipì nel culo.
Era l’alba.
L’alba del 30 dicembre arrivò come una liberazione. Ma anche come l’inizio di un incubo.
Ero distrutta.
Distrutta fisicamente, tra ieri notte e nelle ultime ore, mi hanno inculata almeno venti volte.
Mi avevano inculata sul letto, sul pavimento, legata con le loro cravatte, braccia e ginocchia a terra. Anche gli altri due avevano deciso di sciacquarmi pisciandomi loro nel culo dopo che avevano eiaculato. Li ho anche ringraziati.
Ad in certo punto ho temuto di perdere il conto di quante volte mi avevano montata. Ostinatamente ho voluto continuare a contarli.
Ero distrutta psicologicamente. Mi sentivo tradita da Rocco. Quando riuscivo a ragionare lucidamente sapevo bene che Rocco non poteva tradirmi, caso mai mi ero tradita da sola seguendo le mie folli illusioni... No. No, non mi avevano inculata venti volte ma in ventuno. Anche Giorgio, per primo, è colpa sua se avevano abusato così di me.
Rocco in questi giorni, con fredda determinazione, mi aveva fatto scendere tutti i gradini dell’umiliazione. Amaramente capii che certe soglie non dovrebbero mai essere superate, in un crescendo di abbrutimento, crudelmente lui e Giorgio lo avevano permesso, voluto... io, preda indistinta di maschi che il giorno neanche si sarebbero ricordati di me.
Dio che vergogna, che infame destino avevo scelto di subire, sottoposta a indicibili soprusi, violata senza scrupoli e per di più godendone... mi faccio schifo.
Ma soprattutto ero distrutta moralmente. Come avrei guardato in viso Giorgio? Speravo quasi che non mi volesse più a casa, che mi abbandonasse, maledetta, al mio destino.
Mi avevano pisciato in culo! Per lavarmi! Per purificarmi e rendermi fruibile per il successivo cazzo in attesa!
Ecco cosa ero diventata, un culo per pisciarci dentro!
A casa trovo Giorgio, il bagno caldo è pronto per me, preparato con cura, con i sali al sandalo che amo, le candele profumate già accese, una vaso di rose gialle sulla mensola.
Mi abbraccia e mi culla tra le sue braccia, in silenzio.
Mi rifugio subito nella stanza da bagno. La delicatezza di Giorgio quasi mi ferisce e io continuo ad offenderlo ed umiliarlo. Sono pazza. Pazza.

(continua)
Commenti a gladius44@libero.it.
Visualizzazioni: 3 832 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Sesso di gruppo