Questo racconto è il continuo “la coinquilina”, è consigliato leggere la prima parte.

Girandola si trovo il mio cazzo eretto che puntava sulla sua bocca, non si aspettava di trovarlo così spudoratamente difronte a lei. Si fermo e iniziò a tremare preoccupata. Non sapeva che fare. Si tappo inizialmente gli occhi con una mano per provare a non vederlo, era imbarazzatissima.

Stese qualche secondo con gli occhi tappati, probabilmente per lei erano secondi interminabili. Ebbi qualche dubbio anche io sul come comportarmi vedendo questo suo pseudo rifiuto, ma io ero eccitato, anzi, lo eravamo entrambi. Pensai che orami arrivati a questo punto il danno era fatto, dovevo solo trovare il metodo di approccio giusto per convincerla a superare questo suo ultimo ostacolo della sua coscienza nel concludere un rapporto con me tradendo il suo ragazzo, fra me e me pensavo - approccio deciso o vado per la dolcezza- Decisi di optare per un iniziale via di mezzo. Il mio cazzo era sempre lì a pochi centimetri delle sue bellissime labbra, mi accorsi che lei non aveva gli occhi completamente tappati e creava una sorta di spazi fra le sue dita per sbirciare pensando che io non me ne accorgessi. Dolcemente posai la mia mano sui suoi morbidi capelli e iniziai ad accarezzarli dolcemente con le mie dita con la speranza di riuscire a rilassarla almeno un pochino, vedevo che apprezzava il mio gesto, con l’altra mano presi lentamente e delicatamente la mano con cui si nascondeva gli occhi e la spostai guidandola sul mio cazzo teso. Non diceva nulla e alzò la testa per guardarmi negli occhi, quei occhi color ghiaccio erano fantastici e si riuscivo a leggere pienamente il suo sguardo di voglia ed eccitazione e terrore. Come il diavolo tentatore le sussurrai dolcemente:
-“ Non ti preoccupare…lo so che lo vuoi.. lo vogliamo entrambi… non stiamo facendo nulla di male...” Con la mano con cui gli accarezzavo i capelli spinsi lentamente la sua testa verso il mio cazzo finché le sue labbra non sfiorarono il mio glande. Era come ipnotizzata e fece un cenno di un sorriso e quasi bisbigliando fra se e se disse con voce tremolante: -“È…è… grosso……non ho…non ho mai visto un cazzo così prima…anzi è il secondo che vedo in realtà..” Non capivo se quelle sue parole erano di rammarico o curiosità ma la cosa che mi interessava era che si stava finalmente aprendo. Provai un approccio più deciso dopo le sue parole, la mia mano adesso accarezzava dolcemente i suoi capelli e lo spazio sotto i lobi del suo orecchio e, con un movimento più deciso, iniziai a spingere la sua testa vero il mio cazzo. Inizialmente non fece nulla e le sue labbra si poggiarono sul mio glande, era visibilmente a disagio e imbarazzata. Riprovai a spingere nuovamente dolcemente la testa e, questa volta, aprì lentamente la bocca facendo entrare lentamente il mio cazzo dentro la sua fantastica bocca. Accade tutto in un istante, un gemito uscì dalla mia bocca e provavo un mix di sensazioni ed emozioni stupende, non era di certo il primo pompino che ricevevo ma questo era come se fosse diverso e avevo l’impressione di provare tutte le sensazioni amplificate…il calore della sua bocca…il caldo avvolgente della sua lingua… le sue morbide labbra.. era stupendo..anzi era stupenda. Una volta entrato nella sua bocca, lei sollevò per un attimo la testa guardandomi negli occhi, fu una scena difficile da descrivere per ciò che realmente provavo in quel momento…quegli occhioni azzurri che ti guardavano con innocenza mentre aveva il mio cazzo in bocca, stavo godendo veramente tanto e lei se ne accorse accennando un sorriso e spinse, con difficoltà, il mio cazzo dentro la sua candida bocca. Io chiusi gli occhi e inarcai indietro la mia schiena sporgendo il mio bacino verso di lei, con una mano ripresi finalmente il suo bellissimo seno e tornai a palparlo e a stuzzicare i suoi graziosi capezzoli. Iniziò a dare segni di apprezzamento e lo dimostrava accelerando i movimenti della sua bocca, sentivo la sua lingua avvolgere e ruotare attorno al mio cazzo succhiandolo sempre con più foga e passione, la situazione stava cambiando letteralmente aspetto.
Io ero quasi al limite ma non volevo venire, volevo ricambiare regalandogli del piacere e sensazioni che difficilmente si sarebbe dimenticata. Afferrai la sua coda e la tirai indietro per interrompere quel fantastico pompino, fece un’espressione quasi di dispiacere e stupore, la presi per i fianchi e l’alzai difronte a me, i nostri visi e le nostre labbra erano vicinissime come se stesse per scoppiare un bacio passionale e, probabilmente, era proprio quello che lei si aspettava. Lei chiuse gli occhi facendo un movimento come per avvicinarsi alle mie labbra, io sorrisi e tirai indietro per la coda nuovamente, la sua espressione cambiò comportandomi da emerito stronzo, ma il mio scopo era farla godere con esperienze nuove. In una frazione di secondo feci cadere tutti i libri che stavano sul tavolo, la spostai con grinta posizionandola a pecorina sopra il tavolo con le gambe penzolanti. Era sorpresa e non capiva il motivo del mio gesto, ma subito smise di pensare quando iniziai ad agire. Mi inginocchiai dietro di lei mentre avevo il suo culo sodo e perfetto davanti a me, il suo pantaloncino verde militare era completamente zuppo nella zona inguinale e questo mi stava facendo perdere la testa. Mi salì una foga mai provata prima e quasi con violenza afferrai il suo pantaloncino abbassandoglielo, e strappai il suo perizoma. Lei era immobile sembrava quasi un mio burattino e si faceva fare di tutto curiosa ed eccitata. Era bagnata fradicia, e gocce del suo nettare colavano lentamente. Io aprii leggermente le sue cosce e con la punta della mia viscida lingua inizia a leccare il suo interno coscia assaporando proprio quelle gocce. Le fece un sussulto, quasi come un brivido, poi con le mie mani gli allargai le natiche scandalosamente e affogai la mia lingua dentro quello splendore. Lei iniziò a gemere e le sue gambe diventarono rigide, io entrai tutta la mia lingua dentro la sua figa iniziando a leccare e ruotare dentro di lei. Iniziai anche a succhiare riempendo il più possibile la mia bocca del suo nettare, era dolcissima. Non me ne facevo mancare neanche una goccia ma, ad un tratto, inizio a tremare e gemere urlando e in pochi secondi lei iniziò a squirtare e riempendo la mia faccia e il mio petto di quel fantastico liquido. Ero sorpreso e mi fermai per un istante uscendo la mia lingua da dentro di lei, ma lei sembrava ancora più sorpresa di me. Gemendo e con il fiatone riuscì a dirmi solo poche parole: -“ Oh..oh mio dio! Che è successo ?!?! è la prima volta.. la prima volta che mi capita !!” disse con stupore ed estremo imbarazzo. Appena capii che ero stato il primo a fargli provare questo piacere mi alzai sorpreso, e per provare a far calare il suo imbarazzo, nella mia estrema eccitazione le dissi : -“ Non ti preoccupare…sei stata fantastica.. non me lo aspettavo ma è stato bellissimo..ne voglio ancora!!!” le mie ultime parole le dissi con grinta e , senza neanche dargli tempo di prendere fiato, l’afferrai per i fianchi, posizionai il cazzo sulla sua figa e con un violento colpo d’anca lo feci entrare tutto in un colpo, fino in profondità. Lei urlo e si contrasse tutta rimanendo con la bocca spalancata e occhi sbarrati verso il nulla. Inizia a muovermi con estrema foga, sempre più veloce, era caldissima e bagnatissima, la sua figa era strettissima e riuscivo a godere come non mai. Afferrai la sua coda con una mano e la tirai verso di me facendogli inarcare la testa, lei non obbiettava, anzi, sembrava gemere con non mai. Più facevo certe cose più mi dava l’impressione di sorprenderla, come se il suo ragazzo fosse un tipo monotono e certe cose le stesse scoprendo per la prima volta da me. Con l’altra mano poggiai le mie unghia come un felino sulla sua schiena e iniziai a graffiarla lentamente e, con l’altra mano, tiravo sempre con più forza i suoi capelli. Riuscivo a veder la sua espressione di sorpresa e felicità, mentre gemeva aveva un sorriso stampato e teneva gli occhi chiuso come per ampliare i restanti altri sensi del suo corpo. Ma questo magico momento per lei si interruppe quando le squillò il telefono accanto, era il suo ragazzo. Dentro di me imprecai per il tempismo di quello stronzo, ma non avevo intenzione di fermarmi. Continuai a scoparla mentre squillava, anzi accelerai e con tono dominante le dissi: -“ Rispondi” Lei subito si giro per guardarmi stupita e incredula disse : -“ Cosa ?!?!?! ma sei impazzito? Assolutamente no! Vuoi farmi scoprire per caso ??!” Tirai con forza i suoi capelli ribadendo con tono fermo e deciso: -“ Ho detto rispondi” lei quasi intimorita prese lentamente il telefono mentre il suo corpo era completamente adeso al tavolo, lo guardò per qualche secondo e poi lo portò sul suo orecchio: -“ Pr..pronto amore ??” disse tremolando. Io da perfetto stronzo continuai a scoparla con forza, ma non mi accontentai. La girai sul lato opposto a pancia in su sopra il tavolo e mi posizionai sopra di lei, nel momento che inserii nuovamente il mio cazzo lei ebbe un sussulto e il suo ragazzo iniziò a fargli domande insospettito. Lei rispose: -“ Ma no amore.. non è stato niente…..ah mi vedi affannata ? ma no! è che sono al parco a correre!” Adoravo guardarla negli occhi mentre mentiva al suo ragazzo e io la scopavo. Io ridevo mentre lei mentre era al telefono con il labiale mi disse esplicitamente SEI UNO STRONZO. Ancora più divertito decisi di coricarmi su di lei e iniziare a succhiare i suoi capezzoli per farla godere e gemere di più, piccoli urletti di piacere gli uscivano involontari mentre provava a tapparsi la bocca e per giustificarsi con il suo ragazzo aggiunse: -“ Ma no amore.. va tutto bene… non sto urlando…e che …che… che sono al parco e una signora anziana probabilmente con qualche disturbo si è messa ad urlare!” Io continuavo a succhiare come un poppante quel fantastico seno e mordicchiare i suoi piccoli capezzoli turgidi di tanto in tanto, dentro di me ridevo per la pessima scusa che aveva appena detto, lei era sempre più terrorizzata e non vedeva l’ora di finire quella chiamata che le sembrava la più lunga della sua vita. Quasi stanca con tono seccato disse al telefono “ Senti amore sto correndo ci sentiamo appena finisco” Staccò il telefono e si mise a ridere dandomi uno schiaffo: -“ Sei uno stronzo! Non lo fare mai più! Mi stava venendo un infarto!” io smisi di succhiare, posizionai la mia testa difronte a lei e le dissi: -“ beh da come stai reagendo lì sotto non sembravi troppo preoccupata.. sei più bagnata di prima…” con un dito provai a poggiarlo nella sua figa fradicia mentre la scopavo provando a raccogliere i suoi umori il più possibile, spostai il dito e glielo infilai in bocca come dimostrazione. Imbarazzata e sorpresa all’iniziò non sapeva come comportarsi poi chiuse gli occhi e inizio a succhiare e ruotare la sua lingua attorno al mio indice assaporando il frutto del suo godimento e, dopo qualche minuto di questa fantastica scena, spalancò di nuovo la bocca facendo uscire il mio dito e iniziò nuovamente a tremare e urlare per il godimento. Sentii il mio cazzo inzupparsi come se l’avessi immerso nell’acqua calda, lei si dimenava e mi stringeva come se fosse una posseduta per poi fermarsi e rilassarsi iniziando a respirare con affanno. Sorrise e mi guardo con quei suoi occhioni soddisfatta –“ non avevo mai goduto così tanto in vita mia…” Sentendo quelle parole uscii il mio cazzo, mi sedetti sopra di lei poggiando il mio cazzo sulle sue tette, mentre la punta spingeva fra le sue labbra. Mi muovevo scopando letteralmente la sua bocca, per poi inondarla. Spalancò gli occhi per lo stupore e aveva difficoltà ad ingoiare tutto e ,infatti, buona parte le uscii finendo sul suo seno. Mi guardava compiaciuta e ridendo, io ero esausto e per scherzo usai il mio cazzo come se fosse un pennello per spalmare il restante sperma sul suo seno. Ci alzammo controvoglia che tutto ciò fosse finito e ci guardammo negli occhi e mi disse: -“ Beh ora mi sa che ho proprio bisogno di una doccia!” io confermai e lei un po' s’incammino sculettando verso il bagno. Vederla nuda per casa era un piacere immenso, la seguii e la afferrai per un braccio bloccandola. Lei si girò stupita e mi guardò, io dolcemente accarezzai il suo viso e, nel suo stupore, la baciai appassionatamente intrecciando la mia lingua con la sua, all’inizio fu rigida e stupita, per poi rilassarsi e abbracciarmi attorno al collo. Mi distaccai mentre la mia fronte era poggiata sulla sua e sorridendo le dissi: -“ Ecco il bacio che ti ho negato prima” Sorrise imbarazzata guardando il pavimento si girò ed entrò in bagno.

Continua

Mi scuso per l’attesa nel fare uscire il continuo della storia, spero che sia stata di vostro gradimento.
PS: scusate per gli errori, sfortunatamente scrivo di getto e difficilmente riesco a rileggere attentamente prima di pubblicare, (se volete segnalarmeli fatelo via email sia per questo che per altri miei racconti e io provvederò a sistemarli)
Commenti, critiche o consigli sono graditi!
Inoltre volevo proporre alle ragazze, che se qualcuna fosse interessata nel creare un roleplay o solo scoprire come funziona di scrivermi in privato e io sarò lieto di darvi tutte le informazioni possibili!
Visualizzazioni: 10 016 Aggiunto: 5 anni fa Utente:
Categorie: Etero