Queste sono le avventure di Kristina la professoressa di francese che è stata per un certo periodo una mia schiava virtuale; anche se adesso che non prende più ordini da me, siamo rimasti comunque in buoni rapporti e abbiamo deciso di scrivere insieme cosa ha fatto quando era mia schiava e cosa fa adesso che non lo è più, ma continua a fare la troia con i suoi allievi di quinta superiore.
Non può fare a meno di farlo perchè è ricattata da uno di loro, ma la cosa anche se la atterrisce la eccita terribilmente.
Graditi commenti a gladius44@libero.it -
Kristina deve dare ripetizioni ad un ragazzo, ma ha un compito da assolvere per il suo padrone, ecco cosa scrive:
Il ragazzo continua a sbagliare la terza persona singolare, sembra nervoso.
Lo rimprovero, pentendomi subito di essere stata così brusca.
Il punto è che io sono molto più nervosa di lui, ma non posso ammetterlo.
Da qualche mese ho un Padrone che condiziona la mia vita, molto più di quanto avrei voluto all'inizio.
Era nato quasi per gioco: un contatto in internet, qualche mail.
I primi giochi erano stati quasi innocenti: andare al lavoro senza biancheria intima, toccarmi...certo, non il massimo per una che ha già un marito e un figlio, però fino ad un certo punto avrei potuto sostenere di non aver fatto nulla di male.
L'ordine di oggi, invece, era di un altro tipo.
Il ragazzo deve venire.
Da principio non mi era sembrato neppure un ordine sgradito. Nonostante io abbia il doppio dei suoi anni (e non ci devo pensare troppo, se no mollo tutto), Francesco mi era piaciuto subito.
Non particolarmente bello di viso, però un bel fisico da sportivo e soprattutto una estrema cura per l'igiene personale, caratteristica per nulla scontata negli adolescenti.
Però ora che è qui davanti a me non so cosa fare.
Fosse un adulto mi comporterei diversamente, saprei come fare.
Mi slaccio un paio di bottoni della camicetta.
"Fa molto caldo oggi", dico.
E' per altro vero.
“Senti, spostiamoci sul balcone, così almeno c’è più aria - gli propongo - Se a te non dispiace, mi metterei in costume da bagno”.
Lui annuisce semplicemente.
Vado in camera da letto e mi spoglio.
“Cosa sto facendo? - mi chiedo - Mi renderò ridicola, lui non pensa minimamente a una come me”.
Scelgo un bikini bianco di qualche anno fa; ora mi va un po’ stretto e dovrebbe evidenziare le cose giuste.
Per di più la mutandina è a perizoma; di più non potrei fare.
Esco sul balcone e vedo che lui si è già sistemato al tavolo con i libri davanti.
Gli dico di dare una ripassata e nel frattempo mi sdraio sul lettino accanto a lui.
La mossa è motivata solo dall’obiettivo di fargli guardare il mio corpo.
“Se hai caldo togliti pure tu la maglietta - gli dico - Purtroppo non ho un costume da prestarti, ma se vuoi toglierti anche i jeans puoi farlo, io non mi formalizzo”.
Si toglie la maglietta, ma tiene su i pantaloni.
Ecco la differenza: un adulto non avrebbe esitato a rimanere in mutande, anzi.
Rimango al sole per qulalhe minuto, poi decido di andare a controllare il lavoro del mio allievo.
Mi metto alle sue spalle e mi chino per controllare quello che ha fatto.
Nel fare questo movimento praticamente gli appoggio le tette tra la spalla e la guancia sinistra.
Gli appoggio una mano sull’altra spalla, quella destra, e fingo di leggere il libro con lui.
Con la mano gli accarezzo la schiena; cerco di farlo con noncuranza, come se fosse normale.
Lo sfioro per qualche minuto, poi mi tiro su e gli metto anche l’altra mano sulla spalla.
Prendo a massaggiarlo.
“Direi che questa parte la sai bene - dico - Ora prendiamoci una decina di minuti di pausa, che è un’ora che andiamo avanti”.
In effetti è vero.
Continuo a massaggiargli le spalle.
“Ti sento un po’ teso, vero?”, gli dico.
Lui annuisce.
“Dai, vieni dentro sul divano, che ti massaggio un po’”.
Ci spostiamo sul divano: lui si corica a pancia in giù, io mi metto a cavalcioni sul suo sedere.
Gli passo le mani sulla schiena per qualche minuto, poi mi offro di massaggiargli anche le gambe.
E’ molto titubante, ma si toglie i jeans.
Sotto ha un magnifico paio di boxer con dei palloni da basket disegnati, mi fanno molto ridere.
Gli accarezzo anche le cosce e i polpacci, poi lo invito a voltarsi.
Ora anche un ingenuo come lui deve aver capito che qualcosa sta capitando, perchè non fa storie.
Si sdraia sulla schiena e nonostante i boxer siano piuttosto ampi non riescono a nascondere nè l’erezione, nè le macchie sul tessuto.
Fingo di non accorgermene e gli accarezzo i pettorali e la pancia.
Lui è godutissimo, ha gli occhi chiusi e non respira neppure.
Con le unghie lo accarezzo attorno all’ombelico, poi passo un dito dove l’elastico dei suoi boxer tocca la pelle.
Scendo un qualche centimetro e inevitabilmente tocco la sua cappella, pur attraverso la stoffa.
Il tessuto è fradicio, sento anche il suo odore.
Glielo accarezzo, è inutile fingere ancora che tutto stia capitando per caso.
Prendo tra le dita l’elastico dei boxer.
“Questi è meglio toglierli”, gli dico.
Lui solleva il sedere e lascia che glieli sfili.
Il suo cazzo é della stessa consistenza del marmo, la cappella è intrisa dei suoi umori.
Mi accosto e lentamente gli passo la lingua sopra.
Ha un sapore molto forte, mi piace.
Lascio che si calmi, poi gli dò un bacio sulla punta.
Lui ha sempre gli occhi chiusi.
Gli prendo una mano e me la porto su una tetta.
Lui apre gli occhi, mi tolgo il reggiseno e lasci che mi tocchi.
Lo lascio fare per un po’, poi prendo il suo cazzo in mano, lo sollevo e lentamente me lo metto in bocca.
Lui mi stringe una tetta, come se gli stessi facendo male.
Abbasso la testa, lo sento quasi in gola.
Sarà la prima volta per lui?
Preferisco non saperlo, potrei tirarmi indietro e in un momento come questo sarebbe imbarazzante.
Con la lingua gli accarezzo la verga, mentre prendo ad andare avanti e indietro.
Prima volta o no, ho la sensazione che non durerà a lungo.
Gli passo una mano sul petto; i suoi pettorali sono decisamente attraenti.
Vado su e giù, ancora su e ancora giù.
Improvvisamente sento la sua mano afferrarmi la tetta con maggiore vigore e dopo un secondo sento un fiotto di sperma colpirmi il palato.
Lui spalanca la bocca ma non dice nulla.
Io lascio che il flusso termini, poi ingoio e rialzo la testa.
Lui si mette a ridere, anche se non capisco perchè.
Mi rialzo, prendo il reggiseno e lo indosso.
“Andiamo, c’è una lezione da terminare”, gli dico.
Un pomeriggio di circa un anno dopo sono a casa a correggere i compiti in classe quando sento squillare il telefono.
Sono Anna, la mamma di Francesco”.
Quando sento queste parole per telefono non posso non pensare a un anno prima quando, dietro ordine del mio padrone, avevo fatto un servizietto orale proprio a Francesco.
Ci si era limitati a quello, e in in quel frangente il ragazzo aveva dimostrato una maturità insolita, ma per me rimaneva un momento decisamente borderline della mia vita.
Non sono una moglie infedele e quell’episodio mi ci aveva portato ad esserlo.
Cosa voleva ora questa donna?
Il ragazzo era poi stato promosso a settembre, segno che, al di là di ogni facile battuta, avevo fatto bene il mio lavoro.
“Buongiorno - rispondo - Come sta? E Francesco?”.
“Stiamo tutti bene, grazie. Francesco quest’anno è stato promosso, passerà un’estate più serena. Le telefono, però, per l’altro mio figlio, Giacomo”.
“Mi dica”.
“Nulla di nuovo, solo che questa volta è stato rimandato lui. Avrei piacere di fargli fare qualche lezione, se lei nel frattempo non ha smesso”.
La tranquillizzo: non ho smesso e ho sicuramente tempo da dedicare a suo figlio.
Ci mettiamo d’accordo per la settimana dopo.
Metto giù il telefono.
Era stato decisamente un rischio quello che era capitato con Francesco.
Lui era stato veramente maturo e non aveva più provato nessun approccio con me, tranne toccarmi le tette una volta.
Gli avevo detto che non era più il caso ed era finita lì.
Nel frattempo, a distanza di un anno, non ho più il padrone, e questo mi risparmierà il dubbio.
Non gli dirò nulla e non farò nulla.
Semplice.

Giacomo ha un anno in più di Francesco.
E’ più bello ma è anche più sveglio.
Durante la lezione devo impormi affinchè spenga il telefonino e quando finalmente lo fa ha un atteggiamento decisamente insolente.
Dopo un’ora decido di dargli un ultimo esercizio, poi faremo una pausa.
Gli dico cosa deve fare e sbuffa.
Mi giro per prendere una penna e gli sento mormorare qualcosa tipo:”Adesso devo anche prendere ordini da questa qui”.
Mi incazzo e sbatto una mano sul tavolo.
“Giacomo, guarda che tu sei qui perchè me l’ha chiesto tua madre, non sono venuta io a cercarti. E visto che hai due materie da riparare a settembre, ti conviene prendere atto che almeno questa estate dovrai studiare. E comunque io sono sempre la tua insegnante, ed esigo rispetto”.
Giacomo sorride saccente.
“Certo, la professoressa, il rispetto. Come se non sapessi di quello che è successo”.
Rimango di stucco.
“Di cosa stai parlando?”.
“Lo sai benissimo. Quello che hai fatto lo scorso anno a mio fratello”.
Forse avrei dovuto reagire diversamente, non so cosa avrei dovuto fare.
Mi sento nel panico.
“Non so di cosa parli. E comunque non sono problemi tuoi”.
Lui sorride ancora.
“No, hai ragione. Sono problemi tuoi. Chissà come sarebbe contento tuo marito di sapere come finisci le lezioni. Oppure mi padre. O il preside della tua scuola”.
Sono a pezzi, mi sembra che manchi l’aria.
“Giacomo, mi sembra che tutto questo non serva a nulla. Siamo qui per lavorare, vediamo di farlo. In fin dei conti serve anche a te che queste lezioni avvengano serenamente, no?”.
“Certo. Io sono mesi che conosco questo episodio, ma non ho mai detto nulla. Però oggi tu mi hai rotto i coglioni, e allora non ci sto più”.
“Scusami, mi è scappato”.
“Non deve più capitare. E adesso vieni qui”.
Mi avvicino a lui, che è in piedi davanti al tavolo.
“Inginocchiati!”, mi dice.
“Giacomo, senti, sbrighiamo questa cosa da adulti...”.
“Più da adulti di così non mi viene in mente nulla....”, mi dice.
Si sbottona i pantaloni.
Mi sento il cuore a mille.
Sta veramente capitando questo a me?
Estrae il cazzo e mi fa cenno di avvicinarmi.
“Coraggio!”.
Apro la bocca e lo accolgo.
Come suo fratello, anche lui sa di bagnoschiuma e di pulito.
Faccio scorrere le labbra lungo la sua asta.
Lui mugola.
Cerco di stimolarlo con la lingua, voglio che tutto questo termini il prima possibile.
Lui posa una mano sulla mia nuca e asseconda il mio movimento.
Vado su e giù.
Vado su e giù.
Dopo qualche minuto sento che non ce la faccio più, impugno la base del suo cazzo con la mano e prendo a masturbarlo, pur tenendolo in bocca.
“Brava...”, sento che mugola.
E’ questione di un paio di minuti, poi finalmente viene anche lui.
Sento il suo sperma inondarmi la gola, poi deglutisco.
Penso che non ha lo stesso sapore di suo fratello, e mi sento subito una puttana.
Mi fa alzare e si riveste.
“Possiamo ricominciare la lezione”, dice.

Passo una settimana orribile.
Cosa mi succederà adesso?
Accidenti a me e a quello che mi è preso un anno fa!
Giacomo in teoria potrebbe chiedermi qualunque cosa, sa che non sono nella condizione di contrastare il suo ricatto.
Mi manca qualcuno a cui chiedere consiglio.
Normalmente quando sono nei problemi ne parlo con mio marito, ma sicuramente è da escludere.
Mio fratello?
No, non capirebbe.
C’è la mia amica Roberta, ma anche lei non è di quella lunghezza d’onda. Prima mi sgriderebbe per quello che ho fatto e poi non mi aiuterebbe. Non per cattiveria, ma perchè non credo potrebbe fare qualcosa.
Decido di parlarne con l’umica persona a cui posso i raccontare i fatti senza fare lunghi preamboli: il mio padrone.
Gli scrivo una mail, gli racconto brevemente i fatti e invio.
Dopo aver inviato, guardo mio marito che dorme ignaro accanto a me.
Sapesse cosa sta succedendo, cosa sto facendo io e cosa ho fatto...

La risposta arriva fortunatamente il giorno dopo.
Leggo la mail e mi sento subito più sollevata.
Il mio problema è in realtà composto da due problemi: il iricatto e il sesso.
Dei due, il più pericoloso è il primo, quindi sarà su quello che bisognerà agire subito.
Il mio padrone mi dà qualche indicazione, mi sento più tranquilla dopo aver parlato con lui.
Quando arriva il giorno della lezione, prima ancora di iniziare affronto l’argomento con Giacomo.
“Senti - gli dico - mi piace come abbiamo affrontato la questione la volta scorsa, da adulti. Siamo nel duemila, certe cose come il sesso casuale non turbano più. Per questo motivo, ho deciso che da questa volta, se alla fine della lezione sarai stato bravo, sarai ricompensato come meriti. Sono convinta che avrai una resa scolastica eccellente!”.
Al di là del giudizio morale che ognuno potrebbe trarre nei confronti di un’insegnante che premia i suoi allievi con del sesso, il mio timore era che Giacomo mi rispondesse che tanto io facevo quello voleva lui e quindi avevo poco da mettere premi in palio.
Invece sorride e annuisce, probabilmente sorpreso dalla mia reazione.
Ci mettiamo a lavorare.
Per più di un’ora non vola una mosca; il rapporto malsano tra di noi non emerge neppure per una volta, il ragazzo non solo è educato, ma sembra attento e concentrato.
Quando manca un quarto d’ora al termine della lezione gli dico che sono molto soddisfatta.
In realtà non è stato nè bravo nè scarso, però è ovvio che non sono nella condizione di dirgli qualcosa di diverso.
Gli dico che rispetterò il mio accordo e gli darò un premio.
Non voglio che capiti di nuovo nel salotto, come la volta precedente, così gli prendo la mano e lo guido verso la stanza da letto.
Mi siedo sul letto e mi libero velocemente della camicetta e dei pantaloni, rimanendo in intimo.
“Ti da fastidio se mi spoglio?”, gli chiedo come provocazione.
“No, certo”, risponde.
Mi tolgo anche il reggiseno e le mutandine.
Cerco di sembrare a mio agio, ma in realtà sto friggendo.
Una parte di me si chiede ancora se forse non sto aggravando la mia posizione.
Fino alla volta scorsa potevo chiedere ammenda per aver fatto un pompino ad un ragazzo; ora ne ho già due sulla coscienza.
Tra una ventina di minuti il mio bilancio si aggraverà, temo.
Mi sdraio sul letto e lo invito a sedersi accanto a me.
“Puoi toccarmi, se vuoi”, gli dico.
Non passa un secondo e sento la sua mano sulla mia tetta.
Ha un bel tocco delicato, non è rozzo come spesso succede.
Quando mi sfiora i capezzolo sento un brivido.
Conosco di vista la ragazza di Giacomo, è molto carina.
Una parte di me è lusingata che lui comunque mi trovi attraente sessualmente, anche se ha usato modi decisamente antipatici.
Mi tocca anche l’altro seno, poi sento la sua lingua su un capezzolo.
Mi eccita anche essere completamente nuda mentre lui è vestito.
Dopo pochissimo sento la sua mano sulla mia figa.
Sono bagnata e me ne rendo conto, lui fortunatamente non commenta.
In questo caso è meno delicato, mi infila subito un dito dentro.
Non posso fare a meno di sospirare; da parte mia è un po’ che non faccio sesso.
Mi tocca a fondo, poi mette dentro di me un altro dito.
Non dovrebbe andare avanti così, sono io che devo condurre i gioco.
“Abbassati i pantaloni”, gli dico.
Si sfila la maglietta, si abbassa i bermuda e i boxer.
Si protende verso di me, probabilmente vuole scopare, ma io no.
Oddio: una parte di me lo farebbe anche, ma devo essere molto cauta.
Lo prevengo: gli prendo il cazzo con la mano e avvicino la mia bocca.
Stavolta mi sembra molto più eccitato della settimana scorsa.
Lo prendo in bocca fino in fondo, voglio farlo godere senza fargli venire il dubbio che sarebbe stato meglio scopare con me.
Non voglio adottare la linea difensiva di Bill Clinton quando sosteneva che il sesso si pratica solo dal collo in giù, però ritengo un pompino una colpa meno grave rispetto ad un rapporto completo.
Mi chino su di lui e gli stringo l’uccello dalla base.
Lui questa volta è coricato, è un’immagine anche meno umiliante di me in ginocchio che glielo prendo in bocca.
Lo tiro fuori dalla bocca e lo lecco sulla cappella, poi lo accolgo di nuovo fino in fondo.
Ripeto la mossa qualche volta, fino a quando lui viene.
Mi schizza direttamente in bocca; aspetto che abbia finito di eiaculare, poi mi sollevo.
Gli dico che può andare a sciacquarsi in bagno se vuole e così fa.
Dopo qualche minuto torna: è vestito e sorridente, come se nulla fosse successo.
Io nel frattempo ho indossato un accappatoio, ora non mi va più che mi veda nuda.
Raccoglie le sue cose, ci salutiamo e se ne va.
Gli raccomando solo di non mandarmi messaggi del cazzo e di non dire nulla in giro.
Chiudo la porta alle sue spalle.

Torno in camera da letto e mi tolgo l’accappatoio.
Ho ancora il suo gusto in bocca, lo sento ancora qui.
Mi sdraio sul letto e chiudo gli occhi, poi porto una mano sulla mia figa.
Ci metto poco a bagnarmi nuovamente, mi bastano due tocchi e il ricordo di quanto è appena successo.
Introduco dentro di me due dita e mi tocco fino a venire.
(continua).
Visualizzazioni: 2 924 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Etero