Mia suocera aveva da poco compiuto 60 anni ma non li dimostrava. Da qualche mese era rimasta vedova, viveva da sola e aveva ripreso a curarsi di più  nel vestire. Quel giorno era venuta a casa nostra accompagnata in auto da mia moglie. Aveva due grossi trolley come se dovesse fermarsi da noi parecchio tempo.. Ma dopo aver passato il pomeriggio a litigare con mia moglie mi chiese di riaccompagnarla a casa con la mia auto. Appena fummo soli mi disse "Ma come fai a sopportarla ?" Non risposi, guardai le sue lunghe gambe, con i tacchi alti, che portava con una disinvoltura sconosciuta a mia moglie, era alta quasi quanto me. "È sempre nervosa, sembra che ogni cosa le sia dovuta e ti tratta come uno straccio" continuò girandosi verso di me che la seguivo portandole i due trolley. Non risposi, guardai il suo bel culo, largo ma ancora sodo fasciato nei pantaloni attillati che evidenziavano il ventre piatto di una ragazzina. Eravamo arrivati alla macchina, caricai i due pesanti trolley nel bagagliaio."Tu sei sempre pronto a venirle incontro, le dai una mano in tutto anche se tu lavori e lei no" aggiunse.Non risposi, guardai le sue tette  che non erano molto grosse, forse una terza, ma sembravano ancora sode. Andai ad aprirle la portiera dell'auto con un sorriso. "Grazie" disse con entusiamo" Da quanto tempo nessuno ha fatto un gesto cosi per me" gli occhi azzurri le brillavano mentre fissava i miei. Si sedette, notai i capezzoli duri che puntavano contro la camicia e le chiusi la portiera. "Eppure non le fai mancare niente" disse una volta partiti."Cosa ne sai?" risposi incuriosito. Rise divertita: "Malgrado tutto sono ancora io la sua confidente, con sua sorella non è  mai andata d'accordo e con il carattere si ritrova le sue poche amiche le stanno alla larga". "Cosi mia moglie ti racconta tutto quello che succede tra di noi?" le chiesi preoccupato. "Che sia tutto quello che succede di voi non posso averne la certezza, ma che sia tutto della vostra  vita sessuale è  poco ma sicuro" . Per un attimo la guardai in viso, sembrava seria. "Mi raccontava tutto nei minimi particolari e senza inibizioni fin da quando eravate fidanzati " disse. La cosa mi turbo' parecchio. "Non lo avrei mai immaginato " risposi. Giunti davanti a casa sua, mentre  lei si slacciava la cintura di sicurezza, con la scusa  di aprire la sua portiera dall'interno mi sporsi in avanti trovandomi con la testa tra le sue tette e la sua fica, la sentii ansimare come se si stesse eccitando, le sue mani accarezzavano i miei capelli e premevano dolcemente la mia testa verso il basso, le mi labbra erano separate dalla sua fica solo dai suoi pantaloni e dalle mutandine. Le schioccai un sonoro bacio e lei disse ansimando, con un filo di voce, il parcheggio è  pieno di gente sali un momento  a casa. Ci ricomponemmo, entrambi eravamo rossi ed accaldati, io presi i  trolley, lei si sbottono' un altro bottone della camicetta in modo da  mostrare meglio la sua scollatura e salimmo in casa. Mia suocera mi era sempre piaciuta, come la sorella più piccola di mia moglie, ma a differenza della mia cognatina mai avevo neppure sognato di farmela. Era una casalinga troppo seria che viveva per la famiglia e che nutriva una vera e propria devozione verso il mio defunto suocero che era più
vecchio di lei di almeno 10 anni. Entrammo in ascensore, tra noi c'erano i trolley, io la spogliavo con gli occhi e lei rispondeva tenendo la bocca spalancata come da accogliermi. Mia suocera aprì la porta di casa e mi disse di lasciare i trolley in corridoio, ci avrebbe pensato dopo. Poi richiuse la porta di casa e restò ferma li davanti alla porta senza dire una parola ma come ad impedirmi di andarmene. Mi avvicinai, ci abbracciammo forte, io la baciai sul suo lungo collo e lei mi accarezzo i capelli con una mano mentre con l 'altra mi stingeva a se facendomi apprezzare la consistenza delle sue tette, le mie mani scivolarono sul suo culo e attirarono le sue gambe in mezzo alle mie come per misurare la consistenza della mia erezione. Poi la sua mano scivolo sul mio cazzo, lo massaggio' delicatamente attraverso i pahtaloni e passò ad abbassarmi la cerniera. "Scusami,  sono eccitato come un ragazzino" le dissi "non sarei neppure dovuto entrare in casa tua " Lei sorrise e rispose "non ti scusare è normale... sono due settimane che non scopi " ... Mi staccai da lei, la guardai negli occhi e le dissi "Ma ...anche questo ti ha detto?". "Certo, ti ho detto che mi confida tutto" rispose con un sorriso malizioso mentre tenendomi per il  cazzo mi spingeva verso il divano dell'atrio. " Mettiti comodo" disse abbassandomi i pantaloni "voglio ringraziarti a modo mio per essere stato così gentile da riaccompagnarmi a casa e liberarmi da quell'impiastro di mia figlia" e inizio ad accarezzarmi, baciarmi e leccarmi le palle mentre con l' altra manno mi segava. " Mia figlia aveva ragione il tuo cazzo non è  molto lungo ma è grosso e soprattutto hai delle belle palle....guarda che grandi quando sono piene di sborra come adesso, ci vogliono tutte e due le mie mani per contenerle". Io ero eccitatissimo e a sentire quei discorsi ansimavo sempre di più. "Sento che stai per sborrare" mi disse spalancando la  bocca e gettandosi sul mio cazzo scappellato e duro. Mentre lo teneva in bocca con la lingua massaggiava dolcemente la cappella  e le sue mani instancabili sembravano voler  spremere le mie palle. Sborrai nella sua bocca, dopo pochi secondi, urlando tutto il mio piacere che da tempo immemorabile non era stato per me cosi intenso. Sborrai abbondantemente e la sentii deglutire mentre con entrambe le mani le bloccai la testa sul mio cazzo per farle ingoiare  tutto. Ma non ce ne sarebbe stato bisogno di forzarla ad ingoiare. Lei continuava a succhiare il cazzo e a massaggiare le palle come se avesse voluto svuotarmi del tutto i coglioni, come se avesse  una gran fame arretrata  di sborra calda . Sborrai,sborrai e sborrai..... non so quante volte la sentii deglutire la mia sborra calda mentre io impazzivo di piacere e gridavo "ingoia troia ingoia tutto". Lei non smetteva mai di succhiare il cazzo e di massaggiare le palle,  neppure quando liberai la sua testa alzando le mie mani. Ormai non usciva più  niente, la sua bocca lasciò il mio cazzo ancora  quasi duro e mi guardò  negli occhi dicendo" che begli occhi che hai....mi sei sempre piaciuto....mia figlia è una donna fortunata" . "Lei dice a tutti esattamente il contrario" dissi mentre mia suocera mi leccava le palle e risaliva con la lingua sul cazzo dove tornò a massaggiare delicatamente la cappella con la lingua. Succhio ancora una volta il cazzo e una goccia di sborra fece capolino. Lei la ingoio' avidamente dicendo " Mi piace tanto la tua sborra ha davvero un buon sapore...sa di buono come te" e riprese a  leccare le palle ed il cazzo. La lasciai fare a lungo, era instacabile con quella sua lingua e si vedeva che quel servizio lo faceva con passione. A un certo punto si staccò dal mio cazzo  e disse "si è  fatto tardi, meglio  che torni da quell'impiastro di tua moglie". Annuii accarezzandole le rughe sul suo viso con dolcezza,  mi rivestii mentre lei che non si era mai spogliata rimase sdraiata sul divano. "Mi raccomando  non dire nulla a nessuno di quello che è  successo..... a nessuno tantomeno a quell'impiastro di mia moglie  e neppure a mia  cognata" dissi. "Tranquillo, resterà  un segreto tra noi due.....sono le mie figlie  che sentono il bisogno di confidarsi con me ma  non io con loro..... sento che potrei  confidarmi solo con te a dire la verità" disse. "Se tutti i grazie fossero  detti a modo tuo anche dalle altre donne il mondo sarebbe molto migliore" dissi..Mia suocera sorrise "a presto allora.....ora hai un motivo per passare a trovarmi .....io mi sento sola dopo la morte di mio marito e non ho amici perciò  sei sempre il benvenuto.....passa da me anche solo per farti svuotare  le palle  nella mia bocca con un succoso pompino...o se ti va  per scoparmi dove vuoi tu.....in bocca, in culo, nella fica.....come quando e dove vuoi tu.. è una vita che non scopo e comincio a sentirne l'esigenza  anche io" disse. A presto allora risposi chiudendo la porta alle mie spalle. (FINE PRIMA PARTE)
Visualizzazioni: 28 710 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Incesti