Salve amici continuo a raccontarvi le mie avventure di quando ero un’ingenua ragazzina.
Le prime esperienze ve le ho raccontate nel precedente racconto “Giovane Liana”.. ma quella che desidero raccontarvi questa volta è accaduta qualche mese prima.
Oggi voglio raccontarvi di quando ho in qualche modo sedotto la mamma.. o forse è stata lei a volerlo?
Lascio a voi come interpretare la cosa.. poi me lo farete sapere?
Beh!.. non voglio rubarvi troppo tempo.. l’importante è che mi vogliate bene e continuate a seguirmi.

Il fatto è accaduto quando avevo 14 anni, più o meno.
Papà aveva ottenuto un paio di giorni per raggiungere la propria famiglia.
Per chi non lo sapesse, era comandante su di una nave da crociera
Avevo mangiato troppo a cena e durante la notte fui costretta ad alzarmi per andare in bagno.
Ero completamente addormentata e senza accendere la luce mi diressi in bagno. mentre espletavo le necessità, un rumore richiamò la mia sopita attenzione, veniva dalla camera dei miei genitori, erano grida soffocate, come se colui che le provocava non volesse essere sentito, ma con poco successo visto che le avevo udite.
Era logico che volessi sapere perché qualcuno gridava in quella camera.
Poteva essere che papà stava male, oppure mamma,almeno questa era la scusa per darmi il permesso di andare a guardare,la verità era che sapevo benissimo quello che stavano facendo.
Perciò invece di ritornare a letto seguii quel rumore.
La porta della camera era leggermente socchiusa, cosa molto strana, mamma era sempre attenta a salvaguardare la loro intimità.
Il cuore incominciò a battermi fortemente e non solo per quello che stavo facendo, spiare i miei genitori, ma soprattutto per quello che stavo guardando, mamma e papà stavano sul letto completamente nudi.
Non potevo credere a quello che stavo vedendo.
Mamma era distesa con le gambe sopra la testa, mentre papà metteva la testa tra esse.
Mi vennero mille pensieri, ma non quelli che avrebbero dovuto venirmi se avessi saputo cosa stava accadendo in quella stanza.
Fino a quel momento non supponevo che qualcuno potesse leccare, annusare, succhiare, toccare, quella parte del corpo di una donna.
Sapevo che era frequente che le donne succhiassero i peni degli uomini, internet è un buon maestro, ma pensavo lo facessero solamente le prostitute, non le mamme e nemmeno immaginavo che gli uomini potessero fare lo stesso con una donna specialmente a mia madre.
Devo chiarire una cosa affinché possiate capire e non prendermi per una sprovveduta, a quel tempo avevo solo 14 anni.


Ma ritorniamo a loro due.
Ad un certo punto papà si alzò e col pene in mano la penetrò.
Non avevo mai visto dal vivo un uomo nudo e men che meno un pene.
A vederlo mi sembrò enorme, non potevo capire come potesse entrare nel corpo di mamma.
Cominciarono a muoversi lentamente e poi sempre più forte fino a che papà cominciò ad ansimare all’unisco con mamma.
Ansimarono sempre più forte fino ad arrivare ad un grido soffocato,i movimenti cessarono, ma loro continuavano ad ansimare e mormorare cose che non arrivavo ad ascoltare.
Quando si separarono, volai nella mia stanza.
Andai sotto le coperte e come attratta da una calamita misi una mano in mezzo alle gambe,trovai la cosina tutta bagnata, pensai che magari senza rendermi conto mi era sfuggita qualche goccia di pipì mentre guardavo la scena.
Ma alcuni giorni dopo ricordando quello che avevo visto la cosina torno ad essere umida.
Cominciai così a toccarmi pensando a quello che avevo visto, ma invece di mamma pensavo di esserci io.
Lasciamo da parte le fantasie e ritorniamo a quel periodo.
Papà stava fuori casa parecchio tempo e come vi ho già detto, era comandante di una nave da crociera, mesi durante l’estate,anche se veniva a casa fra una crociera e l’altra,se il tempo glielo permetteva,mentre d’inverno stava lontano da Novembre ad inizio primavera,quando andava nei Caraibi,ma allora mamma lo raggiungeva ed io finivo in collegio
Durante le sue assenze noi due rimanevamo a casa da sole,mia sorella era all’università e viveva lontano,c’è la godevamo quella libertà.
Chiacchieravamo, andavamo a fare spese, vedevamo film nel suo letto e a volte rimanevo a dormire con lei.
Un giorno papà partì per una crociera di 15 giorni,ricordo bene quel viaggio, poiché trovai il coraggio di parlare con mamma.
Ci trovavamo,sul suo lettone, abbiamo cominciato a parlare del più e del meno fino a scivolare su quello che interessava a me,il sesso, di quello che significava e quello che dovevo aspettarmi.
Mentre eravamo tranquillamente distese,facevamo zapping per i vari canali, vedemmo una scena dove una donna si stava masturbando, in modo esplicito, questo fatto mi diede modo di sparare migliaia di domande,ed era il momento di lasciarle uscire.
“ ma, si sta toccando?”.
“ e… se anche fosse?”
“ perché lo fa? è una prostituta? “
“ no bambina mia,tutte le donne si masturbano, scusa ma a te non è mai venuta la voglia di toccarti?”.
Non risposi e sono sicura che arrossii in maniera molto evidente, anche perché non avevamo mai affrontato un tema simile. perciò sparai la mia risposta.
“no, ho sempre pensato che a farlo fossero le puttane o le ragazze scostumate e senza principi”.
“amore mio,quando una ragazza cresce,come sta succedendo a te, incomincia ad avere i primi segnali,le tette cominciano a crescere, arrivano le mestruazioni,in poche parole stai per diventare donna,fra qualche anno ti troverai un compagno,comincerai ad sperimentare, avrai interesse per i ragazzi, i baci, le carezze e tutto quello che si riferisce all'amore,dovrai esercitarti, praticarlo, perfezionarti, fino a trovare l'uomo che credi sia l’ideale e formare una famiglia e diventare madre, tutto quello che hai imparato negli anni della giovinezza ti servirà a capirlo, una di quelle prove è la masturbazione”.
“mamma mi insegni come si fa”?.
“bambina mia non c'è niente da insegnare devi continuare a toccarti fino a provare tanto piacere”.
“ devo farlo di notte? “.
“no amore a qualunque ora, lo capirai da sola quando ne avrai voglia”.
“non so se troverò il coraggio”.
“non serve il coraggio per farlo,quando sarà il momento è perché ne avrai voglia”..
“tu oramai non lo fai più”.
Mamma fece una risata molto forte.
“mia ingenua bambina, quando tuo padre va in mare per vari mesi, normalmente mi masturbo e detto fra di noi,anche lui lo fa”.
Qui feci veramente l’ingenua.
“come anche papà si masturba o meglio anche gli uomini lo fanno?”
“certo che lo fanno,cosa pensi che solo noi lo facciamo”
“ma come?”
Mi guardò in modo strano come sospettasse che la mia igenuità non fosse così profonda come volevo farle credere,perciò lasciai perdere la masturbazione maschile e tornai alla carica su quella femminile.
“ oggi che papà non c’è, lo fai?”.
“ non è una cosa che si programma, ti viene voglia e lo fai”.
“e ti soddisfa?”.
“quella è una cosa intima, signorina, non si dice”.
“ mi piacerebbe vedere come lo fai”.
Mamma cambio l’espressione del viso,ebbi paura che si fosse arrabbiata,invece no,alzo gli occhi al cielo,diede un profondo sospiro,che mi fece ricordare quella notte famosa,mi guardo dolcemente negli occhi..
“quello che sto per fare non l’ho mai fatto davanti a nessuno,che tu ci creda o no nemmeno davanti a tuo padre”.
Si alzo la camicia da notte, abbassò il tanga cercando di scalciarlo lontano,lo presi al volo.
Sempre guardandomi aprì le gambe,davanti ai miei occhi la sua pelosa passera,mise il dito indice nella fessura, incominciò a massaggiarla.
Con l’altra mano si impastava le tette e pizzicava il capezzolo.
Io non sapevo cosa guardare, se il suo impressionante pelo,il dito che affondava ogni volta in quel pozzo senza fine o il bellissimo seno che tanto invidiavo.
Mi stavo ubriacando della libidine che aleggiava su quel letto,ebbi voglia di toccarla.
Accarezzai la sua anca, salendo e scendendo..
Mamma fece un’urlo soffocato la respirazione si fece più frenetica.
Con la mano mi avvicinai alla sua passera,potevo sentire il caldo che emanava la vagina.
Giocai con i suoi peli senza rendermi conto che stavo impedendo i movimenti di mia madre, decisi di toglierla, ma mamma la prese e la riportò sulla conchiglia oramai completamente bagnata.
“continua bambina mia,continua, fai felice la tua mamma”.
Introdusse il suo dito ed io feci la stessa cosa, sentii la contrazione dell’utero ed un grido molto forte uscì dalla sua gola.
Tirai fuori le dita dal corpo, erano completamente bagnate.
Fu una cosa istintiva portarle fino al naso.
Mi invase un forte odore di donna,il suo odore.
Mamma mi guardò sul suo viso una smorfia che faceva sempre quando era felice.
Sentivo che la mia passerina batteva dicendomi, toccami, toccami, ma non potevo farlo,non volevo che mamma sapesse che mi ero già masturbata.
Con il viso in fiamme le spiegai il mio disagio.
Fu mamma a risolvere il dilemma.
“ora tocca a te amore mio, dai spogliati”
Imbarazzata ebbi paura di sembrare volgare e le dissi di no, insistette, dicendomi che avevo bisogno di conoscere il mio corpo
Oltretutto mi vergognavo un po’, Il mio corpo non poteva paragonarsi al suo.
Lei aveva delle meravigliose tette, mentre le mie erano delle piccole ondulazioni per le quali dovevo usare un reggiseno imbottito solo per dire che le avevo.
Il suo bacino ben marcato con il pube ricoperto da un folto pelo, nulla avevano a che fare con la mia rada peluria che bisognava immaginarla poiché se non si toccava, era impercettibile a prima vista.
E mentre pensavo a tutto ciò, mi aveva già tolto il pigiama.
Non dissi nulla, rimasi quasi nuda, mi rimanevano solo le mutandine.
Iniziai cercando di Imitare i suoi movimenti, ma non riuscivo a coordinare le tette con la conchiglia,anche perchè era ancora coperta dal tessuto.
Mamma se ne rese conto e si dedicò alle tette, iniziando ad accarezzarmele, ne prese una per mano giocando con esse dandomi piacere ad ogni movimento.
Me le pizzicava, me le agitava, alla fine incominciò a leccarle, succhiarle, a morderle.
Ed Io volai nel paradiso della libidine...
Staccò una mano e cominciò ad avvicinarsi al pube, il fiato si fece sempre più corto.
A quel punto mi tolse gli slip..
“guarda sei già eccitata, hai le mutandine bagnate”.
Avevo il cuore a mille,mi rendevo conto che il piacere stava per sovrastarmi.
Lei continuo ad accarezzarmi ad esplorare la vagina, fino a farmi provare l’estasi quando la lingua si impossessò del clitoride.
Si staccò.
“ora tocca a te,devi imparare come fare”.
Mi concentrai sul placare della passerina,scoprii il clitoride e lo massaggiai a più non posso, facendolo girare,come mi stava suggerendo di fare,non ci volle molto che dalla gola usci un grido,che mamma fu veloce a soffocare con un bacio,altrimenti tutto il quartiere lo avrebbe sentito.
Rimanemmo per parecchio tempo abbracciate, scambiandoci dolcissimi baci e carezze su tutto il corpo.
E mentre mi solleticava un’orecchio con la punta della lingua, mi sussurrò:
“benvenuta bambina, nel pianeta della masturbazione”.
La ringrazia con un lunghissimo bacio sulla bocca a labbra aperte e lingua contro lingua.
Da allora presi coraggio e persi ogni inibizione nel soddisfare i miei frequenti desideri.
Ma mi rendevo conto che non riuscivo a raggiungere lo stesso livello di piacere di quella volta.
Fu così che dopo quella notte, ogni volta che papà partiva per una crociera io volavo fra le braccia di mamma,peccato per quei mesi che mamma lo raggiungeva ai Caraibi, ma non c’era problema avevo varie amiche che potevano sostituire mamma,per non parlare degli uomini che di lì a poco sarebbero entrati nella mia vita.

Un caro saluto ed un bacio dove volete voi e mi raccomando seguitemi.
Visualizzazioni: 20 351 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Incesti