Con i miei in estate, spesso andavamo a trovare i parenti in Veneto. Mi sono sempre divertito, affittavamo una casa e la dividevamo con i miei zii e la figlia. Un anno l'ultimo giorno della nostra permanenza, ci vengono a trovare gli altri parenti per salutarci. Serata fantastica, decisamente divertente. Noi cugini un gruppo di sei-sette persone speravamo che quella serata non finisse mai. Noi più grandi parlavamo tra noi e i più piccoli si rincorrevano per la casa. Non che fossimo molto più grandi, avevamo 14- 15 anni e gli altri 10 - 11.
Verso la fine della serata i più piccoli, per creare più caos, spengevano la luce per poi buttarsi nel letto dove mia cugina ed io eravamo sdraiati a parlare. Lasciavamo fare...era inutile riaccendere nuovamente. Tanto più che i discorsi che facevamo, avevano decisamente preso i nostri pensieri. Con l'ennesimo "buio", mia cugina si avvicina ancora di più e infila la lingua nella mia bocca. Sorpreso ma non troppo, iniziamo a baciarci intensamente facendo attenzione ai ragazzini che si sarebbero buttati nel letto. Mia cugina, si alza la maglietta e mi fa infilare la mano dentro. Sentire quel seno liscio, con i piccoli capezzoli duri, aveva fatto diventare duro anche me. La cosa che mi sorprendeva era che mia cugina mi aveva riferito di essere vergine e che con il ragazzo non era andata oltre la masturbazione reciproca. Non che mi infastidisse la sua temerarietà, ma ero imbarazzato dal pensiero che luce che si potesse accendere, con l'effetto di essere visti dagli altri. Due adolescenti con gli ormoni impazziti. La mia mano frugava il suo piccolo seno, e la sua che ormai aveva sbottonato i miei pantaloni. Accompagna l'altra mia mano in mezzo alle sue gambe e mi fece sentire la durezza delle sue gambe per poi farmi arrivare al suo sesso ormai bagnato. Mi sussurra all'orecchio - lo senti mi sono abbassata i pantaloni....masturbami ti prego - Mi dedico ai suoi orgasmi mentre lei mi masturba. All'improvviso piombano nel letto i tre ragazzini Sonia, Leonardo e Giulia....Nel buio...avevo perso le coordinate. Le mie mani non la toccano più e le sue non mi segano....Cerco intorno a me e finalmente tra le urla e le risate, ritrovo la sua bocca e le mie mani tornano ad accarezzare il culo sodo e la figa bagnata...Purtroppo le sue non le sento più, i ragazzini stanno facendo un caos tremendo. Poco male penso, anzi mi sposto tra il groviglio di corpi per poterla leccare. Sento il suo sapore e le sue labbra strettissime. Mentre avverto il suo tremore per l'ennesimo orgasmo, sento una mano che palpeggia il mio cazzo. Penso ohhh finalmente....Piano piano la mano prende confidenza col mio cazzo e sta diventando una gran sega che neanche da solo sarebbe riuscita meglio.Ho la bocca piena del suo umore e all'improvviso sento una bocca sulla cappella. Le labbra si chiudono alla fine della cappella e la lingua lecca il contenuto. E' un attimo...affondo la lingua tra le sue gambe e schizzo nella bocca....Mi rivesto immediatamente visto che ci stanno chiamando, poiché i parenti devono andare via. Alla fine della serata e i miei genitori e i miei zii vanno a letto. Io nella mia stanza ripenso alla serata conclusa con un pompino, veloce ma intenso. All'improvviso si apre la porta e mia cugina si infila nel mio letto e dice - dai completiamo- ed io - completiamo ? Ma se prima mi sono svuotato nella tua bocca.... - Nella mia....? Ahahahaahah non era la mia.....!!!! - Accidenti vorresti dire che.......- e si.....ahahahah chissà chi era dei tre....ahahahahah....ti sei fatto succhiare pensando fossi io.....ahahahahah.....accidenti però...cosi piccoli e....succhiano....vabbè dai...vediamo se ti piace come lo faccio io...- delicatamente si toglie la magliettina e mostra il suo piccolo seno duro come il marmo e inizia a leccare il mio cazzo. Si gira e chiede di sentire la mia lingua sulla sua fessura. Si alza si sfila le mutandine e mi sussurra - dai fammelo sentire prendi la mia verginità e fammi godere -. Afferro il suo corpo la sdraio sotto di me, gioco col mio cazzo sulle grandi labbra e delicatamente inizio ad entrare, sento la sua giovane voce sensualissima, ansimare al ritmo del mio cazzo dentro di lei, fino a quando mi afferra il culo e mi stringe a lei, fremiti del suo corpo, le sue gambe che mi stringono, sento i suoi continui orgasmi, le mie palle ormai durissime, mi avvolge un calore fortissimo, percepisco che il mio seme sta velocemente salendo, fino ad uscire. Mi sfilo da lei, e i mie schizzi la ricoprono ovunque. Con la sua mano si accarezza il corpo e si lecca il mio latte caldissimo. Mi stringe a se e sussurra - non vorrai dormire? ho ancora da perdere una verginità....-
Visualizzazioni: 9 052 Aggiunto: 4 anni fa Utente: