Quel giorno avevo tantissime cose per la testa, e oltre ai miei dovevo anche risolvere i problemi degli altri, la mia azienda aveva organizzato una trasferta in solitaria, erano saltati un sacco di clienti e io dovevo organizzare contratti di vendita con imprenditori all’estero.

Ero sicuro che dopo la decisione del mio capo la mia vita sociale sarebbe andata in fumo, non avrei più visto diverse persone che frequentavo e probabilmente avrei corso il rischio di una lunga astinenza.

La mia prima tappa era il Libano, una terra in rinascita dopo diversi anni di disordini e problemi politici, un paese affascinante e ricco di bellezze che di certo non meritava brutti episodi. Carla, la collega delle risorse umane mi aveva dato tutte le dritte per trascorrere un buon soggiorno libanese senza incorrere in cattive sorprese, ma già credevo di avere dimenticato tutto. Durante il volo in aereo cercavo di ripassare dettagli che mi ero appuntato su un foglio volante, ma cominciavo a pensare di dovermi rilassare e che sarebbe andato tutto bene.

Atterrati all’aeroporto di Fiumicino, restava ancora un paio d’ore prima del volo per Beirut. Avevo il tempo di una sosta rigenerante, insomma, potevo mettere qualcosa tra i denti senza che nessuno mi corresse dietro, le voci irruente dei colleghi di lavoro e del capo sembravano ormai lontane e cominciai a pensare che quel viaggetto mi avrebbe fatto davvero bene. Mi recai in una piadineria non molto lontana dal gate di imbarco e ordinai qualcosa, avevo molta fame e forse non era una buona idea quella di abbuffarsi prima di un volo di circa 4 h.

Finito il break andai in bagno, era nei sotterranei, c’era una puzza tremenda e una fila che neanche immaginate, ed era solo il bagno degli uomini… Mi misi comodamente ad attendere dietro ad un uomo anziano, e neanche a dirlo, già qualcuno si apprestava ad accodarsi dietro di me, mi girai per qualche istante per vederlo, era abbastanza alto, biondo, con uno sguardo losco, direi quasi da criminale. Aveva due piccoli occhi azzurri poco accentuati dalle chiare sopracciglia, una pelle bianca ma che tendeva al rosso, neanche avesse bevuto, era di corporatura massiccia, grosso ma con un petto ben pronunciato e delle gambe un pochino più esili ma che di certo non stonavano. Portava dei bermuda in denim che lasciavano trasparire il resto della gamba non troppo pelosa e che erano abbastanza stretti da fare intravedere la protuberanza del suo pacco. Mi guardai attorno fingendo di non fissarlo, e poi mi rigirai in modo da proseguire l’attesa.

La fila avanzava e passo dopo passo ci avvicinavamo alla porta della toilette, ma ogni volta che si procedeva in avanti quell’uomo mi era sempre più vicino, tanto che ad un certo punto cominciai a sentire il suo fiato sul collo, devo dire che ero un po’ confuso ma lasciai correre, fino a quando non sentii qualcosa sul sedere, si era talmente avvicinato che il suo cazzo sfiorava il mio culo senza ombra di dubbio. Quella lunga attesa del bagno cominciava a piacermi, feci finta di niente e poi indietreggiai lentamente per sentirlo ancora più vicino, era piuttosto duro. Mi feci coraggio e decisi di muovermi un po’, di scuotere un po’ il corpo in modo da massaggiarlo senza apparire troppo sfacciato, inizialmente non reagì, ma poi oltre al tocco delicato del suo pene sentii qualcos’altro colpirmi, era la sua mano che con una piccola sculacciata mi arrivò dritta nella natica sinistra che poi lui decise di strizzare un po’. Un sussulto mi pervase, stavo quasi per gridare, mi trattenni a stento dal farlo, quel fregnone ed io dovevamo “parlare”.

Inarcai leggermente la schiena in modo da fargli palpare con ancora più foga il mio culo desideroso di lui. Stavo per entrare nel bagno a sinistra quando lui mi prese per il braccio e con forza mi trascinò fino alla porta a destra, lo seguii, ero un po’ imbarazzato dal fatto che malgrado dietro non vidi nessuno, potesse vederci o sentirci qualcuno. Non ebbi il tempo di pensarci, subito chiuse a chiave e i guardò per qualche istante. Cominciò a baciarmi affondando con tenacia la sua lingua nella mia bocca, lo assecondai. Non disse nulla, probabilmente non era italiano, credevo fosse di un paese dell’est Europa.

Fra baci e carezze varie si tolse la maglietta ed ebbi davanti quei pettorali carnosi e robusti tutti da ammirare, delimitati al centro da una peluria bionda. Gli stuzzicai i capezzoli mordicchiandoli mentre lui portava le sue mani sul mio culo e mi spingeva a sè.

Si arrestò un attimo per svestirmi tutto, lo assecondai, mi tolsi anche le mutande. Riprendemmo ad assaporare l’un l’altro le nostre lingue.

Dopo qualche istante mi respinse, mi guardò con un mezzo sorriso e mi indicò le sue parti basse <> disse con tono imperativo. Non avevo scelta, non che avessi mai potuto rifiutare… Mi inginocchiai e gli slacciai velocemente la zip liberandolo da quei jeans stretti, alzò le ginocchia per sfilarseli via e li lasciò cadere a terra. Avevo davanti dei boxer stracolmi delle forme “sfarzose” del suo cazzone, glie li annusai per un po’ fin quando non mi diede uno schiaffo in faccia, stavo eccitandomi terribilmente. Capii di dover procedere, e lo feci anche nella speranza di non perdere il volo seguente, gli tolsi le mutande e davanti a me si presentò un grosso e spesso cazzo sulla ventina di centimetri, man mano che lo segavo si induriva sempre di più avvicinai la bocca e spalancai le labbra per accoglierlo, cominciai a pompare avanti e indietro, lo ingoiavo tutto fino alla gola e poi lentamente lo ritiravo fuori fino ad assaporarne solo la cappella, un gioco di precisione, egli respirava quasi con la voce ed ogni tanto gemeva con qualche sospiro <>, ma mentre lo succhiavo si chinò a prendere dai pantaloncini il telefonino, lo guardò per un attimo, lesse l’orario e lo lasciò cadere per terra non preoccupandosi che si potesse rompere, subito mi mise una mano dietro la testa e decise di assumere il controllo. Aumentò il ritmo, mi scopò la bocca con brutalità e senza lasciarmi un attimo di respiro, lo guardavo ammirato e il suo cazzo cresceva ancora di più.

Si fermò per un attimo e lo tirai fuori, lo leccai un po’, poi scesi fino alle palle, non erano molto vistose, ma avevano il loro perché. E bagnai tutta la peluria che le circondava con la mia saliva, le mordicchiai un po’, ma non feci in tempo ad assaporarle bene perché lui mi tirò su e mi diede un bacio a stampo, mi disse <>, una frase sgrammaticata che rendeva bene il concetto.

Mi voltai e mi appoggiai alla parete del wc, inclinai leggermente il corpo, egli senza pensarci due volte e senza alcun atto preliminare inserì il suo grosso membro all’interno del mio ano, spingeva forte, il dolore anale fu di un impatto particolarmente forte, era stato troppo brusco, attese qualche istante prima di cominciare a trapanare avanti e indietro gemendo qua e là, la scena rimase quella per minuti e minuti, io appeso al serbatoio dello scarico e lui con le mani appoggiate sui miei fianchi a trombarmi senza pietà, lentamente spariva il dolore e il piacere invece cominciava a farsi sentire, ero estasiato da quell’irregolare cambio di rapidità del suo bacino, probabilmente avrebbe voluto andarci un po’ più piano, ma se si trovava lì, evidentemente non aveva il tempo di dilungarsi troppo, davvero un peccato, del resto però anche a me stava sfuggendo il passare dei minuti.

Mentre continuava a perforarmi il culo con il suo enorme cazzo, io mi masturbavo sempre più freneticamente, stavo provando un godimento indescrivibile quando sentii la sua sborra sgocciolare dal mio sfintere, avrei voluto raccoglierla e leccarla tutta a giudicare dal mio stato di adorazione, ma egli interruppe tutto.

Mi voltai dopo averlo sentito uscire dal mio culo, egli sorrise, lo guardavo dritto negli occhi mentre ancora mi segavo irrefrenabilmente, mi diede un bacio e si rinfilò mutande e pantaloncini.

Subito lo bloccai, gli chiesi di non andare via, egli raccolse il suo cellulare, me lo diede. Capii al volo, digitai il mio numero, lo salvai nella sua rubrica e gli mostrai il contatto: “Stefano”.

Indossò la maglietta e mi salutò.

Si erano già fatte le ventuno e quaranta, alle dieci avrei dovuto prendere il secondo aereo della giornata, non restava molto, anzi pochissimo, dovevo sbrigarmi, mi rivestii e me ne andai anch’io dopo aver visto lui uscire, non gli chiesi il nome, chissà se mi avrebbe scritto, chiamato o avremmo mai avuto modo di conoscerci meglio. Attenderò notizie.

To be continued…
Visualizzazioni: 2 494 Aggiunto: 4 anni fa Utente: