Salve amici ora saprete cosa ho deciso di fare, se salire sull’autobus cittadino o prendere il pullman della scuola.

Venerdì mattina, saluto mamma e salgo sul pullman, ancora non avevo deciso nulla, anche se, parlando di percentali, vinceva il si.
A metá mattina, mentre facevo la pausa panino, avevo preso la decisione, ci sarei andata.
Le ore scolastiche passavano con una esasperante lentezza.
Le lancette di quel maledetto orologio appeso alla parete, sembravano prendersi gioco di me, tanto era lento il movimento con cui giravano.
Ad un certo punto la tanto sospirata campanella annunciò la fine delle lezioni, ma la Prof, doveva ancora finire la presentazione, proprio oggi doveva tirarla per le lunghe,finalmente decise che era abbastanza.
Indossai la mantella e corsi fuori, non salutai nessuna, chissà cosa avranno pensato, io che ero quasi sempre l’ultima a lasciare il collegio, ma sopratutto che quasi mai prendevo l’autobus e questa era la seconda volta in due giorni.
Avevo paura che a causa del protrarsi della lezione potessi perderlo, avevo pochi minuti di tempo,quel giorno non volevo assolutamente che partisse senza di me, visto che avevo deciso di ascoltare la parte maligna o forse la parte vogliosa di me stessa.
Arrivai in tempo, sembrava aspettase solo me, infatti qualche minuto dopo si mise in moto.
Salita a bordo mi sistemai nel solito angolo, guardando fuori dal finestrino.
Solite fermate tranquille, poi la calca, solito trambusto, soliti pigiamenti, finchè ogni corpo non trovò il proprio spazio e il bus riprese il suo cammino.
Guardavo sempre fuori dal finestrino.
La voglia di girarmi era tanta per vedere se era salito, ma non lo feci, non volevo pensasse fossi una ragazzina in calore e piena di voglia.
Ero tesa come la corda di un violino, il cuore aveva accelerato i suoi battiti.
Mi aspettavo qualcosa da un momento all’altro, ma i minuti passavano e non succedeva nulla.
Dentro di me stavo dandomi della stupida, tanto che alla fermata sucessiva avevo deciso che sarei scesa per potermi sfogare senza essere presa per una pazza.
Ero decisa di fare quello che mi ero proposta, quando la mano, quella mano, si appoggiò al ginocchio.
La presa fu decisa, sicura, tranquilla, sapeva di essere ben accetta.
Questa volta non indugiò,non si fermò, cominciò ad accarezzare la gamba, con più pressione e sicurezza della scorsa volta, anzi le carezze si fecero più profonde, più ardite, più sensuali.
Mi abbandonai a quella meravigliosa sensazione, lasciai che il corpo vivesse le emozioni che quella carezza stava dandogli.
Tante volte mi sono chiesta perchè l’ho fatto, non ho saputo darmi una rsposta, lo feci perchè il corpo lo desiderava il mio essere lo voleva.
Giusto, sbagliato, che importanza ha?.
Era solo bello, il resto non mi interessava nulla.
Ero pronta al gioco.
Sentivo le mani, decise, curiose, esperte, esplorare le gambe, terrirorio oramai conquistato.
Ero un violino nelle mani di un maestro, le corde del corpo vibravano, lunghi brividi percorrermi dalla testa ai piedi.
Fremetti di piacere, una cosa che mai avevo provato, beh!, non in una situazione del genere.
Mi concentrai sulla mano che stava percorrendo l’interno della gamba..
Decido di guardare verso di lui anche se solo di profilo, indovino il suo viso sorridente, non trionfante, apprezzai molto questo suo fare, non mi piace vedere la faccia di un trionfatore, di quello che si sente padrone pensandoti come preda conquistata, no, lui mi stava rispettando.
Nel frattempo la mano arrivò tra le cosce,non si ferma, prosegue, arriva all’elastico dell slip,lo tira verso il basso.
Decido di aiutarlo con adeguati movimenti, altrimenti non c’è l’avrebbe fatta.
Le fece scendere fino a metà coscia, beata mantella che nascondeva tutto.
Appoggia la mano aperta sul sesso, premendo piano l'indice all'interno della fessura.
La percorre dal basso verso l'alto e torna indietro,mi fa impazzire, sento di essere bagnata,potrei avere un’orgasmo da un momento all’altro, tanta è la voglia.
Penetra con il dito medio,ho un momento di lucidità, allungo la mano per fermarlo.
Mi avvicino un po’ di più e bisbiglio..
“sono vergine”
Capisce o meglio intuisce quello che ho detto,peerche,si ferma,il dito si ferma.
Tranquillizzata ritiro la mano e mi riaffido a lui,socchiudo gli occhi e ritorno nel mio mondo di beatitudine.
Il respiro mi diventa leggermente affannoso.
Si scosta leggermente, con l'indice disegna il contorno delle labbra, bagnandole con i miei stessi umori.
Sesso, sesso, l'odore inconfondibile del sesso, ho l'impressione che l'aria ne sia satura., che tutti possano avvertirlo.
Mi rendo inmediatamente conto che è solo una sensazione, nessuno si è accorto di nulla, la gente attorno a noi è persa nei propri pensieri.
L'eccitazione cresce, oramai sono schiava di lui, potrebbe farmi quello che desidera, sono in un momento pericoloso, le difese sono abbassate, ma sono fortunata, ho incontarto una persona fantastica.
Inconsapevole dei miei pensieri, non smette di toccarmi.
Torna a penetrarmi leggermente con il dito medio, capisco che non andrà oltre, posso rilassarmi.
Chiudo completamente gli occhi, ondate di piacere mi percorrono, sono persa nel limbo dei sensi.
Quella meravigliosa mano oramai fradicia dei miei umori, si avvicina all'altro buchino, passando dolcemente attraverso il perineo, non si ferma, ha fretta.
Arriva alla meta, il mio buchino e a disposizione del suo dito, lo accarezza, lo ammorbisce, lo penetra leggermente.
Le gambe cominciano a cedere leggermente, le mani si aggrappano ai sostegni.
Probabilmente se ne accorge, ritira il dito dal culo, porta la mano sulla figa.
Si dedica completamente a lei, la carezza si fa più intensa, le dita sempre più attive, movimenti più rapidi, l'eccitazione cresce sempre di più, i movimenti delle dita sono sempre più concitati.
Guardo con dolcezza la nuca di quello sconosciuto che sta dando piacere ad una ragazzina che potrebbe essere sua figlia.
Ma che importa questi moralismi, in quel momento la cosa più importante è il piacere che sta percorrendo il corpo in un lungo appagante orgasmo.
Arriviamo alla fermata, guardo verso di lui, vorrei vedere il suo viso, poterlo riconoscere.
Ma lui non capisce questo mio desiderio e come l’altra volta, non si volta, si alza e si avvia all’uscita.
A mezza voce riesco a dirgli...
“prima di mercoledì non potremo vederci”.
Nessun segno se ha capito o no.
Senza farmi notare, mi sistemo le mutandine, aspetto che arrivi la mia fermata e il mio turno per scendere, non prima di aver pensato.
“ chissá se mercoledì ci sará il mio sconosciuto masturbatore”.

Purtroppo non ho molto tempo, dovrò scrivere una terza parte, mi perdonerete?, si lo so che lo farete.
Vi lascio il mio solito bacione.

..Continua...
Visualizzazioni: 2 877 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Etero